ON AIR – NISII: ”Le cessioni ora non sono più necessarie”, ZAMPA: ”Importante seguire le indicazioni di Garcia sul mercato”, SAVELLI: ”Pjanic rinnova solo per restare”, PAGLIA: ”Ma non merita quattro milioni all’anno”, CANDELA: ”Non è un fenomeno, in giro c’è di meglio”

0
68

onair2

SPECIALE GIALLOROSSI.NET – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore.
Buon divertimento!

Federico Nisii (Tele Radio Stereo): “La Roma non ha il cartello ‘Vendesi’ addosso. Il discorso è chiaro: lo scorso anno la Roma era con la spalle al muro e doveva ricambiare tutto, Sabatini ha dovuto sfruttare cessioni dolorosissime. Adesso, grazie a quel miracolo, hai raggiunto risultati che ti consentono di puntellare la squadra senza dover ricorrere a cessioni”

Vincent Candela (Rete Sport):Pjanic è un ottimo giocatore, ma non è un fenomeno, non è decisivo e in giro si può trovare qualcosa di meglio. Il Milan? Non è il momento giusto per giocare contro di loro: lottano per degli obiettivi importanti, anche se dal punto di vista dei valori in campo la Roma è superiore.”

Carlo Zampa (Rete Sport): “Garcia ha dimostrato di avere un grande rispetto del gruppo chiedendo la riconferma in blocco dei suoi ragazzi. E’ stata una cosa molto bella. Ora però sarà fondamentale che Sabatini faccia mercato sulle indicazioni del tecnico.”

Jacopo Savelli (Rete Sport): “La Roma non ha necessità di vendere nessuno per fare cassa, le valutazioni in corso sono esclusivamente di natura tecnica. Benatia e Strootman sono fuori mercato. Pjanic non rinnova per poi essere ceduto, rinnova solo per restare. Chiede quattro milioni perché gli hanno offerto cifre più alte, ma è il gioco delle parti”.

Piero Torri (Tele Radio Stereo): “Lo sfogo di Baldissoni prima della Fiorentina l’ho abbastanza compreso. Quando c’è stato da gettare fango nei confronti dei dirigenti della Roma, questa città a questi dirigenti ha detto veramente di tutto e di più, andando oltre la decenza. Poteva magari dirle in maniera diversa, perchè poi sembravano rivolte contro l’allenatore. Nella precedente proprietà non vedevo uno sguardo rivolto verso il futuro, mentre ora c’è. Io dico che il meglio deve ancora arrivare, e quel giorno non vorrei sentir dire ”Ve l’avevo detto” a chi invece diceva l’esatto contrario.” 

Ugo Trani (Rete Sport): “Garcia lo ha detto chiaramente dopo la vittoria con la Fiorentina: adesso cambiano le condizioni economiche. Non le sue, quelle della Roma. Ora entrano i soldi della Champions, ora entrano gli sponsor, ora entrano gli incassi della Champions. La notizia di oggi, di domani, e del dopo Milan è che i migliori restano perchè lo ha chiesto Garcia. Può partire al massimo Pjanic se non si trova un accordo. Ma non è che se firma Pjanic, allora parte Strootman. Questo messaggio non deve passare, io mi chiamo fuori”.

David Rossi (Tele Radio Stereo):Perchè dobbiamo parlare delle dichiarazioni di Baldissoni? Lui alla fine ha detto che spera che Rudi Garcia rimarrà il più a lungo possibile. Io trovo tutto molto sgradevole, siamo tafazzisti, abbiamo perso la capacità di goderci le cose belle. Io mi ricordo che durante il ritiro Pjanic era contestato come Osvaldo, la gente voleva cacciare via anche lui. Io dico che se Pjanic dovesse andare via, sarei distrutto, ma la Roma rimane. Abbiamo giocato a pallone e vinto scudetti senza Pjanic. Spero che prevalga il volere del giocatore e non del padre. Adesso si legge che di giocatori per la Roma ne servono otto, e se non si comprano sti giocatori farà tutto schifo. Poi ricominceranno ancora con le tarantelle: che i dirigenti non sono boni, che Pallotta deve caccià i soldi… Siamo al 23 aprile, il mercato comincia il 1 luglio, e già vogliamo fare così? Ma 5 minuti per gioire e godere della qualificazione in Champions ce li vogliamo prendere? Mi aspetto il grosso acquisti in attacco, ma non un top player alla Benzema. Sarà un giocatore di un gradino sotto, alla Jackson Martinez, anche se penso non arriverà lui. E poi altri due o tre acquisti intelligenti, alla Sabatini”.

Alessandro Paglia (Tele Radio Stereo): “Se all’inizio della stagione mi avessero detto che il nostro allenatore e i nostri giocatori alla fine del campionato sarebbero stati ambiti dai top club europei, sarei stato contento. Questo vuol dire che hanno fatto benissimo, ma non che la Roma cederà Pjanic, Benatia, Strootman e Destro. Ci vuole calma. La campagna acquisti inizia a luglio. Io non credo che la Roma smantellerà la squadra. Pjanic? Secondo me 4 milioni l’anno di stipendio sono troppi per quello che ha fatto vedere”

Franco Melli (Radio Radio): “Sono convinto che dentro di sè Garcia ha dei rimpianti terribili per come è andata la stagione. Ora sarà importante tenere tutti, e con 3-4 rinforzi veri faresti il salto di qualità”

Roberto Renga (Radio Radio): “Pjanic vuole rimanere perchè sa che un altro anno qui può farlo crescere. C’è il rischio che il Psg venga colpito per il Fair Play finanziario, e se non compra il Psg il mercato non lo fa nessuno. E questo Pjanic e il procuratore lo sanno bene. Col Milan non dico che non c’è partita, perchè è molto migliorato nella fase difensiva. E davanti con Balotelli può farti gol, anche su punizione. La Roma è molto contenta del secondo posto, avete visto come hanno festeggiato a fine partita? Il prossimo anno la Roma dovrà fare meglio di quest’anno perchè dovrà giocare 12-15 partite in più. Ecco perchè dovrà ampliare ancora la rosa”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Roma – Milan una bella partita? Ahaha…si, come quella con la Fiorentina…Cosa mi è piaciuto della Roma? La semplicità con cui ha costruito il suo campionato. Non ha mai dato l’impressione di strafare, ha fatto cose ordinarie facendole in modo stratosferico. Inaspettato poi il rendimento di giocatori che si consideravano finite. Cosa consiglio per l’anno prossimo? Io prenderei tre giocatori, uno per reparto, se possible di livello superiore di quelli che hai. Sabatini deve lavorare per ampliare la rosa e mantenere la competitività perchè sarà difficilissimo ripetersi in campionato. Ora sarà importante restarci in Europa, per fare esperienza.”

Furio Focolari (Radio Radio): “Roma – Milan? Sulla carta non c’è partita. Poi certo, se ti cominciano a dare rigori contro o non ti fischiano rigori, allora può diventare una bella partita. Secondo posto? E’ come una vittoria, e infatti non capisco perchè si dica che la Roma non ha portato a casa niente. Ora però sarebbe assurdo fermarsi: la Roma deve comprare un portiere, perchè non puoi andare avanti con De Sanctis, poi serve un terzino sinistro e un attaccante. Strootman? Per recuperare al 100%  da quel tipo di infortunio, la casistica ci insegna che ci vuole circa un anno. Sandro? E’ un cagnaccio, ma non è il tipo di giocatore che prenderei. E’ un De Rossi molto meno bravo.”

Luca Valdiserri (Rete Sport): “La richiesta di Pjanic mi sembra logica, comprensibile. Non mi sembra che voglia prendere per il collo la Roma, magari chiedendo gli stessi soldi che prende De Rossi. Vertonghen? E’ un bravo giocatore, ma tutto sta nel capire quanto ti costa. Se il budget della Roma sarà di 35 milioni, dovrà essere un mercato equilibrato. Se Vertonghen mi costa più di 10 milioni, faccio fatica a credere che si possa spendere così tanto per un difensore. Io credo che Santon sarebbe un buon acquisto, visto che conosce il calcio italiano. Io credo che l’idea della Roma sia quello di inserire un calciatore d’attacco che abbia tante partite di Champions nelle gambe. Benzema è probabilmente fuori mercato per l’ingaggio.”

Stefano Petrucci (Tele Radio Stereo): “Io sento già i tifosi che rimpiangono certi punti persi: io credo che a parte un paio di occasioni, come quella di Milano o come quella di Napoli, dove hai perso alla fine immeritatamente e potevi fare di più, sarebbe sbagliato ripeterlo troppo. Perchè una squadra ha diritto di sbagliare qualche partita.”

(CONTINUA…)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome