Pellegrini trasforma i mormorii in applausi. E l’Olimpico si schiera con Mourinho

65
2474

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – L’Olimpico si schiera apertamente con Josè Mourinho. Se mai ce ne fosse stato bisogno, ieri il pubblico giallorosso ha confermato ancora una volta di essere al fianco dello Special One anche nel momento della difficoltà.

Alla lettura delle formazioni, avvenuta più velocemente da parte dello speaker considerando il momento di certo non esaltante della squadra, il pubblico ha sottolineato con gli “olè” i nomi dei propri calciatori, ma quando è stato il momento di annunciare Mou i decibel dello stadio si sono improvvisamente alzati.

Un vero e proprio plebiscito per l’allenatore portoghese, il cui rapporto con la tifoseria giallorossa resta più solido che mai: in due anni Mourinho è riuscito a portare la Roma in due finali europee consecutive, consegnando ai tifosi anche un trofeo europeo che mancava da più di 60 anni.

E se qualcuno si aspettava contestazioni o fischi per la squadra, si sbagliava di grosso: in Sud è stato esposto uno striscione con su scritto “Noi non ti lasceremo mai”. Qualche mormorio solo per Lorenzo Pellegrini al momento della lettura delle formazioni.

Il capitano ha però risposto sul campo, andando anche in gol nel finale, chiudendo il match a favore dei giallorossi e riuscendo a trasformare i mormorii in applausi al momento della sua uscita dal campo.

Fonte: Il Tempo

Articolo precedenteMou rimanda Aouar e Ndicka ma promuove Sanches: “Tatticamente è il più pronto dei nuovi”
Articolo successivoRoma-Frosinone 2-0: i voti dei quotidiani

65 Commenti

  1. Effettivamente Pellegrini ieri ha dato tutto quel poco che aveva ed ha giocato una discreta partita. Si vede che non è in forma, ma ha messo impegno e grinta, finalmente

    • Ragazzi ma come fate a dire che non era in forma.

      Ha corso come un matto, è stato il solito pellegrini di tutti gli anni.

      Tanta corsa ma poca qualità.

    • sono abbonato e ieri c’ero, fischi e applausi quasi per tutti tranne per dybala, lukaku e mourinho solo applausi. c’è solo l’AS ROMA.

    • “ha messo impegno e grinta, finalmente”.
      Ma perché vi fate condizionare da qualche radiolaro? Riuscite a vedere le cose per quello che sono e non per quello che vi rappresentano altri, che hanno interesse a denigrare Pellegrini?

      Pellegrini è un giocatore di qualità, che è stato trasformato in un giocatore di quantità: gli fanno “fare il Tommasi”. Ed è sbagliato. Genoa Roma, intervento in scivolata di Pellegrini su Sabelli, vicino l’area di rigore….ma quando mai il Capitano non ha dato tutto? Nella Roma, Bryan Cristante corre 11,7 km; il secondo è Ndicka (10,6); il terzo, nonostante abbia meno minuti giocati (per infortunio) è proprio Lorenzo Pellegrini, con 10. Sapete cosa vuol dire, per un giocatore di qualità, correre 10 km a partita?

      Aggiungo, sul primo goal. Ci fosse stata una persona, che ieri, si sia resa conto che il primo goal è stato causato proprio da un suo movimento, che sposta il difensore del Frosinone: altrimenti, quella palla, a Lukaku, non sarebbe mai arrivata.

      Pellegrini dà tutto per la Roma, ma purtroppo Guidone e Balzani gliel’hanno giurata, e queste sono le conseguenze: a Roma ci sono dei pifferai magici che emanano flatulenze, alle quali molti di voi non sanno resistere.

      L’impegno di questo ragazzo non si può mai discutere. Quindi finitela di dire stupidaggini. Pellegrini è sempre uno di quelli che corre di più per la Roma….ci sono i numeri a testimoniarlo.

    • Lorysan, se corri tanto, perdi qualità. E’ inevitabile. Oppure fai come Pogba, ma poi subentrano altre tipologie di errore.
      Un trequartista che corre così tanto non l’ho mai visto. Si, magari il Perrotta di Spalletti…ma che piedi aveva?

    • A Tifò, io Guidone e Barzani nun so nemmeno chi siano. Lollo corre se impegna, è vero. Come è vero che è n’giocatore de medio livello, mica n’Top. Basta mette Pellegrini vicino a Paulo pe capì a’ differenza. Te dirò de più, Dybala che è n’campione nun è n’Top manco lui, perché se lo affianco ar Cap, pure li se vede a’ differenza. Pertanto, sbattese così tanto pe’ n’eccezionale riserva, o primo cambio, me pare energia sprecata. Io pe’ la squadra mia me sbatto solo pe gente de livello, tipo Big Rom- Perché io vojo sempre er massimo e vojo vedè sempre na Magica che se la batta ai vertici, in Coppa e in campionato..

    • Se hai Dybala è lui che fa il trequartista, ha tutto per farlo. pellegrini fa il perotta di turno perchè tra i due c’è un abbisso. Pellegrini non è un fuoriclasse e magari giocava come perrotta sarrebbe più utile. C’è solo l’AS ROMA.

    • Guidone è Marione. Balzani è quello che interviene da lui.
      Io parlo di fatti, non di situazioni soggettive.
      Caro Nico, Pellegrini è il miglior giocatore italiano ed è un top player – lo ha detto anche Mourinho, che di giocatori forti ne ha allenati. E’ sacrificato, perché deve correre anche per Dybala, che in campo passeggia. Basta guardare la differenza che c’è stata lo scorso anno in termini di km percorsi tra i due giocatori.
      Pellegrini, è stato devastante nella posizione di trequartista nel 4-2-3-1 il primo anno di Mourinho: se poi lo arretri e lo metti a centrocampo, non gli puoi chiedere gli stessi goal. Lo scorso anno, lo hanno messo in quella posizione per venti minuti a Bergamo, ha segnato un goal e preso un palo. Certi dati non sono casuali. Aggiungo: Mourinho è bravissimo nell’assemblare una squadra mettendo dentro i giocatori di maggiore qualità, e per farlo, a volte, chiede agli stessi un sacrificio. Pensate, ad esempio, ad Eto: con Mou, giocava ala sinistra, ed il primo anno segnò 12 goal, e come punta centrale Milito. Quello fu l’anno del triplete. L’anno successivo Mourinho non c’era, Eto’o giocò da punta, segnando ben 21 goal, ma l’Inter vinse una coppa italia (risultato personale eccezionale, ma di squadra…si può paragonare un triplete ad una coppa italia? NO). Mou in tutte le sue squadre fa questo: fa giocare i calciatori di qualità, e li mette al servizio della squadra. Pellegrini fa questo: corre dietro agli avversari, fa le scivolate al limite su Sabelli….e viene insultato da quattro personaggi che di pallone non capiscono nulla.

      Massi, perdonami…TU e qualche radiolaro dite che è così…ma altrove, vi prenderanno in giro…miglior giocatore conference, lo scorso anno era nella top 11 dell’Europa league…Mourinho ne parla come di un Top Player….mi sa che chi critica Pellegrini non capisce nulla di pallone.

    • Pellegrini è il miglior giocatore italiano che non è mai stato titolare nemmeno nella nazionale italiana più povera di sempre e nella quale lo è diventato Cristante.
      Ergo Cristante è il miglior giocatore italiano.

    • Scusa Tifò, ma tu su la trequarti chi ce metteresti? Pellegrini o Dybala? Perché se Lollo lo mette a fa er mediano, significa che come qualità je preferisce Paulo. Pellegrini, pe te, ma pure pe Mou è n’Top. E’ vero! Ma all’interno de sta squadra. Pe dì, già l’arivo de l’argentino l’ha fatto retrocede a gregario. Tu dici che è n’Top de gamma, io penso che dentro a na squadra che punta a vince er campionato o che partecipa seriamente in Champions League, sarebbe n’primo cambio. Faccio na fatica assurda a comprende pure se Pellegrini sia superiore ar Principe Giannini, se volemo restà in tema de Capitani Romani e Romanisti. C’ho sto dubbio atroce…

    • UR non ha giocato per infortunio, Pellegrini: le ultime partite, in Nation League, era titolare con la 10. Forse ti sei perso qualcosa. Spalletti non lo ha avuto a disposizione, e ti ribadisco…il fatto che non giochi titolare in nazionale non vuol dire che non sia il migliore. Ti potrei fare i nomi di una carrellata di calciatori che non hanno avuto fortuna in nazionale e che erano nettamente i più forti in Italia. Riva, Mancini, Totti…continuo?

      Nico, una batteria di trequartisti potrebbe essere El Shaarawy-Pellegrini-Dybala, dietro a Lukaku. Mourinho, il primo anno, ha messo Pellegrini tre quartista. Ma Dybala, le cose migliori le fa partendo da destra. Pellegrini viene arretrato per il semplice fatto che Dybala non può fare quel tipo di lavoro: già è sempre rotto, figuriamoci se gli dici pure di correre quanto corre Dybala. Giannini è stato capitano di una Roma rattoppata, e sembrava più forte anche per questo motivo, perché intorno, non c’era molto; e in quegli anni c’era una qualità diversa in italia, il calcio era uno sport diverso, meno fisico e più tecnico – basta vedere la differenza tra un quadricipite di un calciatore degli anni ’80/’90 e uno di oggi. E non dimentichiamoci, che Lorenzo Pellegrini è alto 187, quindi, per quella struttura fisica, direi che il piede è notevole.

    • No Nico, non lo è, non scherziamo. Peppe Giannini, che pure ha diviso non poco la tifoseria, a meno dell’età di Pellegrini aveva giocato da protagonista un europeo e un mondiale in un’epoca in cui la nazionale italiana si poteva permettere di tenere in panchina gente come Baggio e Vierchowod.
      Lassa propio perde…

    • Tifò, me parli de strutture fisiche? Ma se proprio Lollo c’ha n’fisico da lanciatori de coriandoli, Nun tiè botta ne li contrasti, vola sempre pe r’ tera…
      Er Principe emergeva in mezzo a na squadra rattoppata? E’ a’ verità. Pure Pelle. Spiccava fino a du anni fa…poi ariva Dybala, dopo Lukaku…
      UR so d’accordo co te, e pure Pellegrini divide meno a’ tifoseria de Peppe. La curva, pe dì, sta tutta co’ lui…mettemoe na pezza mo

    • TifosoGiallorosso, abbi pazienza, ma Riva, ancora adesso il cannoniere azzurro di tutti i tempi, non avrebbe avuto fortuna in nazionale? Andiamo bene.
      E Totti finalista agli europei e campione del mondo non ha avuto fortuna? La decisione di abbandonare l’azzurro poi fu la sua.
      Mancini non ebbe forse tutto questo spazio ma giocava in un’epoca in cui il più scarso nel suo ruolo era Zola.
      Pellegrini gioca nel momento in cui solo 1/4 dei calciatori di A sono italiani, è dieci volte più semplice trovare spazio in nazionale.
      Peppe Giannini a 21 anni era titolare in azzurro, Pellegrini stava al Sassuolo.
      Agli europei ci sarebbe andato, ma da riserva perché i titolari erano Verratti, Jorginho, Barella. Avrebbe forse trovato un po’ di spazio da esterno.
      E se si spacca spesso e volentieri non è un’attenuante ma un’aggravante.

  2. UNA SVIOLINATA…

    Proprio per questi articoli che non si cresce a Roma.

    Per una partita discreta, partono gli articoli come sesi fosse battuto l’Inter 4-0.

    Pellegrini, tolto il goal, aveva fatto una partita di grande corsa, ma di poca qualità, da 5 in pagella: sbaglia un infinita di passaggi, non azzecca un dribbling, perde numerosi palloni…

    Bove ha fatto per qualità e quantità una partita migliore.

    Non nascondiamoci dietro un goal.

    Articolo che lascia il tempo che trova, poiché il tifoso ha sempre dimostrato attaccamento al mister e ai giocatori.

    Pure dopo una partita giocata nella media degli scorsi anni contro il Frosinone.

    La Roma non c’è, inutile pensare che sia la partita della svolta, perché i deliri di mou alla fine fanno capire che siamo ancora in crisi e che il passo falso è dietro l’angolo.

    Attenzione al Cagliari la prox settimana.

    • Non vedo nessuna sviolinata, è il racconto di quanto successo allo stadio. Capisco che il vostro astio accechi i vostri giudizi, ma se ora non vi sta bene manco la cronaca non so che dirvi.

    • Sviolinata di che? Si parla di ciò che è avvenuto prima della partita, non della squadra. Poi vi lamentate se vi chiamano “laziali”.

    • È incredibile esprimere giudizi solo ed esclusivamente sulla Roma come se in campo scendesse senza l’avversario… Falli sistematici sui piedi di Pellegrini, Bove e Dybala. Il capitano del Frosinone che ad ogni contatto fisico normale si rialzava e si buttava in scivolata, facendo sentire i tacchetti sui piedi dei 3 succitati, per poi frignare con l’arbitro perché “eh se questo è fallo perché quello prima no?”
      Con un atteggiamento fisico del genere cosa pretendevate? Dribbling alla Holly e Benji? Ma prego, continuate a lamentarvi senza mettere nelle argomentazioni come ha giocato la squadra avversaria, piangendo mentre facevano falli.

    • Concordo al 100% se non fosse stato per il gol Pellegrini avrebbe fatto una partita mediocre..
      vedere quel voto così altro mentre Bove ha fatto il cosiddetto cXXo per fare filtro davanti la difesa più fragile mai vista (due volte gli attaccanti del Frosinone .. dico Frosinone.. sono stati da soli davanti a Rui)

  3. A parte la retorica sempre in agguato ieri partita difficile per la corsa del Frosinone ma soprattutto e forse non si è capito, perché avevamo una difesa completamente improvvisata,con giocatori lentissimi,davanti ai quali Pellegrini ha cantato e portato la croce.Fare paragoni tecnici con Bove,encomiabile per impegno,è inconcepibile.

  4. Se secondo i denigratori seriali Pellegrini non ha fatto una gran partita,allora bisogna anche dire che Dybala,tranne i 2 passaggi dei gol,ieri sera ha sbagliato tutti i palloni che gli capitavano a tiro,e non sono stati pochi.
    Questo se si ha onestà di pensiero,altrimenti si deve parlare di parzialità nei giudizi ,nel senso che a Pellegrini non si perdona mai niente e a qualche beniamino della folla tutto o quasi.

    • effettivamente non hai torto però due assist ti hanno fatto vincere. la differenza tra dybala e pellegrini è palese, il primo è un fuoriclasse con problemi fisici, il secondo un buon giocatore che se non corre è da cinque fisso. ieri pellegrini ha corso e si è fatto trovare pronto sull’assist. per a me ha fatto il suo. c’è solo l’AS ROMA.

    • Zenone ma cosa dici??
      Senza Dybala avresti segnato corca..
      Ricordo a tutti la situazione stipendi
      Lukaku 7,5
      Dybala 6
      Abraham 5 (non giocherà per metà stagione)
      Pellegrini 4 (mai decisivo)
      N’Dicka 4 (un furto con scasso)
      Paredes 4 (un discreto scippo)
      Smalling 3,8 (prende meno di Ndicka)

    • È vero che Dybala ha sbagliato qualche giocata ieri ma anche perché se non prova lui le giocate difficili gli altri fanno solo il passaggeto all’uomo accanto, invece come è giusto che sia Paulo ieri come quasi sempre da quando è arrivato si è caricato la squadra sulle spalle cosa che Pellegrini non fa da parecchio.. il problema non è sbagliare ma avere il coraggio e la qualità di provare determinate giocate che possono cambiare la partita, poi a volte può dire bene o male ma chi non risica non rosica

    • Ieri sono stato il primo a dire che il 7 per Dybala era abbondante, tale e quale quello di Pellegrini.
      Così come avevo segnalato un Pellegrini in progresso nella prima frazione rispetto al passato (ci voleva pure poco).
      Nel secondo tempo però la sua prestazione è nuovamente scesa di tono e fino al gol aveva combinato poco o niente.
      Tecnicamente parlando Dybala e Pellegrini appartengono a due mondi diversi, e in quello del primo in questa squadra entra di diritto solo Lukaku (tecnicamente ma anche e a maggior ragione per lo strapotere fisico).
      I due sono accomunati solamente dalla fragilità dei loro muscoli e mentre Dybala ti risolve direttamente o indirettamente una partita ogni due o tre che gioca, la stessa cosa non si potrà mai dire di Pellegrini.

    • Hai colto nel segno Zenone, ma piu’ che parlare delle individualita’, personalmente do un mio parere in generale poiche’ il calcio e’ uno sport di squadra e la mia valutazione in totale ed e’ insufficiente nonostante un 2-0 rotondo la squadra ha subito per piu’ di 30 minuti un’avversario che sulla carta e’ di almeno una categoria inferiore.

      A mio parere l’ammalato e’ ancora grave ed il dottore non ha sncora somministrato la giusta cura, anzi continua con l’antibiotico sbagliato se prima era Ibanez oggi e’ Rugani ed e’ beato chi ce l’ha fortunato Max. ahahahah

      Se comunque devo ascotare caxxate vado al bar e mi faccio fue sane risate, cosi mi dispiace non le riesco a sopportare, anche perche’ sono cose dette da uno che prende 600.000 €uro al mese.

      Per il sottoscritto non e’ cambiato nulla siamo sempre fuori condizione atletica, l’unica consolazione sono 3 punti in piu’ in classifica.

    • Purtroppo, saggio della montagna, e’ vero il contrario: a Pellegrini si perdona tutto e di più, basta vedere le pagelle dopo ogni partita.

    • Asterix peccato che ndika ti costa in realta 2 milioni e 2 anche paredes , quindi dilla tutta no solo quello che te fa comodo

    • Zeno’ non e’ vero niente.

      Dybala ha liberato due volte Bove al tiro e una volta Pellegrini (oltre all’assist che gli ha servito. E’ entrato in TUTTE, dico TUTTE, le azioni d’attacco di rielievo della Roma.

      Per cortesia, non cominciamo sto giochino veramente patetico di sminuire Dybala per giustificare Pellegrini perche’ e’ una cosa irricevibile.

      Dybala in questa Roma accende la luce. E quando non lo fa, come a Genova, facciamo figure barbine.

      Se poi mi vuoi dire che sia Dybala sia Pellegrini giocano in ruoli non appropriati, allora siamo d’accordo.

  5. Dybala vero non ha fatto una grande partita ma ha fatto fare due goal! Pellegrini nessuno gli ha messo la pistola in fronte di essere il capitano e rispetto agli altri ha più responsabilità!ieri ha segnato per culo e non ha fatto una grande partita bove ha corso sia per lui che per Dybala questo deve fare riflettere !basta dagli alibi il capitano deve essere il più forte in campo se non lo sei togliti la fascia essi umile cosa che non lo è e impara a fare giocate da grande calciatore ! un plauso va a cristante che io non amo ma vedo che sta migliorando e sta muto! la forza della squadra si vede dal capitano guardate le prime che capitano hanno e fate il paragone ! o migliora o può fare il panchinaro de destra se vogliamo una Roma forte questo deve essere insieme a Mancini che è il vice anche lui da Sassuolo .

  6. pellegrini ve prego se impegnerà pure, ma sta sempre per terra, gol o no, ma a livello di rendimento tecnico e di qnt e veramente poca robba, se curasse

  7. Spinazzola il solito: 93% di retropassaggi, zero dribbling riusciti, un cross mal riuscito, saltato sempre da Soulè.
    E Zalewski ormai in punizione perenne in panchina e senza “minuti nelle gambe”.
    Ed il mio pensiero ora va a questo ragazzo, a Nicola Zalewski, a cui rivolgo questo pensiero, sapendo che non leggerà mai questo post):
    “Nico, chiedi la cessione a gennaio, impuntati; vai dove puoi giocare e perfezionarti, con un allenatore che ti valorizzi. Che ti faccia giocare in base alle tue caratteristiche. E ti ricordo che tu non sei un terzino.
    Lo Special One andrà via a giugno e non ha alcun interesse a valorizzarti, a farti crescere.
    Avresti già dovuto farlo l’anno scorso ma niente, a te piace l’aria di Trigoria. Dovevi essere più avveduto. Tutti o quasi tutti lasciano casa per migliorarsi. Ma tu no!
    Adesso sei ancora appetibile. Italia o UK fa lo stesso, anche ripartendo da squadre di metà classifica (dico per dire, Fulham, Brighton o Fiorentina, fa lo stesso).
    E conviene anche alla Roma monetizzare subito anche perché se arrivi a giugno in queste condizioni sarai un giocatore finito!
    Perderai la nazionale, gli Europei e il tuo valore andrà giù.
    Salvati finché sei in tempo. Fai un all-in su te stesso.
    Salvati, ragazzo, salvati.
    Armati di coraggio e parti. Io continuerò a seguirti con affetto.
    Buona fortuna, ragazzo”
    Firmato: una persona che non sopporta vedere buttar via il talento!!!

    • si peccato che zalewski non fa vita da professionista da un po, e ha problemi con lo spogliatoio..senza contare che è diventato il nuovo florenzi..poi si si non gioca nel suo ruolo ma a 22 anni te devi magna er campo..

    • Er nòvo Florenzi? Magari. Voi nun ve ricordate er Florenzi pre-schioppo de li crociati. Faceva certe cose che Zalewsky manco lo vede…

    • @Lele78 – che significa che Zalewski ha problemi con lo spogliatoio?
      Con chi?
      Chi ne sa qualcosa?
      Io vedo sempre i Senior (Pellegrini, Mancini, etc) che lo abbracciano!
      Non sono informato, scusa.

  8. Ieri Pellegrini ha fatto una buona partita, rapportata alle precedenti inguardabili prestazioni. Per avere più indulgenza nei suoi confronti, bisognerebbe decontestualizzarlo dal fatto che sia capitano e che abbia uno stipendio uguale a quello di… Osimhen

    • Quello è il problema.

      Pastore venne criticato perche prendeva soldi, 4.5mln netti l’anno senza giocare.

      Pellegrini gioca, ma prende piu di pastore, inclusi bonus, per avere il rendimento da giocatore da frosinone e simil.

      Il problema è avergli dato troppo peso per quello che effettivamente è.

      Perchè se fosse stato trattato per il giocatore che è, non ci sarebbero stati questi malumori nei suoi confronti o critiche.

  9. Diciamo che in questo caso il calendario ci ha dato una piccola mano. Nel senso che ,dopo ls bstosta di Genova il Frosinone era la squadra “ideale” per la riscossa. Magari se incontravamo Juve od Inter ,la riscossa sarebbe stata decisamente più ardua,soprattutto per le mancanze in difesa. Ma è solo una mia opinione.

  10. una cosa che ho notato da tempo è che i “tifosi” che scrivono su questo sito non rappresentano nulla. I romanisti la pensano in modo diverso. Qui è pieno di rancorosi, di sfigati, di criptolaziali che passano il tempo a lamentarsi e a chiedere di cambiare allenatore.
    Sempre. Raccontano di lontani tempi d’oro che non hanno mai vissuto e chiedono sempre di cambiare e di cacciare questo e quello. I nostri calciatori sono tutte pippe e persino uno come mourinho è uno finito, è un bollito.
    Gli articoli di Fiorini sono ottimi e bilanciati. Accetto pure quelli della Gazzetta e di Tuttosport. Sono di parte ma fa parte del gioco.
    Quello che proprio mi schifa è il piacere perverso di alcuni nel parlare sempre male della squadra.
    Entrando nel merito della partita persa, veramente qualcuno che ha giocato mai a calcio (no, non subbuteo) può sperare di vincere una partita quando in difesa mancano Smalling, Llorente, Kumbulla e Ibanez è stato venduto? I centrali sono finiti. Nella partitella con gli amici se si fa male il portiere ci vado pure io in porta, ma in serie A non funziona così.
    Fatevene una ragione e, possibilmente, cambiate sport da seguire perché veramente non ci capite niente.
    Daje Roma

    • Amico mio, un allenatore è pagato per trovare soluzioni ai problemi. E quando è pagato 7 milioni l’anno il suo cervello deve fare le fiamme, altrimenti mi tenevo Fonseca a 1/3 dello stipendio.
      Quando Spalletti si trovò con tutti gli attaccanti fuori combattimento non è che disse “non posso sperare di vincere le partite”; si rimboccò le maniche, avanzò Perrotta, mediano, a trequartista, Totti centravanti e vincemmo 11 partite consecutive.
      Anche Sarri, nelle medesime difficoltà, si inventò Mertens centravanti e questo iniziò a segnare a raffica.
      Ti ricordo che a Genova difensori per evitare di giocare con Cristante stopper ne avevi: potevi evitare di sostituire Mancini, potevi mettere lì Celik, Kristensen, Karsdorp, sempre meglio di Cristante.
      E a proposito del turco, non era quello che lui aveva detto considerare quale cambio per i centrali? Un altro po’ ci mette Dybala prima di lui a fare lo stopper.
      E ieri due centrali di ruolo c’erano, se tu non vuoi proprio metterti a quattro sono affari tuoi (tranne per metterci Cristante a dimostrare la tua tesi).
      Insomma, pietà, a nessuno avremmo perdonato quello che si è visto a Genova e in parte già a Torino.
      Mi sa che siete voi a non seguire più uno sport ma una religione e un messia.

    • UR mi sa che ti sfugge l’idea di centrale.Hai presente quello che “qui non si passa” “de testa la prendo io” la linea del fuorigioco ve la mostro io etc. etc.?Celik? Boh, magari hai ragione ma anche no….

    • Coregiallorosso, ti ricordi Roma-Arsenal? Giocarono centrali Diamoutene e Riise, e fecero una partita epica, quindi perché non Celik, Kristensen o Karsdorp?
      Certo, i giocatori bisognerebbe anche addestrarli un minimo…

    • UR,in mezzo ai 2 c’era un certo Juan,che fra l’altro segno’ anche il gol dell’uno a zero.Ma non mi far pensare a quella notte….

    • Mourinho santo subito

      Prima pero’ tu vecchio tifoso mi dici quale giocatore della Roma e’ migliorato con Mourinho ?

    • Coregiallorosso, no, ti sbagli. Juan uscì dopo pochi minuti, subito dopo avere segnato il gol del vantaggio e fu sostituito proprio da Diamoutene che andò a formare la coppia di centrali con Riise.
      D’altronde mai Spalletti ha giocato o giocherebbe a tre dietro.

  11. io ,ieri , Pellegrini l’o visto positivo .. ha corso e ha lottato ..
    e con lui mi sono piaciuti anche Cristante e Bove e anche Karsdorp, Mancini e Spinazzola ..

    secondo me sono ancora non esattamente nella sufficienza i vari NDicka, Kristensen ,Paredes, Aouar ..
    gli infortunati Smalling e Sanches li aspettiamo sapendo che sono forti ..

    Kumbulla , Abraham e Llorente infortunati ..

    a parte il portiere (serve uno agile e reattivo ..) .. se tutti stessero davvero bene fisicamente .. avremmo una buona squadra ..

    ma chi ci pensa ? .. Pinto ?

    mah ..

    • su pellegrini non insisto tanto parlano i numeri non la soggettiva, spinazzola ha sbagliato l’impossibile ed è sempre posizionato male. mancini si perde l’avversario, Bove ha corso come un matto ma ha sbagliato molti passaggi… c’è solo l’AS ROMA.

  12. La Roma ha parecchi problemi, e l’allenatore non è fra questi.

    Non mi metto a fare analisi, che tanto è inutile. Ci sono i convinti che tutto dipenda da Mourinho e che se prendessimo un altro allenatore magicamente la Roma inizierebbe a correre.

    Non è così.
    Ma tanto i vari haters del portoghese, così attivi sui social questo periodo, torneranno nelle loro tane aspettando il momento buono (per loro, cioè non per la Roma) per tornare alla ribalta.

    Che gli vuoi dire?
    Come disse Teofilatto de Leonzi (famiglia bizantina ecc) “ti vedo … e ti piango.”

    Ma aldilà delle disanime tecniche su questo o quel giocatore, su chi rappresenta una debolezza e chi una forza, io vorrei solo che si smettesse di darsi alibi con la storia di dovere giocare più partite di seguito.

    Certo è difficile allenarsi, se oltre a giocare devi anche spostarti in aereo per migliaia di kilometri, ma sono atleti, sono giovani, fanno solo quello…

    allora in NBA che dovrebbero dire?

    Questi tendono a amministrarsi, a risparmiarsi, e così facendo i meccanismi di gioco si inceppano, i compagni liberi non si trovano, i palloni non si riconquistano, le linee di passaggio non si schermano.

    Giocare col coltello fra i denti ogni partita, fintanto che ne hai. Da SUBITO.
    Per incutere timore all’avversario, perché se segni li costringi ad aprirsi, perché deve essere il tuo modo di affrontare la partita.

    La Roma non è in cattiva condizione atletica, basta vedere le statistiche per capirlo, ma fin dall’inizio gioca al risparmio. Hanno paura di farsi male, paura di essere troppo stanchi la partita successiva.

    Anche giocando male, se giochi con la GARRA, nella maggior parte dei casi porti a casa le partite, perché hai più qualità di quelli che affronti.

    Poi ovvio che non basti sempre, ma non ti formi la mentalità per affrontare squadre forti se prendi schiaffi con le piccole.

    BASTA RISPARMIARSI.

    Date tutto quello che avete fin dall’inizio della partita. Amministratevi quando state 2/3 a 0
    Allora è agevole fare cambi e fare melina, con i passaggi indietro.

    • Ma chi è se non lui a dire sempre ed ossessivamente che non gliela fanno, che ha giocatori che si rompono solo ad alitargli addosso?
      Pure ieri è stato lui a dire ai suoi giocatori di stare calmi, non farsi prendere dalla foga.
      E tu pretendi garra, corsa e aggressione costante da un gruppo che lui stesso non perde occasione di definire come un manipolo di reduci da El Alamein.
      Forse questo è proprio il tipo di gruppo che dovrebbe avere qualche altra freccia nel suo arco oltre alle doti che tu ritieni invece come le uniche indispensabili.
      Quelle le puoi chiedere con continuità a calciatori giovani, sani, forti, in ascesa.
      A un Salisburgo insomma, non alla Roma attuale.

    • Questo problema è endemico della Roma, non è arrivato con Mourinho.
      Quanti anni sono che prendiamo sottogamba le “piccole” ? complicandoci gironi, eliminatorie, campionato…
      quante volte abbiamo sentito “abbiamo sbagliato l’approccio”???

      Su questo Mourinho non è diverso da altri. E non è un atteggiamento che condivido, perché, mi sembra, da alibi ai giocatori. Ma magari mi sbaglio…

    • Condivido. Tante volte abbiamo avuto squadre forti tecnicamente e fisicamente che però spesso difettavano dal punto di vista della concentrazione e dell’approccio alla partita.
      Persino con Liedholm e Capello è successo.
      Da questo gruppo con 6/7 giocatori sempre a rischio di sfondarsi, costruito del resto in collaborazione tra Pinto e Mourinho, io non me la sento di chiedere che disputino ogni partita con l’elmetto in testa: questo lo puoi chiedere a Bove e pochi altri.
      Qualche partita, soprattutto con le piccole, dovremmo vincerla anche in scioltezza, palesando una superiorità tecnica che esiste.
      Non scendendo in campo in ciavatte perché altrimenti le prendi da tutti, ma mi attendo di vedere qualche partita in più che finisca quasi serenamente con almeno tre gol di scarto per noi.

  13. il brodino contro il Frosinone lo abbiamo preso adesso mi aspetto che pellegrini contro il Cagliari faccia la differenza non i soliti passaggetti ad un metro

  14. Non sono espertissimo ma io Pellegrini , da quando gioca a Roma , lo ricordo per una punizione al derby ed i rigori sbagliati…buon giocatore ma non fa la differenza , e, come capitano,dovrebbe essere sempre sul pezzo …nel bene e nel male

  15. Pellegrini ha talento ma è un pò fregile e senza un grande carattere, quando hai talento ma ti manca la “tigna” e il “fisicaccio” resti sempre sul voto 6…eravamo abituati a ben altri capitani.
    Per il problema della Roma non è Pellegrini, è l’allenatore. Se non riuscirà a dare un gioco alla Roma sarà dura qualificarsi per l’Europa. Non leggo , non sento radio, vedo solo partite della Roma e delle altre squadre e mi da molto fastidio vedere il 70% delle squadre del campionato italiano con un gioco ben chiaro che , quando è unito ad una rosa di giocatori forti si traduce in INTER e NAPOLI, quando c’è solo il gioco si traduce in LECCE e SASSUOLO ( sono esempi) . E la Roma?

  16. ma è gia tanto che non chiede a Lukako e bybala di difendere ma de che parlamo….piamose i 3 punti xche ieri solo quelli fanno venire il sorriso …il 1 tempo a livello difensivo è sta na robba da film Horror……

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome