“ON AIR!” – CORSI: “Barrack? Mi prende un colpo se sono i Friedkin a voler lasciare”, CATONI: “L’entourage di Zaniolo non lo aiuta a crescere”, FERRAZZA: “Nicolò si è isolato”, ROSSI: “Si va verso un 3-5-2 con Bove”

19
1894

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Capello dice che per vincere ci vogliono i campioni…che grande novità nel mondo del calcio… Leggo che Tom Barrack vuole comprare la Roma, ma è meno ricco di Friedkin: ma allora teniamoci Friedkin. Ma non è che il texano se ne vuole andare, no? Mi prende più un colpo che Friedkin vuole lasciare a questo, che non questo che si vorrebbe comprare la Roma, sono due cose molto diverse. Bisogna guardarla bene sta storia eh… Mourinho? Tanti dicono che è finito, ma vorrei dirgli che la Roma è a quattro punti dal Milan e dal secondo posto, e tutto questo senza centrocampo, senza centravanti, e con un solo terzino buono che non è nemmeno di ruolo. Ecco, non mi sembra male quello che sta facendo Mourinho…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Mourinho è onesto nel suo ragionamento, la Roma ora deve badare prevalentemente a difendersi, consapevoli che prima o poi il gol arriverà. I giocatori spesso non tentano di saltare l’uomo per paura di sentire il brusio dello stadio, e finiscono spesso per passare palla indietro, questa è mancanza di personalità…”

David Rossi (Rete Sport): “Zaniolo? Mi fa ridere sta cosa: sabato c’ha l’influenza, domenica non gioca, e lunedì si allena? Che è un’influenza lampo? Effettivamente gli atleti sono dei Robocop, c’hanno gli anticorpi coi contro…ma a parte questo, non mi piace ciurlare nel manico, ravanare su certi argomenti, ha avuto un influenza e stop, per la prossima partita tornerà a disposizione di Mou. Io penso che si vada verso un 3-5-2 con Bove in più a centrocampo, con Cristante o Matic, e Pellegrini. Questa è un po’ la fase che stiamo vivendo e la partita contro lo Spezia mi mette addosso tanta curiosità per questo motivo qua…

Daniele Lo Monaco (Radio Romanista): “Allo stadio si sente qualche mugugno per il gioco, ma è lo scotto che va pagato alla conoscenza calcistica, tanta gente in più sta diventando competente di calcio. Se questo toglie qualcosa alla passione? Il rischio c’è, ma dipende dalle persone. La passione nei confronti della Roma per fortuna c’è sempre, e la risposta la dà lo stadio che è sempre appassionato…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “Zaniolo? Anche Mourinho non ha fatto nulla per smorzare questa polemica, se non ne avesse parlato dei fischi al giocatore che si sono a malapena sentiti, non se ne sarebbe nemmeno parlato…”

Mimmo Ferretti (Tele Radio Stereo): “Zaniolo forse è incazzoso di suo, magari è uno a cui gli rode sempre il chiccherone. Lui però va contro i suoi interessi, continua a inanellare prestazioni negative, quando non c’è lui in campo la Roma segna di più, ed è un dato che deve indurci a una riflessione. Può essere che lui si intestardisce troppo col pallone, o che uno sia di troppo tra lui e Abraham. Forse sono tante cose messe insieme, non può esserci solo una causa. Come la risolvi questa situazione? Facendolo giocare sempre o non facendolo giocare? E’ un bel problema…”

Valentina Catoni (Tele Radio Stereo): “Zaniolo? Questo suo cavolo di entourage ogni giorno ci mette una mollichina… Nicolò viene da un doppio infortunio grave, ma questo non può diventare il suo eterno alibi per dirgli sempre: “Poverino, quanto sei bravo, ma non ti capisce nessuno“. Deve diventare un motivo per fare meglio e tornare a essere più efficace. Ma se lui viene sempre condizionato da questo “poverino, sei più bravo di tutti” che gli mettono in testa dal suo entourage, chiamiamolo così, non so se riuscirà mai a farlo questo passo. Vorrei consigliare a tutti che non è questa la strada giusta per far crescere questo ragazzo e renderlo più sereno…”

Alessio Nardo (Tele Radio Stereo): “Zaniolo ha deciso una finale, ti ha portato una coppa con quel gol, dovrebbe essere in preda all’entusiasmo. Non è normale essere così nervosi sin dal primo minuto di una partita…”

Francesca Ferrazza (Centro Suono Sport): “Zaniolo si è un po’ isolato dopo qualche fischio dei tifosi, anche se lui è molto amato dai romanisti. Il ragazzo dovrebbe avere una reazione diversa, non di chiusura e meno istintiva. Dovrebbe avere una reazione più equilibrata. Deve lavorare molto sulla testa e sulle sue reazioni, a prescindere se rimarrà o meno nella Roma. Deve giocare anche per la squadra e non solo per se stesso…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Stiamo dicendo da qualche giorno che non esiste che Mou e Sarri, due allenatori di squadre importanti che stanno lì a lottare, si esprimano in questa maniera. Uno dicendo quasi che ha una squadra di pippe, e l’altro parlando di miracolo…ma quale miracolo. Se non arrivi quarto non succede niente, ma comunque sei a livello di poter lottare per quell’obiettivo. Sia Sarri che Mourinho, che ha una rosa migliore di quello della Lazio, fanno i furbi e portano l’acqua al loro mulino. Così convincono la gente che se le cose vanno bene loro sono dei fenomeni, se non vanno bene è colpa delle società, e questa non è una cosa bella…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Le parole di Mou e Sarri sul quarto posto? Questo è il gioco delle parti, sono allenatori che se lo possono permettere. Altri pensano lo stesso, ma non possono dirlo perchè magari rischiano pure di essere mandati a casa… Sono pochi allenatori così, ma meno male che ci sono, perchè danno spunto ai giornalisti per parlare di cose che altrimenti sarebbero sotto traccia. Poi la gente si fa la sua idea…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Quando ti prendono Dyabla, Wijnaldum, Matic, Belotti, quando ti rafforzano la squadra così e poi arrivi a dire che il quarto posto sarebbe un miracolo, cerchi un alibi per poterti giustificare un eventuale insuccesso. Mourinho e Sarri sono due allenatori importanti e dovrebbero farsi carico del fatto che l’obiettivo è il terzo posto, devono assumersi questa responsabilità dicendo che è un obiettivo assolutamente raggiungibile, nonostante non sia affatto scontato…”

Redazione Giallorossi.net

Seguici su TWITTER e FACEBOOK per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma!

Articolo precedenteVoci Usa sulla Roma: interessamento del miliardario Tom Barrack, i Friedkin valutano la cessione
Articolo successivoMorte Vialli, Dino Baggio: “Ho paura, bisognerebbe investigare sulle sostanze che ci hanno dato in quel periodo”

19 Commenti

  1. Secondo me deve giocare come con la fiorentina , zaniolo in panca e un giocatore normalissimo e non cambia ne il passo ne tanto meno le partite!

  2. Concordo con Lo Monaco…la passione c’è e non si discute, ma i tifosi hanno anche la capacità di capire cosa guardano e, anche su questo forum, vengono fuori analisi (non da me ovviamente) di persone che di calcio ne capiscono più di alcuni presunti giornalisti. Quindi se qualcosa non va, non ci vedo niente di strano sul fatto che venga sottolineata, anche perchè se sono cose che vediamo persino noi, figurati se uno come Mou non le sappia già e si faccia condizionare dai mugugni. Certo è che dopo un anno e mezzo, e dopo una coppa vinta, tutti speravamo di vedere qualcosa di meglio Mou per primo, ne sono sicuro, soprattutto da alcuni giocatori. Zaniolo, Abraham, Pellegrini, Cristante, Mancini dovevano essere l’ossatura giovane della squadra e rappresentare il futuro, mentre ad oggi sono (ancora) poco più che belle speranze…se nemmeno Mou è riuscito a fargli svoltare la capoccia, forse sarebbe il caso di farsi qualche domanda e prendere decisioni serie, altro che rinnovi…

    • Concordo totalmente.
      Però occhio. È vero che il rinnovo di Mancini ha lasciato perplessi, ma lucidamente i numeri della difesa parlano a favore dei 3 centrali. Insomma, per dire, Mancini quest’anno ha anche abbassato la media cartellini gialli, Gasperini continua a dire che il suo più grosso rimpianto è Ibanez…

    • Io credo che Mancini sia il vero motivo per cui non passiamo alla difesa a 4, e se così fosse, il doverlo salvaguardare, ci sta creando dei danni notevoli…a mio avviso una linea composta da Celik, Smalling, Ibanez, Spinazola, potrebbe ben figurare, ma nella difesa a 4 Mancini e, in parte, Kumbulla non ce li vedo proprio…avendo il sempre presente Cristante, basterebbe far indietreggiare lui a dare supporto ai due centrali quando necessario, ma mi sembra che le ultime parole di Mou non lascino speranza di vedere qualche cambiamento tattico

  3. A parte il Napoli, in Italia tutti giocano schifosamente e puntano per primo a non prenderle. Itagliano il profeta del ber giogo degli Abbocconi, a Firenze è mal sopportato da tutti. In realtà Itagliano pratica un non gioco che prevede una di annullare quello avversario senza mai attaccare.
    Dice benissimo Marione , con una formazione monca in tanti ruoli, Mourinho sta facendo miracoli.

  4. Solo un appunto a Stefaneddu AGRESTI (so che non serve a te che commenti le gare ANCHE senza vederle ma sempre meglio non dimenticare)
    WJINALDUM ancora non ha fatto un minuto e chissà quando, BELOTTI a fine andata manca una gara e ancora non é colpa sua ma non gira fisicamente e dentro la ROMA non c’è, MATIC per carità é un clone di CRISTANTE o viceversa se vuoi utilissimo per carità ma certo non quello che completa il centrocampo, dei 4 quindi resta Paulo DYBALA che è tanta classe e tanta roba, ma nel calcio si gioca in 11 quindi…

  5. Ma davvero credete (e mi rivolgo a Corsi e qualche abboccone del sito) che i Friedkin vendano la Roma a questo clonato di Pallotta con in mano una baguette??

  6. Simpatico Agresti: Belotti sembra finito e non ha mai giocato e quei pochi minuti fatti sono sembrati disastrosi. Wijnaldum? Ma non ti sei accorto che ancora non ha giocato? Dybala: grandissimo, ma non ha giocato per almeno 2 mesi. Con alcuni di voi giornalisti ho spesso la brutta sensazione che parliate solo per essere letti. Tu Agresti sei il portabandiera dei furfantelli, ma noi non siamo scemi (tu si invece)

  7. Giusto due cose: 1 la storia dei fischi a Zaniolo è (a pensar bene) un equivoco, dato che i fischi erano rivolti all’arbitro che lo ha richiamato perchè sostituito per uscire aveva preso la strada più lunga. l’unico a essere stato fischiato una singola volta dal pubblico è stato Abraham in occasione di una sostituzione qualche partita fa. 2 Ciò che dice Piacentini secondo me è vero al contrario nel senso che i mugugni arrivano quando invece di rischiare l’imbucata o l’allungo si passa all’indietro.. ed è il fatto che lo si faccia anche a costo di attirarsi i mugugni, che si evince la mancanza di personalità. Saluti a tutti

  8. Ragazzi lo dico una volta per tutte basta polemiche non c’è niente da criticare a questa squadra allenatore e societa.siamo a 4 punti dal secondo posto siamo in corsa su tutte le competizioni potevamo avere tranquillamente 5 punti in più abbiamo perso da subito un giocatore importante a centrocampo abbiamo 3 giocatori come Spinazzola Pellegrini E Dybala che hanno avuto in questi mesi costantemente problemi. Secondo me se la Roma recupererà in piena forma questi 4 giocatori ci divertiremmo tanto . E una volta per tutte lasciamo lavorare il mister e non diamo ascolto ad ex bandiere e giornalisti di basso livello che cercano solo di alimentare polemiche inutili che fanno solo all ambiente As Roma

  9. guardare 3 partire non vuol dire capire di calcio, commentare una formazione senza avere il polso quotidiano della situazione, tipo salute psico/fisica dei giocatori è pura arroganza.
    confermata dal fatto che tutti quelli che chiedono la difesa a 4, non sono riusciti ancora a capire che nessuno dei nostri 4 difensori è al momento adatto ad uno schieramento di quel tipo, persino il migliore, smalling ha mostrato ampiamente di essere quasi perfetto in marcatura sul 9 avversario, meno a difendere la zona.

    ma tanto che lo scrivo a fare, 3/4 delle persone qui dentro sono convinte di saperne più di mou nello schieramento e nella scelta dei giocatori

    • a meno che tu non sia il vero De Rossi, potresti capirne quanto tutti noi, cioè meno di un tot…o tu ne sai quanto Mou? stranamente diversi dei nostri giocatori hanno già giocato a 4 nella loro carriera, checchè tu ne dica…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome