Roma in pole per Natan Azo, il talento israeliano che ha incantato i top club della Serie A (VIDEO)

49
7431

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – L’Italia va a un talento del calcio israeliano, con la Roma in pole: si tratta di Ori Natan Azo, giocatore di 16 anni del Petach Tikva, squadra di Tel Aviv. A rivelarlo questa mattina è il giornalista Jacopo Aliprandi del Corriere dello Sport su Twitter.

Sul giovanissimo talento classe 2005 ci sono anche Juventus, Inter e Milan, e cioè tutte le squadre più blasonate della Serie A, oltre che l’Atletico Madrid. La Roma però è in prima fila per un motivo: l’agente di Natan Azo è lo stesso di Suf Podgoreanu, attaccante esterno 19enne che gioca nella Primavera giallorossa.

Il procuratore del calciatore, scrive Jacopo Aliprandi su Twitter, vorrebbe portarlo alla Roma già a breve: a maggio Ori Natan Azo, le cui qualità tecniche si possono ammirare nel video qui sotto, può sbarcare a Trigoria. 

Articolo precedenteNela: “Roma, per risalire serve un progetto in stile Atalanta”
Articolo successivo“ON AIR!” – PIACENTINI: “Momento decisivo per il presente e il futuro della Roma”, CORSI: “Friedkin punta al modello Ajax”, ROSSI: “La gente preferisce una balla alla noiosa verità”,

49 Commenti

    • Emilià, se prendiamo AZO dovremmo comprare anche Dikens. Sai che coppia integrata e affiatata: AZO DIKENS?!?!

    • Ori Natan Azo. Un nome tutto un programma basta unire le prime 5 lettere.

    • un altro sellerone.
      Così con mayoral e gouiri, ce ne mancano 4 per fare biancaneve e i sette nani. 3, se rimane pedro.

  1. Per carità,
    io auguro le migliori fortune al ragazzo, ma che adesso ne parlino come se fosse il nuovo Messi con mezza Europa sopra…
    20 anni fa un mio amico allenava ragazzini, e ogni tanto andavo a vedere qualche partita:
    ne ho viste tante di azioni come quelle del video, ma nessuno di quei ragazzi è neanche
    arrivato al professionismo.
    Comunque, in bocca al lupo!

  2. Contemporaneamente Pinto sta puntando anche l’attaccante slovacco Miroslav Stoch, 31 anni, per affiancare e far crescere il ragazzino…Stoch-Azo e stamo a posto

  3. Caspita che velocità magari venisse sembra avere ottime qualità.
    Ormai i calciatori possono nascere in tutto il mondo e quindi si cercano in tutto il mondo.
    Magari in un futuro prossimo venturo, un israeliano potrebbe scrivere la storia della Roma o magari un ganese e chi sogna o crede che la Roma sia solo una cosa Tottarola, che nasce e finisce a porta metronia se ne dovrà fare una Roma.
    Roma ora è anche nel calcio ⚽un marchio internazionale

    • Ma Totti ti ha fregato la ragazza quando eri piccolo?
      Che co sti commenti nominando totti sempre fai un po pena eh,riguardo ad altri commenti ti quoto spesso ma qui proprio nn te capisco

    • Ovviamente tutto ciò grazie a Pallotta, vero?
      Infatti siamo un marchio talmente internazionale che tutti gli anni lottiamo per la conquista della champion’s.

    • Ma quale Sballotta, ma quale marchio internazionale….anni senza primo sponsor, via su lasciamo perdere il brand……ma quale brand, se veramente hai un richiamo internazionale, le grandi aziende ti vengono a cercare altro che la banda Ballotta, buffi,plusvalenze e nessun titulo.

  4. Mah… in queste categorie giovanili il livello e l’esperienza dei giocatori sono così bassi che per emergere basta essere più agili e dotati tecnicamente della media, o fisicamente più prestanti (ma non è questo il caso…).
    Già dopo un paio di anni 99 su 100 di questi talentini spariscono dallo schermo radar e nel frattempo chi se li è accollati a caro prezzo ci rimette malamente.
    Se arriva a due soldi, bene, vediamo come cresce, ma se si apre un’asta con altri Club blasonati, meglio desistere, a parer mio.
    Meglio dirottare le risorse delle giovanili sugli italiani, o prima o poi il movimento calcistico nazionale verrà strizzato a solo vantaggio dei Club più ricchi e dei procuratori, che con queste operazioni dall’estero ci si fanno d’oro a spese di tutti noi.

  5. Contenta se lavoreranno bene anche con i giovani,ma non ricominciamo con l’esaltazione dei Nego,Nico Lopez,Ponce,Berisha,Vestenicky ,Tomaselli, potrei andare avanti a lungo,avremmo dovuto avere la squadra per i futuri 10 anni,invece gli unici giocatori rimasti in Serie A sono i ragazzi di Bruno Conti pagati un piatto di lenticchie!

    • Va bene il senso del commento, ma mettere Tomaselli che ha 16 anni nella lista delle scommesse fallite mi pare al quanto affrettato.

    • Purtroppo Pietro Tomaselli non è mai stato titolare in nessuna delle categorie in cui ha giocato, tranne forse nei pulcini, soprattutto per evidenti limiti fisici, troppo piccolo di statura e leggero di peso.

    • Intendevo dire che trovo deleterio cominciare ad esaltare acquisti che fanno molte squadre esaltandoli come futuri crack o fenomeni del calcio mondiale perchè i fenomeni veri sono pochi e ancora meno quelli che già si vedono a 16 anni e non giocano con i Giovanissimi o i giovani Nazionali,Totti dove era a 16 anni? E Maldini? Trovo scorretto esprimere giudizi su Reynolds dopo una sola partita per di più in una Roma non titolare e che non gira a meraviglia,ma che i fenomeni veri a 19 anni sono altri si può dire?

    • Luigi mi hai fatto venire la curiosità e me lo sono andato a cercare.
      Da quanto ho visto Tomaselli nell’under 17 quest’anno ha giocato da titolare almeno le ultime 4-5 partite(più indietro non sono andato) segnando anche 2 o 3 gol.
      Mo’ non è che sia un fenomeno per questo, però non si può neanche dire che già sia un flop.

    • io ricordo tanti anni fa, mio cugino giocava nella primavera del bari, e mi porto un giorno a vedere l’allenamento dei giovanissimi.. dove c’era un ragazzino più piccolo di tutti imprendibile.. quel ragazzino poi l’avremmo visto da vicino far meraviglie con il capitano.. questo x dire che non sono sempre meteore..

    • Tomaselli sarebbe quel ragazzino fenomeno che quando lo presero da bambino smarcava tutti e segnava ancora ci sono i video su youtube.
      Magari ancora non è esploso,ma ha 16 anni, non esplode a venti anni, magari a 23 è uno dei migliori calciatori italiani.
      Di Livio noi non ci abbiamo mai creduto è esploso tardi e purtroppo alla juve.
      Pepe ha giocato una partita con la Roma, per noi non era buono per la Juve si, Aquilani alla fine ha fatto Milan e Juve.
      Bisogna stare più attenti con questi ragazzi prima di bocciarli quando ancora devono nascere

  6. Non serve a niente : prendete gente che puo’ fare la differenza ORA no fra 10anni.

    10 anni fa ci parlavano di quanto era bravo un tal Ferrante che a 15anni già giocava nella prima squadra del Piancenza : subito Sabatini ci si e’ fiondato.

    Che fine ha fatto ?

    Ma pure al di là di sabatini che mi fa schifo, qua sono DECENNI che ci propinano sti articoli su sti giovani che chissà cosa diventeranno e poi finiscono nel dimenticatoio.

    Quando ero ragazzino io il predestinato era tal Lambros Choutos, poi quando ero un po’ piu’ grande si sperticavano in lodi per le gesta di Cerci e Okaka.

    Tutte pippe che non valgono niente e la loro carriera lo dimostra : pero’ se ne parlava, quanti articolo sonon stati scritti per presentarci sti qua come il futuro glorioso della ROMA ?

    Poi vai a vedere se qualcuno invece parlava di Luca Toni o Oliver Bierhoff come di un giovane da seguire….. e niente : a 21anni stavano ancora in Serie C e non se li filava nessuno.

    Cioé, nessun GIORNALISTA se li filava : gli osservatori VERI invece si e abbiamo visto poi quanti GOL hanno fatto in carriera pur non essendo dotati di mezzi tecnici eccezionali.

    Perché il CALCIO no ne’ fatto di numeretti e statistiche e altre STRONXATE a cui credono i bambocci che giocano a FIFA : e’ fatto di sacrifici, sudore, corsa, mazzate e abnegazione.

    Tutte cose che non saltano fuori dal Tablet di Monchi o dal taccuino di sabatino….

    Perché il CALCIO e’ una cosa SERIA, no le stronxate di FIFA !!!!!!!

    • In poche righe più cose vere e giuste che in migliaia di articoli di giornaletti sportivi negli ultimi decenni…

    • Tutto giusto fino alla fine, poi però ti perdi in un bicchiere d’acqua su quella cavolata dei numeri
      I numeri non sono roba da videogiochi, sono gli strumenti che ti descrivono la realtà e ti predicono quello che succederà nel breve tempo (nel limite del possibile).
      Se sai che domani piove o c’è sole non è merito nè dell’indovino nè di un tizio che si mette il dito in bocca e poi sente il vento, ma di gente che analizza le correnti d’area, l’umidità e 300 altre variabili, le mette insieme e ti dice al 99% cosa succederà domani.
      Villar l’hai trovato perchè un computer ti ha detto ” guarda che c’è sto ragazzo in Spagna che ha provato a driblare gli avversari 200 volte e ci è riuscito (quasi) sempre”, e allora lo sei andato a vedere.
      Sta roba di trattare i numeri come chissà quale oggetto misterioso e profano, è una cosa retrogada che manco mio padre, guarda forse mio nonno, poteva pensare.
      P.S. Fifa è un gioco, un simulatore, i “numeri di fifa” sono una cosa inventata, una parodia della realtà. Già il fatto che per qualcuno quelli di FIFA siano “statistiche” la dice lunga.

    • Okaka gioca tuttora in serie A, Cerci frenato dal carattere ha fatto una discreta carriera nella massima serie. Non so se Schick sia stato meglio di questi: nel rapporto resa/prezzo sicuramente no. Questi li avevi in casa ed avresti avuto riserve a costo zero.

    • Ma guarda che Lambros Choutos, era forte ha battuto tutti i records dei gol nelle giovanili della Roma, poi è stato rovinato dal padre procuratore troppo opprimente, che gli ha fatto sbagliare tutte le scelte.
      Comunque poi in Grecia ha fatto un carriera di tutto rispetto

  7. Per la Roma dei Friedkin vedo ormai un futuro tipo Fiorentina di commisso, a lottare per non andare in B.
    Pinto è una vergogna.

    • Ahahahah! Tifoseria ridicola.
      Commisso e Friedkin sono persone serie!
      Rocco farebbe carte false per portarsi Fonseca a Firenze

  8. Ma Aliprandi non è quello che scrisse che a trigoria si stavano scannando tra di loro con i mitra e i coltelli arrugginiti?

  9. Vabbè che c’ha 16 anni, ma questo è un fringuelletto. Sembra un ragazzino di undici.
    Roba che il mio gatto è più piazzato di lui.

  10. Bella marchetta al procuratore,
    Che oltre ad averci portato un sellerone buono per correre i 100 metri e con il pallone tra i piedi non sa che fare …
    Adesso ne sentiamo di un un’altro….
    Povera roma . Chi guarda la primavera sa di cosa parlo…
    Pogdureanu il cross più dritto che ha fatto sta sulla tangenziale dietro al 3fontane

  11. ancora credete al cor dello sput de che, Pinto con loro non ce parla, se gli scrivi o li chiami gli dici e’ arrivato l’arrotino loro lo scrivono, un ragazzino di 16 ancora la Roma per la primavera te lo dice quando gia’ l ha preso..e’ sempre stato cosi …Ma Aliprandi come il suo direttore si sanno so 2 cantastorie

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome