“ON AIR!” – TRANI: “Non ci saranno mai le condizioni di sicurezza, possibile stop definitivo al campionato”, LO MONACO: “Serve ottimismo, non possiamo pensare che si chiuda tutto”, CORSI: “Assurdo tornare ad allenarsi”, FOCOLARI: “Il governo intervenga per fermare questa follia”

18
2266

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

Alessandro Austini (Tele Radio Stereo): “Vitek? Lo stadio non si fa grazie a Vitek, questo deve essere chiaro. Lui è stato fondamentale nel tranquillizzare chi guarda a questo processo di Parnasi che mediaticamente può creare dei problemi, visto che viene accostato allo stadio della Roma. Il fatto che il nome di Parnasi venga eliminato ha reso secondo me tutto più semplice… Calcolo sulla realizzazione? Impossibile che si possa iniziare a costruire nel 2020, speriamo si parta nel 2021…ci vogliono tre anni circa…si finisce nel 2024, almeno sei anni dopo quanto speravano…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Le dichiarazioni di Kolarov? Sono totalmente d’accordo con lui, sarebbe assurdo tornare ad allenarsi. Ma non capisco la posizione di presidenti come Lotito e Cellino che vogliono tornare subito in campo…La Lazio ha questa chimera di vincere lo scudetto, ma il Brescia? Loro in teoria se il campionato finisse così sarebbero salvi…ma poi ragazzi, a Brescia sono nell’occhio del ciclone…ma come si fa? E poi con quale spirito potrebbero tornare ad allenarsi i giocatori?…”

Ugo Trani (Rete Sport): “Il governo deve intervenire in maniera autoritaria, mi mette una tristezza unica sentir discutere sugli allenamenti… C’è ancora chi dice che si riparte a giugno…se ascolti medici, ti dice che pure tutto maggio te lo puoi dimenticare… Io non escludo mai la revoca di questo scudetto e la sospensione del campionato…questa ipotesi non la escludo. I soldi li perdi, li stiamo perdendo tutti e ci rimetterà anche l’azienda calcio… Ma per me non ci saranno mai le condizioni di sicurezza…e tu pensa le coppe… Ma poi senza pubblico che significato ha…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “Riaprire le scuole il 3 maggio? Mi sembra una previsione ottimistica… Ammettiamo che il campionato riesca a ripartire per quella data, le partite si giocherebbero comunque a porte chiuse. Ma se fosse a porte chiuse, ma come fai allora a riaprire le scuole? … Se tu tieni un bambino dentro casa per un mese o due, bisognerà anche pensare a qualcosa per la salute dei bambini, per fargli fare qualcosa…è un problema molto serio, perchè tenerli al chiuso stressa tantissimo il loro corpo… Altre restrizioni sono molto contraddittorie, perchè non si capisce se si può più andare a fare una passeggiata…pare si vada in questa direzione, e a me sembra esagerato… Ma sarà più pericoloso andare a fare la spesa piuttosto di quello che passeggia da solo… E’ vero che la passeggiata la puoi evitare mentre la spesa no, ma se mi attacchi il virus a me che mi importa se eri andato a passeggiare o a fare la spesa…”

Daniele Lo Monaco (Tele Radio Stereo): “La data del 3 maggio per far ripartire il campionato? Inutile fare ora previsioni. E’ ovvio stabilire degli slot che occorrono per concludere la stagione, ma sulla data nessuno può dare indicazioni. C’è convergenza per far tornare ad allenare i giocatori dal 5 aprile, con tutte le precauzioni del caso… Si spera che in queste due settimane il numero dei contagi diminuisca, la fase acuta passerà, poi si dovranno valutare le possibili ricadute, ma ricominciare a giocare a porte chiuse sarà possibile…mica possiamo pensare che tutto si sia fermato, che è tutto finito, altrimenti ci estinguiamo con un suicidio di massa…”

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio): “Dovete evitare che ci sia un’Italia che va avanti e un’Italia sempre in balia degli eventi, che paga sempre i problemi… Se non lo evitate, se muoiono le piccole e medie imprese, qua scoppia qualcosa di grosso che manco l’esercito basta…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Allenamenti? Spero che il governo intervenga e impedisca ai folli di fare una follia. Far allenare i giocatori ora è una follia, non mi interessa niente se si tratta della Lazio o del Napoli, è una follia e basta. Non si può ragazzi, dai…”

Roberto Renga (Radio Radio): “Tornare ad allenarsi? Non lo faranno. Lo faranno tutti dal 4 aprile. E’ chiaro che tutte le società devono partire alla pari, ci sono club in quarantena e sarebbe fortemente ingiusto. I giocatori rischiano molto, dovrebbero uscire di casa, dovrebbero comunque dividere gli spogliatoi. Il calcio bene che va ripartirà il 2 maggio, nella migliore delle ipotesi, e quindi gli allenamenti riprenderanno il 4 aprile, che basta e avanza…”

Franco Melli (Radio Radio): “Bisogna essere compatti e in armonia nelle idee. Questi sono rigurgiti del passato che non deve esserci più. Servono decisioni serie, che tengano tutti al riparo da questa malattia incredibile e mortale. Bisogna ripartire con una certa sicurezza…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Bisogna avere una decisione definitiva che venga dall’alto. Io mi sono affacciato dal terrazzo e vedo che cambia poco… Se alla gente non gli dai la direttiva…e così deve essere anche nel calcio. Spadafora deve dire che si riparte quel giorno lì, e deve essere un ordine. Devi stabilire che si fa così per tutti, lo devono imporre, altrimenti ognuno va per la sua strada…”

Redazione Giallorossi.net

18 Commenti

  1. Mi meraviglio di come il mio pensiero, sui temi sociali e non calcistici, si allinei a quello di Focolari.

    “Riprendere gli allenamenti tra una settimana? Sono delle provocazioni, gli allenamenti non si possono riprendere.”

    “Io non voglio essere retorico, ma pensate a quello che stanno facendo i medici, ai sacrifici che fanno, e dobbiamo stare qui a preoccuparci dei giocatori…ma stiamo scherzando?”

    “Allenamenti? Spero che il governo intervenga e impedisca ai folli di fare una follia”

    “I calciatori? Se non lavorano, non dovrebbero essere pagati… Se un bar chiude tre mesi, secondo voi al barista lo pagano?”

    • Coronavirus: – Higuain, Pjanic e Khedira rompono la quarantena della Juventus e fuggono da Torino…
      Appena letta – Da non crederci -.-

  2. Annulliamo TUTTO, se tutto andrà bene il prossimo anno si ricomincia da zero, cancelliamo tutto quello che ha e che ha avuto a che fare con il calcio in generale quest’anno, possibile che non si pensi alla vita umana di tutti????

  3. C’è il coprifuoco, quindi chi si allena deve essere tradotto nelle patrie galere. Punto. A meno che il coprifuoco non valga solo per noi comuni mortali. In entrambi i casi il calcio datevelo in faccia, le persone normali hanno incombenze molto diverse, al me

  4. Ma sti radiolari che fanno ancora in frequenza??? lasciamo lavorare in radio solo quelli che dicono cose sensate, in merito al periodo di difficoltà.

  5. Senza alcuna esitazione:
    Chi ancora non l’ha fatto Per favore si guardi il video dei Militari che portano via le Salme
    Proteggete la vostra vita Quella dei vostri Figli Futuro e quello dei vostri cari
    Ma sopratutto Proteggiamo “Il loro ed il nostro Futuro”
    In questi momenti – Al diavolo il Dio Denaro e le cose “futili” La vita viene prima di tutto!
    In tali frangenti – Restate a Casa!
    Almeno per quest’anno STOP AL CALCIO
    “Io non dico di estinguerci con un suicidio di massa” – Tuttavia:
    Però in taluni casi la Sopravvivenza di qualunque essere umano, deve diventare una Priorità Assoluta! Lo Monaco A fanc. Te ed il Campionato!!!

  6. ERKOVIDD
    – Ma insomma – dice che cor callo dovrebbi da attenuasse ‘n po’.
    – See, tutti scienziati semo diventati, ognuno deve pe’ forza da di’ la sua. Mo’ so’ tutti virologgi, quanno c’è stato er teremoto ereno tutti vurcanologgi..
    – Sismologgi, che vurcanologgi, c’hai popo ‘a terza media!
    – Scusa Ce’, è che so’ nervoso. Mi’ moje nun la reggo più, i regazzini so’ ‘n macello, nun riesco ppiù a tenelli a bbada. Pòi c’ho er probblema de lo smart workinghe.
    – De “che”?
    – O smart workinghe.
    – E che è?
    – Che vado ar lavoro co’ la Smart, a Cecio! (E io ancora che perdo tempo co’ questo). Vabbè. E invece te che fai?
    – E che faccio? Porto er cane fòri la matina, poi vado a fa’ la fila pe’ pija’ er zucchero Pan degli Angeli pecchè Sabbrina alle 4 c’ha ‘r corso de cucina su Instangramme. Pensa che ce se trucca pure apposta!!!
    – A me ‘o dici? Debbora ogni sera c’ha l’aperitivo su feisbuk co’ l’amiche sue, oggi m’ha costretto a fa’ du’ ore de fila pe’ le noccioline!
    – Pensa che io so’ stato obbligato a canta’ “I mijori anni de la nostra vita” sur barcone vestito da Zoro, cor vicino (che tra l’altro m’è sempre stato sur cazzo perché è da’ Lazzio) che m’accompagnava cor banjo!!! Te rendi conto? ‘N metallaro come me!!!
    – Bono, che io pe’ tenemme ‘n po’ ‘n forma ‘a sera me faccio i gradoni sur pianerottolo de casa insieme co’ quello de la porta de fronte, quello mezzo sordo.
    – Ma, de la Lazzio che vò ggioca’ pe’ forza?
    – Lotito è scemo, vabbè che spera nell’immunità der gregge, come ha detto Boris Becker.
    – Chi?
    – Boris Becker, er presidente inglese.
    – Ben Johnson, vòrai di’, sei popo ‘na zzappa!
    – Vabbè, quello.
    – Vabbe’, mo’ te lascio, me vado a rivede’ ‘a replica de Roma-Dandii su yuoutubb.
    – Bonanotte, Aspe’, mo’ te ‘nvio una che c’ha du chiappe!! Me l’ha mandata Osvàrdo!
    – Lassa sta’, che mi’ moje me marca a omo e me controlla er telefonino, e so’ costretto a chiudeme ‘ar cesso!

  7. Consentitemi di lanciare un appello diretto a coloro che attraverso i Social cercano di sminuire oppure addirittura di invogliare a trasgredire le varie ordinanze ATTENZIONE:
    Gli uomini della Polizia Postale, stanno avviando indagini su 30 persone, tutte disinvoltamente impegnate a far sapere ad amici (di Fb) e follower di infrangere i divieti anti-convid, raccontando di spostarsi come prima, più di prima, e invitando tutti gli altri a fare altrettanto Una condotta non solo dannosa e allarmante ma che viene considerata anche un reato. L’accusa è istigazione a delinquere.
    La Polizia Postale sta già procedendo all’identificazione dei profili social incriminati, spesso individuati tramite la piattaforma di segnalazioni del commissariato online. Gianluca S., che diceva «non c’è un morto di coronavirus Addirittura si vantava avvisando con una pistola in evidenza le Forse dell’Ordine A buon intenditore poche parole, che poi si è scoperta essere un giocatollo» Ma ce ne sono tanti altri, a decine
    tanto è che: «I controlli contro i reati online sono stati rafforzati», spiega Nunzia Ciardi, direttore della Polizia Postale. «C’è stata una vera e propria esplosione di “cyber crime”, in questi giorni. Gridare al complotto, mentre siamo tutti a casa in una situazione d’emergenza, non è solo assurdo, è anche gravissimo. Come precauzione, non servono mascherine e guanti: «Basta non fidarsi del passaparola».
    Si rischiano ammende pesantissime e sino ai 15 anni di carcere
    Poi si faccia come meglio si creda, pensando però al fatto che di pelle ve ne è una sola A buon intenditor…

    • In quale direzione stiamo andando?

      Nemmeno la guerra avrebbe potuto far accettare alla popolazione misure di tale portata.
      Ma questo nuovo totalitarismo ha il volto della Scienza e della Medicina, della neutralità e dell’interesse comune.
      Intanto le industrie farmaceutiche, delle telecomunicazioni e delle nuove tecnologie troveranno la soluzione…

      In Cina impongono la geolocalizzazione e usano il riconoscimento facciale per garantire la reclusione di ogni cittadino in casa propria.
      Oggi anche qui lo Stato ci impone la sua “protezione” attraverso divieti, confini e uomini armati.

      Quanto durerà questa situazione? Due settimane, un mese, un anno?
      Sapete che in Francia lo stato di emergenza dichiarato dopo gli attentati è stato rinnovato più volte, fino all’integrazione definitiva nella legislazione delle misure adottate?

      Cosa sarete disposti a tollerare per questa nuova emergenza?
      E per la prossima?

    • @Anacronistico Ritengo che ognunoo possa vivere questa situazione come meglio creda
      Ha pieno diritto di farlo Tuttavia, non penso che si possa gridare al Complotto quando vi sono Cifre e centiaia di “Bare” a testimonianza di ciò che stà accadendo E’ da folli
      Quindi (Non di certo riferito a te) Ma là dove attraverso il tuo frasario e la tua “ideologia” spingi una persona a commettere un “reato” violando apertamente la Legge, devi assumerti le tue responsabilità e pagarne le conseguenze Sopratutto se queste recano danno ad altre persone!
      Tali disposizioni sono un pagliativo, non servono a nulla, è clima dittatoriale oppure…
      Non lo sò Non sono un esperto in materia Però di una cosa son sicuro:
      Che se a causa di un mio gesto scellerato, mettessi a repentaglio la vita di un qualunque membro della mia famiglia o di un’altro essere umano, unicamente per soddisfare una mia “ideologia o futilità” non potrei piu’ vivere La mia Coscienza non me lo permetterebbe Spero di essere stato chiaro!

    • Buon Flaco, da come ti leggo qui sul forum mi sembri una persona sensibile ed è giusto che tu prenda tutte le precauzioni che ritieni necessarie.

      Ci tengo però a farti notare che anche i provvedimenti presi dall’autorità e a quanto sembra accettati dai più sono frutto di un’ideologia.
      Perché non esiste IL modo di affrontare l’emergenza e ricordo bene i pareri discordanti tra gli stessi virologi quando il covid19 sembrava solo l’ennesimo guaio sanitario dall’altra parte del mondo (pareri discordanti che, ovviamente, oggi sono stati “silenziati”).

      La scienza, la tecnologia, la medicina, non hanno nulla di etico in sé per sé: sono degli strumenti nelle nostre mani e sta a noi decidere l’utilizzo che se ne vuole fare…

      Comunque già immagino il piano industriale che ci verrà imposto post-crisi per la ripresa economica, quanto gioverà alla salute che oggi ci è la nostra priorità.

  8. Da ragazzi si andava al parco…..due giacche a fare i pali….passaggi e tiri in porta….distanti almeno tre metri l’uno dall’altro……il portiere si tuffava anche senza l’erba…..e poi a casa senza doccia. Ecco questo si può fare… chiunque pensi di fare più di così deve cercare il suo cervello e…se lo trova….parlarci e spiegarglielo. Poi per gli esseri unicellulari…panzoni e chitarristi…. c’è la magistratura..Un abbraccio……

  9. La decisione è già venuta dall’alto. Ci ha pensato Dio….il Virus decreta la fine del Campionato, fatevene una ragione. Impossibile tornare a giocare se nessuno può garantire che tutto sia finito! Lotito mettete l’anima in pace, certo che il prossimo anno 15 rigori a favore, tempi di recupero illimitati e una stagione senza infortuni e squalifiche te la scordi…..tornerete a lottare per la Retrocessione e siccome siete maledetti e blasfemi, il Signore vi punirà e sarà Serie B!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome