Roma: Aouar, Sanches e Lukaku per tornare in alto

46
2290

AS ROMA NEWS – Il ko di Lorenzo Pellegrini in Nazionale complica il lavoro di Mourinho in vista della ripresa del campionato: il centrocampo al momento perde pezzi, dato che al momento ai box ci sono anche Aouar e Renato Sanches.

Se la partita contro l’Empoli si giocasse questa domenica, Mou avrebbe a disposizione solo Cristante, Paredes e Bove per la mediana. Fortunatamente però il tecnico portoghese avrà un’altra settimana di tempo per preparare la sfida contro i toscani, e conta di recuperare i due pezzi pregiati dello scorso mercato.

Houssem Aouar e Renato Sanches sono i rinforzi chiamati a dare un volto diverso alla mediana. Il primo unisce quantità a qualità, e può essere il collante tra centrocampo e attacco. Il secondo invece è il centrocampista box to box di livello che mancava maledettamente alla Roma. Con loro due al top, la squadra farebbe un salto di qualità notevole in mezzo al campo.

Davanti poi gli occhi sono tutti puntati su Romelu Lukaku, che oggi pomeriggio alle 15 giocherà titolare con il Belgio nel match contro l’Arzebaigian. Fortissimo fisicamente, veloce e dotato di un gran tiro, l’ex Inter è il centravanti che può cambiare le sorti di una squadra. A Big Rom manca solo il ritmo partita, e oggi può mettere minuti nelle gambe che saranno utili anche per la sfida di domenica 17 contro l’Empoli.

I romanisti incrociano le dita: la speranza è che un pizzico di buona sorte possa assistere i pezzi pregiati di questo mercato. Con loro in campo la Roma potrà cominciare la sua scalata verso le parti più alte della classifica.

Fonti: Il Messaggero / Corriere dello Sport / Gazzetta dello Sport / Il Tempo

 

Articolo precedenteGiallorossi in nazionale: Celik gioca un’ora con la Turchia, panchina per Rui Patricio. Oggi tocca a Lukaku e agli azzurri
Articolo successivoStipendi al top: i Friedkin accelerano per far volare la Roma

46 Commenti

  1. Domenica prossima si incomincia sul serio. SE i nuovi acquisti ingranano e SE la difesa torna quella dell’anno scorso….a maggio s’abbracciamo.

    • “SE” senza accento (dal latino si), è una congiunzione con valore ipotetico”. Questo recita il vocabolario Treccani sulle due lettere strasuper abusate in ogni commento. Vorrei che questo avverbio dubitativo scompaia dai nostri commenti travalicando i nostri pensieri in certezze.
      Se sta bene, se vinciamo, se giochiamo come dovremo, se attacchiamo, se ritorna ad esse quello de, se cambiasse modulo etc etc. Forza Roma Vincemo e godiamo.

  2. Buongiorno a tutti, basta co sta jella del cazxo, recuperando questi giocatori la musica cambia , pellegrini non ci condiziona Aouar lo sostituisce più che bene , io sono convinto che le prossime 3/4 partite siamo nel.gruppo con le altre

  3. Sanches se sta in forma fa magie col pallone, Aouar ha fatto vedere buone cose (gol a Verona) e Lukaku la scorsa stagione fece 14 gol pur non essendo al 100 percento dato che aveva subito un infortunio. Il problema di questa Roma sta nella condizione fisica dei giocatori, se fossero tutti sempre in forma staremmo tra i primi posti della classifica; altro problema è la mancanza di gioco ( lanci lunghi per gli attaccanti, spesso non azzeccati, e la lentezza)

  4. fossimo su Fifa24 pure pure.
    il timore, quasi certezza, è che ad un certo punto, entro 15/20 minuti di presenza in campo, il Davids preso da Wish alzi la mano, testa bassa, e cambio per guaio muscolare. così come per Dybala e simili.

    • sgrat? il calcio vero non è fifa24
      se compri giocatori muscolarmente marci, che vuoi?
      anche Redondo del Real fu un giocatore MERAVIGLIOSO, ma sempre 10 minuti ogni 3 mesi giocava.
      Dybala Spina e Sanches devono giocare gli ultimi 15 minuti di ogni partita, più recupero (sperando non diano 10 minuti di recupero, sennò se stirano). questo è purtroppo.

  5. Renato Sanches va preparato bene fisicamente prima di gettarlo in campo e farlo rompere. Facciamo giocare Bove e mettiamo minuti anche nelle sue gambe c’è bisogno di tutti.

  6. Ho letto in questi giorni discussioni accese tra chi considera Pinto un mago, un eroe, l’indiscusso re del mercato e chi invece lo considera un incapace, un disastro, la causa delle sconfitte e dei sesti posti.
    I primi erigerebbero statue in suo onore da mettere anche nel giardino di casa, i secondi lo vorrebbero cacciato a pedate con ignominia.
    Quando leggo certi commenti mi prende lo sconforto, perché ritengo che l’analisi dei FATTI, l’operato di un dirigente, dovrebbe consentire dopo quasi 3 anni, valutazioni obiettive e non reazioni di pancia.
    Quando i Friedkin si insediarono nell’agosto 2020 criticai il fatto che non si erano portati dietro uno straccio di Dirigente che potesse rifondare la società e la conseguenza fu che di fatto perdemmo un anno a causa della conferma di un allenatore già di fatto esonerato dalla squadra e di un mercato assegnato a Fienga + intermediari.
    Come conseguenza avvennero operazioni folli (Kumbulla 30 ml), il litigio tra Dzeko e Fonseca che decretó (purtroppo per noi) l’inserimento di Edin nel libro nero e quindi il suo addio ed il 7 posto in campionato.
    Nel frattempo i Friedkin decisero di prendere un uomo di loro fiducia, uno solo, un factotum, che facesse il direttore generale, il direttore sportivo, il direttore tecnico, il frontman …….
    Bastava aver letto il suo CV per capire che Pinto non aveva sufficiente esperienza e capacità per ricoprire da solo tutti questi ruoli così complessi e delicati, dovendo affrontare un campionato che non conosceva, dirigenti parigrado che non conosceva, giocatori che non conosceva.
    Laureato in Pedagogia con un Master in Economia e Risorse Umane, socio del Benfica, aveva dal 2012 dapprima ricoperto ruoli organizzativi nella Polisportiva del Benfica e considerati i risultati raggiunti e le sue capacità organizzative nel 2016 era stato promosso a Director of Professional Football del club affiancandosi nel mercato al DS Rui Costa.
    Per queste sue capacità Charles Gould lo propose ai Friedkin che cercavano un profilo simile.
    Dopo 3 anni, avendolo visto all’opera in vari frangenti, il mio giudizio sull’uomo è molto positivo. Lo trovo sempre molto positivo, simpatico, empatico, onesto e passionale.
    Dal punto di vista professionale direi che in pochi sarebbero riusciti da soli a caricarsi una società sulle spalle come ha fatto lui in un periodo difficile com’è stato il mondo in epoca Covid ed ora con i lacci e lacciuoli del Settlement Agreement.
    Pinto è un professionista brillante che sicuramente vedremo in qualche top team europeo prima o poi, ma non può fisiologicamente occuparsi di tutto.
    Perché va detto che anche se lui parla spesso di “lavoro di team”, nella sostanza l’impressione che ho è che tante, troppe cose nel club siano sotto la sua diretta gestione anche cose nelle quali non ha sufficiente esperienza e conoscenza per gestirle.
    Questo significa poter seguire bene solo alcune cose, trascurandone altre.
    E di cose trascurate in questi anni ce ne sono state tante, una su tutte la gestione del settore giovanile ormai diventato il salvadanaio della società con una gestione pessima dei ragazzi ceduti per 2 spicci con la solita % sulla rivendita, prima che possano dimostrare le loro capacità e il loro talento.
    Altra gestione pessima, quella del mercato, in continuo equilibrio tra desiderata di un tecnico voglioso di avere giocatori fatti e finiti e la necessità della società di fare investimenti su giocatori giovani e plusvalenzabili.
    La mia idea è che la Roma dovrebbe affidare a Pinto un ruolo meno operativo e maggiormente organizzativo e di supervisione, utilizzando le sue competenze in economia per gestire al meglio i bilanci e i contratti, i rapporti col Palazzo con gli organismi internazionali e con gli altri club, quello che dovrebbe fare un Direttore Generale, che poi era il ruolo che aveva al Benfica.
    I Friedkin dovrebbero in ultima analisi affiancarli una vera squadra dirigenziale, non quei 4 gatti impresentabili che si ritrova.
    Servirebbero:
    – uno o più Direttori Sportivi
    – una Under 23 con tutta l’organizzazione che ne consegue
    – un nuovo capo Scout
    – una rete di scout e di osservatori in tutto il mondo specie in paesi emergenti come quelli asiatici e africani

    Grazie a quei volenterosi che hanno avuto la pazienza di leggere questo papiro 😎

    • Vegemite, buongiorno.
      Non sono stato volenteroso nel leggere il tuo post, bensì affascinato dalla facilità e semplicità di scrittura con cui hai descritto Tiago Pinto, sia personalmente che (ovvio) professionalmente.
      Di quanto ho letto, approvo anche i sospiri.
      Niente altro da aggiungere.

    • Ciao Vegemite, ti ho letto con piacere perché hai fatto un’analisi quasi impeccabile. L’unica cosa che non condivido è la gestione del settore giovanile, l’anno scorso abbiamo vinto praticamente tutto quello che c’era da vincere e, quasi tutti i giovani vengono attentamente valutati prima di essere ceduti e quelli meritevoli vengono tenuti e fatti giocare. Alla guida tecnica c’è uno che di calciatori ne capisce e se pensa che il Volpato di turno non è da Roma io mi fido. La storia dice che sono pochissimi i giocatori provenienti dal nostro vivaio ad essere esplosi altrove.

    • Mamma mia, la prossima volta leggo direttamente prima i commenti (che con l’articolo non c’entra niente).
      Però una domanda: tutti sti posti da dirigente chi li paga?
      Il Milan ha snellito mandando via Maldini, e noi se caricamo 4-5 stipendi in più? Boh, gestione agile direi.

    • Vegemite, non hai detto che molto probabilmente i Friedkin con queste scelte e non scelte tirano a campare sperando nella botta di kulo che prima fu Mourinho con la vittoria della Conference, ora sarà Lukaku perché nonostante tutto ci salverà la stagione ma come dici te e il mio amico Cruijff di svolte non ne vedo. Ciao
      Forza Roma

    • Ciao Vege.
      Sono in linea con tutto cio’ che affermi, tranne come l’amico Positano sottolinea in merito al nostro settore giovanile e ribadisco quanto da me gia’ affermato, quelli che definisci spicci + % varie:

      11 milioni per Felix,
      8 milioni per Volpato,
      9 milioni per Tahirovic,
      2 milioni per Missori,
      1 milione per Faticanti

      Sono tutti calciatori che dovranno dimostrare nel tempo se e a quale livello possono giocare, poi e’ chiaro che piu’ saranno quelli che arriveranno al livello di Frattesi e piu’ sara’ il valore in moneta, cosa che purtroppo vede l’A.S. fare i conti con un regolamento finanziario che prevede il riferimento prioritario al fatturato, ma qui credo che alla Roma ci siano specialisti in merito che conoscono come muoversi, il comito del ragioniere lo lascio ad altri, uo preferisco parlare di calcio e calciatori.

      Personalmente e mi sono sbagliato, ad inizio stagione 22-23, pensavo che Volpato sarebbe stato poi confermato a fine stagione, poi invece e’ stata presa una decisione sulla cessione e credo che abbia riguardato piu’ Mourinho che Pinto e sia stato deciso piu’ dal piano tecnico che finanziario e sempre sotto il benestare di Mourinho cosi e’ stato deciso per Bove e Zalewsky di confermare la loro permanenza a Roma, per entrambe il loro valore di mercato e’ tra il doppio se non quasi il triplo di Volpato e la loro eventuale cessione avrebbero risolto ancor prima la vicenda attaccante se solo si sarebbe voluto vendere Bove e Zalewsky, mentre loro attualmente sono un Valore societario.
      “sottolineo Valore con la maiuscola”

      In merito alla mia competenza in merito faro’ una previsione, poiche’ stravedo per Pagano sara’ lui un futuro Top e sara’ confermato in rosa anche per il futuro e sara’ un Valore all’interno della societa’ A.S.Roma.

      Per lo scouting giovanile e aggiungo di prima squadra, personalmente farei l’investimento principale.

      Premmesso che di gente come Monchada nel mondo non c’e’ ne tanta, si contano sulle punte delle dita di una mano e la mano ha solo 5 dita.

      In questo blog ci sono persone che possono confermare quanto posto, personalmente conosco da almeno 7 anni dal 2016 – 17, calciatori come
      Soboslai che era gia’ evidente e conosciuto 7 anni fa.
      Ma c’erano anche degli sconosciuti come Haalland, Kulusewsky, Crstovic del Lecce che e’ arrivato solo questa stagione alla ribalta del calcio che conta, Vi do idea di che calciatore sia sul valore tecnico, e’ un Icardi, anche piu’ potente, il migliore Icardi ovvio.

      Vege, anche oggi come 7 anni fa ci sono dei calciatori sconosciuti o semisconosciuti come allora, basta saper avere fiducia di uno di quei 4 scout che sono rimasti in giro per il mondo per ritrovarsi una fortuna e ti posso assicurare che come si conoscono i calciatori nell’ambiente calcio si coniscono anche gli scout, basta solo dargli fiducia cosi come ha fatto il Milan con Monchada, altro che Maldini, a Maldini li ha portati Monchada i calciatori, al Milan c’hanno guadagnato due volte, risparmiato un lauto stipendio e stanno valorizzando le rosa calciatori, di questo i risultati si valuteranno a fine stagione, poi ne riparleremo.

      p.s. io uno di questi 4 scout in giro per il mondo so bene chi e’.

    • Si scusate l’OFF TOPIC e la prolissità ma volevo chiarire bene il mio pensiero.
      Quando critico Pinto non lo faccio perché voglio che se ne vada e lo stesso vale per i Friedkin.
      Le mie critiche sono sempre costruttive ed hanno sempre avuto questa finalità, quella di sperare che le cose migliorino.
      Io non penso che ci sia un disimpegno da parte della proprietà.
      Penso che il loro impegno sia immutato ma bisognerebbe capire qual è sempre stato il loro orizzontale temporale.
      5 anni? 10 anni? Lo stadio?
      Lo sanno solo loro.
      Credo piuttosto che i Friedkin vogliano mantenere un’organizzazione snella e minimalista che consenta loro di avere sempre un controllo stretto della società e di qui la scelta di avere un solo interlocutore (Pinto) che poi è quello che fa tutto.
      Ecco se posso fare una previsione, credo che i texani non rimarranno molto a lungo altrimenti avrebbero fatto altre scelte in senso organizzativo e dirigenziale.
      Avrebbero cioè costruito una società più articolata e complessa.
      Non mettere i piedi troppe cose rientra forse nella strategia di poter uscire velocemente dalla Roma quando sarà il momento.
      I colpi Mou, Dybala e Lukaku rientrano sia nella loro concezione di uno sport che è anche e soprattutto spettacolo con tanto di colpi ad effetto, sia nell’importanza che hanno sempre dato al mantenimento del consenso.
      Ma non c’è al momento nessun progetto sportivo in atto a parte le giravolte di Pinto per soddisfare da un lato i desiderata del tecnico dall’altro lato i paletti del FPF.

    • Vege, l’evolversi delle possibilta’ sta nell’allargare le prospettive, stiamo assistendo da anni ad un cambiamento socioculturale che vede oriente e occidente mostrare muscoli con preopnderanza e scusami il termine improprio, preoccupanza.
      A mio avviso e’ orientale, Cina ed India su tutte, ma anche medioriente con Arabia Saudita e paesi limitrofi in testa, fare incetta di tutto cio’ che e’ affare, il calcio ne e’ l’attuale testimonianza, la stessa guerra nel cuore europeo sta determinando cio’ che stabilira’ in futuro l’egemonia mondiale.

      In antichita’ furono gli Egiziani con i faraoni, poi fu il tempo degli imperatori Romani ed oggi abbiamo il capitalismo Americano (derivazione anglosassone).

      Domani i nostri figli e nipoti sorgeranno dal sole d’oriente, dare un nome all’egemonia nascente non sara’ compito nostro, noi non sarmo testimoni.
      Probabile comunque che la tua analisi sia giusta, certo che pero’ se fosse cosi non vale la pena sognare, pero’ respirare e sognare e’ ancora l’unica cosa che non costa.
      Lasciamo allora che per la Roma ci rimanga da sognare fino a che avremo respiro.

      Ciao FORZA ROMA.

      Prohaska,
      non ho ricevuto nulla.

  7. Rui;

    Kristensen, Mancini, Smalling, Llorente;

    Renato, Paredes, Aouar;

    Dybala, El Shaarawy;

    Lukaku.

    ci spero ancora…

    ❤️🧡💛

    • Con Rui tempi …. bui? (ex cupi)…
      Con gli altri, se efficienti, ci spero anche io!
      Vedremo.
      Con la speranza di vedere anche, nel ’24, il bambino brasiliano.

    • Se vogliamo parlare di calcio giocabile tra una settimana e non quando saremo prossimi agli alberi pizzuti😂 caro Rudy che prima o poi una formazione pure tu l’azzecchi, sempre prima di Andrea Fiorini,😂… avendo visto da vicino come ora gioca davanti il Faraone io eviterei di metterlo titolare e pure Kristensen. L’equilibrio dietro con l’uscita di Ibanez si è rotto e tanto vale passare a 4. Sfidando Zenone dico solo che prossimante vedremo titolare Ndicka 😱
      Ciao
      Forza Roma

    • caro Prohaska,

      io una formazione non la indovinerò MAI, e sai perchè ?

      perchè io scrivo quella che mi piacerebbe vedere, non quella che probabilmente metterà il Ns Buon Giuseppe! 🤣

      ma sulla difesa a 4 non m’arrendo, il 352 proprio non lo digerisco più 👊

      su Ndicka, oh, prima o poi la sua occasione arriverà.

      Quello che mi pare più involuto per ora è Smalling, e questa è una brutta notizia.

      ❤️🧡💛

  8. io Rui lo lascerei in panca e pure il faraone. Sono entrambi stati troppo deludenti. In attacco schiererei Lukaku e Azmoun !!
    Forza Romaaaaaaaaaa

    • Dicono che Svilar è pure peggio, io no l’ho seguito con attenzione, staremo a vedere 😱
      Forza Roma

  9. Renato e Aouar in forma sarebbero una manna per la nostra squadra che è costretta, per caratteristiche dei propri giocatori, a difendere molto bassa e creare densità più indietro. Entrambi hanno la capacità (con un lancio, un controllo orientato, una conduzione di palla) di spezzare la pressione avversaria e portare l’azione offensiva in superiorità posizionale fronte alla porta, con ampi spazi. Associandosi a Dybala e/o Pellegrini, ed avendo come terminale Lukaku, permetterebbero una difesa più ordinata degli spazi dietro, cosa che è drammaticamente mancata nelle prime uscite. Tocca incrociare le dita, e sperare che possano reggere più partite possibili, perché Ibáñez, con la sua velocità e capacità di recupero degli spazi verso la nostra porta, non c’è più, e il pericolo di essere presi di infilata è più grande, senza questi due centrocampisti. Con loro Llorente e Smalling potrebbero posizionarsi in zone più consone alle loro caratteristiche, dando meno profondità ai contrattacchi avversari, organizzando un sostegno di pressione calibrato, (con un centrocampo in grado di allungarsi e accorciarsi), un modo più semplice e non così pericoloso, come è invece avvenuto contro Salernitana e Verona. FR

    • France’ deve rivedere il gioco sulle corsie laterali, non va. O passa come dici te per il centro, lasciandolo come appoggio di scambio o con i calciatori a disposizione la vedo impicciata. Ciao
      Forza Roma

    • Hai ragione: io penso infatti a corsie laterali piuttosto bloccate, e due alla volta dei tre centrali pure piuttosto bloccati (una volta può salire un po’ in costruzione Mancini, l’ altra Llorente o Ndicka, Smalling invece è bene che non lasci troppo campo dietro di sé). Un gioco alla Mourinho, che nelle partite che contano può pagare grossi dividendi. Un gioco semplice che se c’hai Dybala, Lukaku, Aouar e Sanchez può essere efficace. Tutto sommato anche contro le piccole, anche se saranno partite in cui c’è la sensazione che non succeda nulla. FR

    • L’ obbiettivo sarà vincere senza subire nulla, uno a zero e palla congelata, botte da orbi sul limite della nostra trequarti, ultimi minuti a perdere tempo.

  10. purtroppo pinto non è un direttore sportivo ma un mero esecutore di un revisore contabile (Lina soulouku) e il monte ingaggi è addirittura salito invece di scendere…. la gazzetta dello sport elogia esageratamente l’operato dei friedkin mentre la squadra non è mai arrivata in champions, il main sponsor ancora non c’è e il debito è aumentato…
    il problema è gestionale, il solo lukaku non risolve tutti i problemi in un solo colpo, dove il problema dell’allenatore oggi è il più grave a causa dell’assenza totale del gioco… per non parlare dei reiterati e cronici infortuni di sanches, pellegrini, aouar…. c’è una visione esageratamente ottimistica della gazzetta che non smette di essere l’house organ di casa friedkin… io sono molto preoccupato invece è temo le prossime partite più del Milan……

    • Adriano, Paredes è stata la tassa pagata al PSG per poter prendere Sanches alle condizioni a noi più favorevoli. L’ha chiarito lo stesso Pinto che Sanches è sempre stato un suo pallino ed è una sua scelta (Mou forse avrebbe preferito Kamada). La speranza ora è che Leandro non sia quello dello scorso anno alla Juve, il peggior centrocampista della serie A come media voto e che Sanches non sia quello che tutti temono. L’inizio purtroppo non è incoraggiante.

  11. Io spero che mou l’ha capito peggio di così non può andare, deve cambiare modulo 4-3-3 o 4-3-1-2
    Svilar
    Celik- smalling- ndicka- llorente
    Paredes(cristante)
    Aouar- Renato sanches
    Dybala- Lukaku- El shaarawy
    Celik andrebbe a ricoprire il ruolo che più gli si addice per caratteristiche ovvero il terzino destro, poi se ndicka non è pronto sposti llorente centrale e dentro spinazzola. La difesa a 3 perdendo ibanez ha perso molto, soprattuto velocità e anticipi che ibanez era formidabile, quindi proverei la difesa a 4.

  12. Personalmente non sottoavaluterei azmoun… Per me sarà una sorpresa in positivo, può giocare anche con un altro centravanti al posto di dybala e quindi potrebbe avere molto spazio perché è un attaccante di movimento che sa giocare con i piedi e soprattutto nn potendo fare coppe… In campionato sarà utilizzato molto

    • Bravo.. e soprattutto e già stato bollato come una pippa ma nn lo conosce nessuno.. ma questa è Roma .. nel bene e nel male

  13. Lukaku, Renato Sanches, Aouar e mettiamoci pure Dybala, se stanno bene sono 5 giocatori devastanti, praticamente mezza squadra tra centrocampo ed attacco fatta di top players di 1° livello.

  14. 4 giocatori, per Renatone avevo messo nome e cognome e ne avevo contato uno in più ma che siano 4 o 5 sempre di tanta roba si tratta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome