“ON AIR!” – CORSI: “Via subito Aouar, Smalling e Sanches per prendere un difensore forte”, PETRUZZI: “Mazzata per Belotti, ha capito che Azmoun lo ha scavalcato”, NARDO: “Tra due domeniche potremmo anche essere davanti al Napoli”

28
1007

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

David Rossi (Rete Sport): “La Roma col Servette non deve pensare solo a vincere, ma anche a fare tanti gol. Io però penso che sia più facile pensare a una goleada nell’ultima in casa contro lo Sheriff piuttosto che giovedì in Svizzera. Io fra l’altro non sono così convinto che lo Slavia farà sei punti nelle ultime due partite. Stiamo parlando dello Slavia Praga, non del Brasile degli anni 70…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “La Roma non è la squadra che gioca peggio in Italia, ma a me la storia del bel gioco o del brutto gioco non la sfioro nemmeno, non me ne importa niente. Io domenica ho visto la solita Roma: un tiro in porta in 45 minuti. Non lo dico per togliere, ma per fotografare la realtà. E ne sono contento, perchè in 45 minuti non hai rischiato niente. Ma non era una Roma scintillante. La Roma è riconoscibile, è quella: solida, che controlla il gioco e che vince grazie alla qualità dei singoli. A me sta bene, ne sono contento. Dybala? L’ho visto molto bene domenica, questo mi fa ben sperare…”

Vincent Candela (Rete Sport): “Vittoria importante quella di domenica, bene il quinto posto, e ora ai due partite in campionato dove puoi continuare a fare punti…”

Claudio Moroni (Rete Sport): “Non cambierei troppo giovedì, massimo 3 o 4 giocatori, perchè devi provare a fare la goleada per via della differenza reti. Io penso che in attacco giocherà Belotti con Lukaku. Aouar? Farà fatica a rientrare, ma avrà le sue occasioni. Azmoun? E’ forte, resistente, scattante…non è un lentacchione…mi piace. E spero di poterlo vedere presto anche in Europa…”

Fabio Petruzzi (Rete Sport): “Per Aouar quella di domenica è stata una bocciatura, non entra nemmeno dalla panchina. Ma penso che giovedì giocherà titolare. Belotti? Ha capito che nella gerarchia di Mourinho ora anche Azmoun gli sta davanti, e questo può essere una mazzata… La Roma è una squadra che purtroppo non chiude le partite, ma cerca di gestire l’1 a 0. Non è che puoi sempre ribaltarla negli ultimi minuti. Io dico che ogni tanto puoi provarci a giocare con due punte e Dybala dietro, e provare a chiudere una partita 2 o 3 a 0… Friedkin? Ma che gli vuoi dire: ogni anno ha portato un pezzo da novanta, prima Mourinho, poi Dybala e poi Lukaku…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Bove non è solo polmoni, il gesto tecnico della palla data domenica o il gol con lo Slavia lo dimostrano. Si sta guadagnando un posto, e penso che giocherà titolare col Servette. Aouar? Se la Roma potesse vendere di corsa sia lui che Smalling, e rimandare subito a casa Renato Sanches, e ce la facesse a prendere un difensore centrale, sarebbe tanta roba… Cinque cambi col Servette? Forse è troppo, ma ora si gioca spesso e tu stai dietro in campionato, sei costretto…”

Emanuele Zotti (Tele Radio Stereo): “La Roma a Praga ha provato a fare il minimo sindacale, e questo ha compromesso il primato nel girone. Per provare a evitare il playoff di febbraio, per me giovedì devi andare col fucile spianato in Svizzera e provare a fare più gol possibile…Mi aspetto una formazione rivoluzionata, tranne per la difesa, con Aouar e Bove a centrocampo, Celik e Zalewski sulle fasce, e Belotti con Lukaku in attacco…”

Alessio Nardo (Tele Radio Stereo): “La Roma dovrà cercare di fare punti nelle prossime due partite e approfittare anche delle gare delle altre…Le prossime due sono Sassuolo-Roma e Roma-Fiorentina. Il Napoli invece avrà Inter in casa e Juventus fuori…secondo voi c’è la possibilità di essere davanti agli azzurri tra due giornate?…”

Augusto Ciardi (Tele Radio Stereo): “La Roma è una squadra che può competere per il quarto o quinto posto. Questo significa che almeno fino alla penultima giornata devi stare lì a giocartela punto a punto. Se dobbiamo fare il campionato dei rimpianti, tutte le squadre sarebbero iscritte. Perchè noi diciamo “se la Roma avesse fatto quei punti a inizio stagione…“, ma questo allora vale anche per il Napoli, che per i punti persi c’ha cambiato allenatore. E allora la Lazio, che ha perso 6 partite su 13? Questo gioco delle recriminazioni non regge…”

Redazione Giallorossi.net

Articolo precedenteSERVETTE-ROMA: arbitra il polacco Stefanski
Articolo successivoGiudice Sportivo: due giornate di squalifica a Foti. Mancini resta in diffida, seconda sanzione per Pellegrini

28 Commenti

  1. Finalmente nessun pensiero di Focolazie Agresti Damascemo Visnadi Orsi Mattioli riportato su un sito ROMANISTA!!! Spero si continui cosi da oggi in poi….Forza Roma SEMPRE,

  2. Qualcuno di buona volontà, regali un bel cesto farcito di prosciutti, cotechini e affettati vari a Corsi per Natale. Magari se placa un pochetto!

    • La paura del rientro di Smalling è tanta. Una Roma solidissima dietro e dominante sui calci piazzati offensivi e difensivi fa paura a tutti (lo sanno benissimo tutti tranne voi tifosi da chat). Peccato per l’assenza del leone inglese e di qualche valutazione errata di JM (Kardorsp è fondamentale per la fase difensiva, l’apporto offensivo e scarso ma noi dobbiamo difendere in modo perfetto, tanto prima o poi troviamo il gol) che comunque a differenza di tutti gli altri è in grado di capire e correggere.

    • Il leone e’ carnivoro. I vegani no. Se Chris avesse saltato le prime partite, avremmo2-3 punti in più.

  3. Il mondo è pieno di se e di ma però: Se la rubens fosse stata penalizzata come si deve. Se scazzie e bilan non avessero goduto dei soliti favoritismi ma sopratutto se in Italia vi fosse un Campionato REGOLARE… Quanti cambiamenti vi sarebbero stati, quali situazioni avremmo vissuto? Mai una volta che avessi letto o sentito una dichiarazione del genere da parte di costoro. Mai una crociata contro quello strapotere Istituzionale che sta affossando da anni il Calcio Italiano. Solita comunicazione da operetta, meglio soprassedere!

  4. Ma Petruzzi ce fà… o c’è? Me sa tanto che ce fà (me pare che n’tira se n’coje e qualcosa deve coje. Ha giocato in A e pare che non capisce mai quello che succede… Pare)!!!

  5. Non credo che Azmoun e Belotti siano davvero in competizione. Hanno caratteristiche diverse e Mou li mette in base alle necessità che presenta la partita. Il competitor di Belotti è Lukaku.

    • pienamente d’accordo
      Azmoum è quello che deve accendere il gioco quando manca Dybala
      Belotti è abbastanza intelligente da capirlo

    • Senza Lukaku che magari entra poi?…
      Se pò fa’!
      Se c’è pure Dybala, là davanti, il mazzo se lo deve fa Belotti che Azmoun è meno propenso ai rientri in fase di non possesso… come Paulo.

    • Avete ragione scusate, Azmoun non è in lista UEFA.
      Stavo solo a pensà a come poteva giocà la Roma co’ Belotti, Azmoun e Paulo Dybala e non ho pensato alla lista.
      Pardon!

  6. Io comincerei con Belotti e il Faeaonw come punte. Poi farei giocare Bove, Aouar e in tempo a testa Cristante e Paredes! Sperando che Dibala e Lukaku non servono! Farli riposare sarebbe tanta roba!

  7. Petrù, già Nun valevi na mazza quando giocavi e te vedevo corre sul campo d’allenamento quando stavamo io e altri 200 romanisti VERI, mo te sei inventato esperto de calcio?
    sei romano, in campo te davi da fa pur essendo inguardabile ma per amor de Cristo, godite li sordi ma lassa perde.
    non esiste competizione:
    Belotti è un giocatore da Torino e Sampdoria che ha fatto due tre gol quest’anno, che sembrano 300 rispetto all’anno scorso.
    ma sempre da Torino o Sampdoria resta.
    azmoun non sarà Montella dei bei tempi (ma manco de quelli brutti), però qualcosa in più in fatto di qualità la da.
    Lukaku titolare fisso conoscendo Mou.
    gli altri a rota.

    • il gallo ( se non sbaglio ) ha archiviato 5 gol e 2 assist tra campionato e coppa ( 6 Gol con rete annullata ingiustamente con la Salernitana )

      in rapporto alle presenze effettive è un bel bottino

  8. il pastasciutta corsi vende tutti…a corsiiii aouar e’appena arrivato ed è forte diamogli io tempo, non è se ploce giocare nella Roma, basti vedere ndicka, molto in difficoltà al inizio sta crescendo, avesse la.giida del leone smalling crescerebbe ancora di più…quindi corsi magna sfamati e. on rompere le balle.. grazie..

  9. concordo con quasi tutti i post seri purtroppo bisogna capire che a Roma vige una regola strana…..il giocatore approda a Roma o perché è una pippa o rotto o perché non lo vuole nessuno….quindi Ndycka se andava al Milan era forte qui no se Dybala andava all’Inter era un mostro invece viene qua perché è rotto….. Strootmann era rotta Nainggolan ubriaco Lukaku finito….quelli che piamo noi so peggio de quelli …la Roma ha fatto finta de prende Zapata 30 anni a 8 milioni ed erano buttati invece l’Inter 14 milioni per arnautovic a 35 anni fa un affare….potenza della stampa

  10. Roma è stata la prima a avere tanti infortuni e questa cosa la ha penalizzato, tutti dicono che Inter vince lo scudetto perché e forte ma nessuno non dice che l’Inter non ha avuto infortuni e questa cosa sta facendo la differenza, dopo viene Juve perché è la prima cosa è che non fa cope europea ,. Roma a fatto mercato per essere tra le prime 4 . Ma con un rischio di avere infortuni ma non si aspettasse così tanti. Da Smoling Pelegrini e spinazola, anche una cosa è vero che Rui Patricio non te da quelli 7-8 puntini come un portiere è decisivo soprattutto in gare diretti .

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome