Ora il 4-3-3 di De Rossi è (quasi) completo: qualità e imprevedibilità le nuove armi della Roma

37
796

NOTIZIE AS ROMA – Con gli arrivi di Angelino e Baldanzi la Roma si regala due rinforzi di qualità per il nuovo 4-3-3 di mister De Rossi. Una squadra che aveva bisogno di ritocchi sugli esterni e che grazie al lavoro di Tiago Pinto è riuscita a sistemare le principali lacune in rosa per quel tipo di gioco.

Con Angelino la Roma ha finalmente il terzino sinistro mancino che è mancato per troppo tempo: lo spagnolo ha velocità, dribbling, e un piede educato che permetterà finalmente a Lukaku e compagni di poter godere di cross precisi dalla fascia.

Piccolo e agile, bravo nel palleggio, Angelino è il giocatore perfetto per il credo calcistico di De Rossi e per un 4-3-3 offensivo che vuole sviluppare il suo gioco specialmente sulle corsie esterne. Lo spagnolo si alternerà, fino a giugno, con Spinazzola. L’anno prossimo invece sarà molto probabilmente il giovane Oliveras a prendere il posto dell’ex Atalanta, destinato a salutare in scadenza di contratto.

Discorso un po’ diverso per Baldanzi, professione trequartista, anche lui calciatore di piede mancino. Un po’ come Dybala, non è un esterno di ruolo e mal si troverebbe a fare l’ala pura. Il 20enne dovrà lavorare molto per entrare nei meccanismi richiesti dal tecnico di Ostia: esattamente come la Joya, partirà più largo ma avrà libertà di movimento, dovrà fare da raccordo tra centrocampo e attacco partendo spesso più centrale.

Anche Baldanzi, così come Angelino, è un calciatore rapido e tecnico, imprevedibile, una dote che servirà come l’oro a una Roma apparsa un po’ troppo lenta e compassata. Il ragazzino ha tutte le carte in regola per esplodere, ma non va dimenticato che parliamo di un 20enne a cui non si possono dare troppe responsabilità. Andrà lasciato crescere con calma alle spalle di un campione come Dybala.

Se in attacco e in difesa le zone del campo sono tutte coperte da due calciatori per ruolo (ma al momento come vice Lukaku non c’è nessuno, dato che Azmoun è ancora impegnato in Coppa d’Asia almeno fino al 3 febbraio), a centrocampo la coperta resta un po’ corta per via del flop di Renato Sanches. Paredes, Bove e Cristante dovranno tirare la carretta, mentre da Aouar è lecito aspettarsi molto di più di quanto fatto fino a ora. Almeno fino a giugno, quando il nuovo ds avrà il compito di rimediare a questa grave lacuna. 

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteLIVE – Baldanzi è della Roma, contratto depositato in Lega. A breve l’annuncio, domani in gruppo con i nuovi compagni (VIDEO)
Articolo successivoNicolato: “Baldanzi è pieno di talento, ha giocate simili a Dybala. Lui e Bove destinati a migliorare continuamente”

37 Commenti

    • sono d’accordo con te Rudy, ma bisogna anche considerare che con mou, aouar ha visto il campo quante volte? 6 in totale? di cui 5 da subentrato? quindi magari sai potrebbe avere piú spazio no? e quindi l’opportunitá di dimostrare

    • 433 con angelino uno dei 4?
      angelino,aouar,baldanzi,dybala,ninnolo,pisolo,gongolo…
      ma che mi tocca leggere….

  1. come si fa a dire che il 433 è completo senza un esterno destro?
    dybala non lo è
    è una seconda punta (o anche una prima)

    se gioca sulla destra è perché è la sua zona di campo dove da dove preferisce partire, ma ha bisogno di un esterno dietro che gli apra il campo portando via l’uomo.

    da solo, lì a destra, si ritrova due uomini addosso prima ancora che il pallone lo raggiunga.

    si è visto, in queste due partite, quanto sia penalizzato da questo modulo.

    • Lo aveva già fatto alla Juve quel ruolo di ala destra e lo fa tutt’ora con l’Argentina alternandosi non con un tizio qualunque ma con un certo Lionel Messi.. e per larghi tratti anche con buoni risultati

    • Sono d’accordo. Il modulo ideale è il 4-3-1-2 con Baldanzi dietro a Lukaku e Dybala. Così ci potremo divertire.

    • ma perché dybala se deve ancora allena…ahaha..dybala con l’Argentina nn vede il campo ma che scrivete..messi docet.

    • lupo Romolo…
      l’Argentina gioca 4231
      la Juve con dybala giocava quasi sempre 352 (con le varianti che utilizzava anche Mourinho qui a Roma)

      il 433 prevede che l’esterno copra tutta la fascia e che si impegni anche nella copertura in fase di non possesso

      quello che penso io è che se, come dicono, il terzino destro sarà quello più bloccato per sfruttare le qualità offensive di Angelino, Dybala troverà molte difficoltà nel 433 o comunque senza un esterno di fascia “presente”.

      Alla Juve aveva Quadrado, che non è poco.

      Lui rende, e fa rendere, con un esterno di fascia che vada sul fondo.

    • Hai ragione, difatti non giochiamo 4-3-3, ma 4-3-2-1, con 2 giocatori sulla trequarti. Poi Elsha tende a fare un lavoro da ala perchè è più nelle due corde (e perchè a sinstra abbiamo terzini più di spinta), ma Dybala fa proprio un lavoro da 10. Si allarga, si accentra, si abbassa, attacca la profondità etc… Di fatto poi Karsdorp e Bove rimangono spesso e volentieri più bassi proprio per sanare questa cosa che Dybala non fa da ala pura in 4-3-3

    • @Luciano
      infatti rispondevo all’ articolo di apertura che parlava di 433 e di sviluppare il gioco sulle corsie esterne.

      a mio modesto parere, la Roma perlopiù continuerà a giocare a 3 dietro, magari portando uno dei centrali a turno a avanzare partecipando alla manovra

    • Ma sono forse l’unico che ha trovato l’articolo di Fiorini ironico?
      “Grazie al lavoro di Tiago Pinto (ndr La Roma) è riuscita a sistemare le principali lacune in rosa per quel tipo di gioco”.
      Lo capisco quando qualche tempo fa scrisse sui colpi show americani arrivarono flotte di troll.. ed alcuni reclamarono con la Redazione che alcuni voci critiche verso la società non fossero subissate di pollici versi.
      Angelo sei sempre la penna che leggo più volentieri sul sito.
      Credo anche io che DDR ed i Friedkin non abbiano più scuse .. abbiamo una squadra da Champions.

  2. La rosa è tutt’altro che completa, senza contare che, per contingenze varie, diversi giocatori, se le cose dovessero andare male, staccherebbero la spina anzitempo.
    Occhio a ricominciare con “favoriti per il quarto posto” ed altre fesserie agostane.

    • In effetti dovremmo avere una rosa di 35 elementi.
      Poi ne puoi iscrievere 25, di cui solo 17 liberi,
      ma non siamo completi….

      La Rosa E’ completa.
      Il problema è il livello.
      Sono due cose diverse.

    • La rosa non è completa, basti vedere le scelte come terzino sinistro e l’assortimento dei centrocampisti centrali. Non basta fare l’album delle figurine per giudicare la rosa, e non è solo una questione di livello.

  3. Paredes, Bove, Cristante devono tirare la carretta……. Aouar deve fare di più……
    Invece Pellegrini va alla grande e neanche viene nominato…… Ottimo!!!

  4. ma abbiamo venduto Pellegrini?
    perché quando parla di coperta corta a centrocampo parla solo di Cristante Bove Paredes Aourar e Sanches…
    Se rimanessero con il 433 anche l’anno prossimo:
    VIA: SANCHES, SPINAZZOLA, CELIK, KARSDORP, ZALEWSKY, AZMOUN(FORSE), KUMBULLA, BELOTTI.
    DENTRO: LUKAKU (CONFERMA), TERZINO DX FORTE, TERZINO SX DI RISERVA, ALA SX FORTE, CENTROCAMPISTA BOX TO BOX.
    Vorrei una roma con giocatori di ruolo e integri anche se non fenomeni.

  5. ma l hanno spiegato che Angelino vero nome jose angel ahaha, e alto un metro e un barattolo, che a livello difensivo se lo magnano ahaha

  6. Sarei curioso di sapere se queste operazioni di mercato siano state condotte da PINTO o dal nuovo DS in arrivo, perchè alla fine non sono niente male, almeno, come si dice, sulla carta!
    Non escluderei che PINTO a Roma si sia fatto condizionare da un mostro di allenatore come MOU che, giustamente, chiedeva giocatori esperti per vincere subito qualcosa, salvo poi in emergenza ritrovarsi costretto a far giocare qualche giovane.
    Io terrei PINTO e gli affiancherei TOTTI che con la sua società di scouting potrebbe aiutarlo a scovare qualche giovane da prendere prima che costi 15milioni come BALDANZI.

  7. esatto. pisilli deve entrare nelle rotazioni.
    Con 2 o tre partite in serie a può dare il suo contributo.
    Ci dobbiamo puntare. Non possiamo aspettare 3 anni come con bove. Anche se rischiamo di bruciarlo, ma se sei forte non ti bruci.

  8. Angelino e Baldanzi non sono giocatori da 4-3-3.

    Prevedo che quando (se) Smalling rientrerà in squadra, DDR tornerà alla difesa a tre.

  9. Il problema della Roma era e rimane a centrocampo. Con due bradipi come Cristante e Paredes schierati insieme, non cambiano di una virgola gli inserimenti di Angelino e Baldanzi.
    Quest’ultimo riserva era all’Empoli e riserva parte nella Roma.

    • Il problema della Roma è in quasi tutti i ruoli. Certi giocatori sono idonei per la difesa a tre, certi per quella a quattro ( anche se giocatori di serie A dovrebbero saper giocare con tutti i moduli) I centrocampisti hanno certe caratteristiche, alcuni si sovrappongono, l’elemento che doveva dare dinamicità al centrocampo è un elastico rotto, laterali che non sanno coprire, interni e ali messi a giocare tuttocampo, Ma alla fine il problema della Roma, ma è un problema pluriennale, è che non sappiamo giocare senza palla, nessuno si smarca, suggerisce un corridoio, tutti ad aspettare che la palla arrivi sul piedino mentre l’avversario te la soffia. passaggi anonimi e sbagliati, e per non sbagliare (?) palla indietro!

    • Se un 2003 arrivasse qui da titolare in un ruolo come quello di trequartista non costerebbe 15 milioni, suppongo, a meno di non andarlo a scovare con lo scouting come abbiamo dimostrato ampiamente di non saper fare.
      Non capisco però se la critica sia costruttiva o si limiti a fare muro visto che il rinforzo di gennaio non è stato nè Kumbulla, nè Stokà.

  10. riserva perchè ha avuto problemi alla caviglia. Lo scorso anno contro di noi la palla la faceva passare sopra le orecchie dei nostri. Per me giocherebbe lui, se sta bene, anche al posto di pellegrini.

    • soprattutto al posto di Pellegrini, uno che gioca decentemente una partita e poi per 4 scompare, o che tutte le volte che è chiamato contro una big a fare quel salto di qualità e caricarsi sulle spalle da capitano la squadra non fa, e non giustifica a questo punto un ingaggio da Top Player che non è e che non sarà mai. Se qualcuno da quando e stato ricomprato dal Sassuolo ha visto queste caratteristiche porti le prove. Io fino ad oggi gli do un non pervenuto, come quando arriva nei pressi dell’aria di rigore e puntualmente non vede il compagno libero meglio posizionato di lui e si intestardisce tirando stracci bagnati o sui difensori avversari

  11. Mi aspetto un cambio modulo ! sono curioso di vedere chi sarà il prossimo DS da lì capiremo tante cose .Se si riuscisse a prendere anche Zanimacchia a destra sarei ancora più tranquillo dato che abbiamo due calamità a destra. il prossimo anno vedremo quanti dei topini andranno via da Roma karsdrop , Spinazzola, pellegrini, zalesky, smolling, Sanchez e chi veramente scarso come Kristensen, se andranno via avremo la possibilità di avere una Rosa degna sennò fra due anni cambieremo l ennesimo allenatore.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome