“ON AIR!” – CORSI: “E’ il momento di Zaniolo, deve farci vincere la coppa”, PIACENTINI: “Mou ci ha ridato la speranza”, AGRESTI: “Sento fluidi positivi”, CATALANI: “Sarà fondamentale la campagna acquisti”

34
883

ÀULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

David Rossi (Roma Radio): “A me la cosa che mi colpisce di più è l’entusiasmo della gente, che dice “posso pure perdere, ma c’ho Mourinho sulla panchina”. Questo significa andare oltre la Roma, che non andrebbe fatto nemmeno per Totti o Falcao, ma ti fa capire di quanto amore è capace questa gente e di come ha bisogno di attaccarsi a una speranza. Mou è un grandissimo allenatore e un grandissimo personaggio, e il fatto che la Roma vinca più partite all’ultimo minuto è un segnale importante. E deve essere il punto di partenza dell’anno prossimo, a prescindere da come finirà questa stagione. Il patrimonio dei 65mila tifosi non può essere disperso, è il punto fermo da cui ripartire per il prossimo anno…”

Luca Fallica (Roma Radio): “Mourinho ha dato alla squadra la voglia di vincere qualsiasi partita e la voglia di poter in ogni partita battere il suo avversario. La squadra sapevamo non potesse lottare per i vertici del campionato, ma sapevamo che poteva darci comunque delle soddisfazioni, e ce le ha date. Mourinho è tornato sui suoi passi e ha cambiato le sue idee di inizio stagione, e questo gli fa onore perchè sta facendo rendere al meglio la sua squadra. Di Francesco non lo avrebbe mai fatto, per intenderci…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Spero che la storia parlerà per Mourinho, lui ha ancora tempo di vincere il triplete con la Roma: Conference League, Europa League e Champions League nei prossimi tre anni. Che cosa preferireste tra vincere le tre coppe europee o vincere dieci scudetti di fila? E’ dura eh… Sarà importante che Zaniolo si ricordi di essere Zaniolo, e ci faccia vincere sta coppa con due gol adesso e due gol nella finale. Diventerebbe il giocatore che noi pensiamo. Gli rimangono due partite: questa e la finale. Lui deve mettere tutta la sua vita, da stanotte, su queste due partite e pensare che se fa il mostro stasera e in finale a Tirana, allora possiamo parlare veramente di un crack. Questo è il momento…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Io ci tengo molto al fatto che alla fine dell’anno vengano riconosciuti a Mourinho e ai Friedkin delle intenzioni e anche dei risultati, che se magari non si possono toccare con delle vittorie, io comunque già intravedo. Se noi torniamo a un anno fa a quest’ora, in quelle ore che passavano tra l’esonero di Fonseca e l’annuncio di Mourinho, eravamo a un punto molto basso. E invece Mou ci ha ridato speranza. E anche se non dovessimo vincere la Conference e la Roma non arrivasse nemmeno in Europa, ho visto cose che mi fanno ben sperare e mi dispiacerebbe se non venissero riconosciute con dei risultati già quest’anno…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “L’annuncio di Mourinho un anno fa? Mi ricordo questa scena: camminavo per la casa e con la coda dell’occhio vedo Sky e leggo sul sottopancia “Mourinho nuovo allenatore della Roma“. Sono rimasto basito… La partita di domani cambierà la valutazione di fondo della stagione giallorossa…”

Maurizio Catalani (Rete Sport): “Con l’annuncio di Mourinho di un anno fa pensavo che le cose dentro la Roma sarebbero cambiate. Sotto l’aspetto numerico è cambiato poco, ma sotto l’aspetto gestionale è tutto diverso. Lo stadio è tornato a essere pieno, ed è tanta roba. Merito di Mourinho, ma anche della politica dei prezzi di Friedkin. Io mi aspettavo un anno di transizione, lui ci ha fatto vedere tanto dal punto di vista del carattere, un po’ meno dal punto di vista del gioco. Ora sarà fondamentale la campagna acquisti, bisogna vedere se i giocatori saranno di Mourinho o di Pinto. Non so cosa riusciranno a tirare fuori, ci staranno lavorando sopra. Mi auguro che in questi mesi abbiano messo gli occhi su giocatori che non siano solo portoghesi, non è che possiamo diventare la succursale del Portogallo. Spero che non si facciano errori come Shomurodov, che poverino è anche un buon giocatore, ma non gioca mai. E poi bisogna risolvere il nodo Zaniolo, come quello di Spinazzola: se torna ad essere il terzino che conoscevamo, Zalewski devi spostarlo più avanti perchè lui deve giocare…”

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio): “La partita di domani è una finale dalla quale ci aspettiamo la zampata di Abraham, l’esplosione di Zaniolo e la conferma di Pellegrini. E una fase difensiva che mi sembra migliorata ultimamente. Veretout? I problemi non sono tecnici, ma di rapporti. A un certo punto si è rotto qualcosa tra il centrocampista e l’allenatore portoghese…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Se vuoi alzare l’asticella, devi cambiare Karsdorp, Ibanez e Mancini, che per me non sono all’altezza. Io in difesa ripartirei solo da Smalling e Spinazzola. A me quello che piace di più a centrocampo tra quelli che ci sono adesso è Veretout, la Roma in quel settore di campo ha delle difficoltà. Se Mkhitaryan diventa indispensabile vuol dire che qualche problema in quel settore ce l’abbiamo. Se giochi accorto, non commetti errori, e davanti i big sono in serata, il Leicester diventa un avversario battibile. Se invece cominci a girare a vuoto, può diventare complicata…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Giudizio su Oliveira è sospeso: è un buon giocatore, ma non ti mette e non ti leva. Non è esaltante, ma fa il suo dovere, e potrebbe farlo anche domani sera. Ma Mkhitaryan sarebbe stata un’altra cosa. Se la Roma vuole fare il salto di qualità, deve cambiare almeno due difensori su tre. La partita di domani contro il Leicester? Io penso che Abraham debba fare la differenza, ora è un periodo in cui non ci riesce, si è fermato, e la Roma ha bisogno del vero Abraham. Zaniolo ha avuto un exploit contro il Bodo, ma tolta quella partita la differenza non l’ha fatta mai, non mi pare un asso di coppe come scrive oggi qualcuno… La Roma deve avere pazienza, la partita non la sta perdendo, si può vincere anche facendo gol all’88esimo. La differenza la farà Mourinho? Mah, non so, la formazione è quella, non è che può fare granché. Che ti puoi aspettare… Io penso che la Roma abbia il 55% di passare…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Se la Roma dovesse uscire domani sera, cosa avrebbe fatto di più Mourinho sul campo rispetto a Fonseca? L’anno scorso è arrivata settima, quest’anno può arrivare quinta o sesta, l’anno scorso avevi raggiunto la semifinale di Europa League, quest’anno della Conference che è una competizione inferiore. Formazione? Mou ha avuto il coraggio di far giocare Mkhitaryan a centrocampo e questo ha dato un’altra fisionomia alla squadra, più offensiva. Ora che manca l’armeno, potrebbe anche decidere di spostare Pellegrini dietro, la squadra avrebbe una fisionomia più vicina a quella vista con Mkhitaryan a centrocampo…Io sento fluidi positivi per domani, c’è una scia di entusiasmo che penso possa lanciare la Roma in finale…”

Redazione Giallorossi.net

Seguici su TWITTER e FACEBOOK per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma!

Articolo precedenteRODGERS: “Roma pericolosa con i contropiedi e le palle inattive. Noi sappiamo come portare a termine il lavoro”, SCHMEICHEL: “Squadra cinica, con Mou non poteva essere altrimenti”
Articolo successivoCalciomercato Roma, contatti per Hincapie del Bayer Leverkusen

34 Commenti

  1. Leggo alcuni commenti assurdi che parlano di un anno di friedkin oggi, dicendo che stasera la ROMA deve vincere…..cioe’ pensano ad idolatrare un anno di friedkin con zero rusultati, zero campioni, e non sanno manco che la ROMA gioca domani e non stasera!!!
    Io non ci dormo da na settimana pe sta partita, e poi leggo ste cose assurde, poi uno dice tifa la maglia e non friedkin , e te credo, guarda che devo leggere,
    Solo la maglia, per carita’ !! Forza ROMA

    • Io non tifo per i presidenti e le radio,ma perché dici solo la maglia e poi vuoi i campioni? Decidi.

    • Ancora… Co sta storia… Per me maglia e Friedkin è un unica cosa… Il mio preferito di pensiero è, vincere in Europa, perché in ITAGLIA è tutto guidato.

    • Zi bah allora è vero che vedi solo in un unica direzione. Ripeti 200 volte la stessa tiritera, sei una cantilena estenuante. Mi spiace ma quando è troppo è troppo. Zero risultati?! Quindi l’aver acquistato la Roma pagandola il piu’ del dovuto, Acquisito sponsor. Conquistato uno scudetto con l’Under 17, vinto una coppa Italia con le ragazze (2 trofei se pur minori) Presi Mourinho e Abraham – Ci stiamo giocando una semifinale di Conference League. Nonostante sviste arbitrali (oppure orrori arbitrali) enormi, siamo 5 in Campionato. Ma cosa assi importante: Hanno abbassato i costi dei Biglietti per consentire a chiunque di andare allo Stadio (te compreso). Non contano nulla?! A questo punto comincio a credere anch’io che dietro a tanta “denigrazione” vi siano altre motivazioni. Tanta acredine non è fattibile (mi auguro solo che non sia odio partorito da motivazioni “razziali” o un malessere infinito) Troppa malevolenza di parte 💛💖 Forza Roma – Forza Friedkin💛💖

    • Mi sento tirato in ballo visto che sull’altro articolo sono io ad aver sbagliato la data. Chiedo umilmente venia a vossignoria se tale errore vi ha turbato, ma io da una settimana mi faccio letteralmente 3 ore di sonno a notte per via del lavoro e di altri [email protected] che non ti sto a raccontare. Quindi si, sono stanco ed ho cannato il giorno della partita, ma non mi pare la giusta base per il ragionamento contorto che hai cercato di fare… cioè, se un tifoso sbaglia la data allora i Friedkin non so’ boni? Gentilmente, mi spiegheresti meglio sta equazione? E senza [email protected], è evidente che non siamo d’accordo ma voglio sinceramente capire come mai a te e ad altri, ‘sti Friedkin vi stanno così sullo stomaco. E non mi pare di aver idolatrato nessuno, pure io so che non hanno ancora vinto unca, ma quantomeno personalmente mi hanno ridato speranza visti gli investimenti fatti (al di là che siano andati bene o male ci hanno provato).

    • Dato che sono chiamato in causa, per fortuna solo da alcuni utenti friedkniani,vi rispondo,
      Per me la ROMA cioe’ la maglia della ROMA, e’ la ROMA, non lo sara’ mai ne’ ballotta ne’ fruedkin,letto qui con enorme stupore che un’ utente ha scritto letteralmente testuali parole, per me la ROMA e i friedkin sono la stessa cosa…quando si arriva a dire una castroneria del genere dubito che mi stia confrontando con un romanista( laziale ?quaglia?)
      Poi io non ho niente contro i friedkin, e manco co ballotta , asserisco solo un concetto basilare.
      Applausi per friedkin quando comprera’ i campioni, quando competera’ per lo scudetto, la champion,
      A me che me prendi mou e poi gli compri gli scarti e’ un’ aggravante.
      Da tifoso romanista Voglio competere, e possibilmente vincere, poi che friedkin ripiana i debiti di una sua azienda ,perche” per lui questa e’ la ROMA, non me ne po ‘ frega ‘ de meno.
      Ancora non se’ capito perche’ friedkin abbia comprato la ROMA..
      perche’ e’ un tifoso della ROMA? No
      Per i suoi interessi? Si
      Ora di tutto questo interessa il giusto.
      A me interessa il risultato sportivo, e fino ad ora zeru tituli, zeru campioni.
      Poi vinceremo la conference ,e io saro” il primo ad applaudire i friedkin, non ho nulla contro,
      Tutto qua lo trovo giusto, perche’ mai dovrei tifare per ballotta o friedkin? Manco fossi il nipote, che me frega a me de friedkin a me interessa LA ROMA, non tifero’ mai le presidenze, ecco elencati i motivi.
      Solo la maglia, inteso come tifa la maglia della ROMA, e non le presidenze, i campioni? Li voglio per competere, non perche’ tifo lo smalling di turno, i giocatori, i presidenti, ds, passano, la maglia della ROMA no.
      Forza ROMA

    • Diego polenta® concordando con il tuo pensiero, premetto che neanche il sottoscritto idola nessuno ma mostrare tanto accanimento a mio parere nasconde motivazioni che vanno oltre il panorama “calcististico”. L’anti-americanismo (senza alcuna ragione apparente) è una corrente politica o uno stile di “pensiero” assai diffuso anche in Italia Non vi sono ragioni specifiche per odiare, basta che siano americani il resto non conta. La critica “costruttiva” è giusta e sacrosanta ma qui si va ben oltre la “libera opinione” Ripetere simile frasario all’infinito (proponendolo come “verità assoluta”) arrivando al punto di “omettere” passaggi importanti, non mi sembra affatto corretto, nei confronti di chi in questo momento rappresenta la A.s Roma Calcio. Da simili modi di pensare, preferisco dissociarmi Sempre Forza Magica 💛💖

    • Te dovessi di’: e mo’ hai francamente scassato i cabbasisi. Torna a Formello dall’amico tuo che lui vedrai che li campioni te li compra

    • Sogni di latta, non se po’ senti che la maglia e friedkin so a stessa cosa, se.no poi Febo da ragione a zi bah, anche se dice sempre e stesse cose lo zio dice cose giuste

    • Ok, è tutto opinabile e discutibile, non obbiettivamente sbagliato o giusto, ma che si parli di interessi…
      Produciamo perdite a raffica, senza nemmeno tenere conto del debito che già abbiamo di base; lo stadio ce lo faranno fare nel duemila-mai; pure l’ipotesi di sponsorizzazione con la Toyota che era girata nei primi tempi mi pare difficile, fossimo stati una squadra di Premier (abbastanza popolare negli States) magari gli sarebbe stato più conveniente in quell’ottica…
      Quindi interessi de che? Non sono un economista o un esperto di finanza, ma dubito che prima di 10 anni da ora riescano ad incassare un solo euro netto da questa società. Fossero impelagati in politica come il lotito o il berlusca di turno, avrei potuto anche capire l’ipotesi di secondi fini oscuri, ma qua non riesco a vederci proprio nulla di losco. Non dico che siano santi e che ci abbiano presi perché i Friedkin sono nati e cresciuti romanisti, ma il fatto che abbiano deciso di martoriarsi le tasche in un progetto che solo a lunghissimo termine potrebbe dargli qualche profitto, non può che suscitarmi un applauso quantomeno per il coraggio.
      Ovviamente anch’io avrei preferito lo sceicco che ti compra Messi così, de botto, senza senso… ma la realtà è diversa e dubito che avremo mai una fortuna tale. Quindi suggerisco di tenerci questi, e tenerceli buoni, perché se si stufano… chi ci compra? Chi paga gli stipendi? Meglio non tirare troppo la corda con la dea bendata, mi sa che ci è andata già fin troppo bene da sto lato.

    • Zi bah: Premetto che neppure il Sottoscritto osanna nessuno (ma a quanto ho capito) per te uno Scudetto Under 17 ed una Coppia Italia (vinta dalle ragazze, successo che potrebbe ripetersi) non contano nulla. (Contano i Zeru titoli – Tipico Slogan Formellese) Perfino il fatto che se vai allo Stadio e paghi di meno noto, ti è indifferente. Bhè mi spiace ma la vediamo in maniera leggermente diversa. I risultati ottenuti dalla A.s Roma Calcio, preferisco giudicarli a 360° e non per quello che mi fa piu’ comodo. 💛💖𝕾𝖊𝖒𝖕𝖗𝖊 𝕱𝖔𝖗𝖟𝖆 𝕸𝖆𝖌𝖎𝖈𝖆 𝕽𝖔𝖒𝖆💛💖

    • Zi’ Troll da Focene: ce li dici quali sono “li campioni”? Aspettiamo una risposta. Prenditi tutto il tempo che vuoi.

  2. allora possiamo parlare veramente di un crack. Questo è il momento…”

    Oggi è un calciatore crack, ieri era pesante se n’è po’ pure anda’.

    Veramente l’ascolto va a chi non merita

    • Mi aggrego.
      Serve un difensore forte che non prenda 38 gialli a campionato.
      Uno che conosca la differenza tra piede dx e sx, e che non faccia entrate da rigore ad ogni contrasto in area.
      E un terzino capace di portare palla avanti invece che indietro.

    • Per me non serve cambiar 3 difensori invece. Intanto soprattutto IBANEZ e KUMBULLA sono pischelli o poco più che appena vincono qualcosa (come BASTONI ALL’INTER che gioca mettendo mani e piedi dove capita) valgono tanto di più e sono in crescita.
      Poi mettici uno SMALLING accanto e diventano molto più forti. Quindi basta 1 difensore centrale molto forte.
      Per me? Io sacrificherei solo MANCINI se dovessi scegliere. Quasi 26 anni (?) e mai mi é particolarmente piaciuto.
      Serve poi un laterale destro vero, e Rick può stare dietro, ad esempio. Fine (con SPINAZZOLA).
      Ma, come a centrocampo basta uno solo forte davvero che si trascina gli altri (basta vedere come si cambia con CRISTANTE dentro, che ha i suoi limiti).
      E in attacco uno solo, con le caratteristiche di FELIX o PEREZ, ma col valore di BERARDI.
      Pochi ritocchi, ma di livello alto.
      Comunque fiducia nella società ovviamente, si fa per parlare…

  3. Una delle differenze caro Agresti è che la Roma è molto più vicina alle prime 4…e comunque ancora dobbiamo giocarla la semifinale e con un Bar serio già eravamo 5, gufaccio malefico

    • i punti di distacco con la juve sono diventati 8 non vorrei di’…quella di rinforzamento della rosa titolare è un operazione che nemmeno al terzo anno di mou possiamo essere sicuri succeda,vanno comprati molti giocatori forti…

    • Scommetto che chi ha spolliciato il mio commento, venerdì mattina sarà qui a scrivere frasi tipo: “la tifoseria più bella del mondo!” “Spettacolo sugli spalti” “applausi per i Romanisti allo stadio”

      Io ringrazio anticipatamente, anche a nome dei miei Brothers.

  4. AGRESTI sei una persona ipocrita (sembri tanto incompetente, ma sei un falso ) cosa ha fatto Mourinho sul campo più di Fonseca?
    Certo a LEGGER la classifica SEMBRA poco. Un poco come leggere l’albo d’oro e vedere i 30 scudetti Juve, no? Poi non conta se vai a guardare come sono stati vinti…
    La Roma di FONSECA (e no per i giocatori in campo) aveva già perso il confronto dopo 3 mesi.
    Certo tu (parole tue) puoi commentar le gare senza guardarle… quindi il 5 posto a 6 punti é pari a quello a 15/20.
    Ben oltre 10 punti tolti dall’AIA che quest’anno ha pure consentito reti in fuorigioco, di tutto agli avversari, altrimenti saremmo in UCL tranquilli.
    A prescindere dagli arbitri, sul campo, una squadra che non molla un centimetro pure quando perde (tranne 2/3 eccezioni) fino alla fine…
    Domani? Non so chi passerà, magari loro, d’altronde quante finali dal 1927?
    Ma di sicuro non serve andare in finale. Io, che le partite le vedo, non ho bisogno che lo certifichi tu (o Sconcerti) chi é più buono. Del resto pure tu hai scritto editoriali su rosea, Corsport e pure Corsera… in più anche sul web ! Ma tra BRERA o ARPINO e te come tra il giorno e la notte.
    Comunque di che stiamo a parlare? Metter a paragone FONSECA con MOURINHO é proprio un assurdo per definizione, davvero.
    È proprio la dimostrazione che voi conoscete il calcio giocato (quello chiacchierato hai voglia…) come io so di cucito e ricamo.

  5. Che forti che sono a radio bis capitanati dal condottiero ilario boccione per gli amici peccato solo per il consumo snodato di tavernello che non li aiuta per niente un vero peccato

  6. Mamma mia questo! Ogni giorno ‘sta cantilena! Se pure ce fosse Bezos presidente romperebbe le palle sempre…..Io no capisco se ha fatto un corso accellerato per essere così oppure c’è nato…..

  7. Qui c’è qualcuno che dice gatto senza averlo ancora nel sacco, e altri che dicono che comunque vada il giudizio sarà positivo. Mi sento un po’ spaesato. Che ci sia stato delo lavoro dietro è innegabile, e oggi siamo meglio di un anno fa. Quanto siamo meglio dipende da come si finisce la stagione. Un conto è vincere la Conference e arrivare quinti, un altro arrivare settimi e senza coppa. E il rischio è concreto. L’anno scorso abbiamo finito a 29 punti dal primo in classifica, quest’anno siamo a -18, per ora. I dati sono questi.
    I calciatori vanno presi a sberle fino a domani alle ore 20.00, gli puoi lasciare quella mezz’ora di riposo. E se dopo la partita non hanno almeno versato fisicamente metà del loro sangue sul campo vanno ripresi a sberle fino alla partita con la Fiorentina. Giusto per non abbassare la tensione. Non può esserci un risultato diverso dalla finale a Tirana, non dovrebbe esserci, va fatto di tutto perché non ci sia un risultato diverso.
    Anche perché non stiamo parlando della sorpresa Villareal che cerca di buttare fuori il Liverpool, ma della Roma che deve eliminare il Leicester.

    • @Idi di Marzo… Provo a spiegar meglio il mio pensiero Pensando agl’ultimi 2 o 3 anni di Pallotta (che per me rimangono disastrosi) mi sembra che sin qui Dan e Ryan stiano facendo bene Tutto sta a vedere se continueranno sulla stessa lunghezza d’onda Ma da qui, a denigrarli continuamente mi sembra troppo. (Siamo appena agl’inizi). Per quanto concerne Calciatori e Finale mi trovi pienamente d’accordo. Voglio veder una partita dove i giocatori sputano sangue in campo. Perdere tale match (che tutto sommato considero alla portata) per mancanza di personalità, sarebbe troppo deludente. Confido in Mourinho e Società. 💛💖

    • @Basara, assolutamente d’accordo. Non l’ho scritto, e chiedo venia, ma mi riferivo ai commenti dei radioloni, tra chi si sente già la finale in tasca e chi è già pronto ad assolvere tutti. In realtà c’è ancora molto per fare la differenza, seppure in appena 5 partite.
      Su Pallotta, per conto mio si è versato troppo veleno sulla sua presidenza (in gran parte merito di Corsi&Co. che sono parte interessata a). Pallotta non è partito dal natio paesello per far fallire la Roma. Ci ha portato a dei secondi posti e a una semifinale di Champions, fa zeru titoli ma non è la rometta degli anni ’90. Dopo senz’altro ha cannato il tipo di approccio al business, era convinto che rischiando e coprendo con le plusvalenze ne sarebbe venuto a capo. Purtroppo per lui è incappato in Monchi (va detto che Monchi prima di arrivare a Roma aveva un curriculum di tutto rispetto eh…). Aggiungiamoci l’ostracismo dei radioloni e dei palazzinari roman che gli hanno impedito di fare lo stadio. Pure in campionato, ricordo la partita del violino, le dichiarazioni sui conti del Milan (prima tutti a per’larlo, poi tutti costretti a dire che aveva ragione lui). Insomma, c’è ben altro di cui vergognarsi, poi è vero che ci ha lasciato col buco. Ma la Roma l’ha comprata dalla banca, della quale non si è mai liberato (anche per colpa sua).

    • @Idi di Marzo condivido tutto persino le virgole. Negare che durante i Primi anni della sua Presidenza Pallotta non abbia dimostrato di tenere alla Società mi sembra un pò troppo Secondo me gl’intoppi sono incominciati nel momento incui sorgevano le prime “diattribe” tra Totti, Spalletti e Sabatini – Dopodichè partendo dalle “cessioni sconsiderate”, la Vicenda Stadio e la situazione economica non di certo “rosea” hanno contribuito ad “affossarlo”. I fallimenti del Pescare e l’avvento di “Monchi”, son stati il classio “chiodo” in piu’ su di una bara oramai già in fase di sepoltura. Per quanto concerne i Friedkin ammetto di avere anche io delle “perplessità” (come ritengo le abbiano un pò tutti) ma da qui a denigrarli continuamente mi sembra eccessivo.

  8. Il toscano come dice il film “a volte ritornano” ma stavi tanto bene senza parlare della Roma, tanto di calcio non ci capisci sei della Fiorentina e domenica vuoi vincere eh te piacerebbe veh. Ma la cosa che lascia basito caro direttore perche’ cosi ti chiamano, il paragone di Mou con Fonseca che centra….primo si 10 mesi che Mou sta qua’ e’ l’altro 2 anni poi mou ha tirato fuori dal cilindro il polacco e altri li ha motivati Fonseca aveva 30 giocatori che non servivano spiega chi ha valorizzato, in quanto a personalita’ ne vogliamo parlare. Poi non e’ Conference adesso e’ Europa langue 2 sono tutte squadre che vengono d’altra competizione ancora a dire che non vale niente….Eppure dici di essere giornalista ti da’ tanto fastidio Mou ma ha noi no caro ti aspetto lunedi i martedi dopo Fiorentina Roma voglio vedere se dici qualcosa di calcio difficile per te….

  9. Vabbè dai, Conference, Europa League e Champions League in 3 anni, facile…ma soprattutto direi che il ragionamento è logico e ponderato…

  10. Scusate se continuo a scrivere ma non posso lasciar perdere le considerazioni di questi “magnati” di calcio, su Olivera detto Sergio si continua a non capire, lui sta a Roma dal 10 Gennaio no da 2 anni ha svolto un altro tipo di preparazione con il Porto e sta imparando adesso quello che vuole Mourinho, ha cambiato ambiente, lingua non sono tutti Tammy in piu’ alla Roma manca un centrale che smista le palle e lui non lo e’ ma ragazzi e’ fortissimo date tempo anche il prossimo anno e vedrete….

  11. Comunque va dato merito a questa società di aver ridato entusiasmo all intera tifoseria abbassando i prezzi dei biglietti e riempiendo lo stadio e comunque mi fanno ben sperare per il futuro perché questi hanno speso ad oggi una barca di soldi e comunque anno puntato su un allenatore toop e questo mi basta per essere fiducioso per il futuro. Forza magica

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome