“ON AIR!” – ROSSI: “Marcano valida alternativa per la difesa”, TRANI: “Miranda diventerebbe subito titolare”, CORSI: “Sono undici anni di nulla, che noia”, AUSTINI: “Il mercato può accendersi da un momento all’altro”

18
469

RADIO ROMANE, ECCO COSA SI DICE – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

Alessandro Austini (Tele Radio Stereo): “La Roma sta cercando un difensore, ma per il futuro… Mercato di gennaio? Stanno lavorando, stanno continuando a studiare profili, a captare informazioni…anche perchè il mercato si può accendere da un momento all’altro, guardate la storia di Higuain al Chelsea e Piatek al Milan…”

Riccardo “Galopeira” Angelini (Tele Radio Stereo): “Di Francesco aveva detto che andava fatto qualcosa sul mercato? Credo si riferisse alla situazione di De Rossi più che al difensore centrale… Noi vi avevamo detto un mese di stop per Jesus e 3 settimane per Perotti, e pare sia davvero così…meglio essere fortunati che ricchi… Mercato? Se l’anno scorso la Roma cercava un’opportunità, ora è diventata una possibilità…non so quanto cambi…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Le radio stanno appiattendo il tifoso della Roma tenendo viva la speranza…io no…è una noia mortale…ci sono stati undici anni di nulla… l’ultima finale di Coppa l’abbiamo fatto con la Lazio, e l’ha vinta la Lazio… Sì, siamo arrivati tra le prime quattro…tutto buono per Pallotta che ha preso una barca di soldi e che non ha nemmeno reinvestito… Noiosa…squadra noiosa, dirigenti noiosi, radio noiose…una rottura di palle che non finisce più…e non si può nemmeno protestare, perchè ti becchi subito il Daspo…”.

Ugo Trani (Rete Sport): “Io continuo a dire che su Miranda il problema è l’Inter…lui vorrebbe restare in Italia e in Europa…sarebbe l’ideale, è ovvio che piace a Di Francesco… L’Inter chiede 5 milioni… Se lo prendi, appena arriva la coppia diventa Manolas-Miranda… Fazio-Marcano non è una coppia, sono troppo lenti…non te li puoi permettere… Quelli che dicono che Marcano è indispensabile, sì ma numericamente… Monchi ha provato a darlo al Galatasaraty e non può essere Roma-Entella a far cambiare le cose… L’Inter vuole 5 milioni perchè poi deve prendere un altro se esce Miranda…ecco perchè la trattativa è ferma, come se non ci fosse… La Roma ha quel giocatore davanti, e su quello la scelta non la sbaglia…”

David Rossi (Roma Radio): “Il Torino sono 10 mesi che non perde fuori casa, e questo deve far capire che sarà una partita rognosa… La Roma ha diversi infortunati e non può permettersi errori…deve portarsi a casa per forza i tre punti…va mandato il segnale lanciato alla fine dello scorso anno…bisogna dare continuità… Mi vorrei fermare un attimo sul calciomercato… C’è stata un’intervista di Monchi alla Gazzetta nella quale ha parlato chiaramente…ha detto che sono stati fatti investimenti importanti in estate… Dicono che Marcano non può prendere il posto di Jesus, ma lui ha 160 presenze col Porto e 80 presenze nelle Coppe Europee…quindi sulla base di cosa decide che non va bene rappresentare un’alternativa valida a Fazio e Manolas… Ma perchè vi fate creare le idee dagli altri? Leggo che il Milan prende Piatek per 45 milioni…ma magari…poi dopo mi metto seduto e aspetto che passi il cadavere…”

Maurizio Catalani (Rete Sport): “Quarto posto o non quarto posto, tutto dipenderà molto da cosa accadrà in questi dieci giorni sullo stadio della Roma…Cosa c’entra lo stadio col quarto posto? Mi riferisco all’impegno di Pallotta… Se salta lo stadio cambieranno gli scenari in maniera repentina… Se arrivasse un parere negativo del Politecnico, bisognerà vedere a quel punto la Raggi come gestisce i suoi nel Campidoglio…la maggioranza dei 5 stelle potrebbero non reggere più…scoppierebbe un casino… la linea è sottilissima…”

Daniele Lo Monaco (Tele Radio Stereo): “Lo stadio della Roma? Meno male che la strada sembra di nuovo spianata, ma nessuno ti ridà indietro gli anni persi… Forse si tratta del progetto più cristallino che ci sia stato in Italia…Qua in tutte le intercettazioni fatte non c’è stata una sola cosa che è venuta fuori… Eppure ci sono cialtroni che cercano ancora odi spulciare tutto… e non perchè mossi da sentimento civico…parlo di  quelli che fanno le inchieste da quattro soldi, e che non sono riusciti a tirare fuori niente, perchè niente c’è.. Questo è un progetto che non ha punti deboli e non può essere attaccato da nessuna parte…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Mercato? Mi concentrerei di più su quello che deve fare in queste 3 partite… La gara col Toro, poi Atalanta e Fiorentina. Mi concentrei sul campionato e sulla Coppa Italia. I giovani si stanno inserendo e se recuperi i grandi vecchi, Dzeko e De Rossi, è positivo… La Roma ha un grande occasione già dalla partita con il Torino, le altre hanno sfide complicate… Belotti? Non mi piace particolarmente, è un calciatore con dei limiti e si sono evidenziati tutti insieme.. Rimane un ottimo attaccante, ma preferisco altri profili. La Roma penso che si terrà Dzeko ancora per un paio di stagioni…”

Roberto Renga (Radio Radio): “Scavalco? Ribadisco quanto detto ieri… La Roma in questo turno ha l’occasione di arrivare al quarto posto, che mi sembra un’ottima cosa in chiave romanista.. Mercato? Si aspetta di vedere come sta Juan Jesus, ma all’occorrenza può giocare Kolarov centrale con Santon a sinistra…quindi la Roma non mi sembra disperata… Sento dire che c’è incertezza tra Schick e Dzeko sabato col Torino…io spero non sia vero, perchè il Torino non è l’Entella…”

Franco Melli (Radio Radio): “Io penso che non sia così difficile…mi pare che il Torino sia in fase calante…forse sono cindizionato da quanto visto in Coppa Italia…ho visto una squadra che non ha fatto un tiro in porta… Una buona Roma può farcela… Sul discorso Schick-Dzeko, non è così semplice scegliere… Dzeko sta facendo malissimo, ha fatto due gol in tutto ed è anche pensabile che si stia pensando…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Schick al posto di Dzeko col Torino? Io non penso che Di Francesco farà questo errore… Io ho letto titoli incredibili su Schick, che ha fatto due gol all’Entella… Ma ragazzi, la serie C è come quando giochi d’estate contro i dopolavoristi e vinci 11 a 0… Vi vedo tutti convinti che la Roma ha già vinto contro il Torino ancora prima di giocarla, per me non è così…la Roma è favorita, ma non sarà una passeggiata di salute…”

Guido D’Ubaldo (Radio Radio): “Roma-Torino è una partita importantissima, bisogna dare continuità… S’è visto con l’Entella che c’è una ripresa anche sul piano del gioco… ora è necessario vincere col Torino… Serve un’inversione di tendenza nel girone di ritorno, serve continuità di risultati… Le notizie confortanti arrivano da De Rossi che torna in campo la prossima settimana dopo tre mesi di stop…”

Redazione GR.net

Articolo precedenteMiranda-Roma, trattativa ferma: le ultime
Articolo successivoStadio Roma, il responsabile della relazione del Politecnico: “È stata sottratta al Comune e contraffatta”

18 Commenti

  1. Se dessero il Daspo per le proteste via radio, Corsi non parlerebbe per i prossimi 30 anni. Interessante poi notare di come si parli di Roma-Torino e del calciomercato nelle varie radio, mentre Marione continua spedito nella sua sterile campagna “Odio Pallotta”, ormai riproposta in tutte le salse immaginabili. Non è ora di iniziare a parlare anche della Roma e non sono della sua dirigenza?

    • a me sembra che Corsi dica ESATTAMENTE la verità.
      Vogliamo parlare di Roma? A parte che basterebbe andare a rileggersi il comunicato della Curva Sud, e riflettere…
      SParlotta” Faremo della Roma una delle più forti squadre d’Europa”. Si, si, come no.
      E del resto non si capisce come vorrebbe riuscirci: porta avanti un’autogestione RETRIVA, OGNI ANNO vende i MIGLIORI e negli ultimi tempo, VENDE e basta.
      E infatti, sono nove/dieci anni che la ROMA non vince NEMMENO la Coppa del Nonno.
      Io ci sento puzza di presa per il Kulo. Tu no?
      E non mi dire che non c’è nessuno che vorrebbe la Roma.
      Per me anche Jack lo Squartatore e King Kong farebbero MEGLIO del fruttarolo bostoniano.
      Che continuera a prenderein giro Roma e i Romani.

  2. Ormai è una pandemia. Sempre più affollati gli ambulatori a causa della micidiale SLAPPA (Sindrome Lombare Astinenza Prosciutti Porchetta e Affini)

  3. Prendere un difensore giovane e non della Serie A equivarrebbe a non prendere nessun rinforzo. Sarebbe totalmente inaffidabile o quasi perché prima di prendere confidenza in Italia sarebbe già giugno.

  4. A pallo’.. e daje no… na coscia de prosciutto a Natale… un cotechino a capodanno.. 1 kg de vongole a ferragosto… e lo fai sta bono no?! E invece no… ti ostini sempre co sti calci alle palle…ammazza mai c’hai proprio er braccino…

  5. Rossi: “Marcano va benissimo in quanto ha esperienza internazionale col Porto, in CL e bla,bla, bla…
    Se è per questo Moreno ha disputato 3 (o 4…non ricordo) mondiali, eppure non mi sembra che si fosse distinto a Roma.
    A me quello che manda ai matti è il fatto che ognuno, pur di allisciare il proprio padrone e mantenere una propria coerenza, è disposto a capriole verbali e prostituzione intellettuale. Sia da una parte che dall’altra, sia chiaro. Quella che ci rimette è l’informazione…

    • in Italia i giornalisti che fanno vera informazione sono facilmente riconoscibili:
      Gli è stata assegnata la Scorta Armata.

    • Sono d’accordo Chico. L’informazione ormai va a farsi benedire. Ce lo vedi David Rossi che, guarda Marcano tutti i giorni a Trigoria allenarsi con serietà, magari instaura con lui un rapporto personale e dopo averci scambiato un paio di battute prima d’andar in onda, apre il microfono e cominciare a mugghiare – “sto Marcaàno è ‘na pipparsugo, ma mannamolo a casa sua!!”

      Di contro, mettiti pure al posto del gargarozzone di turno che, in astinenza ormai cronica, obbligato a stringere la cinghia tutti i giorni, apre il microfono e in un italiano quanto meno probabile, asserisce come – “difensore di sicura esperienza, Marcano abbia tuttavia messo più tempo del solito a ambientarsi nel calcio nostrano, nella speranza che faccia un gran girone di ritorno”.

  6. Solo un premio Pulitzer può permettersi di giudicare un giornalista, chi non è del mestiere fa solo figuracce in merito; altrimenti dove è finita la presunta umiltà di chi professava che solo uno del mestiere poteva parlare di calcio?!
    Bla bla bla

  7. Noi critichiamo solo una categoria di giornalisti: quella che, parafrasando l’ex giornalista Mark Twain, pur distinguendo il vero dal falso, pubblica il falso.

  8. Vero o falso non è confutabile quindi resta una interpretazione soggettiva.
    In ogni caso per mettersi al pari di tale categoria bisogna essere del mestiere… e non è questo il caso.

  9. Dire “11 anni di niente”, riferito a Pallotta – perché quello è l’obiettivo, è asserire il falso.
    Nulla di soggettivo. Non ci sono discussioni.

  10. 11 di anni di nulla è in pratica la realtà, pallotta ha contribuito a ciò in gran parte ed è inconfutabile nonostante i proclami Che si sono rivelati un boomerang amaro …non ci sono se e ma.
    Come vedi la cosa è più che soggettiva infatti le nostre opinioni divergono.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome