Roma in viaggio verso Firenze: Mou lascia a casa tanti big, prima chiamata per Pagano

21
2387

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – La Roma è partita questo pomeriggio per Firenze, dove domani affronterà la Fiorentina nella penultima giornata di campionato.

Josè Mourinho ha deciso di lasciare a casa Dybala, Pellegrini, Matic, Spinazzola e Rui Patricio, preservati dal tecnico in vista della finale di Europa League.

È invece partito con il gruppo il giovane Riccardo Pagano, 18 anni, centrocampista offensivo della Primavera che per la prima volta è stato convocato dallo Special One.

Per la partita contro la viola scenderà in campo una Roma piena di riserve e ragazzi della Primavera. Ormai tutte le energie della squadra sono rivolte a Siviglia-Roma del prossimo 31 maggio.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Articolo precedenteSMALLING: “A Roma mi sento a casa. Mourinho ha sempre voglia di vincere. Matic il collante della squadra”
Articolo successivoSiviglia-Roma, al via la vendita dei biglietti per assistere al match allo Stadio Olimpico: prezzi e modalità

21 Commenti

    • Questo conta…💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺 DAJEEEEE ROMA DAJEEEEE! 💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

  1. spero che la Roma vinca questa partita …( difficile però) perché un miracolo può sempre verificarsi
    cmq puntare tutto sull’Europa League a sto punto è la cosa più sensata e allora
    FORZA ROMA

  2. Anche la fiorentina non ha più niente da chiedere al campionato. Probabilmente metterà ragazzini anche Italiano. Peccato per i pareggi con Bologna e Salernitana.

  3. il siviglia del pollarolo di siviglia ha giocato mercoledi! imbottito di riserve contro l’ultima in classifica ELCHE 1-1 . possesso palla siviglioti 24% . non vedo perche’ si debba rischiare .
    non abbiamo panchina degna , grazie agli sfaceli del pelato e del broccolaro …senza dimenticare qualche danno di tiago pinto.
    e ancora sento qualche impazzito che dice che è meglio una semifinale di gembionz (persa) che una finale di EL.

    • Ammazza che du cojoni, co’ sto Pallotta!
      E mollate che sono passati 3 anni, mi sembrate come i laziali che ancora s’accollano con la coppa italia.
      Trovate nuovi argomenti.

    • Non ti crucciare caro Pietro qui ancora si aggirano accaniti seguaci del broccolaro de Boston ed estimatori del peggiore e più scassato dei DS mai venuti a Roma, forse bono solo con le nacchere. Quindi “non ti curar di loro ma guarda. e passa….” e godiamoci questa SPLENDIDA FINALE DELLA ROMA DEI FRIEDKIN E DI MOU dopo comunque una Coppa Europea gà sfavillante in bacheca altro che gli zero tituli, le plusvalenze sfrenate, la montagna di debiti e il patetico parco giocatori lasciati dal ristoratore de Boston e dal suo scudiero ER MAGO DE SEVILLA, mister Pastore, N.Zonzo, Bianda e tanti altri.

    • Da uno che ha pregato (da miscredente che sono) affinché si concretizzasse il passaggio di proprietà, direi che svilire quello splendido cammino del 2018 chiamandola “semifinale di gembionz” non è sicuramente da romanisti, anche se a me, a differenza di tanti altri, non piace dare del laziale a chiunque a guisa di mocciosi di sei anni.
      Io ho goduto come un riccio quel 18 aprile 2018 e non dimentico nemmeno che in semifinale ci hanno fatto un gol in fuorigioco e negato un rigore colossale (seppure entrambi gli episodi risultassero poco evidenti in diretta).
      E’ stato uno dei punti più alti della storia quasi centenaria della Roma, e poco importa chi ci fosse a condurre la società in quel momento.
      Ho detestato Ciarrapico come nessun altro presidente della Roma, più di Pallotta, che perlomeno per tre o quattro anni ci ha pure dato l’illusione che si potesse fare qualcosa di buono prima di naufragare.
      Ebbene, se Ciarrapico ci avesse portato in semifinale di Coppa Campioni, non mi sarei mai permesso di definirla “semifinale di gembionz”.
      Per finire il concetto, la finale di EL avrà più valore se la vinci, altrimenti no.

    • Er broccolaro come lo chiami tu ci ha portato in semifinale di Champions. Dico Champions. Sempre che sai qual è la differenza con l Europa League. Lunga vita ai Friedkind e stop ai lazialismi su sto sito.

    • Ci fu un presidente che tra le spese sostenute mise spese di trasferimento in treno in occasione del derby… Stranamente non gli credettero

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome