Mourinho-Smalling, nervi tesi

83
2091

AS ROMA NEWS – “Torna domenica? Quale domenica?“. Con questa frase ironica pronunciata dopo la vittoria contro lo Slavia Praga, Josè Mourinho ha messo a nudo i problemi e le incertezze sul rientro in campo di Chris Smalling.

Ieri il difensore inglese non si è nemmeno presentato a Trigoria, in accordo però con il club: il giocatore è volato in Inghilterra per un consulto con uno specialista, lo stesso che ha operato Tammy Abraham al crociato, che gli ha consigliato di proseguire con il programma stilato dallo staff medico della Roma.

Non è escluso che la scelta di volare a Londa sia arrivata direttamente da Dan Friedkin per trovare una soluzione al problema tendineo tra quadricipite femorale e piatto tibiale che provoca un dolore praticamente ingestibile al ginocchio di Smalling.

Il difensore sembrava vicino al rientro, ma prima della partita col Monza, dopo un paio di allenamenti col gruppo, ha chiesto nuovamente di frenare. Una scelta non troppo gradita da Mourinho, che voleva rivederlo in campo per sistemare i disagi strutturali della difesa.

Il problema però è che Smalling, rispetto a tanti colleghi, ha una mentalità particolare. E’ attentissimo alla dieta vegana e restio all’assunzione di farmaci, soprattutto antidolorifici. Per questo ha bisogno di superare l’infortunio definitivamente, per evitare di soffrire in allenamento. Non ci sono controindicazioni, secondo gli esami effettuati dalla Roma: dipende tutto dalle percezioni del giocatore. Che ancora non sono quelle sperate.

Fonte: Corriere dello Sport / Il Messaggero / Gasport

Articolo precedenteULTIME DA TRIGORIA – Dybala e Renato Sanches tornano in gruppo. Smalling a Londra per un consulto
Articolo successivoUn piano per Renato Sanches: ecco come la Roma spera di averlo rimesso a nuovo

83 Commenti

  1. ma va va smalling!!! vuole campare 200 anni e senza acciacchi? …anche lui una barzelletta utopistica arrivata a roma dalla benevola england! azz che cervelli importanti questi calciatori!!!

    • in ogni caso , un calciatore e’ tale quando e’ sano prima di tutto e curabile se ammalato . percui se non ti vuoi curare e stai male , non sei calciatore e non giochi .. vai a casa ..

    • la cosa piu grave è che tu credi a queste notizie farlocche e questi giornalisti cialtroni . Non c’è speranza

    • allora …..dopo anni di onesta professione come giocatore di pallavolo…..dopo numerose infiltrazioni per poter giocare ancora in età non più verdissima ….dopo aver giocato con fastidio e spesso dolore …una sera saltando una pozzanghera per non rovinare le scarpe ho subito il distacco totale del tendine quadricipitale nell’inserzione rotulea ….. è un problema serio che in atleta è grave e non si riesce a diagnosticare se non a danno in corso.
      Poi finito di giocare ho aperto uno studio di rieducazione sportiva funzionale e di queste patologie ne ho trattate molte. Spesso necessitano di chirurgia che però ad età matura farebbe concludere l’attività.E chiaro che la società stia difendendo il proprio investimento….e che il giocatore non riesca a giocare.Tutto il resto sono chiacchiere…..belle da fare ma senza nessuna base logica .Mi scuso se ho annoiato …..

  2. svegliati al mattino con male alla cervicale o mal di denti e senza soldi per andare dal dentista e poi dimmi se non te bombi di antidolorofici …provare per credere! pensa negli anni in cui le medicine erano scarse e si moriva per dissenteria o per febbre alta all’eta di 40 anni…che tristezza questo progresso…

    • Adesso si muore per la mondezza che ti rimane nel fegato a forza di prendere antidolorifici di ampio consumo, con pubblicità colorate e musicali che li fanno sembrare caramelle.

    • Non me ne parlare ciò male alla cervicale da lunedì stamane altra puntura di Voltaren e poi brufen

    • Curare i sintomi invece che le cause.
      Poi tra qualche anno ti chiederai come mai hai problemi di intestino e fegato e voltaren te lo metteranno pure in c.

    • ma non è mica richiesto di strafarsi di antidolorifici? ma nemmeno di non prenderne proprio no? oh ma sapete che c’è? che il Signore preservi la vostra salute sempre e che non dobbiate mai fare uso di farmaci per alcuna ragione…ci mancherebbe ragazzi..solo non estremizziamo e non confondiamo l’uso con l’abuso…dai.Buona festa dei santi !

    • Lup Man. Tra uomini e donne in Italia c´è un’aspettativa media di vita di 82 anni. Ottandadue! E mi vuoi venire a dire che oggi si muore come prima?!

    • Akatur magari avrai anche ragione ma non fumo e bevo poco cio 64 anni e corro mediamente 40 km a settimana , dopo una grattazio posso dire che sto piu che bene quindi se invece di soffrire come un cane per una cervicale mi faccio 5 punture di voltaren non credo che il fegato si impicca o io muoio o l intestino mi si smembra
      Buone festa dei santi

    • non siamo tutti uguali, prendere medicine comporta sempre qualche rischio a chi + e a chi meno, c’è chi può prendere antidolorifici senza gravi problemi e chi al massimo una tachipirina e il dolore se lo tiene per non avere conseguenze che non si può permettere.

    • Nando, ma tu corri, e magari sull’asfalto, con delle ernie cervicali?
      Io mi sono sottoposto ad artrodesi nel 2015 e dopo che ho riprovato a correre per un certo periodo ho dovuto smettere (cosa che tra l’altro mi era stata sconsigliata dal neurochirurgo che ni ha operato).
      Mi sono rassegnato a comprarmi un crosstrainer e da allora mi alleno su quello evitando vibrazioni nocive alla mia colonna vertebrale.
      Non ho più accusato dolori da allora.

    • @vagabondo sicuramente si vive nello stesso modo oggi rispetto a quando l’aspettativa di vita era a 40 anni, sono gli antidolorifici ad avere fatto questo miracolo. O no?

    • UR primo corro in pineta due ho un paio di hoka bondi x che non mi danno problemi di sorta prima usavo le asics nimbus tre a dirla tutta sono stato operato ad un crociato 5 anni fa , il tutto dipende se hai sempre fatto sporta io lo faccio da quando avevo 10 anni quindi si non ho problemi e la cervicale mi è venuta adesso dopo non so quanto tempo .

    • Sì Nando, ho sempre fatto sport anche io. Però il tempo passa per tutti, io ho solo qualche annetto meno di te, e le cose che si fanno fino a 40 o anche più in là a un certo punto non si possono più fare.
      Io ho una protesi, una situazione parzialmente compromessa tra C5 e C6 (sono quelle se non ricordo male) e quindi per me la corsa è bandita su qualsiasi superficie.
      Non so quanto sia seria la tua situazione, comunque già correre in pineta è ovviamente diverso dall’asfalto.
      A parte la noia di doversi allenare indoor, tutto sommato il crosstrainer il suo sporco dovere lo fa.

    • Sport dall’età di otto anni, almeno dieci di preagonismo, quattro ernie e svariate protrusioni alla schiena, verticalizzazione dei tratti cervicale e lombare. Ovviamente buona parte di questi problemi dipende PROPRIO DALL’ AVER FATTO SPORT. Così, per notizia.

    • lup man ur direi che allora non siamo messi benissimo 🙂
      io allora mi ritengo fortunato , ma se volessi fare un analisi completa direi che dipende anche da come ci si alimenta

    • È noto che sia più facile generare un’ ernia vertebrale alimentandosi piuttosto che facendo una presa di grande ampiezza, o no?
      Si mangiava quello che c’era, parliamo di trenta anni fa.
      Basterebbe ammettere di non essere proprio professionisti circa ciò di cui si parla e si eviterebbero figure non esattamente encomiabili.

    • Questo succede quando preferisci spendere 3.5 ml lordi di ingaggio per Llorente (definito fragile dallo stesso Mou) + relative commissioni all’agente, invece di prenderti Boselli (miglior centrale mondiale Under 20) pagato 3.4 ml dal River Plate + Omeragic a parametro zero (preso dal Montpellier).
      I problemi ce li creiamo con le nostre mani.
      La soluzione sarebbe semplice.

    • Ma Smalling lo ha preso Pinto? No. Lo avete voluto voi a tutti i costi? Si.
      Allora che k…. dici?

  3. Hai un più che lauto contratto, gli esami sono ok così come per i medici e allora ?
    Se sei vegano e questo ha un significato per il tuo rientro, è un tuo problema, non prendi antidolorifici per scelta ? Ok padronissimo ma resta sempre un tuo problema.
    Quindi non adagiarti in una posizione di privilegio e acquisisci il concetto che sei un super fortunato. Allora gambe in spalla e se per i medici puoi rientrare io me ne frego delle tue sensazioni da 3 milioni l’anno.

    • ma Roberto Baggio o Paolo Rossi che dovrebbero dire??? hanno giocato con ginocchia sfasciate e muti… xchè loro amavano veramente il calcio

    • E Totti allora che per anni ha continuato a giocare con una piastra metallica nella caviglia dopo il tremendo trauma provocatogli da un ‘entrata criminale di certo Vanigli dell’Empoli.

    • me sa tanto che hai ragione non c”e’ giorno che attaccano.la Roma questa è la stampa favorevole?

  4. Ma tutti a noi ce capitano,ma atleti veri non li possiamo prendere? Sanchez è un altro che sta male anche se recuperato, è una barzelletta, pellegrini gioca dieci minuti è si rifà male e risparisce , Spinazzola e Dybala di carta velina lo stesso,viva tutta la vita cristante!!!!

  5. Ma forse non era il caso di consultarlo prima un altro specialista? O uno sciamano? Uno stregone ? Fra poco è finito il girone d’andata e c’è gente,come Smalling,che in campo non c’è mai andata.
    Tanto la colpa è sempre di Mourinho se la Roma non è prima in classifica e non fa er ber giogo.

    • bhe certo senza dimarco vedi spinazzola – lautaro vedi dibala – barella vedi sanchez – acerbi vedi smalling – Calhanoglu vedi pellegrini.
      ora c’è qualcuno che mi dice che è la stessa inter?? per me piagnone inzaghi girava col fazzoletto tutto il giorno e i giornali avrebbero scritto” inter decimata è normale che si possa perdere”

    • Nun se tratta de fa er ber gioco, ma de fa un gioco, invece de prende palla e ridalla con un solo lancio alla squadra avversaria. Punto.

    • @Mericoni, hai messo a fianco gente che gioca sempre e con rendimento costante con giocatori che saltano spesso la metà delle partite. Trova l’errore e capirai cosa è sbagliato nel tuo ragionamento.

  6. personalmente preferisco rientri quando si sente a posto. Del resto lo abbiamo visto nelle tre partite giocate che quando non è al 100% è quasi nocivo. E se proprio dovessi investire un euro sulla professionalità di un calciatore della Roma, be’ lo farei sul buon Chris. Forza Roma.

  7. Prendi tanti soldi e quindi devi accettare di farti curare dalla Roma, anche con antidolorifici. Altrimenti è meglio rompere il contratto

  8. quanta ipocrisia!
    il problema sono i vegani (i novax, i russi etc…) non una azienda che investe 0, dico zero, nel reparto che a quanto pare è tutto sulle spalle, anzi sulle ginocchia, di un 33enne (sic!) obbligando un centrocampista (sic!) a ricoprire il ruolo rimasto scoperto nell’anno in cui, per finanziarti, vendi l’altro componente dello stesso reparto rimpiazzandolo con un giocatore di un altro ruolo, terzino, in prestito e proveniente da una squadra retrocessa!
    Ma il mondo va così…il problema è la dieta vegana….
    Forza Roma, sempre!

  9. Ma tutti noi quelli strani abbiamo?

    Smalling … Sanchez che non ha assolutamente nulla ma che in confronto il malato immaginario di Molier è un principiante ….
    Che palle !!!

  10. A me Smalling sembra un ragazzo serio, quindi, certi giudizi astiosi non li condivido proprio…
    Che la sua condizione sanitaria fosse preoccupante l’ho scritto in tempi non sospetti; basterebbe aver fatto un po’ di sport a livello agonistico per comprendere meglio cosa sta accadendo…
    Che Mourinho sia indispettito nei confronti di Smalling è una bufala, ovviamente, buona solo per dare la stura ai commentucci degli utentucci.

    • Kawa
      Sulla condotta morale di Smalling non mi permetterei mai di discutere.
      Nemmeno sul suo livello di professionalità.
      Ma sulla soglia del dolore si.
      E che caxxo guadagni quanto 7 generazioni di famiglie puoi pure stringere un po’ i denti no???
      Soprattutto se tutte le analisi cliniche affermano che non hai problemi seri.

    • Cio’ che sta provocando problemi a Smalling e’ un infortunio di medio lungo corso, come Kawa aveva anticipato 2 mesi fa mi sono associato, circa un mese fa poi avevo pronosticato un possibile rientro di Smalling per la meta’ di novembre, a questo punto temo che se tutto andra’ bene potremo rivedere Smalling a gennaio 2024 e incrociamo le dita, perche’ se e’ andato a fare un cinsulto altrove e gli hanno detto di continuare la trapia personalmente la vedo ancora lunga la strada.

    • 007,
      qui non si tratta di soglia del dolore o di stringere i denti; Smalling ha un problema che rischia di cronicizzare e, di conseguenza, di fargli chiudere anticipatamente la carriera.
      Le analisi dicono che sta bene? Può essere, ma lui NON sta bene.
      Quante volte, nel nostro quotidiano, sentiamo di persone che nonostante mille e un consulto medico, infinite terapie e tonnellate di medicinali non riescono a risolvere il problema che li affligge?
      La medicina, purtroppo, non è una scienza esatta…
      Se poi vogliamo dire che il rinnovo del contratto di Smalling è stato un errore, allora è un altro discorso. Ma col senno di poi siamo bravi tutti…

    • Una persona seria non vede gli UFO, non sposa l’ideologia vegana – che quella e’, credetemi – e non si contrappone alle istruzioni dei medici del suo datore di lavoro. Molto più serio Pastore che alla fine ha rescisso il contratto.

    • @Filippina
      Hai centrato l’argomento, fare sport agonistico di contatto provoca traumi che poi si ripercuotono nel tempo, certamente se fai sport metti il tuo corpo sotto stress mentale e muscolare.

      Purtroppo Smalling corre il rischio di non vedere il campo ancora per molto e mi auguro che possano esserem solo 2 mesi, altrimenti le conseguenze possono potrare anche all’abbandono.

      Quindi che Mourinho sia incazzato ci sta, ma non con il calciatore, noi come squadra, purtroppo, stiamo pagando anche una approssimativa preparazione atletica che ha visto troppi calciatori accusare problemi dello stesso genere.

      Guardate bene che Mourinho sa bene quale sia il limite complessivo della rosa e per nascondere la defezione adotta una tattica obsoleta ma in alcune circostanze efficace, fare palleggio a ritmi bassi e puntare tutto sulle individualita’ e’ una tattica che funziona, ma poi basta avere di fronte una squadra organizzata come il monza che tiene bene il campo contro di noi anche se in inferiorita numerica per metterci in difficolta’, poi se incappi in un genoa che fa viaggiare il gioco al doppio del tuo esci dal campo con il mal di testa e guardate bene che in questa stagione di campionato questa sofferenza l’abbiamo vista in ogni gara anche quando abbiamo vinto con largo punteggio, purtroppo questa e’ una caratteristica negativa di questa squadra e Mourinho lo sa ecco perche’ fa volutamente giocare la squadra con ritmi bassi e palleggio infinito.

  11. Una volta la Premier faceva incetta di vecchie glorie della serie A e della Liga.
    A quell’epoca da loro andava per la maggiore l’allenatore manager alla Ferguson o alla Wenger e le società non avevano molti dirigenti esperti sul mercato.
    Tutto questo da loro è scomparso.
    Ora oltremanica hanno capito che i giocatori vanno presi giovani per sostenere i ritmi indemoniati del loro calcio e per questo servono dirigenti preparati in grado di prenderli ancora giovanissimi per anticipare la concorrenza.
    Tanto poi se sono ancora in fasce li fanno giocare nelle squadre B e se non si dimostrano all’altezza li vendono in un giochetto che ripaga sempre da un punto di vista economico a meno di non essere incapaci.
    La Roma fino a 7 anni fa faceva la stessa cosa, tranne che per la squadra B ed infatti il valore della nostra rosa si era accresciuto esponenzialmente.
    Ora invece abbiamo sposato completamente il vecchio modello Premier fallimentare: un allenatore che dirige il mercato, un GM che non ha competenze di DS e siamo ancora senza un squadra B.
    Una squadra con troppe vecchie glorie e giocatori fragili capaci di dire la loro in gare secche come nelle coppe, ma inadatte al campionato dove serve tenuta fisica e costanza di rendimento.

    • “Capaci di dire la loro in gare secche”…tutto da vedere amico mio.
      Nella stagione appena trascorsa sei arrivato alla fase caldissima delle coppe con 12 o 13 elementi validi.
      Solo un sorteggio estremamente benevolo, e l’indubbia capacità di Mourinho (questa gliela concedo) di sapere gestire certe partite, ti hanno permesso di arrivare in finale.
      Non sta scritto da nessuna parte che quando, per esempio, capiterà quest’anno sulla tua strada un Liverpool tu potrai contare sui Sanches, Smalling, Pellegrini, Dybala, Spinazzola, Llorente, cioè tutta la tua “cristalleria pesante”.
      Potresti averne disponibili uno, due o tre come nessuno, come fai a prevederlo adesso.
      E si sa che per noi la legge di Murphy è appunto legge, addirittura Vangelo.
      No, è una politica sbagliata sempre, non solo per il campionato.
      Un club a questi livelli programma, non tira i dadi sul tavolo verde.

    • Vegemite e ur , cosi per curiosità ma voi c eravate ai tempi di pallotta o guardavate altro , no perche io me li ricordo i commenti della serie chi abbiamo preso oppure mo se vendemo tutti , perche se fai trading è questo che succede compri un giocatore e vendi bove funziona cosi .
      Cmq con tutto il grande sabatini i 10 allenatori in 10 anni mi dici cosa abbiamo vinto?? e le milanesi non cerano ricordate??? la lotta era juve roma e qualche volta il napoli adesso ci sono 8 squadre a competere

    • UR la mia riflessione era relativa alla scelta che fece Mou la scorsa stagione di abbandonare il campionato per puntare sulla Coppa.

    • Penso che sarebbe ora di smetterla di fare esempi tra Pallotta e Friedkin, anche perché uno comprava giocatori giovani e forti e non si è vinto niente, l’altro giocatori scarti e rotti in prestito.
      è ora di tifare Roma e no le proprietà.

    • Nando, il problema è che all’epoca noi eravamo come le milanesi oggi, mentre ora noi, la Juve, la Lazio e l’Atalanta siamo come erano le milanesi all’epoca.

    • Certo che c’eravamo Nando, tu non lo so, non mi ricordo. Personalmente ho rotto gli indugi con la gestione Pallotta a valle dell’anno finito con la semifinale di Champions.
      Eravamo finalmente usciti dal SA, i ricavi avrebbero segnato quota 350 milioni, eppure la squadra venne smembrata ma soprattutto ricostruita senza alcun criterio logico dal pifferaio magico Monchi.
      E fu l’inizio di una fine dalla quale ancora non usciamo, e ormai dopo oltre tre anni si può dire anche non solo a causa di Pallotta se vogliamo essere onesti fino in fondo.
      Fino a quel punto non è che potessi dire di essere entusiasta ma a Pallotta imputavo principalmente l’assenza reiterata senza la delega ad un vero plenipotenziario che avesse il polso della situazione e che soprattutto tenesse un occhio vigile su quanto accadeva a Trigoria.
      Sabatini poteva anche essere un buon/ottimo DS ma non aveva assolutamente il carattere adatto per gestire l’area tecnica.
      Se non hai vinto proprio nulla in quegli anni, nemmeno una coppetta Italia, lo si deve principalmente a questo, perché la squadra è stata spesso, almeno per un triennio, più forte o anche molto più forte di questa.
      Spesso anche limitata dalla sfortuna, perché quanto accaduto ai vari Strootman, Castan, Florenzi, Rudiger nel corso degli anni si può imputare alla sorte e non alla matematica come nel caso di quello che vediamo adesso.
      Per tre anni almeno ogni giocatore venduto è stato sostituito da uno forte come lui o ancora più forte. Tecnicamente non hai dovuto rimpiangere più di tanto i Lamela, Marquinhos, Benatia, Pjanic.
      E se le milanesi stavano dietro di te era perché comunque tu ti dimostravi più bravo di loro, non perché non ci provavano.
      Finiamo anche col dire che la Juve irresistibile che ha vinto dieci scudi consecutivi non lo ha fatto con metodi esattamente limpidi.
      E quindi forse quella Roma avrebbe meritato sul campo di vincerne un paio. Sì, proprio la Roma di Pallotta che per tanti versi era uno squalo che non mi ispirava alcuna simpatia.
      Vedi per esempio un progetto stadio che non mi ha mai convinto dall’inizio, nel quale scorgevo tanti beneficiari e tra questi l’ultimo era il club.
      Ma se adesso ti mangia in testa pure l’Atalanta è complicato dare la colpa solo a Pallotta amico mio.

  12. bisognerebbe fare dei contratti per cui se sei sano e giochi prendi lo stipendio mensile completo…invece se hai un problema cronico e stai fuori un mese…in quel mese ti danno uno stipendio base. Altrimenti questi fanno come zaniolo…stanno fuori 2 anni prendono i soldi e poi quando si sono ripresi dicono che se ne vogliono andare e non si presentano all’allenamento!!!

  13. Ovviamente nessuno di noi sa perfettamente ciò di cui soffre Smalling, quanto sia alta la sua soglia del dolore oppure se giocare nelle sue condizioni comporterebbe dei rischi.
    Non mi sento però neanche di banalizzare la faccenda degli antidolorifici.
    Il dolore è un meccanismo evolutivo utile a farci comprendere che c’è qualcosa che non va nel nostro corpo, come il rumorino che proviene dalla macchina e che di solito precede un guasto.
    Assumere l’antidolorifico una tantum non è certamente peccato, farlo regolarmente è una pratica scorretta.
    Batistuta ha speso una carriera intera giocando sotto analgesici ed è arrivato alla fine della stessa implorando addirittura che gli amputassero le gambe.
    Per quanto possano essere straricchi e viziati questi calciatori non si può pretendere che mettano allegramente a repentaglio la cinquantina di anni di media che gli restano da vivere dopo aver smesso di giocare.
    Detto questo, un club calcistico professionistico non è nemmeno una Onlus ed ha il dovere e lo scopo di trarre un profitto dai propri dipendenti.
    Se questo si dimostra impossibile il dipendente infruttuoso si sostituisce con un altro che produce revenue. Anche perché qui, fortunatamente per loro, non parliamo di dipendenti che guadagnano 1500 euro al mese e che vanno tutelati ma di individui che incassano minimo cento volte tanto.
    Quindi, seppure possa arrivare a comprendere e giustificare i timori di Smalling, il succo del discorso è che a fine stagione ci si saluta da buoni amici.
    Lui e almeno altri cinque o sei.

    • la roma non è una onlus ma non è nemmeno una pmi da 10 persone dove nella cassetta dei medicinali trovi al massimo un cerotto e delle aspirine, un trattamento farmacologico personalizzato è routine. Qui mi sa che il problema è che Smalling non ha fiducia nello staff sanitario e da esterni noi non sappiamo la cura che gli è stata proposta

    • E questo chi l’ha detto? Il principio è che non si può abbattere il dolore costantemente con l’ausilio di farmaci, è scorretto e deleterio a lungo andare, a prescindere dal farmaco che utilizzi.
      I giocatori oggi sono poi più sensibili e consapevoli sul tema rispetto a quelli di 50 e 40 anni fa che ingurgitavano o si facevano iniettare qualsiasi cosa gli proponesse il medico sociale.
      Guarda quanti di loro hanno contratto la SLA, una percentuale troppo superiore rispetto a quella della gente normale per essere casuale.
      O quanti alla fine della carriera facevano persino fatica a deambulare normalmente.
      Il giocatore fa bene a tutelare la propria salute, ma allo stesso tempo la Roma deve tutelare i propri interessi.

  14. Macerie,solo macerie lascia Mourinho,ostaggi della coppetta,scambiata con tre campionati mediocri,senza un’idea di gioco,con umiliazioni pesanti,squadra e società da rifondare,anche in questo è special

    • Smalling lo ha preso Mou? No. Glielo ha detto lui di fare il vegano? No. Parlate tanto di Pinto e di Mou e vi dimenticate che quelli ‘rotti’ li prendevano le gestioni precedenti, Pastore, Nzonzi per non dire del vostro preferito, Pellegrini, e Smalling of course.

  15. ci vorrebbe il ritorno al.modello di Roma precedente con un ds alla Sabatini capace di trovare giocatori pronti, forti ma ancora non famosissimi….

  16. Eppure, nel retrobottega della mia mente, ho la sensazione che, se l’anno corrente fosse quello della scadenza del contratto invece che quello in cui ha rinnovato, le “sue percezioni” sull’infortunio sarebbero molto migliori.
    Forse un fatto inconscio, forse non intenzionale, ma pursempre….

  17. Squadra rabberciata alla caxxo di cane, preparazione fatta alla caxxo di cane, progettualità fatta alla caxxo di cane. Tra questo e l’articolo di Renato Sanches più che di una società sportiva sembra di leggere articoli su un centro fisioterapico e riabilitativo. Le verità sugli infortuni della Roma non si vengono mai a sapere perché la società non fa un comunicato ufficiale ed allora i giornali ci sguazzano. L’unica cosa vera è che ci sono giocatori che durante l’anno saltano troppe partite, a fine anno gli va stretta una mano con tanto di arrivederci e grazie.

    • Se lo avessero fatto da prima con Chris e Lollo, sareste stati i primi a scendere in piazza. Alla fine i vostri bersagli sono Pinto, Dybala e Sanches. I rinnovi ai primi 2 sono stati fatti a furor di popolo – “Pinto spicciate, senno’ arrivano gli arabi e Chris se ne va – Un minimo di autocritica non guasterebbe.

    • Stingray scrivo da poco su questo forum, quindi dubito che tu abbia letto un mio commento di ciò che parli. Dubito anche che tu abbia letto un mio commento dove me la prendevo con i nomi da te citati, non fa parte della mia educazione. Quando parli di autocritica dovresti conoscermi personalmente per dirlo, ma non conoscendomi cosa ne sai? Io ho detto che ci sono giocatori che si infortunano troppo e così è difficile giocare a calcio. Tra l’altro tra quelli sempre infortunati, se proprio dovessi fare un “sacrifico” lo farei per Dybala, uno che le partite le decide. Ciao 🙂

    • Mi tocca dare ragione a stingray 😂
      Molti rinnovi sono stati chiesti a furor di popolo da gran parte della tifoseria.
      Se quello di Pellegrini, vista l’età e le prestazioni offerte pre-rinnovo ci poteva stare, quello di Smalling si sapeva che comportava dei rischi.
      Personalmente all’epoca ero tra quelli che non si sarebbe rammaricato del mancato rinnovo di Smalling se la società avesse preso un giocatore al suo posto magari più giovane ma che desse le stesse garanzie.
      Ma il problema sta proprio nell’incapacità della dirigenza di prendere giocatori all’altezza dei partenti.
      Ed è il nostro vero tallone d’Achille.
      Solo considerando il primo mercato estivo di Pinto:
      – Abraham non valeva Dzeko
      – Vina era peggio di Calafiori
      – Shomurodov era peggio di Mayoral
      – Giusto Rui Patricio poteva sulla carta (ma poi purtroppo non nei fatti) essere un’upgrade rispetto a Pau Lopez

    • Mamba, io ho fatto un discorso generalizzato prendendo di mira non necessariamente te – mi scuso – ma chi certi giocatori li ha voluti “per forza”. Chris se ne era andato ma poi il volgo lo ha rivoluto indietro e il MU e’ stato molto contento di levarsi una zavorrona come quella. Lollo, …. lasciamo perdere…. La piazza e i media non tanto amici, hanno influenzato tante scelte.
      Buona giornata.

  18. Smalling a consulto da Panzironi.
    ed intanto un genio , scienziato e fiero prode del mercato, gli ha rinnovato fino al 2025!!!

    se continua a non giocare o a giocare come ha giocato (da risata) , rescissione subito.

    rendimento da oratorio , stipendio da emiro . VIA

  19. non mi presto alle dicerie, specialmente quando vengono dopo una sconfitta o in un periodo della stagione dove le aspettative sono drammatiche.
    Smalling ha compiuto un miracolo negli scorsi anni, nell’essere sempre presente e su livelli stratosferici.
    il fatto che sia infortunato è la regolarità per questo ragazzo. e poi , parliamoci chiaramente, già Prima dell’infortunio stava giocando per gli avversari.
    nella Roma non servono soldi a palate per migliorare la squadra, perché anche gente di Serie B, oggi, correrebbe ed avrebbe più motivazioni dei nostri attuali. servono guerrieri e cavallette in mezzo al campo. dobbiamo picchiare e correre.. correre e picchiare. e poi palla a Big Rom. che ci pensa lui.

    • @Sebi’, a picchia se picchia pure troppo. Quanto a correre, be’ per quello c’è una moltitudine di sport preposti. Qua tocca gioca a pallone il che comporta muoversi in maniera sincrona con la palla e non, fare triangoli, sovrapposizioni , palla coperta palla scoperta.. in una parola : addestramento. E ti addestri durante l estate perché a campionato in corso non puoi, troppe partite compresse in poco tempo ed allora fai scarico prevenzione e rifinitura. Forza Roma.

  20. pero’ cmq prima di rinnovare il contratto a Cris si sapeva che lui e’ uno che non vuole assumere antidolorifici e ti dovevi aspettare sti problemi …se fai il calciatore non te poi cura con le medicine omeopatiche non scherziamo proprio questo a 3.5 l’anno per 2 anni se sbrigassero a prende uno forte e sano per gennaio altrimenti siamo messi malissimo forza Roma

  21. I Vegani non lo dico io ma basta cercare su google hanno problemi muscolari dovuti a carenza di vitamine e proteine, sono soggetti a problemi alle ginocchia e a disfunzione dei sistemi neurologici, psicologici, muscolo-scheletrici, ematologici, immunologici, e quindi disturbi neuro-cognitivi e compromissione immunitaria.Rispetto le scelte personali ma se fai il calciatore professionista devi cambiare atteggiamento.Anti dolorifici neanche e che caxxo però i sordi li prendi pe compratte e melanzane e a noi ce lasci la zucchina ar ciulo

    • Quando scrissi io certe cose 3-4 anni fa mi subissarono di pollici versi, fischi e anche qualche insulto. Spero tu abbia miglior fortuna. 😎😎😎😎😎😎

    • Si Stingray, anche io ho scritto qualcosa di simile qualche settimana fa, non solo circa le conseguenze delle carenze alimentari di una dieta vegana, ma anche circa gli effetti collaterali degli integratori (sopratutto di vitamine B e D) che uno sportivo professionista deve necessariamente assumere se segue quel tipo di dieta.
      Anche io sono stato subissato di critiche, ma mi sembra ovvio visto che statisticamente una parte di quelli che scrivono in questo sito sicuramente avranno quel tipo di convinzioni alimentari.
      Parlo di convinzioni perché il confronto dialettico con un vegano è quasi sempre frustrante. Spesso il piglio è quello proselita stile testimone di Geova.
      Però ripeto quanto ho scritto settimane fa: dipende.
      Esistono illustri esempi di sportivi professionisti vegani con livelli di efficienza muscolo-scheletrici da sogno, Djokovic x tutti.
      Però non siamo tutti uguali. Mia nipote che faceva nuoto sincronizzato a livello agonistico è stata costretta ad abbandonare la dieta vegana perché, nonostante gli integratori, aveva valori ematici tutti sballati che le comportavano un serio e concreto rischio per la salute.
      Con l’introduzione di alimenti di origine animale questi valori sono tornati normali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome