ON AIR – Corsi: “Baldini, Sabatini e Zanzi: tre incompetenti”, Rossi: “L’errore è stato scegliere Zeman”, Petrucci: “Chi non vuole allenare la Roma restasse a casa sua” (AUDIO)

0
637

onair2

GIALLOROSSI.NET – Prosegue la nostra rubrica dedicata al variopinto mondo delle radio romane. Un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore.
Buon divertimento!

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio): “Allegri potrebbe restare al Milan, anche senza rinnovo di contratto. E’ nelle mani di Berlusconi: se lui lo tiene, rimane. La Roma certamente gli ha già offerto un triennale. In queste ore ci sarà una tarantella, ma Mazzarri sarà l’allenatore dell’Inter per la prossima stagione”

Stefano Petrucci (Tele Radio Stereo): “Chi non viene a Roma con grande entusiasmo, chi non ha voglia di partecipare a vivere il calcio come viene vissuto in questa città, può pure restare dove rimane. Queste attese legate a fenomeni, che poi fenomeni non sono, è avvilente. Tutto quello che la Roma ha combinato anche a livello societario in questi ultimi due anni ha aggravato la situazione. Chi non è coninto di vivere questa esperienza qua, restasse a casa sua. Tanto un allenatore si trova.”

Franco Melli (Radio Radio): “Nessuno pensa ad Aurelio, che ha pure sorpassato la Lazio. Io so di gente che non ha dormito stanotte. Dopo due anni finalmente la Roma è tornata a stare sopra in classifica”.

Furio Focolari (Radio Radio): “La Roma sta restando col famoso cerino in mano. Mazzarri ormai è andato, e Allegri non dipende dalla Roma. Dice che arriva Pallotta, ma per fare cosa? Per scegliere? Deve scegliere il Milan, non Pallotta.”  

Roberto Renga (Radio Radio): E’ vero che la Roma ha superato la Lazio, ma per obiettività bisogna dire che la Lazio ha perso contro il Cagliari e la Roma i tre punti li ha presi a tavolino. Io ho sempre pensato che l’allenatore migliore per la Roma fosse Mazzarri. Allegri? Non ha le sue stesse caratteristiche”.

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “E’ un disastro completo. La Roma torna a essere chiamata con quell’appellativo che ci faceva rosicare anni fa: la rometta. E’ veramente una tragedia la Roma in questi tre anni. Baldini, Sabatini e Zanzi sono tre incompetenti, ma hanno un po’ di fortuna: grazie alle Coppe Italia vinte da Viola e Sensi, possono addirittura essere ricordati per quelli che, per mero sedere, hanno fatto mettere la stelletta sulla maglia della Roma. Se dovessero vincere la Coppa il merito non sarebbe loro, ma di Totti, Zeman, Dino Viola, Frano Sensi e Rosella Sensi. Loro c’entrano poco o niente.”

David Rossi (Tele Radio Stereo): “Io rimango convinto che questa squadra valga più del sesto posto, ma questo è. Di questo campionato mi tengo i 15 gol di Lamela, la scoperta di Marquinhos, e mi tengo la conferma che Florenzi può giocare in serie A, anche se bisogna trovargli una collocazione. Le cose negative? La scellerata scelta iniziale di iniziare la stagione che un allenatore inadeguato. Noi da questi microfoni eravamo gli unici fuori dal coro, mentre gli altri andavano in giro a fare le feste e ad accendere i ceri per la grazia ricevuta. Poi ci metto la mancanza di personalità della squadra, e poi il sesto posto in classifica”.

Luca Valdiserri (Rete Sport): “Vorrei un allenatore felice di venire alla Roma. Mazzarri? Non capisco tutta questa sua sofferenza, fa un lavoro stressante ma molto bello. Allegri è molto più vicino alla Roma di Mazzarri, ma se gli prolungano il contratto è felicissimo di restare al Milan, e alla Roma non ci viene”.

Dario Bersani (Tele Radio Stereo): “Questo è un campionato da buttare, da dimenticare al più presto. La giornata più bella di questo campionato è stata ieri: abbiamo guadaganto una posizione, e ha reso più decorosa questa parentesi finale, e settimo c’è arrivato qualcun’altro. E’ una magrissima consolazione”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome