“ON AIR!” – FOCOLARI: “Troppo forte la tentazione Portogallo per Mou, fossi nella Roma sarei preoccupato”, CORSI: “Spero che la squadra torni con la voglia di spaccare”, PIACENTINI: “Orsato? Felice che abbia imparato le regole del calcio…”

10
1278

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Dall’Argentina ci sarebbe qualcosa da prendere: Romero, De Paul, Alvarez… Spero che la Roma torni in campo con un po’ di voglia il 4 gennaio, avrà voglia di spaccare tutto. O almeno spero. Roma-Bologna sarà importante, ti darà il senso di come sei tornato. E poi c’è Milan-Roma…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Orsato ha imparato che sul calcio di rigore si può dare anche il vantaggio e poi assegnarlo. Mi fa piacere, non è mai troppo tardi per imparare anche le regole del calcio…Mercato? Credo che sia necessario l’arrivo di un difensore centrale. Se la Roma continuerà a giocare con la difesa a tre è necessario più un centrale di un terzino al posto di Karsdorp…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “Mano a mano che si avvicina il 4 gennaio, invece di aumentare la serenità su Dybala, Wijanldum e gli altri giocatori da recuperare, mi sembra che aumenti l’ansia: e Dybala non si muove, e Wijnaldum chissà quando torna, e Belotti si è rifatto male…Invece di rasserenarci, ci stiamo preoccupando di più…”

Andrea Pugliese (Rete Sport): “Dybala? Ieri ha giocato perchè la partita era chiusa. In finale dubito che l’Argentina possa fare 3 a 0 alla Francia, e quando le cose si complicano Scaloni fa altre scelte: penso che quella di ieri sia stata l’unica presenza di Dybala al Mondiale. Forse abbiamo sbagliato la valutazione del fatto che sia un vice Messi, Scaloni gli preferisce altri giocatori. Ma credo che sia colpa dell’infortunio e del fatto che sia arrivato al 50% a questo Mondiale: Dybala senza infortunio avrebbe avuto maggior lustro e più presenze. A conti fatti per la Roma potrebbe essere andata bene: se Dybala torna da campione del mondo, avrebbe una scossa positiva in più… La comunicazione nella Roma andrebbe fatta in modo molto diverso, basterebbe avere un flusso comunicativo diverso, che non dipende da chi fa comunicazione ma da chi decide, dalla dirigenza…”

Mimmo Ferretti (Tele Radio Stereo): “Cosa ha in testa Mourinho? Lui vuole altri giocatori, e li vuole forti. Se lui e la dirigenza sono ancora sulla stessa lunghezza d’onda? Con un allenatore come Mou ci vai d’accordo quando gli porti i giocatori che vuole lui…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Su Karsdorp le divergenze tra allenatore e giocatore capitano, l’importante è trovare un punto di incontro. Se la Roma vuole monetizzare è complicato, ma solitamente queste cose si risolvono, anche trovando una soluzione temporanea e poi risolvere tutto in estate. Basta un po’ di buona volontà. Mourinho tentato dal Portogallo? Prima o dopo penso che sia destinato a concludere un ciclo. Ora gli manca solo una nazionale, e penso che il Portogallo sia un suo obiettivo. Spero però che lo rimandi per un paio d’anni…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “E’ normale che il Portogallo pensi a Mourinho. E’ un allenatore che ha vinto tutto, ha fatto epoca. Lui ormai è abbastanza avanti con gli anni ed è giusto che possa pensarci. La Roma ha avuto la reazione più corretta, se poi Mou volesse forzare la mano starebbe a lui fare la mossa decisiva. Non so se ne avrà voglia di lavorare in una nazionale, è abituato a lavorare sul campo tutti i giorni, a essere sempre al centro dell’attenzione…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Mourinho è portoghese, ci tiene al suo paese. Credo che il richiamo della nazionale per lui sarebbe fortissimo, fortissimo… Il Portogallo ha una nazionale giovane e forte, e sarebbe una grande tentazione. Secondo me il richiamo per Mou sarebbe troppo forte, e fossi nella Roma mi preoccuperei…”

Tony Damascelli (Rado Radio): “La Roma deve preoccuparsi dei giocatori, non dell’allenatore. Gli allenatori passano, resta la storia della Roma. Mou riempiva lo stadio? Tanti personaggi televisivi hanno riempito gli stadi, ma vendevano il nulla. Mou se andrà in Portogallo può fare bene. Poi se rimane alla Roma, sarà un valore aggiunto, ma quello che contano sono i calciatori…”

Redazione Giallorossi.net

Seguici su TWITTER e FACEBOOK per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma!

Articolo precedenteNainggolan: “Monchi ha rovinato la Roma. Tornare in giallorosso? Ormai sono troppo vecchio”
Articolo successivoRinnovo Zaniolo, la Roma: “Distanza importante tra le parti. Il club ha scelto una posizione di attesa”

10 Commenti

  1. Non so se ne avrà voglia di lavorare in una nazionale, è abituato a lavorare sul campo tutti i giorni, a essere sempre al centro dell’attenzione…”

    Invece per me ora è più allenatore da nazionale che da club.
    In nazionale devi solo scegliere giocatori forti il gioco non lo puoi dare e lo stiamo vedendo al mondiale, in un club il gioco lo devi costruire giorno per giorno in allenamento e francamente ci sono al momento allenatori meglio di lui per fare ciò

  2. Purtroppo, pur avendo sempre ostentato una grandissima considerazione ed ammirazione per mourinho, per me rappresentava esattamente il valore della ROMA dei friedkin, era chiaro già dopo le parole di zazzaroni che sarebbe diventato il motivo per attaccare presidenza e pinto, nonché la chiave di volta delle critiche infondate dei senza prosciutto per creare caos e spegnere gli entusiasmi verso la squadra. La certezza l’ho avuta pochi giorni dopo le parole di zazzaroni, quando cambiando canale mi è capitato di imbattermi in una trasmissione su rai due, condotta dalla d’amico con mughini ed altri a difesa della juve. Durante il suo insulso collegamento, il direttore ballo ballo aveva in bella esposizione proprio il libro di mourinho a sancire il rapporto fra i due. Spiace, però la ROMA la devi rispettare anche se ti chiami mourinho. Deluso.

  3. A questo punto, se. In vomitano chi vuole lui, di lascia libero e si chiama immediatamente Ranieri! Guardate, avrà’ vinto anche poco., na non ha nulla da imparare da nessuno! Oltretutto è’ un grande uomo, serio professionista e poi è’ romanista vero! Io non mi straccerei i vestiti se Mou andasse in Portogallo! Lo ringrazierei ier tutto è amici più’ di prima!

  4. Mourinho nella nazionale portoghese? Ci sta come tempi e progetto, sarebbe comprensibile lasciarsi a giugno senza rimpianti per nessuno.
    Importante anche il fatto che non si rischia di vedere l’acclamato De Rossi sedersi in panchina al suo posto viste le Eccellenti doti che sta mostrando con la Spal ormai ad un passo dalla serie C e presa da DDR 2 mesi fa all’ottavo posto. Con Totti preso da borsette, scarpe e Rolex pian piano ci stiamo scampando anche dal pericolo di avere un altro top manager inutile. Insomma l’accoppiata thriller è sfumata e anche Florenzi pare ormai dimenticato…… Se sbolognamo anche Pellegrini il futuro è roseo.

  5. Si ma per sostituirlo ci vuole icardi/depay/zaha/morata… nomi così… anche arna, ma è vecchio. Per il centrocampo un regista, luis Alberto/kamada/tielemans/Aouar, due terzini di spinta guerriero e dalot/wan bissaka, N’Dicka/Soyuncu da affiancare a Smalling, vicario per la porta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome