ON AIR – TORRI: “Benatia ha devastato Klose”, PETRUCCI: “E’ Garcia il vero top-player”, GALOPEIRA: “Ennesima vittoria contro una squadretta”, CORSI: “O loro in B, o a noi lo scudetto”

0
479

onair2
GIALLOROSSI.NET – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore.
Buon divertimento!

Mimmo Ferretti (Tele Radio Stereo): “Questa è una squadra che ha beccato un gol e cinque tiri verso la porta in quattro partite. Non abbiamo mai rischiato tanto, il che vuol dire che l’organizzazione di squadra è buona. La partita di ieri non è stata bellissima, forse le due squadre erano un po’ contratte. Ma nella ripresa si sono un po’ aperte e la Roma ha dominato, vincendo meritatamente, dimostrando di essere squadra e di avere una sua fisionomia. I gol come al solito sono arrivati nel secondo tempo, sempre dopo i cambi”.

Stefano Petrucci (Tele Radio Stereo): “Ieri è stata una gran bella giornata. Di ieri mi restano le lacrime di Balzaretti, il giocatore più contestato, che doveva avere l’incubo di Candreva. Questo è un gruppo che è stato rovesciato come un calzino, soprattutto per gli umori. Non è stato cancellato nulla, perchè la sconfitta del 26 maggio è incancellabile. La frase di Garcia, di riportare la chiesa al centro del villaggio, è una frase che mi è piaciuta davvero molto. Secondo me il vero top-player è seduto in panchina: è il vero emblema di quello che sta accadendo nella Roma”

Piero Torri (Tele Radio Stereo) : “I tifosi della Roma dovrebbero pagare la metà del biglietto, perché il primo tempo non succede niente e poi dal 45° minuto in poi partono a mille. Benatia non fa mai un fallo, gioca sempre in anticipo, è un dominatore dell’area di rigore. Ieri Klose ha pensato che forse era meglio ritirarsi o andare a giocare a Dubai.”

Jonathan Calò (Centro Suono Sport): “La partita di ieri la commenterei con una parola sola: finalmente. Ci tengo a sottolineare che Benatia è uno degli acquisti più sottovalutati del calciomercato della Roma, è un difensore fortissimo”

Riccardo “Galopeira” Angelini (Tele Radio Stereo): “I laziali non sono abituati a vincere, ieri stavano rosicando per il derby perso. Io al pensiero che prima o poi dovremo pareggiare, già sento un certo fastidio. Io c’ho una paura per la partita di mercoledì… La Roma comunque ieri ha fatto il suo, abbiamo incontrato la quarta squadretta, il campionato vero inizia mercoledì”

David Rossi (Tele Radio Stereo):La Roma ha strameritato di vincere. Ieri ho sentito dire delle cose allucinanti, tipo che la Lazio ha avuto più occasioni da gol. Ieri la curva era bellissima, mi sono addirittura messo a fargli le foto, e non lo dico per piaggeria. Sono stati strepitosi. Dall’altra parte c’era il nulla, la vorrei vedere sempre così: noi bellissimi, loro assenti”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Io oggi ho incontrato dei laziali e gli ho detto che il problema loro non è il derby che abbiamo vinto, ma che quest’anno gli vinciamo lo scudetto. Confido più nella loro sfiga che nella nostra bravura. Finalmente l’As Roma ha fatto qualcosa da romanista, anche se mi sento male per questa società, questo va detto. Primi segni anche dalla Curva. Sono tornati a fare gesti da romanisti un po’ tutti. Non parlo di Totti, ha giocato da nove senza segnare. Io c’ho una sensazione…qualcosa quest’anno succede: o loro vanno in B, o la Roma vince lo scudo. Tutte due no, sarebbe troppo… La cosa che m’è piaciuta di Balzaretti è che lui non ha mai accusato altri per le sue prestazioni: è importantissimo, perchè ci sono altri che hanno giocato sempre male e dicevano che giocavano male per colpa dell’allenatore, per colpa del compagno, per colpa dei tifosi. Lui invece non si è mai dato alibi, è stato un grande.”

Dario Bersani (Tele Radio Stereo): “Sognavo il gol di Balzaretti, e così è stato. Meglio di così… Ljajic ai laziali continua a vederli e a fargli discretamente male.”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “La Roma ha confermato di essere una squadra sicura, compatta, che sa quello che vuole. Gli basta un tempo per vincere le partite. La Lazio nel secondo tempo era stanca. La capacità di semplificare le cose è un fatto molto positivo, è una squadra che non ti esalterà mai, va a ritmi cadenzati, ma è una squadra compatta, che può arrivare fino alla fine. Per Totti il tempo sembra non passare mai, sembra un ragazzino di vent’anni, è la foto di questa Roma vincente”.

Roberto Renga (Radio Radio): “Vittoria importantissima per la Roma. E’ la solita Roma, la Lazio non era la solita Lazio perchè ha giocato giovedì e con delle assenze in difesa. La Roma ha fatto la partita intelligente e ha vinto meritatamente. L’arbitro ha sbagliato con l’espulsione di Dias, ma il gol di Balzaretti era regolare. L’immagine che mi viene in mente? Beh gli incidenti del dopo-partita e lo schiaffetto di De Rossi a Lulic. E poi ovviamente le lacrime di Balzaretti: sono state di una bellezza, dimostrano che i giocatori non giocano solo per i soldi.”

Tony Damascelli (Radio Radio): “La chiave è nel rigore calciato dall’ultimo arrivato. C0’è una sintonia professionale tra Totti e Garcia. E’ una vittoria doppia: non cancella la sconfitta dell’altro derby, ma sono vitamine necessarie, è la vittoria giusta al momento giusto. L’espulsione di Dias? Gli arbitri continuano a commettere errori a destra e sinistra, non è cambiato nulla”

Furio Focolari (Radio Radio): “Ho avuto la conferma che la Lazio è una buona squadra, ha giocato bene per un’ora. Nel primo tempo c’è stata una supremazia evidente, ma non ha mai tirato in porta. E’ una squadra femmina, senz’anima. La Roma ha dimostrato di essere una squadra maschia. Complimenti a Garcia, ha capito tutto, oggi dice ai tifosi: ‘Io sono uno di voi’. Ha indovinati i cambi, togliendo Florenzi e mettendo Ljajic, spostando gli equilibri e attaccando sulle fasce. Petkovic invece sta lì ad aspettare l’inevitabile. Secondo me Roma e Lazio si equivalgono come rosa, la differenza sta nel manico. La Roma ha meritato di vincere, ha avuto più occasioni, non ci sono storie.”

Luca Valdiserri (Rete Sport): “E’ la Roma di Garcia: ha giocato come aveva detto, ha aspettato che la Lazio si stancasse. Nel secondo tempo, con l’ingresso di Ljajic, ha cambiato passo. Mi ha colpito la chiarezza del piano e l’applicazione della squadra. Questo mi fa essere molto fiducioso. Benatia-Castan è una coppia male assorita per la Champions, per il campionato italiano è perfetta. Quando però incontrerai Insigne, Hamsik e Higuain vedremo se è davvero il top. Per ora l’obiettivo è uno solo, cercare di arrivare fra le prime tre”

(Continua…)

Articolo precedenteEX GIALLOROSSI – Osvaldo pimpante, il Southampton passa a Liverpool. Bene Marquinhos, Lamela non incide
Articolo successivoLa moglie di Balzaretti: “Danzerò per la Roma se vincerà lo scudetto”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome