“ON AIR!” – AUSTINI: “Pallotta? Conoscendolo non andrà a Houston per firmare”, TRANI: “Con quelle parole Fonseca ha fatto incavolare Friedkin”, ANGELONI: “Mister X? Boniek potrebbe essere l’uomo giusto”, CORSI: “Serve uno con le palle”

38
4047

ULTIME NEWS AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

Alessandro Austini (Tele Radio Stereo): “Pallotta? Conoscendolo non ce lo vedo che va a Houston a firmare…perche un po’ se la tira, dice: “Sei tu che vieni da me“. Al massimo lo aspetta a Boston, o a New York… Però detto questo, lui e Friedkin si vedranno per firmare, parliamo di due persone serie… Io  penso che Friedkin avrà gli stessi problemi di Pallotta…c’è una barriera culturale e linguistica che va superata. Questo signore fa tante altre cose nella vita, passata la fase iniziale dell’entusiasmo continuerà a dedicarsi al suo business, perchè la Roma per Friedkin è un giocattolo che lui si concede per potersi divertire, per avere un lustro, per diventare un personaggio… Ma in teoria i problemi che avrà saranno gli stessi di Pallotta, poi speriamo di no…ma questo è il rischio di quando c’è una proprietà straniera…”

Riccardo “Galopeira” Angelini (Tele Radio Stereo): “Pallotta di errori ne ha fatti tanti, e non sono stati denunciati. Sono stati denunciati altri, per metterlo alla berlina dei tifosi. Lui sbaglia innamorandosi un mese di uno e un mese di un altro, affidando la Roma ora a questo e ora a quello… Io ora spero che a Friedkin venga spiegato come conquistare il tifo…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “Nemmeno il più pessimista dei pallottiani si sarebbe immaginato che la Roma avrebbe chiuso il suo decimo anno di gestione a 17 punti sotto la Lazio…”

Ugo Trani (Rete Sport): “La storia di Fonseca? Ha fatto incazzare tutti, anche il gruppo Friedkin. Non andare in Champions sarebbe un fallimento enorme, come lo sarebbe uscire ai sedicesimi di Europa League, e io non lo voglio nemmeno mettere in preventivo, perchè anticipi il fallimento se esci domani.  Noi appena le cose non vanno bene diciamo che è un problema di testa…sempre la testa…è la scusa migliore di giornalisti, dirigenti, allenatori… Ma tu una pippa non puoi farla diventare forte, ricordatevelo sempre…non è che puoi chiamare lo psicologo per guarire una pippa…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Noi facciamo il tifo per Boniek, secondo me è uno che ha un carattere forte, è nel board dell’Uefa, è una figura molto importante del calcio mondiale. Poi è un romanista, ed è uno che ha le palle. Poi Friedkin sceglierà altri, ma da quello che dicono i giornali lui vorrà mettere a capo della Roma una persona molto importante. Siccome ho letto che Friedkin all’inizio non investirà tanto, allora serve un uomo importante, uno con le palle che va davanti alle telecamere a spiegare a tutti come stanno le cose…”

Alessandro Angeloni (Rete Sport): “Il mister X della nuova Roma? Io penso che Boniek potrebbe essere l’uomo giusto per la Roma, un uomo di calcio, ma soprattutto un uomo intelligente. E’ esperto. Secondo me può essere un uomo giusto. Quando si parla dell’importanza della struttura, se penso al Rummenigge del Bayern Monaco, per me nella Roma potrebbe essere Boniek…”

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio): “Pallotta una volta venduta la società avrà tante cose da dire. Credo che vorrà togliersi dei sassolini, anzi sassi enormi, dalle scarpe. Ormai il passaggio di proprietà a Friedkin è imminente. Per la sfida di domani dico che non sarà semplice visto il risultato dell’andata ma la Roma è molto più forte del Gent…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Pallotta in questi anni non ha vinto nulla, è stato poco presente e non lascia nemmeno la certezza dello stadio. Spero che Fredkin possa fare meglio e che sarà più partecipe da vicino. La Roma domani sarà diversa dall’andata. Serve la Roma che ha giocato con i ritmi espressi contro il Lecce. Servono un paio di attaccanti che aiutino Dzeko. Anche in campionato dico che la Roma deve dare continuità perché l’Atalanta ha la Champions e potrebbe accusare qualche flessione…”

(Continua…)

Redazione Giallorossi.net

38 Commenti

    • trani …è vero che una pippa rimane sempre una pippa e neanche uno psicologo lo farebbe diventare un fuoriclasse . la stessa cosa vale per i giornalari , di cui tu sei uno splendito esempio . neanche un esercito di strizzacervelli a livello mondiale riuscirebbe a trasformarti in un ezio decesari o un gianni brera .

  1. alessandro austini (Tele Radio Stereo): “Pallotta? Conoscendolo non ce lo vedo che va a Houston a firmare…perche un po’ se la tira, dice: “Sei tu che vieni da me“. Al massimo lo aspetta a Boston, o a New York…”.

    Così chiude alla grande la sua “presidenza” risparmiando pure sul biglietto dell’aereo.
    E’ tutto burro…..

    • x Massimiliano magni ….. per i punti di differnza tra la ASROMA e la formellese aspetta la fine del campionato . ora l ‘ unica cosa CERTA e che durante la gestione pollotto dalla loro classifica ci hanno visto solo le chiappe . magni personaggio squallido che da spazio a ughetto da trani .

  2. Mi verrebbe voglia di mandare un bel Tweet a Trani ma poi ripensandoci mi abbasserei ad un livello che non mi appartiene e non penso che ne varrebbe la pena…
    Meglio lasciar perdere Tuttavia mi vien proprio da dire: “Alla faccia dello Squallore” -.-*

  3. “Questo signore fa tante altre cose nella vita, passata la fase iniziale dell’entusiasmo continuerà a dedicarsi al suo business, perchè la Roma per Friedkin è un giocattolo che lui si concede per potersi divertire, per avere un lustro, per diventare un personaggio… ” cioè questi non hanno capito o fingono di non capire che non c’è nessuno al mondo che spende quasi un miliardo per divertirsi

    • Hai ragione, ma più che un miliardo andrebbe chiamato un migliardo.
      Pallotta e co prenderanno 300 milioni. Ci mettono i debiti che però restano alla Roma e il primo aumento di capitale che però è a carico di Friedkin per consentire ai lecchini di scrivere che la Roma è stata venduta a 700. E siccome 700 è più vicino a mille che a 300, va da sé che ai lecchini fantastichini sembra un sogno poter fantasticare di migliardo. A Roma vale un migliardo.
      Io so solo una cosa, Friedkin è il mio salvatore, ha preso una Roma sfondata tecnicamente e economicamente. E si è dimostrato persino un signore nel riconoscere quei 300 milioni a quella massa di falliti decerebrati che lo hanno preceduto.

  4. Adesso un tizio investe 800 mln. per un “giocattolo”.
    Ci sarebbero giocattoli ben meno costosi.
    Quanto alla visibilità, se l’intento è”avere una squadra di calcio”, c’è ne sono cento, messe più o meno bene, potenzialmente acquistabili.
    No, il tizio ha voluto questa. E non la paga spiccioli. Sicché, ha qualcosa in mente per farla rendere. E siccome una squadra di calcio rende in termini di risultati…

    • olmo ….qui non ci sono lecchini e leccachiappe . quello che hai scritto è una stronzata , ma non te lo dice il sottoscritto …te lo dice la MATEMATICA . se tu compri una villa da 700 milioni , con un buffo di 300 milioni , al venditore darai 400 milioni e ti accollerai il buffo . ma sempre 700 milioni l ‘avrai pagata . è la MATEMATICA che te lo dice . pallotto ti sta sul CAXXO e dillo , sei liberissimo di dirlo ma non offendere l’intelligenza delle persone del sito che possono essere più o meno sintonizzati sulle tue idee . se pallotta ci guadagna o meno sono caxxi suoi a noi non ci viene in tasca nulla . l’unico effetto positivo è che volente o nolente il valore della ASROMA è quello e l ‘ ha messa al riparo da improbabili compratori nostrani e casarecci . la ASROMA squadra nella gestione pollotto non ha vinto un kaiser e questo è stato cucinato e aricucinato in tutte le salse ma è altrettanto vero e inconfutabile che il valore della società è quello . dire il contrario è dare del cerebroleso , del deficiente , dell’incapace a friedkin che si è fatto fregare da pallotta con la complicità delle banche di affari . guardando il patrimonio del soggetto in questione penso che sia uno che sa il fatto suo e non un idiota .

  5. Secondo me non ci vogliono i romanisti per guidare la Roma, ma gente preparata, tosta e con grandi conoscenze politiche in tutti gli schieramenti. Ci vuole un professionista del dialogo e della mediazione con amicizie potenti e con qualche favore da riscuotere. Ovviamente lo devi pagare, e tanto, ma alla fine ti torna tutto. Ma dove annamo co Boniek?

    • Poi se questa figura è pure romanista ben venga, ma non deve essere il requisito principale.

    • Ovviamente c’è chi vorrà un romano e romanista, cosicché ci saranno quelli che lo attaccheranno in quanto vedranno la tale qualità come aggravante.
      Ci saranno quelli che vogliono la competenza, e quindi la figura sarà invisa a quelli che vogliono un romanista, meglio se romano.

      Se parlerà spesso, diranno che farebbe meglio a stare zitto.
      Se nn parlerà, diranno che non sta facendo niente e ruba lo stipendio.
      Se sarà gentile sarà un ipocrita leccaculo, se sarà duro, un arrogante incapace.

      La realtà è che se vinci qualcosa avrai sempre ragione, se non vinci avrai comunque sempre torto.
      E siccome nessuno può vincere sempre, prima o poi avrai torto e sarai un incompetente, ladro di stipendio.

      Nessuno è al di sopra dell critiche di qualcuno.

      Quindi, tanto vale fregarsene.

  6. Trani: io lo so che tu goderesti come un matto se la Roma uscisse domani dalla coppa per continuare la tua guerra contro i dirigenti di trigoria ma mi sa che domani sera rosicherai un po’ e il bello e’ che dici di essere romanista che tristezza che sei ma piu’ triste e’ chi ancora ti fa parlare. Forza Roma

  7. La Roma con il Lecce ha ritrovato fiducia e autostima; Fonseca ha (di nuovo) ottenuto una quadratura e ha ora un giocatore come Mkhitaryan pienamente recuperato. Domani si può passare il turno in EL e non sarebbe poco. Poi la firma del precontratto. Forza Roma!

  8. Condivido il pensiero di “El Flaco” su Trani.
    Altro che alla faccia dello Squallore.
    Stendiamo un velo più che pietoso…….
    Su Austini e qualcun altro poi….preferisco non esprimermi.

    • I bisolfiti sono dei sali (calcio e sodio) che nel vino non esistono.
      Esiste l’anidride solforosa, come stabilizzante, antisettico e antiossidante, aggiunta nelle fasi di affinamento.

  9. Tutti a parlare di Mister X solo perché il CdS ha scritto il solito articolo basato sul nulla e nel titolo ci ha messo “Mister X” : si scrivono gli articoli e se li commentano da soli, fanno tutto loro.

    Io so solo che ci sta un filosofo fallito a Londra a cui è consentito prendere decisioni che hanno un impatto mefitico devastante sulla gestione della ROMA.

    Se Mister X deve volare a Londra per sapere chi deve prendere come allenatore e che margine di manovra puo’ avere sul mercato allora non serve a niente.

    E se cosi’ dovesse essere, da parte mia sentirete solo

    BALDINO VATTENE
    FRIEDKIN UGUALE A PALLOTTO
    QUINDI VATTENE

  10. Ughetto oggi lo quoto tutto, comprese l’ultime due righe…la stessa cosa succede qui sopra: se si ha un troll che insiste con Pallotta Forever, secondo Voi,si può avere un Zenone normale?

  11. Mi pare che dalle parole di Austini,di solito molto addentro al Mondo Roma,si può ricavare la sconsolante conclusione (per gli Abbocconi) :
    Anche con Friedkin,non c’è trippa pe gatti…🙀🙀🙀 gli tocca andà a caccia de topi (leggasi plusvalenze).
    Buon pomeriggio,Bamboli.

  12. Lotito si acchitta i calendari.
    Manco una parola
    L’Atalanta chiede l’anticipo contro la lazio x il 06.03.Lotito dice No
    Manco una parola
    Ignobile cannoniere serie A (con 14 rigori a favore) nom lo cerca nessuno?
    EHHH SE ERA UNO DELLA ROMA, Tutti i giorni a scasasrvo le pa**e, che lo voleva mezzo mondo
    La M….stampa romana. …

    • Ignobile senza rigori ha fatto 1 gol più di Dzeko,però per gli anti-societari=antiromanisti,Ignobile è il loro Idolo e Dzeko invece è un palo della Luce..

  13. Neanche gli sceicchi sono i ricchi scemi che si acquistano il giocattolino per divertirsi,magari hanno acquistato club per una questione di immagine e come biglietto da visita per affari nella città in cui hanno acquistato il club,non so per quale motivo Friedkin abbia investito nel calcio e,nella Roma,nello specifico,ascolteremo quali saranno i suoi programmi,in generale,credo,che gli Americani che hanno acquistato club in Italia lo abbiano fatto perchè il calcio in Italia rimane uno sport che attira ancora molto,i club costano meno di quelli di Premier,è arretrato,ma,proprio per questo,ha margini di crescita per la questione stadi di proprietà,però,forse,non sanno che c’è da combattere con chi nell’arretratezza vuole lasciarlo,ossia i presidenti volgari e retrogradi capitanati da Lotito!

  14. Quello sfigato de Austini mo diventa un gufo maledetto, evidentemente ha capito che co questi che arivano lecchinaggio e servilismo non pagano…daje Friedkin per una grande asroma.

  15. Non mi piace il mezzo roscio di Boniek, troppo umorale e sopra le righe, acido e criticone.
    Sempre una persone di grande spessore a tutto tondo. Se davvero Totti e De Rossi si tirano fuori anche con questa nuova proprietà, mi deludono molto! Si sono davvero imborghesiti così tanto? A Francè in 25 anni di Roma hai giocato forse 10/12 anni in squadre all’altezza dei nostri colori ed ora pretendi cosa? Non ti capisco.
    Io proporrei un Voeller (da convincere dato l’attuale incarico) un Tommasi o un Rizzitelli(per il grande amore che sta dimostrando negli anni verso questa piazza).

  16. AUSTINI: “Pallotta? Conoscendolo non andrà a Houston per firmare”

    E perché non dovrebbe andare? forse a Houston c’è qualcuno che costantemente lo insulta denigrando ogni suo lavoro? a Houston c’è qualcuno che vede solo quello che gli conviene vedere guardando costantemente il bicchiere mezzo vuoto? a Houston c’è qualcuno che insulta sui social la sua famiglia? a Houston c’è qualcuno che lo prende di mira come sfogo sociale ed esistenziale? a Houston c’è qualcuno che mette striscioni osceni che manco fossimo a Scampia?
    Anche io non andrei in un ambiente così!!!! sto meglio altrove
    Austini tu pensi di conoscere Pallotta ma non conosci proprio nessuno.

  17. Tanto per dirne una ahhahah Gianni Brera non era di certo astemio ahahha e non per cavalcare una difesa nei confronti di Ugo Trani di cui leggo solo qualche articolo ogni tanto, e di cui non conosco le abitudini alimentari come certe suocere del web ahahha ma,,, quelli qui che hanno letto qualche romanzo di Hemingway sappiano che era alcolista, lo stesso dicasi per Bukowski e Herman Hesse dopo mezzogiorno era già ubriaco come una zucchina, per non parlare di Nietzsche. La scrittura a volte si avvale di piccoli trucchi ahahhaha come l’alcol, il tabacco, il caffè e la cioccolata che hanno un ciclo esano simile e chissà quante altre sostanze alterative della sobrietà tra cui metto anche gli zuccheri ahahhahahha l’eccesso di carboidrati e le sostanze grasse in dosi massive uhhuh ma queste agiscono maggiormente sui lettori ahahha favorendo più un rincoglionimento che una maggiore vigoria ahahhahah

    • Caro Prohaska, hai dimenticato Baudelaire e i suoi Paradisi artificiali… chissà quale “trucco” ha usato pallotta per scrivere le sue preziose letterine… meglio non saperlo. Buona notte.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome