“ON AIR!” – CORSI: “Cassano un ometto, parla come se fosse a Poggio Reale”, FOCOLARI: “Mou un mito, lui no”, ROSSI: “A me la storia del ‘siamo in Italia’ non è piaciuta”

29
2327

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

David Rossi (Rete Sport): “A me sta cosa di Mourinho del “siamo in Italia…” mi dà un po’ fastidio…sti luoghi comuni dell’Italia “pizza, mafia e mandolino” non mi fa impazzire. Sta leggerezza con cui ci si dà dei ladri e dei cazzari mi sta un po’ sulle palle. Perchè Mourinho in Italia ha preso un sacco di soldi, in un sistema che se non c’era la Juventus, i soldi che ha preso non li pigliava. A me sta faciloneria non mi fa impazzire… Lui sta cosa la fa per pararsi, perchè sa che non è terzo, ma quarto. Si poteva ottenere lo stesso risultato senza sta cosa del “pizza, chitarra e mandolino”. A me è piaciuto molto di più quando ha mandato un messaggio forte e chiaro a un allenatore che sta da queste parti (Sarri, ndr) e che fa il fenomeno, perchè vai a prendere di petto un tuo antagonista su un tema su cui ha stra-ragione. Quella è una cosa coraggiosa, perchè ti metti a litigare con uno che ti sta davanti in classifica…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Il fatto che il Feyenoord sia più forte di quello dell’anno scorso lo sta dicendo la classifica e la sua stagione: 4 sconfitte in 40 partite. Attenzione, non sarà facile anche se per gli scommettitori la Roma è favorita. La partita di Torino? A me Dybala, al di là del gol, non mi ha fatto impazzire in quel ruolo. Non mi sentirei di legare la vittoria a quella posizione specifica in campo. C’è bisogno del resto della squadra. A me ad esempio incuriosisce molto sapere se giocherà ancora Llorente in difesa…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “La Lazio sta sopra la Roma per un motivo ben chiaro: loro hanno rinunciato alla Coppa, perchè ogni volta che giocavano in Europa poi perdevano. Questo è Sarri e la sua Lazio di provincia… Mourinho invece, che ha già vinto, vuole provarci di nuovo. Se la Roma va in Champions e arriva dove sta arrivando in Europa, Mou ha fatto meglio di Sarri, punto. A meno che il Napoli non crolli e la Lazio vinca lo scudetto… Cassano? Che volete che vi dica, è un ometto…risponde come se fosse a Poggio Reale…”

Paolo Cento (Rete Sport): “La Roma a Torino ha fatto la sua partita su un campo difficile, io sono soddisfatto. Ha controllato la partita. Non ha giocato male, è passata subito in vantaggio, ha avuto un paio di occasioni, c’era un altro rigore su Dybala e il Torino non è stato quasi mai pericoloso. Mi dispiace per Solbakken, che a me era piaciuto. La squadra c’è in questo momento, è un buon segnale in vista del Feyenoord…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Le parole di Cassano? Siamo a certi livelli, mamma mia. Avrei preferito non sentirle queste cose, preferisco non commentare…  Possibile che la Roma stia pensando di portare Arnautovic nella Capitale? Contratto in scadenza nel 2025, non va d’accordo con Tiago Motta…”

Sandro Sabatini (Radio Radio): “Il botta e risposta tra Mou e Cassano? Mourinho quando ha parlato di Livaja non racconta l’episodio: è una via di mezzo tra l’aneddoto e la minaccia, e non è stato elegante. Ma quando parla di trofei vinti dice la verità su Cassano…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Le parole di Cassano? Molto squallido. Si può criticare, ma c’è modo e modo. Quando lui si esprime con quelle volgarità parlando di un mito del calcio, perchè parliamoci chiaro, ognuno ha le posizioni che vuole, ma Cassano è stato un ottimo giocatore, ma non un mito, mentre Mourinho non è stato un ottimo allenatore, è un mito…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Cassano parla in libertà senza avere un freno, ma anche senza avere rispetto. Si può criticare un allenatore per il modo in cui gioco, ma c’è anche un modo per farlo. E Cassano quel modo non lo rispetta, va oltre. Ti può piacere o meno Mourinho, ma Cassano a volte non si controlla…”

Redazione Giallorossi.net

Seguici su TWITTER e FACEBOOK per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma!

Articolo precedenteFeyenoord, Slot: “La Roma? Gioca come l’anno scorso. Io preferisco guardare il Napoli…”
Articolo successivoFEYENOORD-ROMA: arbitra lo spagnolo Sanchez Martinez

29 Commenti

  1. “Signor” Rossi, lei vive al di fuori della realtà quotidiana. Forse, ancora, non le è chiaro un concetto basilare: non siamo tutti fessi ne ci mettiamo tutti a 90 gradi

    • Difende si l’Italia e il sistema calcio , gli permette di vivere bene, vendersi meglio e nn aver mai lavorato in vita sua….che Poraccio!!!!!

  2. ma rossi il portaborze de ballotta ancora parla?
    i luoghi comuni li fa lui come le frasi fatte, va avanti a slogan, forza mou ha ragione lui..siamo in italia,forza ROMA

  3. A David Rossi, vorrei dire che quello detto da Mou, è’ semplicemente ka verità! Certo, da fastidio, k’Italua non è’ solo mafia, pizza e mandolino, tra l’altro, queste tue ce le inviduano tutti! Sta nei fatti che il nostro paese si presta a queste affermazioni, dono 70 anni che ci scendono in tutto, poi nel calcio ci sono questi che fanno quello che gli pare! Ma hai dimenticato ke cose a due pico schifose a cui siamo stati costretti ad assistere? Ka Coppa campioni gol sangue, il goal di Graziani, Turone, Ronaldo, Mubtari e mi fermo! La presa in giro con calciopoli? Hanno continuato imperterriti perché’ sapeva o che alla fine non pagheranno mai! Mou questo ha detto, e purtroppo in Italia questo avviene! Dire la verità’ non paga mai, ma è’ una cosa inconfutabile che so da noi accadono certe cose e non si prendono provvedimenti! Sai perché? Perché’ in Italia siamo arrivati al punto che chi tocca i fi muore e il conducente non si disturba! Questo da italiano mi fa incazzare in quanto per pochi paghiamo tutti! Ma tu te la devi prendere con i pochi non con chi mette in luce la realtà’!

  4. Fabid Rossi che stai a di?!
    L’Italia si spaccia da..itaglia proprio per la gente come te che fa lo struzzo dinanzi a certe oscenità!!!
    La juve la consideri co’ 15 punti se non consideri I FATTI!!!
    Se li consideri, come è doveroso fare, non dovrebbe manco esserci in serie a!
    Quindi MOURINHO ha ragione e teme l’itaglia non l’Italia….
    FORZA ROMA

  5. Eccerto, a david rossi non gli piace quando si parla

    del SISTEMA che ci ha appioppato pallotto suo

    per impedirci di competere contro la rubbentus

    in un decennio dove non ci stavano le milanesi.

    Bisognava accontentarsi dell’andare in Champions

    a farsi sodomizzare per raccattare 30denari

    quello ci dovevamo far bastare perché tanto

    “la Roma non ha mai vinto gnente”…

  6. Invece il calcio è diventato l’emblema di pizza mafia e mandolino, quindi non c’è niente di cui vergognarsi. Bravo il mister a ricordarlo in questi giorni di indagini e malaffare

  7. a Rossi voglio dire una cosa
    1 metti da parte l’ipocrisia
    2 che l’Italia sia politicamente che calcisticamente è il paese chitarra mandolino ecc…
    3 il fatto poi che se nn c’era la Juve Mourinho nn si arricchiva ,beh con sta affermazione caro Rossi hai ammesso che l’Italia è il paese de mafia pizza ecc…
    quindi secondo te sarebbe giusto che in un paese così ligio come il nostro deve punire la Juve che tarocca i campionati? e che deve sparire dalla serie a
    come è stato fatto x il Parma Chievo.
    beh se nn succedesse questo sarà perché come dice Mourinho “siamo in Italia”.a Davide svejate sei ridicolo

  8. David Rossi prima parlava in un modo.
    Poi è andato a lavorare per la Roma e parlava in un altro modo.

    E fin qui, ci può anche stare che uno cambi idea e diventi “aziendalista” e non perché ti pagano, ma perché le cose viste dall’interno possono essere diverse.

    Ma che poi quando te ne vai improvvisamente ritorni libero, allora capisco che per anni, quando “interpretavi” “spiegavi” ” difendevi sempre e comunque le parole dei tesserati della Roma, dalla testa al l’ultimo dei giardinieri… allora non facevi il giornalista, ma il portavoce.

    E i portavoce quando vogliono fare i giornalisti perdono ogni credibilità.
    Uno di più fra le migliaia di questo paese.

    Non “siamo in italia”???

    Ma perché, vedi forse da qualche parte, in qualsiasi ambito, segni di un paese che non è asservito ai potenti di qualsiasi tipo?

    Vedi qualche voce di una classe dirigente che non ripete con meno intelligenza di un pappagallo la velina passata dal “potere” di turno? Anche se ridicola.

    Vedi una minima parvenza di discussione su qualsiasi tema che non sia fuffa e sega mentale?

    “ma mi facci il piacere mi facci” (cit)

    • Chissà come avrebbe commentato lo stesso episodio fino a che è stato direttore di Radio Maria…o meglio, lo so, trattasi di domanda retorica.
      Non mi piace per nulla sta gente che passa con tanta disinvoltura da “indipendente” a “portavoce” e viceversa.
      Che credibilità pensi di poter spendere con chi ti ascolta? Dal “prima i risultati, poi gli abbonamenti”, al “va tutto bene madamalamarchesa”, per tornare infine nelle vesti del censore.
      Banderuola è la prima definizione che mi viene in mente, e forse pure l’ultima.

    • Un nuovo Shomurodov non esageriamo. Arnautovic ha già fatto molto di più in carriera rispetto al ns giocatore però ha pure qualche anno in più e mi sembra vicino alla fine quindi meglio se rimane dov’è !

  9. “Cassano? Che volete che vi dica, è un ometto…risponde come se fosse a Poggio Reale…”
    Va bene per l'”ometto” e sono d’accordo con lui, ma Cassano è barese e Poggio Reale sta a Napoli, che c’entra il confronto?!

  10. Stefano Agresti (Radio Radio): “Cassano parla in libertà senza avere un freno, ma anche senza avere rispetto.

    Si è vero peccato però che a volte esagera e supera la misura.
    Però viva la faccia, meglio uno così che chi fa zero a zero, a volte anzi quasi sempre vediamo trasmissioni sportive inutili inguardabili, dove ex calciatori si cimentano in commenti banalissimi, noiosi da sbadigli, dove ci sono complimenti per tutti critiche per nessuno?
    Cassano va giù con l’accetta, ma molto spesso dice quello che molta gente pensa e magari non ha il coraggio di dire, poi comunque è innegabile che se ne intende.
    Quando tutti esaltavamo Zaniolo e già lo avevamo eletto il nuovo Totti, lui diceva per carità non è un campione, guarda la palla non il gioco

    • Ma insomma è stato un grande giocatore quindi sì, se ne intende.
      Però non ha equilibrio tra amo tizio e odio caio.
      Sul caso Mourinho, sta esagerando da tanto tempo come lo fa del resto parlando di Cristiano Ronaldo solo per via della “rivalità” con Leo Messi.

    • Luca Roma, quindi per te insultare e offendere l’attuale Mister della Roma è giusto e sacrosanto. Parliamo pur sempre di una personaggio che nella sua vita ha vinto di tutto, ottenendo innumerevoli riconoscimenti. Sai che ti dico? Chi ti attacca non ha poi tutti i torti. La tua è solo malafede basata su rancore puro. Manchi d’obiettività!!!

    • Quale sarebbe l’insulto ha detto solo che il gioco di Mourinho è inguardabile è brutto ed è la verità.
      Poi avrà vinto ok, ma vince con un gioco troppo speculativo, la vittoria a Torino per esempio di bello ha solo i tre punti, poi per il resto una noia infinita è quello non è calcio, non da nessuna brivido nessuna emozione, sarebbe più bello ed emozionante, vincere giocando a calcio

  11. Caro Rossi , va bene il patriottismo ma, purtroppo la realtà è questa e, la storia recente e passata ne è piena. Poi se uno cerca di ingraziarsi i potenti posso capirlo , non certo giustificarlo. Mou dice quello che tutti sappiamo poi , in tanti negano per convenienza. Dire che il nostro mister si è arricchito grazie agli innominabili è il peggio del peggio e non voglio aggiungere altro per non essere offensivo.

  12. Ma non c’e’ dell’altro da parlare, ancora Cassano un 41enne con il cervello di un 15enne senza offendere i 15enni ce ne sono tanti che hanno testa e cultura. Quando e’ andato via da Roma nessuno ha pianto… basta parlare di lui gli si da’ carica e non merita tutte ste attenzioni…vivendo all’estero posso dire che ci giudicano molto intelligenti e sono tanto invidiosi del mangiare del clima della cultura, devono trovare qualcosa contro per attaccarci purtroppo noi sappiamo che in parte e’ vero ci facciamo spesso del male da soli comunque chi e’ venuto in Italia ci ritorna guardate Perotti…… e lo stesso Mourinho !!!

  13. Si Al. signor. Rossi. non e piaciuta la. parole Di Mou “siamo in Italia” , A me e. piaciuta tantissimo, non. possiamo. nascondere Che c’e un sistema. mafioso nel calcio italiano a. favore Della Juve.

  14. E se invece la frase di Mourinho fosse stata l’ennesima genialata del comunicatore?
    Se mantenessero la penalità alla Rube si potrebbe completare la frase: “Siamo in Italia, mica nella Repubblica del Congo (con tutto il rispetto)”.
    Se invece togliessero la penalità ai ladroni, non ci sarebbe nemmeno bisogno di completare la frase.
    Ma intanto la pressione mediatica l’ha messa.
    Costringendo chi deve decidere se dare ragione a Mou, o dare ragione a Mou….
    Troppo cervellotico? Per me nella comunicazione è avanti anni luce.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome