Roma, la prova dell’abbondanza

2
1831

NOTIZIE AS ROMA – Alla luce delle due sconfitte che hanno preceduto la pausa (Moenchegladbach e Parma) e che hanno proiettato al momento la Roma fuori dalla zona Champions (è sesta) e a rincorrere nel girone di Europa League (dov’è terza a due gare dal termine), sarebbe ingiusto dimenticare il lavoro di Fonseca nell’emergenza.

Poche mosse ma efficaci per la riqualificazione del gruppo, evidenti nel trittico Milan-Udinese-Napoli. A partire dalla scelta di impiegare un terzino più fisico a destra (Spinazzola o Santon), passando per Mancini mediano nel 4-1-4-1 in proiezione difensiva e rispolverando Pastore che ai più sembrava ormai un calciatore destinato a campionati esotici.

Ora, però, il momento del bisogno è finito ed è quantomeno curioso capire come si comporterà il tecnico. La Roma nell’emergenza s’è riscoperta più guardinga, meno spettacolare e ha dato il meglio di sé quando ha incontrato squadre che hanno accettato di fare la partita e non chiudersi. Cosa accadrà adesso che avrà di nuovo la qualità a disposizione?

La mossa che viene scontata pensare è arretrare Mancini (al posto del titubante Fazio) vicino a Smalling e spostare Pellegrini di nuovo a centrocampo, per non perdere il momento-sì del Flaco. Può apparire un paradosso ma Fonseca dovrà esser bravo – oltre a mantenere l’equilibrio tattico raggiunto – anche a controllare quello nello spogliatoio.

Perché è più facile gestire una rosa dove i titolari sono riconosciuti e le riserve sono consapevoli del loro status. Chi nell’emergenza è riuscito ora a ritagliarsi un posto al sole, difficilmente accetterà di fare un passo indietro. Si chiama “abbondanza” che per ogni tecnico – dalla serie A ai dilettanti – viene sempre considerata “un bene, un vantaggio”. Ma che come tutti gli eccessi (passare di colpo dalla penuria alla possibilità di scegliere, scontentando inevitabilmente qualcuno), va maneggiata con cautela.

(Il Messaggero, S. Carina)

Articolo precedenteMKHITARYAN: “La Roma ha creduto in me, a fine stagione deciderò se rimanere. Zaniolo? Puó diventare tra i migliori al mondo”
Articolo successivoCetin, poche parole e tanto lavoro per prendersi la Roma

2 Commenti

  1. …ben venga l’abbondanza, finalmente….e non sarebbe male se un po di sfiga arrivasse pure alle nostre concorrenti…per equità…

  2. Sttttttttt! Che portate sfiga! Ci sono ancora diversi giocatori che si allenano a parte per affaticamenti vari e alcuni che tornano da lunghi infortuni che devono tornare in forma.Ogni volta che si preoccupano di chi giocherà ,chi al posto di chi ne perdiamo altri,fatevi gli affari vostri,ci penserà Fonseca e chi mette il musino può cercarsi squadra a Gennaio!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome