“ON AIR!” – MAGNI: “Cedere Diawara ora sarebbe un rischio”, PIACENTINI: “Per Mou è l’ultimo dei centrocampisti”, CATALANI: “Non ricordo un giocatore più inutile di Nzonzi”

19
885

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le  frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

Stefano Petrucci (Tele Radio Stereo): “Sono rimasto molto sorpreso di come il Collegio del Coni abbia rinviato una decisione su Lotito, mi sembra una sentenza politica, temo che finirà come al solito tutto a tarallucci e vino…”

Augusto Ciardi (Tele Radio Stereo): “Mourinho tiene a tutte le competizioni, e sa che è più facile arrivare in fondo alla Coppa Italia e alla Conference League che a vincere il campionato. Ecco perchè non penso che, specie la prima partita di coppa, la trascurerà. Mourinho non è un allenatore che consuma il proprio spogliatoio, anzi è l’esatto contrario…”

Jacopo Palizzi (Tele Radio Stereo): “C’è una voglia di vedere la Roma che è quasi commovente, perchè sono stati staccati quasi 30 mila biglietti per il Sassuolo e 20 mila per il CSKA Sofia…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Speriamo che non sia nulla per Zaniolo. Pellegrini invece sembra una cosa diplomatica. L’anno scorso lo abbiamo criticato anche noi, ma ora è partito forte, segna, eppure Mancini non lo fa giocare mai… Immobile? A me non piace, non la prende mai fuori dall’Italia, però Cassano deve stare zitto. E’ veramente un cretino. Lui mise addosso le mani a Garrone, il presidente della Samp. Ma come può dire una cosa del genere un giocatore che non è stato nessuno, che si ricorda solo per il cappotto di cammello col quale si presentò a Madrid… Roma-Sassuolo? La squadra deve continuare a trottare, è importantissimo…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Diawara? La Roma lo dava via se il giocatore accettava il Galatasaray. Dalla giornata di ieri mi sembra aver capito che Diawara sia agli ultimi posti nella considerazione di Mourinho, anche dietro Bove e Villar. Io mi fido di Mou: se lui lo considera l’ultimo dei centrocampisti, e se la Roma ha bisogno di fare cassa, io sarei d’accordo con la cessione. Non sarebbe mica tipo quella di Strootman a mercato chiuso…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “Il problema degli infortuni per le nazionali non riguarda solo la Roma. La giornata di campionato ci dirà quanto sono seri questi infortuni, se saranno tali da saltare la partita, o quanto invece ci possa essere una parte di preservazione dell’atleta in vista degli impegni di campionato. Facendo tutti gli scongiuri, per quanto riguarda la Roma non sembrano essere niente di grave, anche se penso che qualcuno sarà risparmiato. Di solito, anche per una questione di principio, si tende a privilegiare chi è rimasto a lavorare con l’allenatore rispetto a chi era fuori… Diawara al Galatasaray? Per me sarebbe un rischio, poi resti con Bove e Villar…Mourinho non vede Diawara? Non lo vede ora, ma se gli dovessero mancare Cristante o Veretout, poi vedi come lo vede…”

Maurizio Catalani (Rete Sport): “Nzonzi peggior acquisto della storia? La Roma di bidoni ne ha presi tanti, ma non a queste cifre. Non ricordo un giocatore più inutile di Nzonzi. Io ricordo la difesa della Roma di Zeman che aveva giocatori improponibili ma che erano stati pagati due lire e con ingaggi minimi, questo invece prende 3 milioni all’anno. Forse lui pensa di essere Falcao, ha rifiutato di tutto, e invece per lui perfino il Qatar è troppo. Non so come il Benfica abbia pensato di prenderlo, e lui li rifiuta… Nei confronti della Roma è veramente un furto, alla fine scapperà da qui come il tabaccaio che ha rubato il gratta e vinci alla signora… Su Monchi ho una teoria, penso che sia venuto qui a fare un certo tipo di lavoro e c’è riuscito perfettamente…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Chi rischia di più in questa giornata? L’Atalanta, trova una Fiorentina in salute, e rischia molto. Itner e Roma sulla carta dovrebbero vincere, ma le partite post-nazionali portano sempre delle insidie…I problemi della Roma con le nazionali ce l’hanno un po’ tutti. La Roma deve fare tre punti domenica e ce la può fare. E’ una partita che nasconde delle insidie, ma Mourinho sa leggere bene le partite e lo farà anche contro il Sassuolo, anche perché in rosa ha delle alternative che altre squadre non hanno. Diawara non rientra nei piani di Mourinho, si è capito…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Io penso che l’Atalanta sia la squadra che rischia di più nel prossimo turno. Da chi non ha scontri diretti invece mi aspetto vittorie, ma anche Roma e Inter devono stare attente…”

Furio Focolari (Radio Radio): “La cosa importante di questo turno è che arriva dopo la sosta, e spesso dopo la pausa delle nazionali qualcuno inciampa e la sorpresa c’è sempre… Quattro squadre si scontrano tra loro, Milan-Lazio e Napoli-Juve, mentre le altre sulla carta dovrebbero vincere. Sia Roma che Inter dovrebbero andare agevolmente, hanno una situazione da sfruttare….”

Tony Damascelli (Radio Radio): “Roma-Sassuolo mi sembra una partita scontata, mentre Atalanta-Fiorentina mi stuzzica parecchio. Non escludo un colpo della Fiorentina…”

Redazione Giallorossi.net

Articolo precedenteROMA-SASSUOLO, arbitra Sozza. Al VAR c’è Abisso
Articolo successivoPiquè: “Mourinho logorò Guardiola, dopo quella stagione si prese un anno sabbatico”

19 Commenti

  1. Catalani chi?! Beh…non ricorda Uragano… Fabio junior…manco un peto era…e troppi ce ne sono.
    Cmq il sistema digestivo della signora sta lavorando molto…spero assuma fermenti lattici…
    Daje Roma
    E abbasso le finte romaniste

    • No, Fabio Junior era scarso, ma l’impegno lo metteva in campo, almeno nelle partite che ha fatto. Ora certo non lo voglio difendere, sia chiaro, perché non era un giocatore da serie A, ma il francese sembrava ti facesse un favore a giocare (male). Tra l’altro l’acquisto di Nzonzi fece sì che Strootman, come ha raccontato lui stesso, chiedesse di essere ceduto (a mercato chiuso), con il risultato che non solo abbiamo speso una barca di soldi ma abbiamo perso l’olandese che pure con una gamba sola gioca tutt’ora meglio di Nzonzi

  2. Ma ve lo immaginate Tony Damascelli a gioca’ a pallone che pappa Ar sugo ? 🙈🙈🙈 io lo devo pure ascolta’ ? Agresti avesse mai avuto una dritta sul calciomercato. Un raduno de deficenti… 3 punti domenica e volemose bene . Forza Roma

    • Enobarbo…magari hai anche un briciolo di ragione….. però di uragano…il corriere dello sprt all’epoca regalò la cassetta….mammamiaaaa
      Qualcuno la ricorda?

  3. nzonzi peggior acquisto…..
    Per quello che è costato e per quanto ha reso Pastore è il peggior acquisto.
    Poi se andiamo indietro nel tempo Andrade bartelth etc etc

    • Bartelt e’ un IDOLO ASSOLUTO : giu’ le mani dal “Facha” !!!

      Almeno di lui ricorderemo per sempre una partita STORICA :

      I bidoni di pallotto invece non lasciano ricordi,

      solo buchi di bilancio.

    • Eh no ! La tecnica di Bartelt era da fuori classe OK mancava tutto il resto però mi ricordo certi dribbling che ora i giocatori non sanno più fare.

    • Scusate ma i pollici versi sono perché pensate che tetradze non sia stato un flop? A me pare che il suo unico merito sia stato di rescindere il contratto dopo l’ennesimo infortunio…

    • Ciao Wolfe mi permetto di risponderti per una questione di “giustizia” verso il buon Tetradze giocatore di origine Georgiana ma che all’epoca era unità insieme ad altri stati sotto la Bandiera Russa Tetradze che di nome si chiama Omari era un onesto pedatore che fu acquistato a titolo praticamente gratuito in una sessione invernale, con Carlos Bianchi in panchina, che vide arrivare tra le nostre fila anche quel meraviglioso giocatore che si è poi dimostrato Vincent Candela. Tetradze riuscì comunque a conquistare il pubblico dell’Olimpico per l’impegno profuso quando chiamato in causa, da ultimo si dimostrò un gran signore rinunciando al contratto in essere con la Roma e finendo la sua carriera in Russia lì da dove il suo sogno europeo era nato. Ci sono molti altri giocatori che arrivati qui con le stimmate dal Campione o del Fuoriclasse che poi si sono dimostrati dei veri FLOP, ultimo Nzonzi, tradendo totalmente le aspettative ed i nostri sogni di Tifosi. Ti saluto e SEMPRE FORZA ROMA!!!!!

  4. Veramente le squadre che rischiano di più sono semplicemente quelle che hanno le partite sulla carta più difficili. E nei due “scontri diretti”, tra le 4, con ciascuna a rischio di perdere punti che valgono doppio, non c’è la ROMA.
    Per quanto riguarda la VIOLA è , sulla carta, una buona squadra.
    Ma che sia meglio del SASSUOLO (che secondo qualcuno di questi é una squadra più abbordabile) non lo raccontano certo gli ultimi campionati e la classifica di questo, dopo 2 giornate.
    Invece per gli esperti per noi sarebbe praticamente una passeggiata…

    • Esatto. Andrebbe ricordato che lo scorso anno il Sassuolo ha fatto gli stessi punti della Roma e 22 in più della Fiorentina e anche nelle due stagioni precedenti era finito davanti alla Viola. Stando a questi dati la partita col Sassuolo non ha molti motivi per cui dovrebbe essere più facile, poi, non avendo seguito il mercato di Fiorentina e Sassuolo non saprei confrontare le rose di quest’ anno.

    • Si ma il Sassuolo ha ceduto Locatelli e Caputo (anche se Raspadori esplodesse del tutto, resta il fatto che lo scorso anno li aveva entrambi) e ha cambiato allenatore, mentre la Fiorentina ha tenuto i migliori, ha tagliato Ribery che non dava garanzie e inserito un giocatore interessante come Gonzalez (a mio parere il secondo giocatore più forte arrivato quest’anno in Italia). Secondo me la classifica dello scorso anno conta quasi nulla, perché il Sassuolo ha chiuso ad alto livello cercando l’Europa mentre la Fiorentina ha avuto problemi di assestamento e poi si è trovata a non avere più obiettivi. Magari il campo dirà altro, ma sulla carta e vedendole giocare, la Fiorentina sembra molto più forte del Sassuolo.

  5. Dai sù cediamo anche Diawara prima che riapra il mercato in entrata a dicembre!!
    Dopo tutto la Roma è una società che storicamente non subisce mai infortuni e la sua squadra è composta da giocatori che non hanno mai subito incidenti nella loro carriera.
    Poi siamo coperti con una bella panchina composta da Villar (che l’hanno talmente stressato perché non adatto al gioco di Mou che manifesta il suo nervosismo anche sui social), Darboe (primavera) e.. dulcis in fondo Lorenzo Pellegrini che lo scorso anno tanto bene fece nel ruolo di mediano (tutte le partite contro le big le abbiamo praticamente giocate senza filtro a centrocampo)..
    Dovremmo ringraziare Diawara che ha deciso di restare e non ascoltare chi per risparmiare l’ingaggio per metà parte della stagione (2,5 netti/2= 1,25 mln), ricordo che lo possiamo vendere cmq a dicembre, accetterebbe di giocare 4 mesi con una panchina così esigua..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome