“ON AIR!” – MAGNI “Volgare il modo in cui si giudica il lavoro di Pinto”, CORSI: “Sembra di essere tornati all’era pallottiana”, SABATINI: “Villar all’Inter è una proposta della Roma”

24
866

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le  frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

Luca Fallica (Roma Radio): “Comincia a salire l’attesa per Milan-Roma del 6 gennaio. Le prossime due sfide sono piuttosto complicate, e la nostra classifica è quella che è, anche per colpa di quel pari con la Samp che ci ha mandato alla pausa di Natale con qualche mugugno. La classifica ora ci impone di fare punti per farci restare protagonisti delle parti alte della classifica, senza volerci porre traguardi ambiziosi. Fare sei punti ci porterebbe in paradiso, mentre farne zero nei pressi del purgatorio…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Le cose che leggiamo oggi sul mercato della Roma ci buttano giù… Sembra di risprofondare nell’era pallottiana, a meno che con un colpo di coda il nostro Friedkin fa una botta di vita come quella di prendere Mourinho, spacca la diga e compra Pogba…così, per dire. Altrimenti qua non si capisce…

Augusto Ciardi (Tele Radio Stereo): “Come si è arrivati a capire chi è il giocatore non vaccinato della Roma? Questa è diventata una città dove presto tutti sanno tutto, e molto spesso la cosa nasce da dentro. La Roma ha avuto spesso questo problema. In prospettiva, il problema di riuscita del core business del club non è tanto trovare un centrocampista, ma selezionare meglio il personale… Se io so che un mio dipendente spiffera le cose, lo metto alla porta dopo un minuto. Io nella mia azienda non permetto che ci sia una fuoriuscita di informazioni…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “Tiago Pinto è stata giudicato prematuramente, e francamente sta diventando fastidioso e volgare il modo in cui si giudica il suo lavoro. Basta con questa storia che servirebbe un ds italiano, sembra quasi voler dire che questi ds stranieri rubano il lavoro ai ds italiani… Dobbiamo metterci d’accordo se seguire l’allenatore, questa è una figura che va associata all’interpretazione del ruolo nella società che ha Josè Mourinho. Sabatini stesso dice che con Mou un ds sarebbe inutile, questo ci fa capire che ogni discorso su riprendere Sabatini è inutile…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Villar come vice Brozovic, tutto è possibile, ma non credo l’Inter è una squadra che vince con idee chiare che non si mette a fare i tocchi. Fanno girare la palla veloce senza perdere tempo, quindi questo tipo di giocatori vanno bene in un contesto e meno in altri. La carestia in ruoli come terzino o difensore centrale è notevole; una volta i giocatori titolari che ci sono adesso sarebbero state forse delle riserve. Per Milan-Roma mi aspetto una partita simile a quella di Bergamo…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Per la partita a San Siro credo che Mourinho farà la stessa impostazione vista a Bergamo. Se fai un risultato del genere devi cercare di replicarlo e fare di tutto per ricreare le stesse situazioni tattiche. Quello credo che sia l’intento dello Special One. Pellegrini e Ibanez sono quelli che con Mourinho sono migliorati più di tutti…”

Sandro Sabatini (Radio Radio): “Villar può essere il vice all’Inter, e io so che la proposta è in un certo senso partita dalla Roma. Da come lo ricordo lo scorso anno, perché in questo non si è visto, era un giovane su cui puntare, ma che non fosse un fenomeno si sapeva. Tra Villar-Vecino, il secondo ha delle caratteristiche da rispettare ma ha anche 10 anni in più…”

Redazione Giallorossi.net

Articolo precedenteRoma, il calciatore No Vax respinge il pressing di Mou. Pinto costretto a tornare sul mercato?
Articolo successivoStadio Roma, Gualtieri: “Pronti a incontrare i Friedkin, ci sono già stati i primi contatti”

24 Commenti

    • Senza togliere nulla a Villar, ha un futuro davanti… Vecino è un nazionale uruguyano, campione d’ Italia e primo in classifica, se, dico se, viene da noi, ha tanta esperienza e fisicità da mettere sul rettangolo di gioco… In questo momento serve sostanza, affidabilità e prontezza… Non serve chi se aggiusta il ciuffo in campo… Serve chi fa la partita, non ci serve chi la guarda!

    • Effettivamente è il loro dogma, ce le spaccano di continuo, ma il problema è sempre quello, i costi aziendali, la rosa deve essere sfoltita e al tempo stesso adeguata per arrivare in fondo su tutto, quarto posto, Coppa “ITAGLIA”, ConfL, questo è…. Pinto e Mou hanno dimostrato di essere imprevedibili, gli acquisti di Tammy ed Eldor, poi Spinazzola, con il suo infortunio, ha compromesso il centrocampista virando su Vina, ma i soldi erano quelli… Erano finiti, la speranza era se Fazio, Santon, Diawara accettavano qualcosa, così, poteva arrivare il centrocampista.

  1. Riguardo al non vaccinato… Con tutti i soldi che ha (soprattutto se è Smalling) può andarsene pure su un’isola a costruirsi “un mondo” tutto suo… Lontano da tutte queste minkiate e dittature senza un vero senso dei Governi di tutto il mondo! Siamo nati liberi!!!

    • Ve la ricordate Orietta Berti? Finchè la barca va lasciala andare. Dove soffia il venti Corsi va. Il problema quando è bel tempo. Nessun vento. Che farà? Dove andrà?

  2. Sembra di risprofondare nell’era pallottiana,

    L’era pallottiana ha visto grandi giocatori,giocare per la Roma.

    Questa è la story, se poi per fini propagandistici si vuol cambiare la storia, allora va bè.

    Tante volte mi piacerebbe abitare in Cina

    • I primi due anni un acquisto al giorno so stati chi uno, chi due, chi tre, chi quattro, a parte Nainggolan hanno vinto tutti da altre parti.
      Poi ha cambiato o stemma e so usciti fuori i tifosi dello stemma o stadio fattelo in America, hanno mandato via Spalletti, mo mandano via Pinto, e loro si i veri tifosi.
      Radio Romane Tutte P…..E

  3. Non c’è stata nessuna fuoriuscita di notizie da trigoria.
    Se la prendono con Smalling perchè la moglie è una novax e quindi hanno dedotto che anche lui lo sia.
    A Roma le notizie le creano radio , giornali e tifosi.

  4. Certo, perché vendere Salah e sostituirlo con Schick e comprare Pogba sono le uniche due situazioni esistenti nel calciomercato

  5. Sono Daccordissimo Con Mario Corsi, Dal L’attegiamento Della Sociéta In Questa Sessione Di Mercato Me Sembra Che Siamo Tornate nell’era pallottiana, Ma Aspettiamo Fino Alla Fine Del Estate Prossimo Per Capire Le Loro Intenzione.

  6. Mi ricordo la Roma dei Sensi che già si avviava a non avere più grandi disponibilità.
    Un giorno si legge sul cds:

    Orgoglio Roma: Chivu

    Ovvero il meglio disponibile.

  7. A Magni mi piacerebbe rispondere che non è volgare come sì giudica il lavoro di Pinto, anche perché su questo forum incontra il parere favorevole dei più non il mio comunque.e stato volgare magari darsi un bel 7 del suo operato alla fine della campagna acquisti estiva,spendendo è un esempio per carità quasi 20 milioni per shomorudov panchinaro al Genova non al Bayern senza comprare un esterno e un centrocampista e si sono visti i risultati sesti in classifica e lontani dal quarto posto.in maniera non volgare ribadisco che come scelta del DS si poteva fare meglio, spero di essere smentito adesso.

  8. Comprate almeno uno forte (e vaccinato).
    Almeno uno. Se non fanno questo, in questa situazione, davvero non hanno le possibilità (o la volontà) di spendere. Si tifa comunque, ma, tristemente, se ne dovrà prendere atto.
    Forza Roma

  9. Buonasera a tutti signore e signori. Da quando avevo 8 anni tifo Roma per via dei suoi colori come quelli del Catanzaro di cui era tifoso papa’. Volevo precisare una cosa importante su Pallotta… Non voglio difenderlo sia chiaro…. Pero c’è da dire che se avesse realizzato lo stadio aveva già un accordo con la famiglia reale più ricca al mondo per venderla…. Pensa potevamo essere il Psg d Italia e a qualcuno a dato fastidio

  10. Mi sembra differente dall’era pallottiana perché per acquistare giocatori di livello non sono stati ceduti pezzi da 90 realizzando plusvalenze importanti come accadeva quando c’era Pallotta.
    Fu ceduto il difensore più forte che avevamo, Marquinos per 35 milioni di € al PSG, così come Lamela al Tottenham per la stessa cifra e con quei soldi si comprarono giocatori comunque forti, la Roma non scendeva più dalle prime tre posizioni, poi furono ceduti Pjanic, Rudiger, Emerson Palmieri, Salah, da lì i disastri del naccherano di Siviglia con dulcis in fundo le cessioni di Nainggolan e Strootman iniziando a rimpiazzarli con Pastore, Nzonzi, Cristante, ecc……
    All’inizio, dopo 2 anni di gestione, con Sabatini le cose funzionarono perché grazie ad una/due cessioni dolorose, venivano presi sostituti adeguati ed arrivavano comunque giocatori forti, cessioni fatte nonostante i soldi che si prendevano andando in Champions, ora, vista la situazione, Pinto cosa avrebbe dovuto fare ? Se bisognava far arrivare uno, anche due centrocampisti di livello, avrebbe dovuto sicuramente sacrificare giocatori come Pellegrini e Zaniolo sperando di ricavarne, magari cash almeno una sessantina di milioni, invece la gestione dei Friedkin ha deciso di tenersi i giocatori ritenuti migliori, diciamo i pezzi da 90 e ripartire da loro, nonostante la Roma sono 3 anni che non va in Champions League, cercano altri sistemi e risorse economiche per fare mercato in entrata.
    Quindi cosa sarebbe meglio secondo voi ?
    1) Vendere i migliori calciatori in rosa a cifre importanti ?
    2) Tenersi i migliori continuando come stà facendo Pinto ?

  11. Invece del pollice verso, attendevo una risposta al sondaggio visto e considerato che le cose sono andate nel modo che ho descritto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome