Roma, grandi manovre al centro: per Mourinho rinforzi in ogni reparto

57
3050

AS ROMA NEWS – Al netto delle cessioni che dovrà fare entro il 30 giugno, in questa fase del calciomercato, il general manager della Roma Tiago Pinto si sta concentrando sull’asse centrale della squadra, dal portiere al centravanti, scrive oggi il Corriere della Sera (G. Piacentini).

Poi si dedicherà agli esterni, dove per il momento c’è abbondanza con 6 calciatori-Karsdorp, Celik, Zalewski, Spinazzola, Vina (di rientro dal prestito al Bournemouth) ed El Shaarawy che dovrebbe rinnovare a breve – per due posti: ma il primo obiettivo del dirigente è dare al tecnico José Mourinho maggiori alternative nella zona centrale.

A cominciare dalla porta: lo scorso anno la scarsa fiducia in Svilar ha costretto Rui Patricio a fare gli straordinari. Alla fine sono state 51 le presenze del portoghese contro le 4 del suo sostituto: tra i nomi accostati ai giallorossi ci sono Ugurcan Cakir, numero 1 del Trabzonspor che piace al Galatasaray, e Gollini dell’Atalanta prestato al Napoli.

In difesa N’Dicka sostituirà Ibanez – che sarà sacrificato per fare cassa – Smalling e Mancini sono ormai una certezza. Il salto di qualità, rispetto alla passata stagione, ci sarà nel primo cambio: da Kumbulla, ne avrà per parecchi mesi dopo la rottura dei legamenti crociati del ginocchio destro, a Llorente, che Pinto sta provando con il Leeds (e con buone possibilità di riuscita) a tenere nella Capitale.

Mancherebbe ancora un quinto, senza dimenticare che all’occorrenza può arretrare Cristante. Ma il pacchetto difensivo, in ogni caso, sarà più affidabile. Una curiosità su N’Dicka: non ha giocato in Coppa d’Africa con la Costa d’Avorio contro lo Zambia perché a causa della sosta nella Capitale per le visite mediche e la firma sul contratto, non ha fatto in tempo a sbrigare le pratiche per ritirare il suo nuovo passaporto.

A centrocampo, per il momento, fuori Camara e Wijnaldum – poco più di 1900 minuti complessivi in stagione – e dentro un titolare come Aouar. Il franco-algerino sarà il sostituto dell’olandese mentre il posto di Camara già da metà della scorsa stagione è stato preso da Bove, che si è ritagliato sul campo un ruolo da protagonista «regalando» a Pinto una carta da giocare in qualunque trattativa per un centrocampista (Frattesi ad esempio), che però dovrà essere più forte di lui.

Altrimenti Bove rimarrà a completare un reparto in cui le certezze sono Matic e Cristante. Se poi Mou decidesse di giocare stabilmente col centrocampo a 3, rientrerebbe nelle rotazioni anche Pellegrini. In attacco aria di rivoluzione: la certezza è Dybala mentre tutti gli altri sono in bilico. Abraham sarà out per molti mesi (rottura del legamento crociato sinistro), Belotti ha prolungato per due anni ma potrebbe finire in qualche scambio, e Solbakken non ha convinto.

Fonte: Corriere della Sera

Articolo precedenteCalciomercato, il Sassuolo apre alla cessione di Berardi: piace a Roma, Fiorentina e Lazio
Articolo successivoDybala chiede alla Roma un ingaggio più ricco

57 Commenti

  1. Idee poche parametri zero(almeno quest’anno giovani)si va a caccia in Premier nuovi Maitland e Wijnaldum in arrivo, il mercato sud Americano sconosciuto

    • d articolo pompato,non c’è nulla di concreto non c’è la notizia anche perché nozze con i fichi non se ne fanno ,un po’ per il far-play finanziario un po’ perché i debiti sono tanti un po’ perché gli americani non sono gli arabi direi che testaccino a ragione PS che non è detto che sia una cosa negativa così anno scorso è arrivato Dybala!

    • non capisco il passaggio

      “Il salto di qualità, rispetto alla passata stagione, ci sarà nel primo cambio: da Kumbulla ….a Llorente,”

      in che senso ?.sono esattamente quelli che avevamo. di quale.salto di qualità si parla”

    • ormai i mercati sud americani sono cari come quelli europei
      un giovane fenomeno in ciabatte e canottiera non lo trovi più
      sono anni che è così
      bisognerebbe essere aggiornati per criticare

    • La cosa piu’ evidente in questa fase e’ quella di avere tanti contatti con le varie agenzie che propongono calciatori gia’ fatti per la prima squadra.

      Purtroppo quelle poche agenzie che propongono talenti in erba sono poco seguite, almeno dai club italiani piu’ importanti.

      Noi alla Roma abbiamo comunque un settore giovanile che fa un lavoro attento e qualitativo, ogni anno crea valore, anche in questa stagione i vari Volpato, Missori, Tahirovich si sono distinti con merito.

      per la prossima stagione vedo Faticanti e Pagano che ritengo personalmente tra i migliori prodotti italiani, auguro loro di entrare in pianta stabile in prima squadra.
      A mio parere questi due profili se ci metterano testa potranno ambire a livelli TOP.

    • @Paolo 33 ti ricordo che llorente è arrivato a gennaio in prestito. Se ti rinnovano il prestito quest’anno lo avrai fin dall’inizio.

  2. In primis, uscirei dall’equivoco di considerare terzini Zalewski ed El Shaarawi, restituendoli a ruoli più consoni alle loro caratteristiche.
    Quindi, servono come il pane due terzini veri (possibilmente forti).
    Servono il sostituto di Abraham (ovvio) e un’alternativa a Rui Patricio che non sia una scommessa…
    Con Llorente e la conferma di Ibanez il pacchetto dei difensori centrali sarebbe completo.
    A centrocampo mi aspetto il vero colpo di mercato.
    Daje

    • Noto con piacere due cose: la saggezza delle tue osservazioni, e il fatto che, almeno a te, non arriva il solito fenomeno a dirti di farlo tu il DS 😂😂😂

    • Sarà forse perché Kawa non cerca di fare il DS ma solo un’attenta analisi, lasciando te e quelli come te a fare i tuttologi!

  3. Effettivamente sta mutando, già gli arrivi di AOUAR e N’ DICKA fanno capire la linea della società, parametri zero si, ma di alta qualità, non tanto per comprare, giusto che sia così, le parole di MOU vanno comprese…”Mi giro e in panchina vedo solo bambini…” Non è un modo offensivo, ma un modo per crescere e responsabilizzare un giovane, lì ha resi uomini, si è vero, ma devono percorrere la loro strada (come un bimbo che impara a camminare…) perché? Perché lui li vuole pronti, l’ unico che ha risposto sempre presente è Bove, ha passato il muro del suono (attenzione…dopo Pellegrini la ROMA è sua di diritto…) e con MOU non è facile… i nomi che si fanno, non sono innesti, ma mosaici per un grande disegno….💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

  4. Stiamo sempre li, finché non ci sarà un DS esperto questa sará la campagna! Pinto buon amministratore ma non é un DS.

    • Ma chi ve lo ha detto che Pinto è un DS???
      Eppure è sufficiente leggere… il comunicato ufficiale ce lo avete presente???
      Ve lo siete messo in testa da soli e da 2 anni e mezzo a questa parte continuate a confrontarlo con i DS passati e/o delle altre squadre…

    • …Pinto ds (?)…una Conference è una finale EL…Monchi ds(vero)…più danni della grandine e zero tutto…Petrachi ds nulla…Sabbatini ds (per molti un Dio) nulla contornato da niente (tanto bravo che sta a spasso e soprattutto dopo Roma Samp, Bologna,Salernitana è sempre più nulla contornato da niente…
      Daje Roma daje

    • Noto che alcuni continuano a far confusione sul Ruolo di Pinto. Onde per cui, senza alcuna presa di posizione ne altro, ecco un piccolo stralcio di una delle pochissime dichiarazioni rilasciate da Dan Friedkin Presidente dell’A.S. Roma Calcio all’arrivo di Tiago Pinto: “Tiago è un talento di livello mondiale. Nelle nostre “numerose conversazioni” è stato chiaro che la sua passione per il suo lavoro, la sua mentalità lungimirante orientata al successo, sono coerenti con la nuova etica della Roma. {“Siamo convinti che la sua notevole energia, i suoi solidi princìpi e la sua capacità di individuare, sviluppare e ottimizzare il profilo dei talenti”} sosterranno la nostra ambizione di rendere la Roma piu’ competitiva. “Pinto ha 36 anni e proviene dalla città di Peso da Régua nel nord del Portogallo. Si è laureato all’Università di Porto con una laurea in Pedagogia e un Master in Economia e Risorse Umane. Il dott. Pinto, Avendo lavorato fin da giovane nella consulenza manageriale, nell’istruzione e nel mondo accademico, Pinto è venuto all’attenzione del Benfica in occasione di un’Assemblea Generale del club, durante la quale, in qualità di socio, ha presentato le sue idee sul potenziamento delle attività del club al Consiglio di Amministrazione. Sotto la guida di Pinto il Benfica ha vinto oltre 50 titoli nazionali e internazionali in diverse discipline sportive, nel basket, nel futsal (calcio a cinque), nella pallavolo, nella pallamano e nell’hockey a rotelle”. Alla fine della stagione 2016/17, è stato chiamato ad assumere la carica di Director of Professional Football sfruttando le qualità che avevano portato a tale successo nel suo precedente ruolo”.
      Al sottoscritto tutto sembra tranne che un “Incapace” Ma si sa che in “anonimato” si fa presto a diventar Esperti e Laureati… A parte questo, se non ricordo male i Friedkin hanno inolte descritto il GM come una figura “provvisoria” atta a “riqualificare” e rinforzare l’intero Settore. Nel frattempo avrebbero scelto con molta attenzione un Ds da mettere al suo posto. Giusto per precisare!

  5. Sarò strano io, ma il reparto FONDAMENTALE rimane il centrocampo…

    Il centrocampo è il fulcro di qualsiasi squadra voglia arrivare in Champions.

    Ad oggi abbiamo Matic 35 enne, forte ma non penso possa garantirti tutte le partite di quest’anno.

    Hai Cristante che come vediamo anche in nazionale è buono perché serio, si impegna, roccioso… ok, ma è quello, un buon rincalzo del titolare, punto.

    Bove, giovane, in rampa di lancio, ma deve ancora dimostrare di poter essere il.titolare di una Roma DA CHAMPIONS.

    Poi c’è pellegrini che è un titolare ma come accaduto quest’anno e gli anni addietro (tolto lo scorso) ha sempre dimostrato discontinuità e inaffidabilità (ricordo che senza rigori è un giocatore da 2/3 goal a stagione quest’anno e una ma vista di assist).

    tabirovic e darboe non li considero per motivi ovvi.

    Ergo, con il solo arrivo di Aouar ti manca un titolare, sia che giochi con il centrocampo a 2 e due titoli se giochi con il centrocampo a 3.

    Fare un altro campionato con cristante Matic titolari sarebbe un fallimento.

    Poi vengono gli altri ruoli (ovviamente sei senza un attaccante, quindi questa diventa una priorità).

    Ricordiamo che Matic non è eterno e. Cristante è un buon rincalzo, va preso un regista forte che sappia fare girare la squadra, uno con esperienza.

    • Matic Cristante Bove + Aouar Pellegrini

      linea 1 : Matic Bove + Aouar. (25 gare)
      linea 2: Cristante X + Pellegrini ( 25 gare)

      e giochiamo su tutti i fronti dando sempre il massimo

      il NS sembra un centrocampo ben assortito e lo scorso anno ci è mancata la rosa lunga per potercela.giocare su tutti i fronti … secondo me ne manca ancora uno, un mediano

      abbiamo Tahitovic che deve crescere e per caratteristiche potrebbe arrivare a somigliare a Matic ma non è ancora pronto, allora direi che a centrocampo manca ancora un mediano

      Anche se nell’ultimo anno non ha brillato GRILLITSCH è a parametro zero e nei 7 anni precedenti ha sempre fatto bene sia nel club che in nazionale e.quindi la Roma potrebbe essere una opportunità di rilancio per noi a costo zero e con uno stipendio abbordabile ( oggi prende due ma secondo me accetterebbe anche 1 1,5 )

      e lo ripeto questo ci completerebbe il centrocampo senza intaccare le poche risorse abbiamo per cercare una punta e due laterali capaci di crossare e difendere

    • voglio aggiungere.sul mediano

      quest’anno ho visto qualche partita di Kevin il NS Kevin e anche se non è il primo Strottman nel NS centrocampo ad alternarsi con Matic e Cristante ci starebbe ancora bene

    • Hai detto tutto giusto ma forse non è chiara una cosa, non solo a te sia chiaro: la Roma NON sta creando una squadra per andare in Champions. La nostra dimensione oramai è il 6/7 posto. I giocatori sono quelli, se ne cambi qualcuno non farà la differenza anche perché i soldi per comprare il campione non ci sono e neanche la voglia/capacità di girare il mondo per scovare giovani talenti.

  6. La priorità sono gli esterni, soprattutto un attaccante che ci ricordi Gervinho, giocatore forse unico nella storia della Roma. L’impressione è che Pinto corra appresso a qualche parametro zero o a qualche trombone sfiatato senza badare al ruolo.

  7. Di sei ne fanno appena due! Acciaccati, fragili, discontinui… Si salva solo Elsha (che per me rimane comunque solo una buona riserva da turno over) e Zalewsky che peraltro si deve un po’ ritrovare, giocare con continuità e soprattutto nel suo ruolo! Gli altri no comment! Servono giocatori che ti scardinano la difesa, che corrono e che saltano l’uomo e… Possibilmente la sappiano mettere dentro l’area con i cross e che siano SANI! Attualmente di tutti questi c’è solo Zalewsky ma come scritto sopra si deve ritrovare… Pertanto io non vedo abbondanza ma solo un mucchio di zavorre!

    • Quando si dice che Pinto non é un DS é perché la maggior parte delle squadre ce l’hanno in quanto serve a scoprire possibili talenti e non a trovare solo parametri zero! Pinto é solo un buon amministratore, ma serve uno che sappia trovare futuri buoni giocatori non pagandoli una fortuna!

    • Veramente lo scouting i DS lo fanno in alcune squadre (all’atalanta per esempio lo faceva Sartori, uno che ha sempre fatto lo scout comprando tantisismi giocatori e qualche volta azzeccandoci), ma la maggioranza ha uno staff per farlo. Sopratutto nelle squadre più grosse il DS supervisiona, ma tra i rinnovi, le trattative di mercato etc. etc. è impossibile che abbia il tempo di trovare le “scoperte”. Lo stesso Sabatini prese Marquinhos con un anno di ritardo anche se gli era stato segnalato e lo prese quasi a scatola chiusa. Lui stesso nelle interviste ha detto che l’acquisto non era merito suo. Per adesso la scommessa maggiore di Pinto è stata Ivkovic e qualche altro giovane per la primavera come Majchrzak, comunque è ben chiaro che Mou non vuole “scommesse” quindi per la prima squadra si cercherà esperienza e la “scommessa” sarà solo se non si riuscirà a perendere quello che si vuole.

  8. Mah… Articolo inutile e incompetente. Fortunatamente non ha nulla a che vedere con le intenzioni del club o con la realtà.
    Direi che servono anche terzini e, soprattutto, un portiere titolare. Rui Patricio ottimo secondo (Svilar in prestito).

  9. Bove x Frattesi NO GRAZIE…. Il nostro ragazzo ha dimostrato di essere molte forte ha un margine di crescita ancora molto alto.è umile e può veramente diventate una colonna della squadra.

  10. Bove x Frattesi NO GRAZIE…. Il nostro ragazzo ha dimostrato di essere molte forte ha un margine di crescita ancora molto alto.è umile e può veramente diventate una colonna della squadra…

    • Doveva esserlo anche Zaniolo… Nel calcio non hai nessuna certezza, specie se devi racimolare soldi per far quadrare il bilancio… Speriamo solo che li gestiscano meglio di quanto hanno fatto con Nicolò

    • Sicuro, ma io personalmentr mai creduto troppo in zaniolo, le mele marce bisogna scartarle invece questi 2 mi sembra abbiano la testa a posto

    • @ il trasformista…perché secondo te Zaniolo lo ha gestito la Roma?
      ❤️🧡💛SSFR💛🧡❤️

  11. Mi risulta che Frattesi dovrebbe andare all’Inter con prestito oneroso e obbligo di riscatto a 35 milioni. In questo caso i 12 milioni li prendiamo tra un anno.

  12. Bove non è affatto un “regalo” per Pinto, ma uno dei frutti dell’ottimo lavoro che sta svolgendo la Roma con i giovani…
    Afena Gyan, Zalewski, Bove, Volpato e a seguire Tahirovic e Missori e seguiranno ancora Faticanti, Pisilli e altri…
    Non so quante altre squadre in serie A,nelle ultime due stagioni,siano riuscite a fare un lavoro del genere con i propri giovani della primavera, ma tutto ciò viene praticamente ignorato dai media e dalla maggior parte degli utenti ed è meglio cosi, la situazione migliore per far crescere i ragazzi senza pressioni e con meno rischio di bruciarsi

    • Per me la politica dei giovani è giusta, ma devi farli giocare in un campionato più allenate, che quello Primavera. Una under 23 stile gobbi sarebbe molto più utile…

  13. un fenomeno attaccante da 100 milioni e un portiere più bravo di Rui Patricio..
    centrocampo e difesa? i nomi che circolano o che abbio già preso, non è che siano tanto più bravi di quelli che già abbiamo..

  14. non mi e’ piaciuto l’ articolo di Piacentini ..
    parte bene ma finisce in una maniera che ritengo non giusta ..
    a mio modo di vedere, Ibanez deve rimanere e a centrocampo deve arrivare qualcuno, va bene anche a parametro zero, ma che si inserisca subito nel nostro centrocampo, per esperienza e classe ..
    davanti ho capito che Scamacca non verra’, se gli inglesi vogliono venderlo, e che non verra’ nemmeno Frattesi che ci serve quel 30% alla sua vendita ..
    Morata ? molto forte anche se non e’ un goleador ..
    a me piacerebbe uno tra Icardi o Lukaku ..
    ma non credo ci saranno risorse adeguate ..
    le vendite? scriveva bene un altro fratello romanista .. Perez a 7 mlo .. Karsdorp a 8 .. kluivert a 10 .. Vina a 5 .. Reynolds a 5 e Friedkin sorride ma rigorosamente in silenzio ..

  15. Dall’articolo: dentro un titolare come Aouar (ok), poi ,Matic e Cristante, poi Bove (con un anno in più) in crescita esponenziale; c’è sempre Pellegrini volendo. Il tutto per due posti se non si cambia modulo. Vediamo di prendere bene un centravanti, che è meglio.

  16. In un ipotetico 4-2-3-1
    Rui,
    Celik (?), Smalling (Mancini), Ndicka (Llorente), Spina (?),
    Aouar (Cristante), Matic (Bove),
    Zalewski (Solbakken), Pellegrini (?), Elsha (?),
    Dybala (Belotti)
    Sicuramente mancano due terzini e due esterni titolari e una punta.

  17. A parte le canzoni che sento a lu mare 😂… mi ero ripromesso a bocce ferme di dire la mia sulla Roma che ha disputato questa stagione. Secondo me si è incrinato il movimento di ripartenza sugli esterni che permetteva alla squadra di ribaltare le partite. Alla lunga, sono d’accordo con Kawa, bisogna riportare gli uomini ai ruoli di appartenenza e trovare i terzini.
    Io cambierei il portiere, a me piace Falcone. Prenderei Morata per l’attacco insieme ad una punta esterna. Spero in un top player a centrocampo, per quanto, Aouar è acquisto meno marginale di come sembra.
    Forza Roma

    • Bene adesso però torna a fare il castello di sabbia e attento alle scottature..🤣🤣🤣🕷️🕷️🕷️🍊

  18. Con tutto il rispetto e l’amore per Dybala, fare affidamento su di lui come pilastro e’ da improvvidi. Ad un certo punto bisogna anche riuscire a ragionare freddamente…
    Ed e’ per questo che i piu’ grandi clubs Dybala lo hanno lasciato alla Roma…
    Sappiamo gia’ da ora, infatti, che la meta’ della partite non le gioca per infortunio.
    Se a queste aggiungiamo i tempi di recupero ed il fatto che al rientro dall’infortunio “non puo’ essere al 100%” perche’ gli serve la continuita’ che sappiamo non avra’, c’e’ il dovere da parte di chi costruisce una squadra di costruire una rosa che possa competere a prescindere da Dybala.
    Per quanto forte, e Dio ce lo tenga in salute a lungo, e’ da sprovveduti costruire una squadra su Dybala quando sai di che morte andrai a morire.
    In pratica, secondo me, e per quanto impopolare possa suonare, Dybala bisognerebbe quasi non contarlo e considerarlo una ciliegiona sulla torta. Altrimenti e’ probabilissimo che nei momenti topici della stagione ti ritrovi senza il pilastro o con il pilastro che cammina invece di correre. E’ gia’ successo. Bisognerebbe imparare da cio’ che succede. Questo dice la realta’ delle cose.

  19. Colgo la perplessità di Pigreco che giustamente si chiede ma quanti centrocampisti schiererà questa Roma? Ho capito bene?
    Bisognerebbe decifrare l’acquisto del centrale di piede sinistro: passiamo a 4 dietro? O è solo un perfezionamento dovuto alle tante cappellate dei centrali che si sono ritrovati la palla su piede sbagliato?
    La Roma ha giocato tantissime partite in formazione rappezzata, però è pure vero che giocando in contropiede puoi fare anche le reti a grappolo. Mi spiego meglio: giocare sempre sul filo del goal di scarto non mi pare visti i risultati sia un’esperienza da ripetere. Quindi credo anche JM una riflessione sulla difficoltà di segnare l’abbia fatta. Forse una rivisitazione del centrocampo di come lo abbiamo visto finora ci sarà. Un caro saluto
    Forza Roma

  20. la prossima stagione è quella della VERITÀ, DENTRO O FUORI, O LA VA O LA SPACCA.
    il “salto di qualità” lo vedremo dal livello degli acquisti e dai risultati sul campo, tutto il resto sono solo chiacchiere…..

  21. A proposito della prossima stagione invece io sono proprio curioso a vedere chi ci capiterà la prima di campionato. Se è una tra le prime quattro di quest’anno compresi i gobbi, dico pure che le ammonizioni a Pellegrini e Dybala sono state premeditate. È superfluo dire se questo accada che stiamo ragionando a vuoto su come migliorare la Roma.
    Forza Roma

  22. Quindi sostanzialmente mi state dicendo che la Roma, con il mercato aperto, farà addirittura degli acquisti e delle cessioni. Mio Dio, non ci sarei mai arrivato, grazie al Corriere per aver illuminato il mio stolto intelletto

  23. Io non ho capito con quale modulo dovrebbe giocare la Roma in futuro…..Quindi ritengo inutile stilare ipotetiche e fantasiose formazioni. Poi me la farò a mente a calcio-mercato finito quando sapremo il modulo di gioco….

  24. Vogliamo parlare di calcio ?

    L’idea di calcio della Roma è chiara. non si basa solo sul possesso palla e sul controllo, ma alterna cambi di velocità per arrivare il più in fretta possibile sul corridoio laterale smarcando chi si inserisce centralmente.

    E’ possibile migliorare la squadra sui cross, almeno un’esterno o quinto di qualita’ a destra deve essere ingaggiato e poi non sappiamo chi restera’ a sinistra, altrimenti bisogna pensare di prenderbe due.

    Deve migliorare sulla riconqista delle seconde palle perche’ i movimenti buoni ci sono, Matic e Bove sono eccellenti ma non basta uno perche’ non puo’ giocare piu’ di una partita ogni 5 , 6 giorni, l’altro perche’ sta migliorando in esperienza, civuole un quarto titolare forte con esperienza oltre a Cristante ed i gia’ citati Matic e Bove.

    Con l’arrivo di Aouar hai una mezzala di qualita’ in piu’, che unita a Pellegrini e mi auguro che Zalewsky sia messo nel ruolo a lui piu’ congeniale ossia la mezzala.

    La verticalità è un fattore importante, sfruttandola bene puoi migliirare la profondita’ con attaccanti che sanno andare sugli spazi.
    (Icardi, Morata, Scamacca), non e’ un caso che la Roma stia valutando questi profili.

    Mourinho ha metodo su un’impianto di gioco con logica ha le idee chiare ed equilibrate, con 4 , 5 profili adeguati a quanto ho descritto si puo’ creare rosa competitiva.

    • Puo’ anche andare bene uno come Frattesi che e’ mudcolare ha strappo e tempi d’inserimanto, ma il calciatore che vuole Mourinho somiglia piu’ ad Ambrabat o Milinkovich Savic. questo per far capire che vuole un calciatore che abbia fisicita’ e piedi educati.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome