Ora la Roma sogna Kamara. Con Darboe all’Anderlecht l’affare è possibile

84
1628

AS ROMA NEWS Un altro colpo è possibile. Il nome in auge resta quello di Boubacar Kamara, 22 anni, giocatore eclettico e giovane, che nella rosa della Roma potrebbe occupare la casella di mediano ma anche di centrale difensivo.

Un giocatore che piace moltissimo a Trigoria, e non solo. Il problema sta tutto lì: sono tantissimi i club in fila per il promettentissimo giocatore franco-senegalese, e quando devi scontrarti con le società inglesi il compito diventa molto complicato. Per non dire impossibile.

Anche perchè Kamara, forte di un contratto in scadenza e del pressing che arriva dalla Premier, chiede uno stipendio da top player che la Roma al momento non può permettersi: quasi 5 milioni di euro all’anno. A meno che Tiago Pinto non riesca a cedere un altro giocatore a titolo definitivo.

Gli indiziati al momento sono due: Amadou Diawara, che però sembra ancora piuttosto restio a salutare Trigoria, e soprattutto Ebrima Darboe. Il giovane centrocampista gambiano è da tempo nel mirino di qualche club estero, in primis l’Anderlecht. La Roma gli ha da poco rinnovato il contratto, ma davanti a un’offerta allettante che permetterebbe al club una plusvalenza pulita e consistente non direbbe di no.

E a quel punto Pinto potrebbe avere le armi giuste per chiudere l’operazione Kamara. Sempre considerando che la volontà del ragazzo sarà decisiva. Per questo Mourinho stesso si è già mosso per spiegare al calciatore francese quanto sarebbe centrale nel progetto che la Roma ha in mente per tornare grande.

Giallorossi.net – G. Pinoli

Articolo precedenteGiannini: “Alla Roma lo spessore caratteriale fa la differenza, ma non deve essere solo una prerogativa di Mou”
Articolo successivoAndreazzoli: “La finale di Coppa Italia con la Lazio la persero Totti e De Rossi”

84 Commenti

    • Ben venga…. Ma urlo quando leggo su Republica che adesso Mou, dopo Olivera,non ha più alibi… questo personaggio che scrive certe stroncxate forse l’ho sta aspettando per vederlo sul “patibolo” …deduco che è lazialese..

    • Kamara e Zakaria guadagnano già ora 3 ml.
      Grillitsch ne guadagna 2.
      Loftus Cheek 3,5.
      Senza parlare di Ndombele che ne guadagna 12.
      I giocatori bravi e già affermati hanno stipendi alti.
      Mi sembra ovvio che Zakaria e Kamara arrivando “quasi” a parametro zero chiedano di più.
      Lo stesso Sergio Oliveira guadagnava 1,7 e da noi ne prenderà 2,5.
      Comunque se Kamara dovesse rimanere a Roma 2 anni, col decreto crescita il suo lordo si dimezzerebbe: quindi 5 ml si possono assolutamente accordare.

    • Mario, stai sicuro, ci proveranno in tutti i modi a sgonfiare Mourinho, i Friedkin e i tifosi, ma dovranno farsi passare la sete col prosciutto, diamo tempo per lavorare a tecnico e società, poi stiamo a vedere chi rosicherà davvero.
      Peccato per quest’anno, con la squadra non molto diversa e non migliore di quella dell’anno scorso (non dimentichiamo che sul mercato in entrata pesano tutte le zavorre rimaste attaccate con la colla alle panche di Trigoria) neanche Mourinho poteva fare grandi cose, e ha anche sbagliato più di qualcosa finora.
      Ma da adesso in poi la musica comincia a cambiare e se arriva anche un centrocampista sarà solo l’inizio della ricostruzione.
      Fra non molto tutti dovranno preoccuparsi veramente, neanche più le porcherie arbitrali basteranno, che solo una Roma fatta in gran parte di giocatori scarsi e sopravvalutati deve temere i torti e gli episodi sfavorevoli.

    • Prima di parlare di signor nessuno rifletterei. E’ uno che a 22 anni ha più di 100 presenze in campionato e una ventina tra CL e EL. Ha più pedigree lui che il 90% dei calciatori che abbiamo in rosa.
      E’ chiaro che se si libera a zero non chiederà mai meno di quella cifra. Probabilmente già il Marsiglia gli avrà offerto un contratto importante che lui ha rifiutato.
      Continuo a credere che Kamara sia già bello che andato in qualche club della Premier.
      Se riuscissi nell’impresa di prenderlo sarebbe un segnale importante per un club come la Roma che in questo momento storico ha un appeal internazionale deficitario.
      Vorrebbe dire che c’è comunque fiducia nel piano di rilancio della società e in Mourinho.
      Fermo restando che con nessun giocatore hai la garanzia al 100% che ti renda per ciò che l’hai pagato, è inevitabile.
      Comunque sia abbiamo già visto che gli investimenti, per quanto onerosi, su un giovane difficilmente si trasformano in minusvalenze. Sarà più “pericoloso” eventualmente riscattare Sergio Oliveira.

    • @Vegemite,non credo la Roma sia disposta ad accordare quelli stipendio ad un ventiduenne ,ci sono anche equilibri di spogliatoio da mantenere. Se alzi l’asticella per lui,poi si alza per tutti e ti comincia a bussare il procuratore di Abraham,torna anche quello di Pellegrini

    • Monika, Pellegrini mi sembra che, euro più euro meno, su quella cifra ci sia già. Idem Abraham.
      Il curriculum di Pellegrini è migliore di quello di Kamara? Che ha tre anni abbondanti meno di lui? Perché dovrebbero bussare a denari in caso di arrivo del franco-senegalese?
      Sempre tenendo conto che si tratta di discorsi altamente ipotetici perché secondo me si tratta di un arrivo improbabile.

    • E certo, giocatori che hanno appena firmato contratti quinquennali vuoi che non vengano a chiedere adeguamenti visti gli straordinari risultati sul campo? Ma veramente…

    • UB, concordo su tutto, comunque vada per Kamara, a voler ingaggiare un giocatore giovane che faccia la differenza, accettare certe cifre è l’unico modo, soprattutto se parliamo di svincolati che possono scegliere dove andare in base ai quattrini che gli danno.
      Che poi si mettano in fila i procuratori di tutti gli altri, sta alla società gestirlo, chi non vuole rimanere, prego, si accomodi.
      Dopo l’arrivo di Abraham cosa abbiamo visto finora? Non mi è sembrato sia scoppiata la rivoluzione.

    • Se la Roma vuole crescere deve prendere giocatori forti e quelli costano..
      Se vogliamo restare al settimo posto per altri 3 anni allora va bene non prendiamo Kamara, altrimenti Friedkin date il budget a Pinto e finiamola così.
      I problemi dello spogliatoio sono cavolate… voglio proprio vedere quali cuori di leone hanno il coraggio di chiedere un aumento dopo le figure di mer..a che ci fanno fare.
      Prendiamo subito tanto peggio di così non può andare..

    • @Carlo66: ciao Carlo. Anche in quest’occasione mi trovi assolutamente in linea con il tuo pensiero. Evidentemente abbiamo la stesa Forma Mentis.
      Commento soprattutto il tuo primo post e dico che veramente “gli leveremo la sete con il prosciutto”…
      Sono preoccupatissimi, TUTTI, dal giorno dell’ingaggio di Mourinho. Quello è stato NON il segnale ma la CONFERMA che i Friedkin stessero facendo sul serio; e questo ha terrorizzato tutti quelli che fino a quel momento se la sono cantata e suonata, con tutto il loro codazzo di “nani e ballerine”.
      Ci hanno provato, lo stanno facendo e continueranno a cercare di sminuire, svalorizzare la Vita della Roma. Tenteranno di seminare zizzania, manderanno arbitri e Var “fantasiosi” ecc…ecc…
      Alla fine dovranno accettare e piegarsi al “Nuovo che avanza” e verranno a Canossa con il capo cosparso di cenere.
      Il processo è iniziato ed è inarrestabile, perchè inarrestabili sono Mourinho, i Friedkin, ed i Tifosi della Roma.
      Ciao e sempre FORZA ROMA!
      Tempo, solo il tempo ci serve

    • Kamara lo consideriamo un giocatore ormai formato o un ottimo prospetto? Io non lo so, ma mi fido di Mou, che ha scoperto e lanciato tanti giovani, come Santon e Balotelli.

  1. Alla fie di tutto, per arrivare, qualcuno devi sacrificare… Kamara può giocare fome centrale di difesa e mediano, Darboe ( che non è male…) se non interessa a Mou, ha qualcosa come Villar, non vanno per il suo dogma…

    • Comunque il francese è tanta roba, ha più di 100 presenze con il Marsiglia, è un titolarissimo, ma la cosa che é stimolante, lo togli a mezza Europa. Sarebbe un gran colpo!

    • Darboe e Villar non sono proponibili quando si fa sul serio; se gli dai una spallata se ne volano oltre la linea laterale, non hanno né fisicità né grinta o carattere per giocare ad alti livelli o per dare un minimo di contributo propositivo.
      Kumbulla è un altro di questi giocatori evanescenti, nonostante la stazza, sembra spaesato al punto di non reggere nemmeno sui fondamentali da difensore.
      Un velo pietoso su Diawara, che come la partita si fa appena un pochino impegnativa se la fa letteralmente sotto e comincia a passare la palla solo indietro, fino a che finisce per perdere del tutto la testa e comincia a regalarla agli avversari finché non ci segnano.
      Mourinho di questa gente non sa che farsene, e ha ragione lui; con certa gente non puoi nemmeno tentare di spiegare nulla, non serve, non ci arrivano, devi solo liberartene prima possibile.
      Di Cristante mi spiace moltissimo non poterne parlarare bene tecnicamente, perché lo stimo assai per la persona che traspare dai suoi comportamenti; inoltre almeno ha carattere e ci mette il fisico, ha il tiro in porta, la prende di testa e ti fa il lancio lungo, ma il calcio a mio parere non è gioco per lui. Ciò nonostante, Mourinho si è dovuto attaccare a lui, al peggior Veretout di sempre e al sempre più discontinuo Mkhytarian per mettere su il suo centrocampo; dico, tanto per rendersi conto…
      Già solo pensare a questo stato di cose mi fa mettere da parte qualsiasi voglia di criticare il tecnico attuale, e a dirla tutta, anche il suo predecessore.

    • si, però a questo punto mi verrebbe da chiedermi perché quest’anno ci sia “il peggior veretout di sempre” e un “mhiky discontinuo” quando l’anno scorso – tra gol e assist – i 2 abbiano giocato una stagione strepitosa, battendo tutti i record personali

    • Davvero? Forse per metà stagione entrambi, da quando sono calati l’anno scorso non si è più visto granché fino ad oggi…
      Colpa di Mou…?
      O di Fonseca…?
      No dico io.

    • @Carlo66: e daje! Allora: o ci mettiamo d’accordo e una volta scrivi tu e l’altra io o non se ne esce!
      Me batti sempre sur tempo!
      D’accordo in toto anche qui! ‘N se ne po più! E basta! Oooooh…ma che? Davero davero?
      Ahahahahahah…ciao Carlè sempre Forza Roma!

  2. Ma Darboe quanto vale ? Secondo l’articolo circa 30/40 milioni, perchè ci devi comprare Kamara e inoltre garantirgli 5 milioni netti per 3 anni !!!!!

    • Kamara è in scadenza di contratto, ma quali 30 milioni, ma per favore…

    • e comunque il curriculum di Coric prima di venire alla Roma era molto buono.
      Campionato, champion’s league, nazionali giovanili e nazionale A.
      Poi in pratica non l’abbiamo mai visto.
      non scordiamoci che è stato pagato 6.5 milioni non 30 o 40.

  3. Sarebbe ora che gente come diawara Fazio santon portino rispetto alla Roma e a noi tifosi….
    Dovrebbero ringraziare per essersi arricchiti con i soldi della as Roma e togliere il disturbo

    Forza grande Roma

    • Ti ricordi quando chiamavamo Fazio “il comandante” ?
      I giocatori invecchiano e le societa’ debbono imparare a fare i contratti
      un poco di logica

      Tutto il sistema calcio ha bisogno di regole nuove per sopravvivere , pero’ fino a che ci sono queste regole il tifoso deve usare “coerenza” nei giudizi
      E’ stato un errore aziendale rinnovare a Fazio e Santon
      Diawara il suo lo fa come puo’ e sa
      Ricordo quando era oggetto di desiderio di molte squadre in A e la spunto’ il Napoli
      Ora alla Roma non serve e con queste regole ha un contratto che lo tutela

      Certo poi che deprezzare i propri giocatori non e’ il miglior modo di attirare le richieste dalle altre squadre

    • Sotto l’aspetto economico e professionale hai ragione

      Io parlo sotto l’aspetto umano e della dignità

      Forza grande Roma

    • Ma pensano ai loro interessi, cosa gli importa di noi tifosi ? Sono mercenari. Pero vorrei chiedere al loro posto saremo cosi altruisti ? Teniamo anche conto che non sono tifosi della Roma, cosi come di altre squadre, sono solo dei stipendiati.

    • @romano non è che se vanno alla Samp diventano poveri eh. Se quello è il lavoro che vuoi fare allora sei disposto pure a ridurti un minimo lo stipendio, tanto al massimo il sacrificio che fai è comprarti un Patek in meno, e non ne sono manco sicuro visto il tesoretto che si sono messi in tasca con i contratti di una carriera

  4. Premettiamo che non è il lavoro nostro (almeno il mio), ma se fosse possibile voi rischiereste un contratto da 5 milioni l’anno ad uno che al momento è solo un bel prospetto? Personalmente non lo conosco,ma presumo che se è cercato dagli scout di mezza Europa evidentemente qualcosa promette. E qui si torna al grande dilemma:se lo prendi e questo non ti rende,si dirà che i dirigenti sono degli incapaci perché hanno fatto un contrattonead un semi sconosciuto che non aveva dimostrato nulla; se non lo prendi e questo si conferma uno molto bravo,si dirà che i dirigenti sono degli incapaci perché se lo sono fatti scappare…..
    Come è successo per schick e iturbe, dove eravamo riusciti ad anticipare la folta concorrenza e quando li abbiamo presi eravamo tutti convinti di aver fatto il colpaccio.
    Tutto questo preambolo per dire che noi tifosi siamo sempre bravi a giudicare e a massacrare DOPO ,quando ovviamente è tutto più facile sapendo come si sono evolute le cose….
    Se dipendesse da me mi orienterei su giocatori già pronti e rodati.
    In ogni caso FORZA ROMA SEMPRE!
    Battiamo il Cagliari e risaliamo in classifica.

    • Anche i giocatori rodati sono un’incognita, nessuno ti assicura che vengano qui e giochino per quello che sono stati pagati. Nel calcio vince chi fa meno errori, non chi non sbaglia mai.

  5. Dovremmo smettere di pensare a cartellini e plusvalenze e ragionare sugli ingaggi. Per la Roma Kamara vale 50 milioni lordi in 5 anni? Se li vale prendiamolo, altrimenti cerchiamo altro.
    Al Bayern, che qualcosa ha vinto, ogni anno va via qualcuno a parametro e nessuno si strappa i capelli.

    • Io l.ho visto giocare, è uno che ti entra sempre il tackle e fa ottimi recuperi difensivi. Na bella bestia. Certo non è un fenomeno ma è forte

    • @slimer se entra sempre in tackle alla Roma giocherebbe la metà delle partite l’altra metà sarebbe squalificato, o le partite non le vedete.

    • Ho visto tutte le partite del Marsiglia, o quasi, quest’anno, quindi un giudizio posso darlo tranquillamente, non è che per giudicare un giocatore ci voglia una laurea in ingegneria informatica. Comunque alla luce di certi acquisti sì, la Roma dovrebbe scegliere qui i suoi osservatori.

  6. Ottimo Kamara, ma privarmi di Darboe non lo farei. In prestito si, ma perderlo mi dispiacerebbe. A mio modesto parere e’ un bel giocatore e giovanissimo, potrebbe essere un top fra qualche anno. Ma con tutte le mezze seghe che abbiamo proprio I giovani teoricamente promettenti dobbiamo dare via definitivamente ?

  7. Sarebbe anche ora ricordare che non più di 3 anni i soliti cesaroni che rappresentano purtroppo la maggioranza dei romanisti inneggiano a:
    A) Diawara come er mijor acquisto rubato ar napuleeeee e a tutte le squadre sdrisciateeee un fenomenoooo
    B) Fazio come er comandante co tanto de faccia al posto del Che. Er comandante Fazioooooo
    C) Santon come perfetta pedina per giocare a destra e sinistra in difesa, un acquisto azzeccatissimoooo

    Invece noi poveri Romanisti normali dicevamo che erano tre pippe colossali. E giù cariolate di insulti e improperi vari.
    Ora è giusto che questi tre signori arrivino alla scadenza naturale del contratto, hanno servito la Roma come hanno potuto, male ma non per colpa loro.
    Soprattutto per colpa dei cesaroni che li hanno osannati dal primo secondo che hanno messo piede a Roma.

    E vedo che gli errori continuano. Non si impara mai dal passato.

    • venivano da ottimi campionati, comunque bentornato come al solito sei sempre molto incoraggiante e positivo.

    • Kamara (eventualmente) sarà un altro che deluderà le aspettative, visto che qua sopra tutti credono sia un futuro campione.
      Ma non si può dire che è un normale giocatore e che Grillitsch è più forte ma non gode della stessa stampa, altrimenti “datte alla raccolta de fichi secchi eheheheh”.

      Contentissimo comunque di non far parte del pecorame.

  8. In tutto questo se arriva Kamara o un centrale di livello, io mi sentirei di ringraziare Mou che si è sgolato, i friedkin che lo hanno ascoltato e la mandria di indegni i quali, mostrando i risultati sul campo della loro non professionalità, hanno accelerato questo processo che poteva pure essere più graduale ma che vabene così, anzi.

    • LUPO52, magari hai sentito da qualcuno diversamente, anche se si sbagliano perché SERGIO in Portogallo prendeva 2,4/2,5 annui (NO 1,7…);
      io ho letto in più parti che SERGIO OLIVEIRA ha mantenuto l’identico contratto al PORTO venendo a ROMA, ovvero più o meno la cifra che prende DIAWARA.
      Vero che spesso non sono affidabili i media sul calciomercato, però, a senso logico, é prestito oneroso con diritto di riscatto, e non ha neanche, prima di venire a ROMA, rinnovato con loro: proprietari del cartellino, sono gli unici che potrebbero farlo.

  9. Kamara sarebbe un grande acquisto ma Darboe non credo si possa vendere a chissà quale cifra un calciatore che tre quattro presenze in serie A quanto può valere?

  10. Tanti si scandalizzano per gli ipotetici 5 ml che avrebbe preteso Kamara.
    Ma se vogliamo iniziare a mettere dei mattoncini per costruire una rosa di qualità i giocatori da cui partire sono proprio giocatori forti come Kamara o Zakaria.
    In alternativa prendere giocatori ancora non completamente affermati ma di qualità che costano ancora poco di cartellino e di ingaggio.
    In riferimento a questa categoria di giocatori la scorsa estate sponsorizzavo Koopmeiners che è costato all’Atalanta 12 ml + 2 bonus e che prende uno stipendio abbordabile.
    Un’altro che avevo segnalato ed ugualmente forte Mohamed Camara del Salisburgo che si poteva prendere per non più di 15 ml mentre ora già vale il doppio.
    Ma questo significa avere un team sportivo (DG, DS, GM, scouts, allenatore) che lavora in sintonia e collaborazione.
    Se dai a Mou giocatori che poi non sono subito pronti o qualitativi come Shomurodov o Vina è ovvio che poi lui non si fidi più di Pinto e pretenda solo giocatori indicati da lui. E a quel punto le spese inevitabilmente crescono perché Mou poi ti chiede giocatori dalla Premier o giocatori molto conosciuti dal costo elevato.
    Insomma si torna sempre al problema n1.
    Se chi guida la parte sportiva è bravo solo a fare i contratti e non ha competenze sportive come può stabilire se un acquisto è azzeccato o meno?
    Noi avremo bisogno di un dirigente come Marotta in quel ruolo: magari Sartori.

    • E aridanghete! Ma secondo te i giocatori che sono arrivati all’Inter nel biennio di Conte li ha scovati Marotta con le sue brillanti doti di scouting? I Vidal, Young, Kolarov, Darmian, Lukaku e via cantando…tutti giovani e sconosciuti virgulti per i quali effettivamente serviva un DS scafato. O pensi invece che siano arrivati per input diretto di Conte?
      Tendo a credere che invece quest’anno il mercato sia stato orientato più da Marotta che da Inzaghi, ovvio.
      Questo per ribadire, per la centesima volta, che quando ti metti in casa Mourinho o Conte gli dai per forza di cose ampia licenza di agire sul mercato.
      Però ormai mi sto arrendendo col tuo pregiudizio negativo su Pinto che arriva fino ad accollare esclusivamente a lui gli acquisti finora dimostratisi deboli, mentre a Mourinho tutti quelli in qualche modo riusciti o perlomeno non palesemente insufficienti.
      Io mi gioco invece qualunque cosa che anche Shomurodov e Vina siano arrivati almeno con l’avallo del tecnico. Senza dimenticare poi che entrambi non sono stati presi per fare i titolari nel lungo termine.

    • Aridanghete lo scrivo pure io! 😀
      È lecito avere un’opinione?
      Siccome nessuno può avere in merito delle certezze tranne la società, le mie convinzioni valgono quanto le tue caro UB.
      Per me Rui e Abraham sono espresse richieste del tecnico, Shomurodov e Vina idee di Pinto che probabilmente voleva provarci e che Mou ha avallato e di cui (forse) si è in parte pentito.
      Peraltro io ho sempre sostenuto che Tammy e Vina erano gli acquisti che più mi piacevano quindi hai pure scritto un’inesattezza.
      Detto questo è chiaro che l’intelligenza di Marotta sia stata quella di acquistare (spendendo molto in cartellini) giocatori come Lukaku, Eriksen, Hakimi e Barella sui quali il DG scommetteva anche per il futuro e che potevano rappresentare delle plusvalenze e allo stesso tempo dare un contentino a Conte prendendogli cariatidi a parametro zero o quasi come Young, Kolarov, Sanchez e Vidal.
      Su Pinto parlano i fatti non i pregiudizi.
      Il suo mercato estivo è stato fallimentare.
      Ora quello invernale sta procedendo bene.
      Se fossi in malafede dovrei bocciare i suoi acquisti a prescindere, e dargli un voto negativo, mentre invece non lo faccio a riprova che sono molto più imparziale e giusto di quanto pensi: per me valgono solo i fatti.

    • Allora riprendo da un discorso di prima ed in parte rispondo a vegemite:
      – Quasi tutti i DS italiani dicono che visionano una decina di video ogni giorno ed è una frase che dicono tutti i DS come frase di circostanza.
      – Marotta si affidava in toto a Paratici, Marotta è sempre stato più un DG/GM/AD. Marotta ci capisce poco di calciatori, lui opera come un manager/gestore e faceva fare tutte le valutazioni tecniche da Paratici.
      – Allenatori come Conte hanno sempre dettato loro chi volevano avere e cedere, per questo motivo difficilmente Conte arriverà mai a Roma perché lui fa richieste specifiche e le devì prendere, uno come Conte si ritroverebbe bene se ci fosse budget ad uno come Pinto che lavora per prendere quello che vuole lui.
      – Inzaghi stesso convinto last minute, li sono state date garanzie di solo 2 partenze pesanti e la scelta poi su chi arrivava e partiva, il merito di Marotta e aver scelto Inzaghi ma anche aver lavorato per prendere chi voleva Inzaghi direttamente.
      – Massara è stato quello che in generale ci ha indicato i calciatori funzionali, Sabatini si fidava di lui.
      – Quando figure come Paratici e Massara fanno in realtà tutto il lavoro di analisi e ci azzeccano, ovvio che ad un certo punto puntano a diventare DS indipendenti, la gavetta l’hanno fatto, sono ben navigati, non hanno bisogno più di assistere qualcun’altro il cui loro lavoro, i meriti li hanno presi altri.

    • Ma Barella, Lukaku ed Eriksen (per il quale sono stai spesi pure tanti soldi a sei mesi dalla scadenza) furono richieste di Conte. Anzi, per quanto riguarda lo sfortunato danese, gli fu pure imputato di non farlo giocare dopo averlo fortemente voluto!
      Barella non venne alla Roma proprio in virtù di una sua promessa fatta a Conte. Sono in là con l’età ma ho buona memoria. Di certo nessuno di questi era uno sconosciuto per il quale erano richieste chissà quali doti di scouting. Pagati tutti un botto.
      Ribadisco, mi dispiace (perché poi su tante cose ci troviamo d’accordo), che quello su Pinto non è un giudizio basato sui fatti ma un pre-giudizio, che ha avuto il via da quando hai deciso che voleva a tutti i costi scambiare Dzeko con Sanchez.
      Da allora hai perso ogni serenità di giudizio su di lui e non ricordo un solo post in cui gli accordavi almeno il beneficio del dubbio.

    • Poi volevo rispondere su Pecini e D’Amico.
      Nulla contro queste due figure, hanno fatto la giusta gavetta ma per la loro attuale esperienza, alla Roma li potresti offrire una posizione di Responsabile d’Area Tecnica, rinforzando l’area tecnica ma non il ruolo di DS se vuoi puntare in alto servono altri nomi di cui uno a questo punto voglio scrivere qui sotto dopo.
      Pecini è una figura non banale che ha fatto moltissima gavetta ma tocca vedere se lui sarebbe capace di lavorare in un contesto di un club di più alto livello, le cui basi di calciomercato cambiano tanto, ma lui almeno l’occhio si ce l’ha.
      Poi se qui si critica i Friedkin per eccessivo silenzio, uno come Tony D’Amico che è uno che vuole lavorare in pace e senza dire mai nulla, verrebbe massacrato qui da noi, proprio perché D’Amico non è mai stato uno abile nel gestire la stampa, figurati quella romana, ma anche lui si ha fatto la gavetta giusta ma sempre la stessa incognita come di Pecini.

    • Mettiamo che firma un contratto quinquennale a 5 milioni, per effetto della fiscalità italiana sarebbero 32,5 milioni di euro lordi, cui aggiungere gli eventuali 10 (penso che sia questa la cifra da dare al Marsiglia, poco più o poco meno) dell’acquisto. Totale 42,5. Per dirne una, quella sega infinita di Diawara ci è costato 15 per prenderlo dal Napoli (quelli scalati dai 34 della clausola rescissoria di Manolas) più circa 4,5 per 5 anni, ovvero 22 e mezzo con il vecchio regime fiscale. In totale, per Diawara fanno 37,5. Quindi no, non è assolutamente una follia, fermo restando che poi potrebbe arrivare a Roma e non intuzzare una palla, ma quello è altro discorso.

    • Non mi riferivo alla questione economica per me non li merita tecnicamente. E un giocatore molto sopravvalutato ottimo per costi e valori per una squadra di media classifica di premier

  11. Ex solo pippe ora Campioni ” I contratti a Fazio santon Diawara chi glieli ha fatti? La colpa non è la loro ma degli sbagli in Serie commessi dalla nostra dirigenza negli ultimi anni con rinnovi automatici a cifre fuori mercato x giocatori o sul viale del tramonto o che non avevano dato niente in termini di risultati! E purtroppo mi sembra che stiamo perseverando se guardiamo i vari Mancini cristante Ibanez ecc

  12. Kamara alla Roma:
    1 se vendiamo Darboe
    2 se lo vendiamo a un buon prezzo
    3 se superiamo le squadre della Premier
    4 se lui volesse venire da noi anziché andare in Premier
    5 se – oltretutto- decidesse di guadagnare meno di quanto guadagna ora e molto meno di quanto andrebbe a guadagnare in Inghilterra
    Quindi è praticamente fatta e se non dovesse venire ce lo saremmo fatto sfilare da sotto il naso….
    Ma che notizia è?

  13. A Kamara 4 mln +bonus i soldi che ai regalato quest’anno senza giocare a fazio(2,5mln) +santon(1,5mln).a fine anno paghi lui e Fazio e santon vanno via. Forza roma

    • Altro spazio salariale si potrebbe liberare a fine anno cedendo Cristante e Ibanez, oltre a Veretout, se quest’ultimo dovesse continuare a chiedere aumenti contrattuali. Ce ne prendi due, di Kamara.

  14. Purtroppo per farvi capire, dobbiamo ancora abbassare il nostro monte ingaggi. Per molti anni la Roma vantava l’infelice primato del primo posto in Europa per il rapporto tra spese complessive annue tra ingaggi ed altre spese legate ai calciatori (commissioni, bonus, rinnovi, criterio tra acquisti/cessioni complessivi) che ci poneva a superare oltre l’80% (lasciandoci quindi poco meno del 20% per tutte le altre spese complessive) del nostro fabbisogno annuale in rispetto alle nostre entrate (i migliori club che lavorano meglio ci attestiamo tra il 60-65%, in altri tra il 65%-70%, i più spendaccioni sui 72%-75%), follia pura per un club che alla fin fine non ha vinto nulla (ovvio che ci siamo indebitati fino al collo), con ora finalmente una dirigenza che ci sta togliendo questo infelice record e penso sti tentando di portarci perlomeno sul 70% entro la prossima estate.
    Quindi Kamara va si preso, ma tocca stare attenti e cedere prima qualche giocatore o girarlo nel frattempo in prestito, perché serve fare quadrare anche i conti.

  15. Il 29 dicembre é apparsa qui la news del rinnovo di contratto a BOVE e ZALEWSKJ fino al 2025, e a DARBOE fino al 2026. Con tanto di dichiarazioni di PINTO a ribadire quanto sempre detto. Cioè che la ROMA continuerà a puntare sui giovani (non esclusivamente ovvio, si é detto spesso che si inseriranno in prima squadra ogni anno circa 4 ragazzi…)
    Quindi NON CREDO a quello che scrivono, cioè che cedano DARBOE per arrivare a KAMARA. Per diversi motivi:
    1) CALAFIORI é in prestito secco. Allora perché non cedere anche lui? Sulla fascia non siamo scoperti, con SPINA prossimo al rientro (arrivasse pure Esteves..?)
    2) DARBOE ha 19 anni, bloccato ieri al 2026, se partisse andrebbe in prestito per giocare come RICCARDO, per me. Sai che risparmio di ingaggio e che grande cifra ci faresti oggi…
    3) È chiaro che KAMARA non é bloccato come bilancio dalla presenza di DARBOE.
    Al limite da DIAWARA (che viaggia sui 2,4 milioni circa… se fosse così, poiché per me non parte, come FAZIO, e vorrei vedere CHI paga, o aumenta lo stipendio, per “riuscire a strapparlo” alla Roma, quindi resterà facile a TRIGORIA.
    4) se KAMARA vuole uno stipendio da Premier non vedo perché dovrebbe venire da noi, quando é questione di mesi, quindi non é come dicono i giornali, che si sbloccherebbe cedendo il ragazzino. Inoltre, se davvero lo vogliono altrove, perché non lo prendono subito loro? Non sono un problema i soldi che accontenterebbero oggi il MARSIGLIA, visto che non rinnova… posso immaginare che il MARSIGLIA, dovendo pagarci il riscatto dei 2 ex giallorossi, preferirebbe darlo a noi… ma é tutto nelle mani di KAMARA.
    Non credo ci vorrà molto tempo, visto che non mi pare sia in Coppa d’Africa, é nazionale francese.
    Ultima riflessione: leggo che molti criticano l’ingaggio accordato ad OLIVEIRA. Mi chiedo però allora perché tanti siti riportano che il portoghese si “accontenterà” di percepire LO STESSO INGAGGIO del PORTO, quindi dove hanno letto o sentito di un aumento. Inoltre, visto che é in prestito oneroso, come farebbe a firmare oggi un contratto per la ROMA di più anni, come leggo da altre parti?
    Misteri e logica dell’informazione…

  16. Se lo prendiamo senza esborso gli diamo uno stipendio da 5 milioni se poi vuole andar via facciamo plusvalenza. A me ricorda De Rossi per tanti aspetti
    Daje Romaaa

  17. @@@ UB, Saverio

    Conte fa come al solito tanti nomi.
    Marotta conclude spendendo cifre ingenti solo quelle che lui ritiene possano essere delle operazioni vantaggiose (Lukaku, Barella…).
    Quei giocatori richiesti da Conte che non rientrano tra le soluzioni vantaggiose non li prende (vedasi Kantè, Tonali, Spinazzola): facile.
    Su Eriksen UB ricordi male. Conte voleva Vidal e Marotta gli prese Eriksen. Poi siccome Conte continuava a piangere e fare i capricci Marotta in estate lo accontentò su Vidal ma a condizioni molto più favorevoli di quelle del gennaio precedente. Ovviamente aveva ragione Marotta perché Vidal è stato un peso morto mentre Eriksen è stato uno dei protagonisti della cavalcata scudetto.

    Marotta ci capisce poco di giocatori?
    Questa affermazione fa sorridere.
    Su Marotta rispondono anche qui i fatti.
    Con lui a fianco di Paratici i gobbi dopo i primissimi anni di difficoltà e qualche errore di troppo, poi hanno iniziato a non sbagliare più un colpo.
    Appena Marotta se n’è andato all’Inter, Paratici da solo ha fatto un’operazione più sbagliata dell’altra, mentre l’Inter ha aperto un ciclo virtuoso e vincente condito da brillanti operazioni di mercato.
    Davvero pensiamo che sia stato tutto merito di Ausilio?

    Infine una chiosa sulla Governance (termine caro all’amico UB 😀).
    Sarò vecchio stampo ma ritengo che in una società chi occupa un ruolo dirigenziale debba avere le giuste competenze.
    Un GM bravo solo a chiudere i contratti è funzionale solo se hai un’allenatore manager che sceglie i giocatori.
    Ma se poi quell’allenatore manager se ne va che ci fai poi con Mr chiudi-contratti?
    Pinto come era successo al Benfica andava affiancato da un DS.
    Benvenga la modernità se vuol dire migliorare un sistema.
    Ma mettere al vertice della struttura sportiva qualcuno che non ha le competenze adeguate per capire la differenza tra una prima e una seconda punta non mi sembra un miglioramento ma un downgrade.
    A me sembrano cose ovvie.
    Altrimenti vale tutto.
    Tipo mettiamo alla comunicazione e ai media Petrachi o un dirigente affetto da SDR di Tourette o affidiamo la parte medica al duo Ferrari Agricola.

    • Marotta fa lavoro di squadra e mi meraviglio tu non sappia questo. Marotta è un gestore e manager, è capace nell’imbastire le trattative e prendere chi li viene indicato da allenatore, capo osservatore o per volontà del presidente (Eriksen era voluto fortemente da Zhang Jr.)
      Per lavorare come un club che opera ad un certo livello, le mansioni vanno spartite per forza, non puoi avere un eccessivo accentratore che sembra dire fa tutto lui e basta.
      E’ una persona capace se a capo del progetto che poi opera nella fase finale, dove in questo lui è bravo. Non è uno scopritore di talenti, è un abilissimo gestore e mediatore, puntava in passato a diventare un giornalista sportiva, si è fidato in passato per anni di Paratici dove lo fece capo osservatore alla Sampdoria eppoi direttore sportivo nello stesso club (evito lo scippo di Paratici tentato dal Torino a prendere il controllo per intero gestionale del club ma Beppe li fece cambiare idea), eppoi alla Juventus con lui.

    • Ti copio una citazione fatta all’epoca da Paratici in una intervista allora quando lavorava sotto Marotta alla Juventus al Wyscout Forum:
      “Abbiamo trenta scout e organizziamo 5 meetings alla stagione. Il primo alla fine di giugno, parlando di tattiche con l’allenatore. Ad ottobre parliamo di giocatori e posizioni, a dicembre pensiamo a cosa serve ai calciatori anche con la dirigenza. A marzo ‘tagliamo’ la lista dei top players seguiti, focalizzandoci su alcuni ed a maggio facciamo una lista di 44, 4 per posizione”.
      I calciatori messi in shortlist e che venivano presi era compito di Paratici, questo lavoro non lo ha mai fatto Marotta, lui imbastiva le trattative, alcune volte fu molto criticato dai tifosi juventini perché erano sempre trattative lunghe ma Beppe voleva l’affare sempre alle sue condizioni.
      Infatti il duo Marotta-Paratici funzionava bene, il problema per Paratici è che mentre lui è un osservatore di livello top, non è un abile negoziatore/mediatore come lo è Marotta.

    • Altra frase di Paratici ed il suo rapporto con Marotta in passato:

      “Eravamo complementari. Io mi occupavo della parte tecnica: lo scouting, il rapporto con gli agenti, l’individuazione dei calciatori. Sceglievo io i calciatori dopo un confronto con lui. È una persona che conosce il calcio e molto bene i numeri, sa fino a dove ci si può spingere in una trattativa. Io portavo avanti le negoziazioni fino all’ultima fase, quando lui interveniva con la sua esperienza e mi aiutava a non fare errori.”

      Purtroppo Paratici se lasciato per conto suo faceva errori grossolani che Marotta lo ha salvato più di una volta, ma dopo 14 anni di collaborazioni, Paratici si è sentito in grado di mettersi in proprio.
      All’Inter ha formato un nucleo in mancanza di Paratici con Ausilio/Baccin per lavorare con un modus operandi come quello precedente, solo che almeno questi due non ne combinano di guai alla Paratici.

    • Saverio non metto in discussione quello che riporti in merito alla collaborazione Marotta Paratici.
      Mi permetto solo di non essere d’accordo con la descrizione che hai fatto di Marotta, ovvero di uno che “ci capisce poco di giocatori “: quella piuttosto mi sembra una definizione che calza bene per Pinto.
      Siamo d’accordo che Beppe non sia uno scout, ma i giocatori li sa valutare bene e a 360*.
      Non è solo uno che fa valutazioni in merito alla sostenibilità delle operazioni o che conduce le trattative ma è anche uno che sa soppesare il valore e la qualità di un giocatore, che sa scegliere il migliore tra una rosa di profili.

    • Eppoi se dovesse andare via Mou, o arriva qualcuno con esperienza o competenze simili o cambi. Se bisogna cambiare allora una rivoluzione con Zorc diverebbe la causa auspicabile, visto che qualcuno vuole un DS a tutti i costi, ma perlomeno moderno, che sa operare con team di osservatori e con gruppi lavorativi dedicati ad una progettualità, allora lo fai con chi i Friedkin dicono di ammirare il modello di squadra a cui ambiscono a formare la Roma del futuro, lo fai con quello che ha fondato e costruito quel modello in persona allora.

    • Quando poi dico che ne capisce pochi di calciatori è nel senso che se presenti un rapporto a Marotta con 50 nomi e dati tecnici tipo OPTA ed altri, Marotta non ci capirà un tubo in questo senso mentre questo è pane quotidiano per tipi alla Paratici e Massara.
      Marotta non è uno che spende tempo ad osservare calciatori, si fida del giudizio dei suoi collaboratori, il suo ruolo è diverso e lui lavora come un manager.
      Infatti mica dico che Pinto ne capisce di più di calciatori di Marotta. Lui deve operare in un ruolo dove come Marotta deve fare delle valutazioni nelle trattative e negoziare le migliori condizioni, e guarda ci sono tantissimi osservatori che conoscono anche tanti calciatori ma quando si tratta di andare in trattativa, e mediare gli affari, soprattutto quando non hai a disposizione le possibilità di pagare commissioni o bonus alti e determinati giri, per ottenere condizioni di vantaggio, allora le cose si fanno più difficili.
      Marotta in questo è un maestro, per questo lui partecipa alle fase conclusiva.
      Ci sono diversi sistemi calcio ma se qualcuno vuole un sistema con DS che è a capo di tutti, allora ribadisco va preso uno capace di fare un CEE tipo Kenyon che ha costruito due dei club più vincenti d’Europa o un DS come Zorc che però richiederà una rivoluzione con costruzione di più team di lavoro specifici per operare come ha fatto fino ad oggi con il Dortmund.

    • Saverio per me Marotta ha più capacità di analisi e giudizio di quante gliene attribuisci ma vabbè ognuno si tenga la sua opinione.
      Detto questo ritengo che la Roma abbia una struttura sportiva assolutamente inadeguata.
      Va potenziato ed implementato tutto compreso lo scouting.
      Quanto al nome di chi dovrebbe sopraintendere la struttura sportiva mi va bene chiunque, basta che sia capace.
      Quando si fece il nome di Pinto nemmeno sapevo chi fosse.
      Lessi la sua biografia e incominciò a venirmi qualche dubbio: mi sembrava più il CV di uno che veniva a fare il CEO o il DG piuttosto di uno che avrebbe gestito il mercato.
      Ho spesso nominato Sartori perché avrebbe il vantaggio di conoscere i giocatori professionisti dei nostri campionati oltre che avere relazioni e conoscenze.
      In conclusione Saverio, se fosse Zorc o Pinco Pallo a me andrebbe ugualmente bene basta che sappia il fatto suo.
      In fondo tutti dovremo volere il meglio e tutti dovremo sperare nell’arrivo dei migliori dirigenti in circolazione.
      Invece l’impressione è che per il solo fatto di esserci liberati di Pallotta dobbiamo ora accettare qualunque cosa ci venga propinata dalla nuova proprietà, dando loro tutto il tempo per sbagliare, correggersi ….
      Io il tempo ai Friedkins glielo dó.
      Anzi ero pronto anche a un progetto a lungo termine.
      Ma se si parte già con le ruote sgonfie non si va lontano.

    • @Vegemite
      La Roma ha ancora una struttura sportiva inadeguata ma anche su altri piani va migliorata, ma per fare questo bisogna abbassare il fattore di spesa complessiva in base alle nostre entrate possibilmente al 70% entro questa estate. Noi veramente siamo in una situazione allucinante da questo punto di vista e siamo anche sotto organico su tanti livelli.
      Se Pinto ci riesce, allora per me lui diventa un eroe solo per questo perché allora significa finalmente avere più budget da investire per rafforzare tanti altri dipartimenti e ce ne sarebbero anche 5-6 da fondare che noi non abbiamo, che possono aiutarci ad aumentare anche le nostre entrate annue, visto che in genere il problema dei club italiani, sono le entrate limitate mentre ad esempio i club tedeschi sono molto abili da questo punto di visto, gli inglesi spendono invece cifre altissime ma hanno anche entrate di tutt’altro livello.
      Siamo lontani da poter essere un club di livello mondiale e Pinto si è un GM ed infatti il suo ruolo è quello “General Manager”.
      Non so se ti è chiaro come si lavora in Portogallo visto che il DS è un ruolo che ha poco peso, ma invece il “Chief Scout” ha il maggiore peso sull’identificazione e scelta dei calciatori da prendere. Al Benfica chi ha peso su questo è Pedro Ferreira, capo osservatore che Pinto avrebbe voluto portare a Roma dallo scorso anno.
      I presidenti in Portogallo in generale vengono eletti da un azionariato e molti presidenti del club coadiuvati in caso dai vice-presidenti, trattano loro le trattative in prima persona e nei meeting non vi è alcun GM o DS ma sempre il “Chief Scout” presente. Poi dopo che le cose sono delineate, il tutto passa agli altri dirigenti, ma pesa tantissimo il parere del “Chief Scout”.
      Una cosa che poi Mou ha fatto infatti da subito, e fare firmare e formare un nuovo piccolo nucleo di area scouting di livello, cosa mai accaduta prima con nessun allenatore, e questo significa che il calciomercato lo avrebbe impostato lui con questo piccolo team di scout scelti da lui.
      C’è Jose Fontes come capo osservatore che ha indicato molti buoni calciatori al Leicester (2 volte 5° posto in Premier League negli ultimi 3 anni), Mauro Leo (ex osservatore di Espanyol, Juventus, Inter), Javier Weimar (ex osservatore Racing Avellaneda, Bayer Leverkusen), Alessio Scarchilli (per fungere sia da osservatore/assistente essendo dotato di patentino da allenatore UEFA), ed Enrico Paresce (ex capo osservatore dello Spezia ma anche da vice-direttore sportivo, ex osservatore Milan).
      Qui si sta costruendo le cose daccapo e con un modus operandi molto chiara.

  18. Se proprio dovessi scegliere poi un DS, proverei a prendere in estate Michael “Susi” Zorc, che si è voluto ritirare dal Borussia Dortmund e sta assistendo Sebastian Kehl nel prenderne il posto in un periodo di transizione. I Friedkin avevano detto che miravano a costruire la Roma su un modello come Borussia Dortmund.
    Allora Zorc è la persona perfetta, persona chiave che dalle fine degli anni 90 fino ad oggi ha costruito il modello Borussia, anticipando tutti con colpi di calciomercato sensazionali (es. Haaland per €20M, Reyna a zero, Dembele comprato a €35M e rivenduto per €140M, Kagawa a zero e rivenduto a €16M, Aubemeyang a €13M e rivenduto a €65M, Pulisic a zero e rivenduto per €64M, Bellingham a €22M oggi valutato oltre €70M, Jadon Sancho acquisito per €7,5M e venduto per €85M, prese e non esplose Alexander Isak per €8,5M ma comunque riusci a rivenderlo a €15M, Guerreiro a €12M ed oggi valutato €35M, Weigl a €2,5M rivenduto a €20M, Gundogan preso a €5,5M e rivenduto a €27M, Ginter preso per €10M e rivenduto a €17M, prese Lewandowski a €4,5M, Piszczek a zero, Hummels a €4,2M per rivenderlo a €35M, Kehl a €3,2M eppoi capitano/leader per anni, e tante operazioni minori tipo Perisic a €4M e rivenduto a €8M, Barrios costato 4,2M e venduto a €8,5M ma dove anche su calciatori non riusciti ma ha quasi sempre fatto in modo di non andare e cedere in base all’ammortamento ma a registrare delle cessioni con valutazioni comunque superiori alla cifra spesa per l’acquisto).
    Alcuni sono stati calciatori che sono diventati titolari inamovibili per anni, costruendo lo zoccolo duro del Dortmund di cui penso tutti voi avete visto i risultati ed il modello costruito da Zorc, che potrebbe costruire un vero modello a lungo termine con investimenti mirati e un progetto per tenerci ad alti livelli.
    Ci sono state stagioni dove ha potuto spendere di più, basati anche ai risultati e da precedenti sessioni dove lui ha registrato anche entrate molto alte, mentre alcune anche con budget striminziti tipo tra i €10M-20M ma il Dortmund negli ultimi dodici anni ha registrato 2 scudetti, 6 secondi posti, 2 terzi posti, 1 quarto posto ed 1 settimo posto, valutando che nella Bundesliga milita il Bayern Monaco che è sempre stata una corrazzata quasi imbattibile e con risorse economiche molto più elevate del Dortmund.

    • Zorc è una evoluzione di DS moderno tutto qui, con capacità di mediare e contrattazione top level, lui sa acquistare a poco o niente e vende al prezzo che vuole lui. Sa lavorare in base ai budget fissati, lavora per accontentare l’allenatore e prendere obiettivi selezionati da team di osservatori guidati da lui, ha un occhio finissimo e capisce le potenzialità di un affare nel lungo termine. Il suo obiettivo primario è stato di trasformare il Dortmund nel club importante che conosciamo oggi. Fu poi lui a puntare su due allenatori che oggi sono due degli migliori allenatori al mondo (Klopp, Tuchel) e sempre a lavorare per costruire rose che sposassero le loro filosofie di gioco. E’ una persona a modo, diplomatico e con fare da PR un po’ alla Baldini e potremmo dire che è un connubbio con le migliori qualità di un Marotta/Baldini/Massara ma con maggiori prospettive internazionali.
      Per lui parlano i fatti ed i risultati ottenuti, paragonarlo a Sabatini mi sempre troppo riduttivo.

  19. Se ci fa vincere tanti tituli come c’ha fatto vincere barbetta pascolante stiamo a posto. Era bravissimo solo per i contratti super, spalleggiato dai radiolari.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome