“ON AIR!” – CIARDI: “In panchina le abbiamo provate tutte, io mi tengo Mourinho”, CORSI: “Lukaku non c’entra niente con la Roma”, ROSSI: “Sbagliato tarare i giudizi sulla classifica attuale”, PRUZZO: “Intravedo la luce”

48
2808

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

Augusto Ciardi (Tele Radio Stereo): “La Roma fino a questo momento ha provato tutte le tipologie di allenatori. Ora che finalmente ha alzato l’asticella con Mourinho, io mi tengo stretto lui. Poi in campionato evidentemente sbaglia anche Mou, e chi dice che è solo colpa dei giocatori vuole evidentemente ingraziarsi l’allenatore. Io voglio Mourinho perchè la Roma le ha provate tutte, e ora che finalmente hai un allenatore di livello superiore tendo a pensare che con il massimo prima o poi al massimo ci arrivi…”

Lorenzo Pes (Tele Radio Stereo): “Ieri perdi due punti per un’ingenuità su quel calcio di punizione. Ma il pareggio in casa del Torino ci sta, quello che stai pagando sono i punti persi contro Salernitana e Verona, un punto in quelle due partite è davvero troppo poco. I soli due cambi? Penso che abbia gestito per il tipo di partita, che era molto dura: rischiare Pellegrini e Apuar con quel campo non mi sembrava saggio. Bove però sembrava perfetto per quel tipo di partita, e forse Belotti poteva entrare prima. Ma la partita era tosta e Mou ha valutato fosse meglio restare così. Io forse avrei conservato il 3-5-2 fin dall’inizio…”

Alessio Nardo (Tele Radio Stereo): “La situazione che mi lascia più dubbi è quella di Aouar, secondo Mourinho ieri l’algerino non poteva giocare, eppure era partito titolare contro lo Sheriff. Mi sembra una situazione anomala: con l’Empoli tutti lo davano titolare e lui non va nemmeno in panchina, con lo Sheriff gioca un’ora anche se non a grandi livelli e tre giorni dopo non può giocare…ma come sta questo?…”

David Rossi (Rete Sport): “Diamo il giusto peso a quello che non è stato fatto nelle prime tre partite, ma diamo anche il giusto peso a quello che stiamo facendo adesso. Perchè se tu cadi per terra durante una corsa, in quel momento sei sesto, ma dopo ti rialzi e ricominci a scalare posizioni. Non è che dici che è mer*a fino a quando non arriva primo e poi diventa un fenomeno, non può essere… Non puoi tarare i giudizi sulla classifica attuale, perchè allora il Lecce è meglio della Juve… Calma e gesso…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “C’è rammarico per come è maturato l’1 a 1. Detto che c’era un rigore su Belotti, che nessuno ha evidenziato, perchè Schuurs lo trattiene, alla fine i punti si contano anche in base agli episodi. La Roma ha fatto la partita che doveva fare: palla su Lukaku, che fa un gran gol. Ma che vi aspettavate, che la Roma andava a Torino a fare calcio champagne e vinceva 4 a 0 su un campo tra ingiocabile? Per me la Roma può ancora lottare per lo scudetto, quindi figuratevi…ma è ovvio che 5 punti in 5 partite sono pochi. La partita tu l’avevi vinta, poi se prendi gol su calcio piazzato vuol dire che ti sei fatto gol da solo. Delle prime 5 partite non è quella di ieri la partita che mi ha fatto arrabbiare…”

Francesco Oddo Casano (Rete Sport): “Tutti al 75esimo hanno pensato che andavano fatti due cambi. Poi magari il gol lo prendevi lo stesso da calcio piazzato, ma toglimi sto dubbio… La Roma qualcosa si poteva inventare. Siamo destinati a soffrire per poter gioire? Va bene…ma è un po’ delittuoso, visto che davanti hai Dybala e Lukaku. Dopo tre anni di lavoro, essere alla quinta giornata e non avere ancora capito l’identità della Roma, se vuole giocare 3-4-2-1, se 3-5-2, se vuole fare un calcio di possesso, se vuole affidarsi al lancio lungo, è un po’ sconfortante…”

Claudio Moroni (Rete Sport): “L’1 a 1 di ieri non è colpa di Paredes, Kristensen, o Rui Patricio. E’ colpa del fatto che la Roma non riesca più a difendere il vantaggio, cosa che le riusciva quasi sempre l’anno scorso perchè ora non hai Ibanez che è andato via e Smalling è infortunato. Mou è il mio allenatore, ma quando gioca la Roma non mi diverto. Perchè non schiera Bove? Perchè non mette Karsdorp? A mio avviso, alla fine tu hai preso gol perchè Kristensen ti fa quel falletto. Io a Mou gli do ancora un mese, è tutto recuperabile, però Bove a me non aveva mai deluso: ma perchè non lo usa?…”

Fabio Petruzzi (Rete Sport): “Dopo l’1 a 0 la Roma ha fatto una partita a viso aperto, e invece non aveva senso, perchè dovevi difendersi. Bove giocherà poco, per Mourinho è solo il sesto… Recuperare si può, c’è tutto il tempo. Però ragazzi quando è uscito il calendario, nelle prime dieci partite avevi solo il Milan delle big: chi è che pensava di trovarsi a cinque punti a questo punto del campionato? Oggi non si può essere contenti di Mourinho, bisogna essere sinceri…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “La classifica è vergognosa, questo si può dire. E’ molto preoccupante. La Roma è scarsa nei difensori, Ndicka è inguardabile, Kristensen sbaglia agganci facili, gli mancano proprio i fondamentali. Delude anche un po’ Paredes, anche se Mou ne parla bene. El Shaarawy esce dal letargo a marzo-aprile. Sono troppi i giocatori che mancano all’appello. Ieri male sei giocatori, che sono tanti. Lukaku non c’entra niente con la Roma: nella carriera ha fatto più di 350 gol. Se la Roma lo vorrà trattenere dovrebbe sborsare 40 milioni, ma se questa è la Roma lui non ci resta. Se non arrivi almeno quarto, lui non rimane… E da quello che vedo ieri non ci arrivi quarto. La Roma ad arrivare in Champions con questa squadra non ce la potrà mai fare… Bove? Così gli fate fare la fine di Zalewski…lui è un buon giocatore, ma è da squadra più piccola della Roma…”

Paolo Cosenza (Centro Suono Sport): “Io sono convinto che la Roma arriverà quarta. Il Toro ha fatto una partita fisica, ma la Roma poteva fare decisamente meglio. Io non avrei mai messo Zalewski al posto di El Shaarawy, io avrei messo Bove. Poi Kristensen si vedeva che era in difficoltà, e io avrei messo Karsdorp. Dybala era in affanno, e avrei inserito prma Belotti prima. Ma questa è una mia visione, poi magari li mettevi e perdevi 3 a 1…”

Francesca Ferrazza (Centro Suono Sport): “Zalewski comincia a essere un problema proprio come approccio, i compagni si sono innervositi in campo perchè non copriva e perchè in attacco ha inciso zero. Se hai questo approccio remissivo o presuntuoso, allora vuol dire che c’è qualcosa che non va. E’ entrato molto male in campo. Non sa difendere? E’ vero, ma non sa nemmeno attaccare. Non è incisivo nemmeno quando attacca. Due anni fa ci stava più di testa…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Roma non in crisi? Se pensiamo alle prime tre giornate, la crisi è totale. Se invece penso alle ultime tre, dove hai fatto 7 punti, si intravede la luce. Ora hai un grande centravanti, e qualche giocatore che sta crescendo. Paredes non ha fatto la partita della vita, ma ha dato segnali che sta migliorando e allora penso positivo. Il Toro è una squadra difficile da affrontare e la Roma ha retto. Il pari alla fine è giusto. Intravedo più aspetti positivi in questa partita…”

Gianni Visnadi (Radio Radio): “Tra la Roma e la Lazio è giusto fare una distinzione: la vera Roma è quella delle ultime partite, quella di Lukaku e Dybala. Il belga può far fare il salto di qualità a qualsiasi squadra. Il Toro ha giocato una grande partita, il pareggio secondo me è sacrosanto, non ha assolutamente rubato nulla alla Roma. La classifica che vedremo a Natale non sarà questa, né per la Roma né per la Lazio…”

Furio Focolari (Radio Radio): “La Roma in questo momento sta meglio della Lazio: non ha gioco, ma con Lukaku ha trovato la risoluzione dei problemi. La Lazio invece punta tutto sul gioco, e se non ha gioco non ha una grande squadra e quindi non può fare la differenza. La Roma da questo punto di vista ha più chance. Nessuno però si immaginava che dopo 5 partite le romane avessero 10 punti di distacco dalla vetta…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Gran bella partita quella tra Torino e Roma, giocata alla pari. Nel primo tempo meglio il Toro, nel secondo sono venuti fuori i giallorossi. Il gioco della Roma è smascherato: gioca tutto su Lukaku e poi ci pensa lui. In una squadra in difficoltà perenne di gioco, un calciatore come Lukaku nasconde molte lacune, che però rimangono…”

Redazione Giallorossi.net

Articolo precedenteUfficiale: Q8 è il nuovo Proud Partner Partner della Roma (COMUNICATO)
Articolo successivoGENOA-ROMA: arbitra Orsato con Mazzoleni al VAR

48 Commenti

  1. calma e gesso.

    non era scontato vincere a Torino.
    l’orrore sono le prime 3 gg, 1 punto su 9.

    ma non avevi dybala lulaku, quindi …

    muti e pedalare.

    ❤️🧡💛

    • Posso essere anche d’accordo con te sul fatto che i veri punti buttati siano quelli delle prime 3 e non quelli di ieri, ma anche senza dybala e lukaku due delle prime 3 partite erano abbordabili…
      Però Se il primo anno aveva una rosa corta, potevo capire.
      L’anno scorso aveva un centrocampo corto, posso capire.
      Quest’anno non avrà la rosa per vincere lo scudetto, ma sulla carta è una buona squadra e i giocatori ci sono (sicuro meglio degli anni precedenti).
      Quindi pedalare si, ma anche Mou deve fare qualcosa di più

    • Sì, ma c’è un vulnus nel tuo discorso: se abbiamo perso punti dove non dovevamo vuol dire che dovremo andare a recuperarli in posti in cui è oggettivamente più difficile, tipo Torino appunto. E non lo stiamo facendo.

    • No Gaetano è Pinto che deve fare la squadra, E’ STRAPAGATO PER QUESTO e se a fine anno non centra almeno un quarto posto A CASA CON TUTTO IL CLAN PORTOGHESE.

    • Mi dovete spiegare una cosa che non capisco proprio, perché mai qui le colpe sono sempre e soltanto o di Mourinho o di Pinto e mai del sor Friedkin, anche perché poi chi decide tutto alla fine è lui e basta ?

    • Bhe Caro Franco 65 perchè I friedkin oltre a salvarci dalle macerie pallottiane al sig. Pinto quassi cento milioni per fare mercato glieli ha pure dati oltre a pagare i super contratti di Lukaku, Dybala e persino 4 milioni annui pòer N.Dicka ma poi chi ha scelto di spendere per Shomu, Vina,, Reynolds, Rui Patricio, Celik non è stato lui. Per il Fair Play il primo responsabile è sìcuramente Pallotta ma anche il primo anno di gestione Pinto ha di certo influito con nessun ritorno dai giocatori acquistati nè dal punto di vista tecnico nè economico ma anzi necessità di plusvalenzare i pochi buoni in rosa, tutti i giovani migliori da Zaniolo a Ibanez a Missori, Volpato, Tahirovic.

    • @Franco65 con le tue tesi anti-societaroe non fai proprio più testo, non si riesce a prenderti sul serio lo capisci? Il presidente non capisce di calcio, non fa la squadra, non decide la formazione, ne i cambi… Lui tira fuori i soldi e basta, e fino ad ora ha tirato fuori 800 e passa milioni, e venduto solo 2 titolari, Zaniolo e Ibanez (Matic e Dzeko non li considero perché sono voluti andare via loro).
      Pinto con le ristrettezze del ffp ha portato a Roma dei giocatori di caratura internazionale e questo è indiscutibile, in più si è liberato di 28 zavorre lasciate dal broccolaro tuo, quello che ha preso la Roma con i soldi di altri investitori e andava avanti a prestiti bancari a nome della società! dovresti avere rispetto per quello che ha fatto Friedkin portando a Roma signori giocatori, invece di continuare a croggiolarti nei fumi delle melanzane avariate del Fruttarolo tuo!

    • Sono passati quattro lunghi anni ed ancora parlate di Pallotta?
      Ma come li ha tolti pure Pietro Parchi i danni del Broccolaro!!

    • Di anni ne sono passati poco più di tre, vale a dire da agosto 2020, cerchiamo di non arrotondare sempre a beneficio delle nostre tesi. E questa in corso è la quarta stagione a firma Friedkin.
      Detto ciò, è chiaro che ogni merito o demerito passa per la testa. Chi sceglie i manager sono i proprietari e così via lungo la catena gerarchica.
      Errori ne sono stati commessi anche da loro evidentemente, e il presente settlement agreement è tutto figlio della loro gestione.
      Sono stati investiti discutibilmente un centinaio di milioni, così come alcuni rinnovi hanno destato perplessità. Nessun giocatore acquistato in contanti è cresciuto di valore, anzi tutto il contrario.
      La classifica langue come nell’ultimo biennio della gestione Pallotta, le entrate ancora parecchio inferiori alle uscite.
      E ricordiamo sempre che i debiti sono stati scontati dal prezzo di acquisto, per un esborso di circa 200 milioni di euro.
      Potevano fare meglio anche loro, senza dubbio.

  2. La realtà è che hai preso un gol su calcio piazzato quindi i cambi non c’entrano niente.In quella punizione loro hanno buttato dentro tutta la loro voglia disperata e la Roma avrebbe dovuto rispondere con la rabbia la concentrazione e la cattiveria di chi la partita l’ha messa in ghiacciaia.Se non lo hai fatto è perché dietro non hai i giocatori per farlo come le grandi squadre, forse con Smalling e Ibanez ma anche qualcosa di più che come livello tecnico si avvicini ai mostri che hai davanti. Così rischiamo di essere sempre in bilico con chiunque (anche con lo Sheriff…..)

  3. Io direi che Zalewki e Elshaa tornano in campo quando hanno uno stato di forma almeno presentabile.
    Il secondo sembra ancora in vacanza, il primo ha fatto palesemente incavolare Mancini, Lukaku, Spinazzola e Cristante. Non si può entrare in campo con quella sufficienza.
    Il problema è che Spina non può farle tutte.

  4. non ne posso più del distattismo acritico che non tiene conto di molti fattori e si cheterebbe momentaneamente solo se la Roma vincesse tutte le partite a spasso…
    allora gli stessi straparlerebbero di scudetto di Champions e di campioni dell’universo già a novembre.

    ci vuole equilibrio. equilibrio. equilibrio.

    giocatori importanti sono arrivati tardi. altri sono fragili. altri non sono fuoriclasse (diciamo così)
    altri sono infortunati

    è un mercato fatto con i fichi secchi?
    SI

    ci vuole tempo per ricostruire l’ossatura della squadra?
    Si
    abbiamo sostituito 2 centrali su 3 rispetto lo scorso anno.
    un uomo come Matic con Paredes arrivato fuori condizione

    sanches pellegrini auoar azmoun sono infortunati o stanno rientrando in condizione

    ma se vincevano con la pippa in bocca adesso date queste condizioni, quando staranno meglio che potrebbero fare?

    equilibrio. ci vuole equilibrio.

    nell’esaltazione come nelle critiche

    e non mi riferisco ai commenti delle radio, ma s certi tifosi

  5. Già cominciato il fuoco su tutto e tutti per la partita sbagliata. Quella di ieri per me è stata una prestazione positiva più o meno in tutti i reparti. Non è certo una partita a Torino con il Toro quella in cui puoi fare calcio champagne…
    Io lo dico e lo ripeto, ieri l’errore vero è stato difendere a zona su quella punizione. Io davvero non capisco perché vada di moda questa soluzione, che di base dà solo agli attaccanti una chance di colpire indisturbati se la linea non scende sufficientemente veloce. Potrei capirlo se non avessimo difensori abili nell’uno contro uno, ma ieri da dentro l’area il Toro non l’ha mai strusciata… Vorrei uccidere il tattico della difesa, onestamente.
    P.S. anche lo sparare su N’Dicka non lo capisco. Ha fatto una buona partita fino al gol e là Zapata gli ha preso il tempo, ma sarebbe come bocciare Bongiorno perché Lukaku ha segnato.

    • Il Napoli ha pareggiato a Bologna (altro campo difficile) e, come è giusto che sia, anche lì si fanno i processi. Si chiama ambizione. Accontentarsi di quello che arriva (per ora…una miseria) è invece assuefazione alla mediocrità. E’ una brutta malattia, è contagiosa e difficile da debellare…

    • Diciamo che un episodio come quello di ieri di N’dika contro Zapata ci può stare se giochi contro una squadra di pari livello,così come la mischia che regali allo Sheriff.Ti chiedo ed ho difficoltà a farlo ,ma secondo te Chiellini ai tempi suoi a 10 minuti dalla fine se lo faceva scappare Zapata zona o non zona?,È disfattismo o cercare i limiti che non ti fanno prendere il volo?

    • @Chico c’è una bella differenza tra accontentarsi e lamentarsi… Chi ha detto che mi accontento? Ho appena detto che abbiamo fatto un errore grosso come una casa e gli errori vanno corretti. Dopo di che, secondo me non è quella di ieri la partita di cui lamentarsi e, soprattutto, lamentarsi a che serve? La Roma ha come leggittima ambizione quella di qualificarsi per la Champions e vincere la Coppa. Non abbiamo cominciato bene, ma mi sembra siamo in netta ripresa. Finché si commenta qua va tutto bene, ma cominciare battaglie contro giocatori o tecnico, che magari poi si risolvono in gran fischi al primo errore non giova a nessuno, IMO

    • @coregiallorosso forse non se lo sarebbe lasciato scappare, o forse sì, chissà… Detto questo, non è che o un difensore o fa il Chiellini dei tempi migliori o è una sega assoluta. A me sarebbe piaciuto che ieri non avessimo scelto quel modo rischiosissimo di difendere, ché così magari il buon N’Dicka avrebbe avuto una prestazione senza macchia a dargli fiducia. Ripeto, a me non è dispiaciuto quando c’era da anticipare e prendere posizione. La linea alta invece trasforma un piazzato in uno sprint tra difensore e attaccante, in cui peraltro vorresti pure far scattare per primo l’attaccante, così ti casca in fuorigioco, con il rischio di essere bruciato sul tempo

    • Maremma alla fine siamo d’accordo,nello sprint con l’attaccante e nella scelta fuorigioco sì fuorigioco no è mancata l’esperienza e magari l’astuzia di una spallata al limite del regolamento e la contemporanea uscita del portiere con gli occhi iniettati di sangue e smanacciata sulla sfera.Questo è il limite che non ti fa vincere una partita e ti colloca su un altro emisfero rispetto a quei portentosi attaccanti che abbiamo,loro sì da champions e non da quarto posto ma da finale.Come colmare il vuoto?

    • Chiellini avrebbe dato una gomitata facendo saltare due incisivi a Zappata che avrebbe poi preso un rosso per simulazione… a parte le battute noi giocatori di quel livello non ce li possiamo permettere inutile pragonagli i nostri

    • Caro ErCaciara non ce lim possiamo permettere perchè abbiamo il brutto vizio di far soldarelli con i giovani. La AS Roma nel 2002 ne era comproprietaria ma lo cedette al Livorno e da qui poi alla Juve per 3 milioni prendendo Amelia. Stiamo sempre lì la Juve vide giusto ma noi all’epoca avevamo la prelazione se sarebbe stato nostro semplicemente pagando i 3 milioni.

  6. 5 punti con squadre alla nostra portata.
    Dopo abbiamo tutti scontri tosti.
    Non lo so.
    la vedo difficile.
    Meno male lukaku.
    Dybala cosi esterno che rincorreva non ha senso.

  7. Vorrei dire la mia in maniera negativa nei confronti del pensiero di Corsi su Bove, ma l’altra volta per aver scritto senza insulti o parolacce la mia su Marione, la redazione non ha pubblicato il mio commento. Mi taccio che è meglio.

  8. Almeno una menzione ai 6 legni colpiti è giusto farla poi è chiaro che con questo non si giustifica tutto però, se ci si mette anche la sfortuna……Vorrei dire ai signori giornalai che se un allenatore non mette in squadra un giocatore non è per autolesionismo , è solo perché sa cos’è che noi non sappiamo. Con i giovani bisogna stare molto attenti, è facile ” bruciarli “

  9. sono d’accordo con chi afferma che le prime 2 giornate le abbiamo buttate proprio. Avere 4 punti in più fa tutta la differenza del mondo. Ieri non mi ha convinto l’entrata di Zalewski perché con molti attaccanti si è trovato spesso in uno contro uno e a livello difensivo non è granché sto ragazzo. Non capisco poi perché Bove non è entrato. Ma con i se ed i ma non si costruisce nulla ed alla fine un punto a Torino ci può anche stare. Il nostro obiettivo rimane il 4o posto e nulla è compromesso, bisogna lavorare molto. C’è un problema evidente in porta e molti nel forum l’avevano sottolineato ed il problema rende la difesa molto attaccabile perché è vero che la difesa sbaglia sul cross ma vero pure che questo non esce mai. A portieri invertiti la vincevamo, opinione personale ovviamente

    • @Erre, credevi di stare su un sito di tifosi della Roma? Non vedi che ormai pavoneggiano i commenti contro? Più sotto segue un commento contro Mou e fa il pieno di like mentre il tuo no. Forse paghiamo il fatto che chiunque può “votare” (e qui suggerirei un bel cambiamento alla redazione, eliminando i pollici in modo che chi (ha) voglia può intervenire soltando argomentando), a conferma di ciò che sappiamo da sempre. Gli sbiaditi hanno una sola e vera ossessione, sin dal 1900: il Nome della città che li ospita.
      FORZA ROMA SEMPRE

  10. Se dopo 3 anni non hai gioco, schemi e carattere non può essere colpa SOLO dei giocatori “scarsi”… davanti a te hai squadre che non sono farcite di campioni EPPURE sembrano delle “corazzate”…. NESSUNO di noi vuole pet forza “er ber giogo”, ma quanto meno una parvenza….

    • @Paolo. B. Ci hai ragione. Nun se tratta de estetica. Se tratta de pretendere dopo tre anni che l’inutile litania de passaggi in orizzontale e indietro de la linea a 3 nun finisca con er solito passaggio ar portiere che rinvia lungo; ma allora tanto valeva fallo prima così nun se perdeva tempo e io nun biastimavo. Si questo è dovuto all’insignificanza dei 3 dietro allora piamone de mejo! Si è dovuto alla assenza de un compagno che se renda disponibile a fa da tramite co quelli avanti allora chi è che li deve organizzà così? Me pare come se sapemo che na squadra che se rispetta comincia l’azione da dietro ma nun sapemo come se fa. O che Mou da come pe scontato che i giocatori lo devono sapè e nun je va de insegnallo. Ma allora pia quarcuno de lo staff che ie va de fallo. O pure pialo da fori. Ce stanno tanti a poco prezzo che sarebbero disponibili.
      Scusame lo sfogo ma nun ne posso più de metteme co tanta speranza a vedè le partite e dopo quarche minuto comincià a smoccolà. E poi dopo metteme a fa er confronto co squadre de cui nun me frega niente e vedè che lo fanno mejo. E allora rosico pure. Te saluto.

  11. Lukaku mai servito ,daltronde chi lo serve se giocano tutti la palla indietro, questo è il favoloso gioco di Mou……1000 palle il portiere 2 il centravanti e per fortuna li davanti abbiamo lukaku, immaginatevi se c’era la ballerina inglese e belotti che la porta non la vede neanche se gioca da solo…….purtroppo il calcio è gioco è fantasia è tirare in porta…glielo dite voi al grande Mou?

  12. il problema per me non è tanto il goal preso che in una partita del genere può accadere ma non averne fatti almeno tre in precedenza… scandaloso che butti la palla su Lukaku e basta dopo 3 ANNIIII. Dateci un allenatore vero per favore. È una supplica.

    • Eh, già. Bisogna vincere 4-0 tutte le partite e allora sì che non c’è problema! Su una cosa hai stra ragione. Penso anch’io che Mou sia finito, superato, inutile. Però, PERO’… penso che questo è ciò che sostengono i pigiamati sin dal suo arrivo (sono due anni e non tre, ragionie’), ed è quello che sostengono Di Cagno, Damascemo e Cassandro. E allora mi dico come potrò mai dar ragione a questi individui per cui: W MOU. Il migliore di tutti!
      Fin quando rimane sulla nostra panchina, ovvio.
      P.s. La maglia tirata a Belotti, come ricordato da Piacentini, è l’episodio che ieri mi ha fatto sbroccare. Credevo di aver avuto un’allucinazione anche perchè nessuno lo ha fatto rivedere e nessuno ne ha parlato. Invece era tutto vero. Rigore NETTO. Molto più netto di quelli che assegnano agli altri.
      FORZA ROMA SEMPRE

  13. Tutti dicono quello che andava fatto e chi andava sostituito. la verità è che alla fine siamo tutti sul divano a guardare la partita è non siamo allenatori. W la Roma e w José!!!

  14. Erre la non squadra non c’avrà pure capito na’a mazza ma è arrivata seconda, gioca la CL e c’è batte ai derby. Contento te…godute Mourinho tuo…

    • Ce lo siamo goduti, accompandolo (ci) a Tirana, e a Budapest.
      I secondi posti (il panzone docet) dice che non valgono, che il calcio non è il gioco delle bocce. Ora s? Abbiamo giocato la Champions tante olte ma non è mai stato considerato un traguardo. Se vinciamo i derby e li ricordiamo siamo provinciali (dobbiamo uscire dal Gra etc).
      Mourinho è l’allenatore di Erre, mio e dell’as Roma. Salutami il tuo.
      FORZA ROMA SEMPRE
      e lanzie mer*a!

  15. …ad un certo punto davvero devi smettere di leggere questo gruppo di suonati.
    Il campo di Torino è quello? Poi parlano male dell’erba dell’Olimpico… ma neanche un campo di patate.
    Dybala non per nulla ha giocato che peggio non si può.
    …stendendo un velo sugli altri, menzione speciale a quel fuoriclasse di Corsi. Non é LUKAKU che c’entra poco con la ROMA sei tu che c’entri davvero poco con il mondo tutto.
    Ndicka, Corsi Mario, appena arrivato, ha giocato ieri forse la sua gara più convincente, ma tu e il calcio siete pianeti diversi, davvero non capisco come diavolo fai a mangiarci…
    Patricio al solito prima lo cambiano meglio è. E non parlo di ieri ma in generale. Il pallone messo a centro area che LORENTE sta per deviare in porta sua, quel pallone deve finire nelle braccia del portiere senza se e senza ma.
    Il portiere del Torino non sarà un fuoriclasse ma come movimento e uscite la differenza che passa tra lui e il nostro è la stessa che c’è tra un docente di Oxford e un bimbo delle medie inferiori.

  16. ..e senza un portiere capace di uscire su quei palloni e in generale nella sua area grande (ma pure piccola, che ha le scarpe INCHIODATE alla linea tra i pali) pure il Canicattì ti può fare goal con un pallone stupido buttato in mezzo dalla trequarti altrimenti inoffensivo

  17. Manca un portiere forte, sicuro e carismatico tanti da spaventate i difensori e scoraggiare gli attaccanti quando la palla è in zona area piccola. E manca la tigna che ha solo il mostro lì davanti… infatti è l’ultimo arrivato, tempo un mesetto e di adeguerà anche lui all”andazzo del “tirano a campa’” che attanaglia sa tempo questa benedetta nostra Roma.
    Forza Roma

  18. A Focolari direi se la Roma non ha gioco com’e’ che con l’Empoli ha fatto 7 gol l’aveva il gioco. Poi giochi 2 partite in 2 gg e mezzo e pretendi su campi di m….di fare un gioco spumeggiante ? Invece ho visto Agresti ricominciare ha fare le sue disamine sulla Roma anche lui sul gioco competente come il suo collega Focolari. ma Dybala e Lukaku dove giocano ? e certo che il gioco e su di loro poi c’e’ il Faraone sull’esterno piu’ i centrali che possono intercambiarsi si e’ visto con Sanches e Cristante con l’ Empoli dove e’ il non gioco ? Critiche senza senso preconcetti su Mourinho….si…si non capiscono niente!

  19. a Mario Corsi vorrei dire …dove starebbero sti squadroni in serie A piu forti della Roma?
    Inter ,Napoli campione d’Italia questa Juve e poi?…….

  20. Si può anche vedere la luce ma a parte aver vissuto nel passato che ormai è passato, si vive nel presente ed il futuro è sempre un’incognita a meno che qualcuno non abbia la famosa sfera di cristallo.
    Il presente dice che abbiamo 5 punti in 5 partite ed il 13° posto fa schifo. Poi, posso anche essere ottimista per il continuo della stagione ma questo inizio in campionato non mi è piaciuto ed è giusto criticare questa cosa, possibilmente in modo costruttivo e senza critiche finali perché siamo ancora a fine settembre e delle prossime 33 partite non sappiamo nulla perché dobbiamo ancora giocarle.
    Ma 4 partite su 5 di campionato purtroppo sono da da criticare.

  21. Caro Ciardi, non sono d’accordo. Dici che in panchina le abbiamo provate tutte? Si, ma solo allenatori scarsi. Te li devo menzionare? Di Francesco, Andreazzoli, Zeman, Montella, Ranieri, Garcia… Gli unici bravi sono stati due: Lyus Enrique, che però era alla prima vera esperienza, e Spalletti, che ha centrato gli obiettivi. Basta con questa storia che gli allenatori non contano.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome