Pietralata diventa “green”: maxi-parco con lo stadio

23
1251

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Una nuova Villa Torlonia, almeno per dimensioni, scrive l’edizione odierna de Il Messaggero (F. Magliaro). C’è anche questa dentro il progetto Stadio della Roma di Pietralata. Nella brochure presentata in Campidoglio, uno dei cardini sui quali si baserà l’analisi del progetto della società giallorossa è il “green”, la sostenibilità ecologica e l’impatto ambientale.

Il testo consegnato in Campidoglio riporta fra gli elementi caratterizzanti la creazione di un parco intorno allo Stadio. L’idea è che l’impianto sia un “vasto parco pubblico e polo di servizi”. E non è solo una questione estetica: disporre di un’area verde intorno all’”ovale” significa anche inserire un elemento naturale di minimizzazione dell’impatto acustico e creare “un’adeguata area pedonale di filtro e di calma” in grado di “soddisfare tutte le esigenze di carattere logistico connesse con gli eventi sportivi: afflusso e deflusso ordinato, sicurezza in caso di evacuazione ed emergenza“.

Nelle carte, tolte le dimensioni dell’impianto sportivo vero e proprio, si ipotizza uno spazio di quasi 15 ettari da dividere fra “parco, spazi pedonali, viabilità, servizi”. Di fatto, siamo più o meno alle dimensioni di Villa Torlonia (13 ettari) o Villa De Santis (12 ettari).
L’impatto acustico, insieme alla garanzia di piena accessibilità delle ambulanze da e per l’Ospedale Pertini, è uno dei tasselli da monitorare nella fase di progettazione e di interlocuzione con le Istituzioni. Gli alberi sono un’eccellente barriera naturale fonoassorbente e sono, quindi, in grado già da soli di ridurre sensibilmente l’impatto del tifo sul nosocomio che, stando a queste prime carte, potrebbe distare da 470 a 650 metri, in linea d’aria, dagli spalti.

Le distanze sono ancora indicative: le carte della Roma sono un punto di partenza per sedersi al tavolo con i tecnici del Campidoglio avendo sotto mano i primi numeri, le prime mappe e i primi dati. Il livello di approfondimento è ancora minimo tant’è che dopo aver consegnato queste carte in cui si parlava della realizzazione anche di hotel e centro commerciale nell’area circostante allo stadio, questa ipotesi è già uscita di scena in poche ore.

Due infrastrutture, però, ci sono. E hanno una funzione urbanistica. Sono i due ponti ciclopedonali che, dalle prime carte, la Roma prevede di costruire. La prima dal lato dell’uscita Pietralata della Stazione Tiburtina verso lo Stadio: nelle carte la definiscono una “spina pedonale-ciclabile”.

La seconda, da via Livorno a scavalcare i binari della ferrovia. Quest’ultimo ponte avrebbe due caratteristiche: renderebbe fruibile lo stadio a chi viene con la B1, quindi da Montesacro, senza bisogno di fare cambi. Per capirsi, sarebbe una passeggiata di circa un chilometro e duecento metri.

Fonte: Il Messaggero

Articolo precedenteRoma, testa al campionato: Mou teme il rilassamento e prepara i cambi
Articolo successivoMkhitaryan e Spinazzola, operazione Tirana

23 Commenti

  1. Mah… il problema non sono i progetti e / o i proponenti: sono sicuro che la loro proposta sarà all’altezza dei parametri Architettonici ed Urbanistici attuali.

    Il problema è questa Classe Dirigente Amministrativa (toglierei l’appellativo di ‘Politico’ per non confondere le idee: vedere un problema ‘Politico’ nella costruzione di un’infrastruttura sarebbe segno di una stortura mentale ahimè inguaribile…) da 4 soldi che abbiamo. Pasticcioni, pigri, ignoranti e ladri.

    O forse è sfuggito a qualcuno che ogni tot anni, per trovare un individuo all’altezza, dobbiamo ricorrere a uno che non si è neanche sognato di candidarsi alle elezioni…

    • Ciao Enrico, dipende cosa intendi per politico all’altezza, leggi sindaco uscente ma sopratutto l’attuale, visto che dovremo farci i conti almeno fino al 2026. A mio personale avviso, in quest’epoca, non importa granché chi viene eletto sindaco dal momento che l’indirizzo politico viene gentilmente fornito dall’esterno mentre l’agenda economica ce la siamo imposta da soli e suggellata in costituzione, leggi: pareggio di bilancio. Quindi, per dirla con le tue parole, il sindaco deve avere un’altezza diciamo… da passacarte, dev’essere, in sostanza, uomo capace di svolgere il ruolo di burattino, e lui in questo eccelle, l’abbiamo apprezzato già come ministro (ehm…) delle finanze…
      Forza Roma, sempre!

  2. ennesima operazione di distrazione di massa?
    1) testa a Tirana;
    2) testa al campionato a cominciare da domani;
    3) testa al mercato visto che le ultime due sessione sono state toppate ( Rui e Tammy a parte )
    4) last but not the least le elezioni sono ( dovrebbero…con questi non si sa mai..) previste nel 2023 ma siamo già in campagna elettorale, nevvero Gualtie’?
    Dai, forza Roma sempre!

    • @giorgio romanista: no, ma secondo me lui lo sa perfettamente quando si vota (alle Politiche, intanto), ecco perché fa proprio campagna elettorale col pretesto di tifare la Roma, ammesso che la tifi davvero poi. A me ha anche un po’ frantumato le sfere, peraltro. E poi, scusa Fred: ma non stai sempre a lamentarti che è tutto uno schifo, tutto un “gomblotto”, tutta una “malvivenza” (cit. Razzi), tutta una mascherina, tutta una oppressione mondialista?… E allora, che te ne frega di parlare di “politica” (è morta, la politica: pace all’anima sua), di Gualtieri, di Draghi, ecc.? Non dovresti parlarne proprio, Fred, tu per primo e stando ai tuoi “discorsi”. E invece ci stai sempre a far capire (pur senza nominarli mai…) chi sono i cavalieri senza macchia e senza peccato che si oppongono a tutto ciò, e che a te piacciono tanto. E per carità: affari tuoi e legittimo che tu lo pensi e che porti l’acqua al mulino o alla parrocchietta tua. Ma, insisto: perché mettere in mezzo la Roma? E perché buttarla sempre in caciara? È fastidiosa, sta cosa…

    • ah, scusa Giorgio Romanista, mi è sfuggito il refuso, intendevo 2026. Certo mettersi lì e rispondere e offendere per così poco denota una certa idea del mondo sopratutto volendo imporre il tuo personalissimo giudizio su chi può parlare, forse intendevi scrivere, e chi no…buona vita, cervellone!
      Forza Roma, sempre!

    • …eccone un altro che pretende di decidere chi può scrivere e chi no e anche di cosa può scrivere, perché altrimenti gli frantumano le sfere…ti do un consiglio un po’ più democratico: ignorami! Io ti giuro che è così che faccio con te e con altri, non mi possono mica andare tutti a genio!
      Buona vita anche a te e
      Forza Roma sempre, se t’interessa!

    • Ma io ti ignorerei pure, Fred, figurati. È che sei così “rumoroso”… un frastuono, proprio, davvero…

  3. Una passeggiata di 1,2km.
    Che è quasi meno di quello che ti devi sorbire per parcheggiare, anche con la moto, in quel cesso dell’Olimpico. Tipo piazzale Clodio o piazza Mancini.

  4. Speriamo di fare uno stadio da più di 60mila spettatore sarebbe il minimo per la tifoseria della Roma.sarebbe utile per contenere i prezzi e per fare amare e conoscere meglio i tifosi della Roma.Poi mi devono dire perché lo stadio olimpico da 80 mila non crea problemi di traffico poi se lo fai vicino alla metro in un altra parte ci sono problemi di traffico.Per i rumori lazialottinon vi preoccupate vi romperemo i timpani quando segnerà la Roma anche se state a Formello

    • Ciao Sardegna giallorossa che per sbaglio conosci un’amico che vive lì e che scriveva qui , sotto nick name di Step.by step? Io sono Luca quello con sei figli.

    • Ciao UNDIDU, visto ora il tuo post… no, non conosco personalmente altri giallorossi che vivono in Sardegna e scrivono qui… SFR!

  5. Il messaggero ne parla con toni entusiastici e quindi mi sembra chiaro ipotizzare chi sarà il costruttore. Per il resto stiamo ancora all’analisi dei suoni e delle nuvole quando a londra o madrid butti giù e fai più impianti dentro la città senza problemi di sorta. Il problema a ROMA è e resta la MANGIATOIA, risolta quella si costruisce sicuro, in genere male, con progetti superati, però si costruisce.

  6. Sessantamila attaccati al campo come ho sempre sognato da quando sono nato.
    Questo fatto ci ha sempre penalizzato rispetto agli altri stadi adibiti al calcio, comunque anche se a 30 mt dal campo abbiamo sempre traformato l olimpico in una bolgia.
    Secondo me non vogliono farcelo fare perche sarebbero 3 punti ogni domenica(come a campo testaccio) , poi come fanno gli arbitri a interpretare a modo loro le scelte con tutti gli occhi che vedono chiaramente e da vicino le loro”interpretazione del fallo”.
    Vi immagginate voi la curva sud stile borussia?
    Il MURO GIALLOROSSO, impressionante. Darebbe sicuramente una spinta piu’ a noi condizionerebbe gli avversari e spero che gli arbitri sarebbero costretti a fischiarci il nostro.
    Non vogliamo regali ma quello che ci spetta e non fasse pija per ciulo!

  7. Cosa c’entrano le politiche con Gualtieri appena eletto sindaco?
    La campagna elettorale per le prossime politiche per il PD la farà Enrico Letta e non l’attuale sindaco, non credo serva il suo intervento per la campagna elettorale per le politiche, nè il campidoglio sarà sede di (non) eventuali comizi o altro…
    C’è solo il “mood” di chi non vede lo stadio come fonte di ricchezza ulteriore per la AS ROMA o è un tifoso masochista….
    Daje Friedkin! Daje Pietralata!!!
    Daje CUCS dajeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!

  8. Auditorium, Museo Maxxi, Nuvola di Fuksas, Eataly, Acquario EUR, Nuova FIERA…(lasciamo stare le Vele di Calatrava)
    Tutte opere pubbliche o private che hanno richiesto in media 10 ANNI di lavori tra ricorsi, fallimenti, o boicottaggi.
    Per ora abbiamo i Friedkin e Mourinho..
    Per me sono una garanzia…intanto pensiamo al 25 maggio.

  9. Ho solo qualche perplessità sulla Vicinanza dell’ospedale…
    Non è il rumore che proviene dallo stadio, il problema, ma il rumore del prima e dopo
    Lo stadio spesso è diventato campo di battaglia e la vicinanza di un ospedale non è cosa buona.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome