“ON AIR!” – PICCHERI: “La Roma riparta da Mancini, a lui le chiavi del club per i prossimi 5 anni”,, TRANI: “Il primo segnale di Friedkin deve essere Icardi”, CORSI: “A Trigoria nessuno è sicuro del posto, è una situazione esplosiva”

36
3908

RADIO ROMANE, IL VIAGGIO NELL’ETERE – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

Alessandro Austini (Tele Radio Stereo): “Dalle parole di De Rossi esce il suo essere romanista. Quanti sassolini si sarebbe potuto togliere, che polemiche avrebbe potuto creare se avesse voluto, e invece emerge ancora questo rispetto massimo. C’è un’ammissione che riporta tutto in ordine, e cioè che a 36 anni il suo fisico era logoro e smette perchè non ce la fa… Conoscendo De Rossi, prima di impelagarsi di nuovo nella Roma ci penserà due volte… Luis Enrique? Per me era troppo avanti per allenare la Roma…”

Riccardo “Galopeira” Angelini (Tele Radio Stereo): “L’Atalanta è una squadra bizzarra, non sai mai come la incontrerai… Ogni volta che De Rossi parla, mi suscita un sentimento. Io amo il Dzeko giocatore, ma mi astengo dal dire quello che penso di lui come persona, anche perchè non lo conosco… De Rossi invece mi provoca la sensazione contraria: ho sempre apprezzato molto più l’uomo del giocatore…”

Stefano Piccheri (Rete Sport): “Sarebbe difficilissimo, sarebbe un gran colpo, ma secondo me Roberto Mancini devi prenderlo, strapparlo all’Italia, è scaltro, furbo, leadership assoluta, è un bravissimo allenatore, è uno che piace ai calciatori. E’ uno che guarda dall’alto al basso tutti… Ecco come si dovrebbe presentare Friedkin. Certo, è difficile portarlo alla Roma, ma per prendere gente importante lo devi togliere da ruoli importanti. E poi Friedkin non mi può prendere l’allenatore dell’Empoli o il ds della Sampdoria, non ci sto. Tu gli devi dare le chiavi della Roma per i prossimi cinque anni, facendogli fare allenatore, ds e responsabile tecnico. E gli metti presidente onorario Francesco Totti, a fargli da tutor nel mondo Roma…”

Ugo Trani (Rete Sport): “Per me sono tutti sotto esame anche se arrivi quarto. Io comunque vado a toccare in maniera definitiva alcuni ruoli: quattro esterni, il vice centravanti e il regista…e devi prendere il meglio. Se io devo valutare in base al piazzamento, già si parte male. Il primo segnale se io sono Friedkin, è prendere Icardi. Poi rifaccio la squadra: sei innesti, sei titolari. Devi fare un mercato da 180 milioni. Ma perchè i debiti qui non vengono mai estinti? Significa che qui attraverso una cattiva gestione li ha tenuti in vita… Qua ogni volta che prendiamo un giocatore sembra che hai preso un fenomeno…ma noi ci ricordiamo solo Alisson, Salah, Strootman, e Nainggolan ma ci sono tutti gli altri che sono molti di più e alcuni di questi ancora ti pesano… Friedkin deve dare un segnale, deve prendere Icardi…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Voglio vedere se chi ha parlato male di Totti e De Rossi, ora si scaglieranno anche contro Sabatini che parla delle commissioni per Ibanez e dice che il ragazzo è desaparecido… Roma nel caos per quanto riguarda il resto, ora si incentra tutto sulla partita di sabato sera contro l’Atalanta. Da Trigoria dicono che stanno compattando lo spogliatoio, che ora ci penseranno i veterani… Io non so come i giocatori possano compattarsi, quando chi li deve compattare non è sicuro del suo posto…è una situazione esplosiva…”

David Rossi (Roma Radio): “Abbiamo cambiato allenatore perchè faceva schifo, e ora fa schifo pure questo qua… Faceva schifo pure Garcia, pure Zeman, Ranieri, Luis Enrique… Sono cambiati talmente tanti personaggi, abbiamo avuto tre presidenti, Cappelli, Di Benedetto, Pallotta, poi amministratori delegati, Fenucci, Zani, Gandini, Baldissoni, e ora Fienga… Direttori sportivi come Sabatini, Monchi, Massara, Petrachi, poi ben otto allenatori. La cosa bella è che c’è stato un trattamento paritario: tutti sono stati trattati come dei deficienti incapaci… Eppure dei risultati sportivi rimarchevoli sono arrivati, come i secondi posti e la semifinale di Champions League…”

Alessandro Angeloni (Rete Sport): “Freidkin non ha un gruppo industriale tipo Suning, e sarà una gestione imprenditoriale simile a quella vista in questi anni… Io mi auguro che questa nuova proprietà avrà un presidente un pochino più vicino alla squadra…so che tanto mi diranno: “Eh ma il proprietario del Liverpool, quello del Leicester non ci stanno mai…“…tanto qui se dici una cosa del genere poi ti becchi di tutto…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “La cosa che mi scoraggia è che a giugno si ricomincia tutto daccapo…Chiunque arriva qui riparte da zero e non da una gestione consolidata…non penso si andrà verso l’anno uno, ma di nuovo verso l’ennesimo anno zero… Qua non c’è rimasto niente, ci sono solo due dirigenti di cui uno sembra in bilico, una situazione debitoria che è consueta ma che non ha portato risultati, una squadra piena di giocatori in prestito o a carriera finita, qualche ottimo giocatore che può essere venduto se non arrivi in Champions…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Vediamo se davvero ci saranno delle scelte dolorose, io non so nemmeno chi siano. A meno che non ti inventi di togliere Dzeko e Smalling, ma mi sembrerebbero scelte fuori luogo. La partita con la Lazio non l’hai giocata due mesi fa e la squadra andava a mille… Ora la Roma ha l’occasione per rialzare la testa, ma l’avversario è il peggiore che ti poteva capitare… La squadra sembra quasi accettare rassegnata le sconfitte…”

Furio Focolari (Radio Radio): “L’assenza del presidente non giustifica il disastro di questo inizio anno, ma c’è sicuramente un vuoto di potere nella Roma. E’ un momento un po’ particolare. La cosa brutta è che arriva l’unica partita che non dovevi giocare adesso, se perdi a Bergamo non dico che sei fuori ma quasi… Dzeko? I suoi gol li ha comunque fatti, sono gli altri gol che mancano…”

Roberto Renga (Radio Radio): “Fonseca era stato bravo a gestire l’emergenza, ma la valutazione successiva mi fa sorgere dei dubbi. Ancora non so chi sia, ma quando ha avuto la possibilità di scegliere ha fatto un sacco di errori. Ho notato delle cose che non vanno. E’ vero che mancano Zaniolo e Diawara, ma anche prima la Roma non è che ci convincesse. Manca una testa pensante, un padrone, un presidente che va a Trigoria a vedere cosa stanno combinando.. Manca il Sensi che va lì col bastone. Chi comanda nella Roma adesso? Chiediamocelo… Alla Roma mancano i gol di El Shaarawy, ma perchè l’hanno venduto? E’ stati lui a volersene andare? Ma possibile che tutti i giocatori che stanno alla Roma se ne vogliono andare…e come mai alla Lazio no? Allora si possono tenere i giocatori… Milinkovic sta ancora qua…”

Franco Melli (Radio Radio): “L’organico della Roma è sopravvalutato, il mercato furbo è stato sbagliato e alla distanza certe verità emergono: Smalling che sembrava chissà chi ora ha dimostrato dei limiti importanti. E poi ci sono dei giocatori che non sono mai sbocciati, come Under o Kluivert. Quello che è il giocatore migliore in assoluto che è Pellegrini ha un rendimento così e così… Fonseca è un discreto allenatore, ma non è quello che ci si aspettava…”

Redazione Giallorossi.net

36 Commenti

  1. Chi glielo dice ad Angeloni che sarà una proprietà identica a quella che c’è ora non si capisce
    Le proprietà non sono mai uguali e questo ce lo insegna la storia del calcio

  2. Faccio una richiesta alla redazione: perchè non dare la possibilità di giudicare anche i commenti di questi signori qui sopra come si fa con quelli dei tifosi?
    Grazie e forza ROMA!!!

  3. Caro Ugo (bel nome fra l’altro),

    Anche se Friedkin avesse voglia di portare Icardi alla Roma, non sarebbe certo un’operazione facile.
    Diciamoci la verità, sarebbe un’operazione quasi impossibile.
    Non c’entrano neanche i costi del cartellino o dello stipendio… e già sarebbe abbastanza complicato.
    Il giocatore è in questo momento in prestito con OA al PSG.
    Il club della capitale francese può comprarlo per 70M, ciffra molto bassa per un giocatre del suo livello.
    Sta prendendo il posto di un certo Cavani e sarebbe davvero clamoroso se il PSG non esercitasse l’opzione di acquisto.
    Quindi dubito che sia possibile vederlo alla Roma l’anno prossimo… Friedkin o meno.

  4. Come al solito mi fermo ai titoli:

    PICCHERI: “La Roma riparta da Mancini, a lui le chiavi del club per i prossimi 5 anni”.
    Il problema non è l’allenatore, ma i giocatori e la rosa. Puoi ripartire da me, da te, da Mancini, da Guardiola. Serve gente che giochi. Non top player se non ce la facciamo, ma gente funzionale. Meglio 10 Diawara con voglia e dedizione che gente che viene a svernare a Roma.

    TRANI: “Il primo segnale di Friedkin deve essere Icardi”.
    Implicitamente stai dicendo che da Icardi in giù sono tutte seg*e e che quindi se non porta Icardi Friedkin è un pupazzo? Perché è così che suona la cosa. Già cominciate. Ad ogni modo icardi guadagna 5,7 a 26 anni, quanto gli devi dare per farlo venire? Quanto costa il cartellino? Cominciamo a fa i buffi subito, certo, come se non fossero bastati quelli delle ultime due gestioni.

    CORSI: “A Trigoria nessuno è sicuro del posto, è una situazione esplosiva”.
    Se parli di dipendenti “base” come operai, camerieri etc… non penso che li tocchino, se parli di calciatori allora ben venga, vediamo chi stringe il sedere e si da da fare per tenersi il posto in squadra, magari qualcuno che ci tiene davvero ci sta, e si può ripartire da lì.

    FORZA ROMAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

  5. I risultati sportivi è proprio la cosa che non c’è stata in 9 anni…zero assoluto…solo umiliazioni, e qualche sporadica illusione…ma non vi vergognate manco un po’ eh

    • Nei 90 e passa anni di Storia,i risultati sportivi sono l’unica cosa che è mancata all’AS Roma….per il resto non si è fatta mancare niente… quindi non è roba degli ultimi 9 anni.
      Poi se su Gr. net scrivono utenti che hanno 11-12 anni di età,allora è un altro paio di maniche…
      Ragazzi,qui c’ è gente che ha mangiato Pane e Roma per una vita…

    • Zenone non sono d’accordo.

      In trenta anni (prima de sta gestione) la Roma ha vinto 2 scudetti 7 coppe Italia e 1 o 2 (nun me ricordo) supercoppa Italiana.
      Ha inoltre collezionato 14 secondi posti. Subendo almeno 2 furti clamorosi, ma roba che manco in sud america o nell’est della cortina di ferro. Se si fossero tradotti in vittorie avresti avuto 1 scudetto in più con Viola e 1 in più con i Sensi.
      Il tutto con la parentesi Ciarrapico.
      Non me pare male come bilancio, per una società non così ricca come le grandi potenze del nord.
      Questi che so venuti dopo non hanno continuato il trend, lo hanno peggiorato de brutto, non vincendo una mazza. E il rammarico più grosso è stato ave buttato ar cesso il miracolo champions league.

      Per cui non se rifugiamo ogni volta nella manfrina che i titoli so mancati. So stati pochi e ce so stati i furti, ma non so mancati come ora.

    • Be caro Zen-O-ne
      perché invece de fa i compiti che t’ha la maestra pe domani stai qui a scrive???
      Se te pija mamma te sgrida!!!!

  6. A TRANI te de calcio non ce capisci NA MAZZA … Cessardi è un’attaccante (se cosi si può chiamare ) MEDIOCRE.
    Il pascolatore d’area per eccellenza, il vero Palo della luce, la cuccagna la pignatta… quello te lo ritroveresti sul groppone per ANNI .
    Devi prendere Attaccanti TOTALI se vuoi vincere con una punta.. Io prenderei Cavani e Haller con Edin … Friedkin permettendo eh, se si vuole vincere, altrimenti continuamo a fa la boa…
    FORZA ROMA e trani per piacere, chiudi quella cloaca.

    • Quante pugnette… Che bel lavoro… Pagati per farsi pugnette al cervello. È iniziato il gioco al massacro. Spero che sabato sera la Roma sbanchi Bergamo così tutti questi segaioli se la prendono lì dove non batte il sole.

    • tranqui 🙂
      io sono per i tifosi della Roma, TUTTI e Trani non fa parte di questa categoria.
      Ciao Lupasas e FORZA ROMA.

  7. Con Mancini alla Roma mi dimetto da tifoso e consegno idealmente 30 anni di abbonamenti vari nelle mani eteree dell’Ingegner Dino Viola, che ci guarda e ci protegge dal lassù.

    • Consengni solo idealmente…un Blouson simpaticamente ironico , dai che lo vorresti anche tu, (anche con un passato laziese) un professionista come R.Mancini! E dai!!!

    • Blouson, ogni tanto provo a fa’ er serio pur’io, Viola c’ha pure portato (aarrggh!) Manfredonia.
      Io Mancini o porto a spalla da Fiumicino dentro Trigoria. Anche perché è uno che verebbe chee condizioni de un Conte, cioè co a garanzia de ave’ er materiale adatto.

  8. corsi: adesso pur di dare contro la Roma resusciti pure il nome di sabatini che quando stava qui da noi lo ammazzavi ogni giorno dandogli del laziale e che doveva andare via senza vergogna proprio.
    trani: è inutile che continui a sparare nomi e provi a fare il D.S. tanto di calcio non ci capisci un ca@@o lascia perde fai solo brutte figure.
    melli: te lo sempre detto la mattina quando parli fallo da lucido ma niente è più forte di te io credo che tu e trani ve incontrate spesso la mattina e brindate un po’ troppo che ridicoli.
    focolari: se ci sta uno che sta fuori sei tu ma ti testa ma da parecchio. Forza Roma

    • Luca, se ti interessa davvero sapere come la penso (e non credo), ti dirò che sono due bei paraculi, uno scaltro e l’altro no. Indovina chi è lo scaltro?
      p.s. alla radio non ascolto le trasmissioni “sportive” (repetita juvant)
      p.p.s. complimenti, finalmente sei riuscito ad agganciarti al post giusto!

  9. Faccio umilmente notare al sig. Mario Corsi e ai suoi seguaci radiocomandati che l’acquisto di Ibanez, da lui sbeffeggiato con la solita eleganza che lo contraddistingue, è opera del neo-Presidente Friedkin,da lui già nomato salvatore della patria giallorossa… questo perchè Ibanez è venuto in prestito a gennaio e a giugno sarà riscattato (obbligo) dal nuovo presidente….a meno che…a meno che quella di Friedkin è tutta una Gran Balla mediatica orchestrata contro il il Vero presidente della Roma, al secolo James Pallotta,cosa di cui sono sempre più convinto e della quale,a poco a poco,sotto sotto,si stanno convincendo un pò tutti gli Abbocconi della prima ora…

  10. La formula della nuova Roma dev’essere questa, prendere ciò che ha fatto calcisticamente Pallotta insieme alla sua band (e che suggerivano e/o avallavano anche gli attempati “veri tifosi”) e fare l’esatto opposto, la situazione migliorerà di moltissimo anche in caso di terremoto, tsunami, guerre ed epidemie.

  11. 2010 formazione tipo doni, cassetti, mexes, juan, riise, Taddei , de rossi, pizarro, perotta, Totti , vucinic, Borriello ( mexes). 30 milioni di debito. Dopo 9 anni 270 milioni di debito zero trofei, squadra mediocre che verrebbe presa a pizze da quella del 2010. Pallotta peggior presidente della storia della as Roma.

  12. la prima cosa che dovrebbe (o forse doveva) fare un ns dirigente è andare a vedere gli allenamenti dell’atalanta, dell’inter e della rube? (squadre che corrono più di noi) per una settimana di seguito e poi vedere quello che fanno i ns. (almeno per capire a livello di infortuni muscolari cosa sbagliamo…)

    • Nel caso in cui tu fossi serio: Aspetta, ti stanno per far entrare a vedere i loro allenamenti. Soprattutto se sei di una società rivale.

  13. Aspetto con ansia l’avvento del nuovo messia Friedkin, ma intanto budget risicato, svendita continua dei pezzi pregiati, autofinanziamento, plusvalenze, società confusionaria, direttori sportivi che fanno il mercato per conto loro, tifoseria depressa e isterica, giocatori vecchi e indisciplinati, pesi morti strapagati e mancanza cronica di risultati hanno portato la Roma a non essere più un panorama appetibile da allenatori e giocatori di primo piano (inutile ricordare i recenti rifiuti di Conte e Gasperini quest’estate).
    Su quali basi si pensa di attirare gente come Mancini o ancora meglio Allegri ? Ci vogliamo ancora prendere per ilcù con la fuffa del “marchio Roma”? Con il fascino della città eterna? Col Colosseo e le meraviglie dell’impero romano?
    Liverpool e Manchester hanno un porto puzzolente, una piazza, due chiese e quattro pub, eppure sono da decenni ai vertici del calcio mondiale.
    Forse bisogna proporre qualcos’altro.
    Qualcosa di più serio.

  14. Va bene criticare tutto e tutti, e ci mancherebbe dopo le 3 pere dal Bologna, ma davvero il problema non è la società, il direttore sportivo, i giocatori; il problema è Roma, una città bellissima, un ambiente che rovina tutto, a partire da se stessa. Non ci può essere un Atalanta a Roma, né un Verona e se Immobile giocasse nella Roma avrebbe fatto 5 gol invece di 25. Via Pallotta, Petrachi, Fonseca, Kolarov e Cristante. E poi si riparte. Il male della Roma sono i romanisti, siamo noi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome