PAULO SOUSA: “Mourinho unico al mondo. Roma senza fase offensiva? Tutt’altro, difendersi e ripartire è una qualità”

8
1534

NOTIZIE AS ROMA – Alla vigilia della sfida contro la Roma, valida per la 36esima giornata di campionato e in programma domani alle ore 18:30, il tecnico della Salernitana, Paulo Sousa, è intervenuto in conferenza stampa per presentare il match. Queste le sue parole:

Il calcio italiano propone società indebitate, club con poche disponibilità economiche, proprietà straniere non identificabili. Lei ha la convinzione che Salerno sia un’isola felice che può contare su un presidente di spessore differente?
“Non voglio fare un’analisi così negativa. Il calcio italiano, anzi, sta arrivando in alto a livello europeo e lo testimoniano Roma, Inter e Fiorentina in finale. Con tutte le problematiche che possiamo avere, ma il dato di fatto è questo. Questo sport mi ha dato un equilibrio economico ed emozionale, quando vedo un presidente come il nostro che sborsa i soldi di tasca sua devo avere rispetto e dare il massimo. Sempre. Il discorso è generale. Bisogna lavorare sulle strutture, sugli stadi, sui campi di allenamento. Solo così si ottengono i risultati, e rinnovo i complimenti alle tre qualificate in finale”.

A Roma spazio a chi ha giocato meno per approfondire le valutazioni sul futuro?
“Anzitutto un’analisi del nostro avversario. C’è un collega portoghese a cui faccio i complimenti, è stato il valore aggiunto per tutti gli allenatori portoghesi. Ha vinto tutte le competizioni europee, è unico al mondo sotto questo punto di vista. E sono convinto che continuerà a vincere. Ha una voglia tremenda di arrivare all’obiettivo, è super preparato, si sa adattare e ha plasmato la Roma a sua immagine e somiglianza. Lo stimo, se fai la differenza in tutti i campionati europei vuol dire che sei bravo. Non c’è altro da aggiungere.

E non è vero che non hanno fase offensiva. Tutt’altro. Difendersi benissimo e ripartire è una qualità, grazie ai loro tifosi possono pressare alto e mettere in difficoltà chiunque. Noi proveremo a sfruttare gli spazi a disposizione, vogliamo creare difficoltà a chi ha fermato il Leverkusen senza subire gol per 180 minuti. L’idea della Roma è chiara. Non si basano tanto sul possesso palla e sul controllo, ma alternano cambi di velocità per arrivare il più in fretta possibile sul corridoio laterale smarcando chi si inserisce centralmente. Sono forti sui cross, sulle palle inattive, si muovono bene dopo aver riconquistato palla a metà campo. La verticalità è un fattore che sfruttano bene, è un avversario costruito con logica e che ha le idee chiare. A noi tocca essere noi stessi, con le armi che abbiamo a disposizione. Sarà bello confrontarsi con una Roma difficile da battere e super equilibrata. Percepisco, però, che la gente, i calciatori, l’ambiente ci credono. E tanto. La vera vittoria è questa: il fatto che ciascuna componente sente che la Salernitana può ottenere risultati contro chiunque. Tutti ci dicono: ‘Andiamo a vincere’. Vuol dire che stiamo trasmettendo a tutti la mentalità che piace a me”.

Come ha trovato la squadra dopo la notizia della salvezza matematica?
“So che devo incidere su tutti. Non solo sui calciatori. E’ una questione di identità e mentalità. Ci siamo allenati bene, come sempre. Anzitutto abbiamo studiato l’avversario guardando video. Poi ho fatto i complimenti ai calciatori per tutto quello che hanno fatto durante la stagione, compreso il periodo di gestione Nicola. Noi abbiamo la fortuna di essere in una scuola di vita straordinaria che è il calcio, ogni giorno c’è una sfida diversa da vincere. Tocca a noi avere la voglia di migliorarci ogni giorno, la mentalità vincente si costruisce anche in questo momento che siamo aritmeticamente salvi. Ogni essere umano è diverso, so che la maggior parte del gruppo è in una direzione giusta e chi è in leggero ritardo deve adattarsi, altrimenti andrà da un’altra parte”.

Qual è stato il momento più bello di questa esperienza?
“Percepire la crescita quotidiana dei calciatori, la loro voglia di competere contro qualunque avversario sia in casa, sia in trasferta. Non c’è una partita in particolare che ha determinato. In alcuni momenti siamo stati fortissimi, in altri siamo calati. Siamo riusciti a conquistare il nostro pubblico, dopo la partita contro la Lazio ho detto sempre che la chimica con i tifosi è fondamentale. Per la crescita della Salernitana e della società non possiamo prescindere da questa gente straordinaria. Non sempre otterremo dieci risultati utili di fila, sarà in quei momenti di difficoltà in cui spingeranno e faranno la differenza. Tutti vogliono vivere emozioni, faremo di tutto per renderli felici. Il tifoso non è uno spettatore, ma parte integrante del lavoro di ogni giorno. E io voglio emozionarmi assieme a loro”.

Articolo precedenteULTIME DA TRIGORIA – Dybala, Llorente ed El Shaarawy in gruppo nella rifinitura. Out Celik e Spinazzola
Articolo successivoMisitano-Pagano, la Roma Primavera torna a vincere: 2-1 all’Udinese, play-off matematicamente raggiunti

8 Commenti

  1. Le domande a Mourinho sono più o meno sempre le stesse.
    Resti? Vai via??
    Resti ? Vai via?
    Ehhh ma er gioco????

  2. Paulo Sousa era stato praticamente comprato dal compianto Franco Sensi insieme a Ferrara. Poi un direttore sportivo, radiato a vita dal mondo del calcio, pur essendo pagato ancora dalla Roma, favorì il passaggio degli stessi alla Juve. Qualche giorno dopo Sensi lo accusò di disonestà e lo stesso ds andò alla Juve…dove iniziò quel magnifico percorso che portò a Calciopoli.

  3. ma esiste un trofeo 🏆 del gioco. ???? no!!!
    se no la Roma negli anni passati avrebbe vinto molto…..ergo mi godo Mourinho e i trofei veri.
    daje Roma e con Mourinho fino al prossimo trofeo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome