Roma, l’ultimo bilancio è il peggiore della storia. Essenziale l’apporto dei Friedkin

67
3217

NOTIZIE AS ROMA – L’ultimo bilancio della Roma è il peggiore della sua storia e uno dei peggiori in assoluto della Serie A, scrive il portale Gazzetta.it. Questo anche a causa del costo legato agli stipendi, che, per essere coperti, necessitano di quasi tutti i ricavi caratteristici. La proprietà giallorossa rappresentata da Dan Friedkin è costretta a elargire cospicui versamenti per mantenere la continuità aziendale del club.

Come emerge dalla documentazione contabile consultata da Sport&Business, la società giallorossa ha registrato una perdita consolidata di 219,3 milioni nella scorsa stagione, dopo il -204 del 2019-20 e il -185 del 2020-21: in totale 608 milioni bruciati negli esercizi influenzati profondamente dal Covid. Nel 2021-22 soltanto la Juventus, in Italia, ha riportato un deficit più pesante della Roma: -239,3 milioni.

I costi per mantenere la rosa sono insostenibili in rapporto al giro d’affari. Una dinamica ormai radicata che, in passato, veniva un po’ nascosta dalle plusvalenze. A causa della contrazione del mercato, quella voce si è ridotta sensibilmente: solo 6,2 milioni nel 2021-22, di cui 4,8 per la cessione di Under. I ricavi al netto delle plusvalenze stazionano attorno ai 200 milioni. Se il merchandising è salito a quota 14 milioni, le sponsorizzazioni relative ai contratti principali – Zytara, Hyundai e New Balance – sono crollate a 8,2. Da sottolineare anche una riduzione di 5,5 milioni per il venir meno del contratto con Sky per archivio tv e canale tematico.

Questi 200 milioni di ricavi vengono quasi interamente assorbiti dalle spese per il personale, schizzate a 182,8 milioni. Gli stipendi dei tesserati sono a quota 154,9 milioni, con un incremento di 13 milioni rispetto al 2020-21 dovuto “alla crescita del valore tecnico dei calciatori e dello staff tecnico”, oltre che ai maggiori bonus. Pesa, soprattutto, l’ingaggio di Mourinho. Ma c’è da rimarcare anche l’aumento di 10 milioni (a quota 27,9) degli stipendi degli altri dipendenti.

Insomma, il rapporto tra costi e ricavi è fuori controllo, anche perché nella cosiddetta spesa sportiva vanno conteggiati anche gli ammortamenti. E ci sono pure 17,4 milioni di commissioni per gli agenti, voce aumentata. È vero che la Roma ha accantonato 12,5 milioni a titolo di contributo Uefa per il settlement agreement, assorbendo già nell’esercizio 2021-22 un’ulteriore multa stimata in 7,5 milioni per il parziale mancato rispetto di alcuni target. Ma l’obiettivo dell’autosufficienza appare lontanissimo.

I dati consolidati al 30 giugno 2022 (posizione finanziaria netta negativa per 346 milioni, perdita per 219 e deficit patrimoniale per 339) hanno spinto il revisore Deloitte a stilare un lungo richiamo d’informativa. Gli amministratori prevedono per il 2022-23 “un ulteriore significativo deterioramento della situazione economica, finanziaria e patrimoniale della società, caratterizzata, tra l’altro, da un trend reddituale ancora negativo che potrebbe comportare un deficit patrimoniale e rilevanti esigente finanziarie”. Per l’attuale stagione, la Roma punta a coprire il proprio fabbisogno finanziario attraverso l’apporto di ulteriori risorse dell’azionista, l’eventuale cessione di giocatori e i flussi di cassa che potrebbero essere conseguiti nel corso dell’Europa League.

In ogni caso, i soldi di Friedkin rimangono essenziali. Nella scorsa stagione l’imprenditore statunitense ha immesso risorse per 206 milioni. Il totale dei versamenti nelle casse giallorosse, dall’agosto 2020, è di 500 milioni tondi tondi. Se aggiungiamo il corrispettivo versato a Pallotta per l’acquisto e l’esborso per l’Opa, l’investimento complessivo di Friedkin nel calcio italiano ammonta a 736 milioni. Una quota dell’ultima tranche di versamenti è servita per contribuire al rimborso anticipato del bond di 267 milioni, nell’ambito del rifinanziamento che ha alleggerito l’indebitamento finanziario netto della Roma: adesso il club è esposto per 175 milioni.

Dal punto di vista finanziario il debito è diventato più gestibile, ma solo grazie all’intervento della proprietà. Quanto alle incombenze del codice civile per le perdite maturate, la Roma ha aderito alla facoltà del decreto Liquidità che consente alle aziende di ripianare i deficit nell’arco di cinque anni. I Friedkin continuano a pompare denaro, eppure sul mercato i giallorossi operano con il freno a mano tirato. La sensazione è che le enormi risorse dell’azionista si stiano disperdendo nei buchi di bilancio di un club che si è avventurato in investimenti improduttivi facendosi trovare impreparato di fronte alla crisi dell’industria calcistica.

Fonte: Gazzetta.it

Articolo precedenteROMA-BOLOGNA: arbitra Santoro. Al VAR c’è Chiffi
Articolo successivoDAZN alza i prezzi per i nuovi abbonati

67 Commenti

    • Loro, devono controllarci….Altrimenti non dormono…. Gli altri hanno buffi, con NOSTRO SIGNORE eppure con il DEMONIO. Ma è interessante il nostro….

    • Loro hanno molti soldi e un giorno di qualche anno fa non avendo di meglio da fare hanno deciso di spenderne un pò qui. Ripianeranno ogni debito, finanzieranno altre spese, faranno un nuovo stadio. E quando tutto brillerà di luce propria ci saluteranno e torneranno a casa loro.
      Del resto è noto in tutto il mondo il blasonato mecenatismo, filantropismo americano…laggiù nella terra degli yankee il capitalismo è bandito per legge..!
      Forza Roma, sempre!

  1. Questo dovrebbe far capire ai pochi che ancora vanno avanti con la cantilena “Comprace i campioni!” quale è la realtà delle cose in casa Roma.

  2. sempre nel rispetto delle regole
    mentre invece la cazzetta ha dimenticato di fare l’elenco degli intrallazzi della Juve che ha potuto grazie agli intrallazzi vincere scudetti o entrare in CL permettendogli di incassarne i proventi .altrimenti il suo buco sarebbe penso nn meno di un miliardo.

    • dall’ultimo bilancio , mi risultava che l’avessero abbassato a circa 170 mln , rifinanziati.
      Lungi dai conti disastrosi di Inter e Juventus

    • I debiti di Inter e Juve devono essere rapportati ai ricavi, che sono rispettivamente due e oltre due e mezzo i nostri.
      Parlare di debiti senza rapportarli ai ricavi è puerile e senza senso. Enel ha 40 mld di debiti (sì, miliardi), ma non è che sta chiudendo bottega, visto che può contare su 80 miliardi di ricavi.
      Eppure sono stati bacchettati dalla Corte dei Conti per la loro situazione debitoria.
      Pensa quanto possiamo essere lontani dal mondo del calcio, in cui i debiti sono spesso pari o addirittura superiori ai ricavi…

    • Dove sta Josè … i 175mln della Roma non sono i 500 o 700 mln di debito delle strisciate , come non è esatto che ricavano 2 e 2 volte e mezzo …
      questi sono quelli di 2 anni fa
      Juventus: 449,9
      Inter: 362,4
      Milan: 240,9
      Roma: 205,2
      Napoli: 172,5.
      Per cui quello della Roma dello scorso anno tra Sponsor , incassi botteghino , merchandising , e incassi competizioni Uefa sarà notevolmente superiore.

  3. Con la solvibilità e capacità gestionale di Friedkin che sta progettando il futuro della Roma , mi sento in una botte di ferro, tutto il resto è robba per fantacommercialisti , però mi sembra del tutto inesatto il termine “è il peggiore della storia” visto che qualche anno fa , se non erro , il monte ingaggi era di 200mln , percui si è abbassato , e visto che ultimamente ha risanato gran parte del debito e il restante rifinanziato a tassi piu bassi.

    • 🤣🤣🤣toh beccate lo spolliciatore seriale lazzico affetto da sindrome di procuste all’azione con il sistema like buggato ,cerca di alleviare il proprio disagio … penoso.🤣

  4. ma la “gazzetta” che ne pensa degli 881mln di rosso consolidato dell’inter? o del “gruppo Redbird” che di fa prestare i soldi dal venditore Elliot?……o vogliamo parlare del debito della juve oltre che delle manette?…..

  5. il trend degli ingaggi è stato comunque invertito tanti giocatori strapagati per stare in panchina sono andati via, ma qualcuno ancora c’è tipo el sharawi. Vero è che il mercato non è stato condotto al meglio specie il primo anno dove i cento milioni potevano essere spesi molto meglio. Anche la politica dei rinnovi a suon di milioni per giocatori medi come cristante e mancini non mi convince per niente. La roma dovrebbe copiare la politica dei club europei e cominciare a far giocare in prima squadra ed in pianta stabile giocatori under 21, la soluzione sta lì secondo me.

    • i 100 mln in realtà sono molti meno … Abraham al momento è costato 5 mln , 20 andranno versati nel 2024 e poi 15 nel 2025 , i 12 mln di Rui Patricio sono quelli di Pau Lopez , e poi ci sono i 12 di Vina e i 17 di Shomu.

  6. E c’è ancora chi contesta i Friedkin….Purtroppo , soprattutto in questi periodi, le esigenze della Società prevaricano quelle della squadra….

  7. Sempre grazie a Mr Ballotta e la sua banda di broccolari dei soci e quello sciagurato del sonatore de nacchere.

    • Se un club rimane ancorato per le sue fonti principali di ricavo ai risultati sportivi, di per sé aleatori, e al trading dei calciatori, sei destinato ad un futuro sempre in bilico sul filo del rasoio.
      Come è successo al predecessore, ti bastano uno o due anni di risultati inferiori alle attese, cosa possibilissima, per piombare in una spirale dalla quale non ti riprendi più.
      L’unica strada è quella di ampliare il bacino delle entrate certe, attraverso partnership commerciali solide e durature che ti consentano un margine di errore.
      Liverpool e Man Utd sono rimaste anni nell’anonimato, eppure non sono mai sprofondate nei debiti e nel profondo rosso di esercizio.
      Il tutto passa obbligatoriamente anche da una crescita complessiva del sistema calcio italiano, altrimenti non se ne esce.
      Se tu pensi che i diritti esteri della Premier vengono venduti per oltre due miliardi e che una neopromossa può spendere oltre 100 mln sul mercato, capirai che c’è poco da fare, Champions o non Champions.

    • UB, se Sabatini fosse rimasto al suo posto io penso che i conti della Roma oggi sarebbero in ordine come lo erano quando se ne andò.
      Il sistema poteva reggere e noi continuare a vivere al di sopra delle nostre possibilità proprio grazie alla qualità del suo operato.
      Certo questo probabilmente implica che oggi ci sarebbe ancora Pallotta e non so quanto la cosa ti farebbe piacere 😂
      In attesa della stabilità economica data dallo stadio, dagli sponsors e dall’aumento delle entrate grazie al merchandising, i Friedkin una volta insediati dovevano iniziare esattamente da quello che prima di loro aveva fatto con successo Pallotta con Sabatini, ovvero dal trading intelligente dei giocatori finalizzato al graduale potenziamento della rosa, cercando invece di non ripetere gli abnormi errori commessi nell’era Monchi.

    • Facciamo pure finta che tu abbia ragione Vege, non puoi rimanere ancorato all’abilità di una persona. Un club calcistico di rango non può essere un “one man show”.
      Nella Roma di Pallotta il DS finiva per concentrare troppi poteri nella stessa persona, anzi si può dire che la società stessa si identificava nel DS, considerato che il presidente era contumace e che gli altri spesso non erano che personaggi folcloristici.
      Ti va male con lui e finisci come sei finito, affogato da debiti e passivo.
      Comunque, sia come sia, il debito della Roma è costantemente cresciuto negli anni, anche con Sabatini, che in ogni caso finiva per incrementare il passivo di almeno 25 mln l’anno, in linea coi criteri del FFP, ma sempre passivo era che poi finiva regolarmente a debito.

  8. Tutto bello, ma lo dice la Gazzetta che viene stipendiata dalle strisciate e ancora pesa il fatto che Dybala è venuto alla Roma a 4.5M stesso stipendio che Leao non accetta xke chiede 10M sull unghia a Gennaio, senno arriva Mendes e se lo porta al City o al Chelsea
    un saluto 🤗

  9. siamo da anni nelle mani di un Santo venuto da lontano.grazie a Lei e a suo figlio Sig.Fredkin ci possiamo godere la ns Roma e perfino vederla vincere . infinitamente Grazie!!!!!!

  10. Ma infatti per arrivare sesti non serve spendere così tanto in stipendi, stiamo strapagando Pellegrini, Cristante etc…

    • visti gli stipendi che girano in serie A, a me sembra che non viene strapagato nessuno.
      Visti i mondiali e quello che c’è in giro direi che alcuni nostri giocatori valgono molto di più di gente molto incensata strapagata. Basta pensare agli ingaggi dei nazionali inglesi ed ai risultati deludenti che costantemente offrono, ma a chi diceva compriamoci qualcuno del marocco lo inviterei a vedere dove giocano e quanto prendono prima di sparare sentenze.

  11. qui ci vuole la famosa mossa del giaguaro per questa situazione altro che DS, regista, terzino sx… serve un escamotage finanziario, è una realtà che si riproporrà ciclicamente per i prossimi 5 anni altro che campioni…

  12. Come al solito, non è tanto il debito a preoccupare tutti che ci sono troppi professionisti strapagati…
    E quando questi strapagati non performano come atteso, scendono i premi in denaro e l’interesse degli sponsor.
    Tutti problemi almeno in parte tamponabili se avessimo sto benedetto stadio… L’unica mia speranza da quel punto di vista è lì. O diventiamo magicamente un club come lo United che riesce ad attirare sponsor per centinaia di milioni a stagione pur racimolando secondi, quarti, sesti e settimi posti negli ultimi 9 anni, oppure si deve lavorare sulle infrastrutture (stadio) e puntare tutto su botteghino e sponsor “interni” come fa il Sassuolo col Mapei.

    • post sconclusionato … facendo paragoni con il club che fattura di più al mondo per poi passare a paragoni col sassuolo 😄🤦‍♀️ … sono senza parole , disarmante.

    • Non ho paragonato nessuno a nessuno, ho mica detto che siamo come lo United? O come il Sassuolo? Ho solo evidenziato due club che hanno “strategie” diametralmente opposte: uno ha fatto un ottimo lavoro sfruttando i suoi successi passati per strappare contratti che attualmente non meriterebbe mai, l’altro ha scelto la strada dell’auto-sponsorizzazione tramite il Mapei.

      Erano due esempi eclatanti per semplificare il discorso, non è che ogni commentino che posto dev’essere articolato come una tesi di laurea…
      Dammi tregua Pasqui’

    • il Sassuolo non è un esempio, a meno che si vuole rimanere a galleggiare tra 5-10 posto, serve evitare di strapagare i giocatori normali e pure evitare di comprare comprimari a cifre folli, quando per quello si può puntare sui primavera. Bisogna evitare di comprare i Defrel e dargli 2 primavera per poi dover tornare sui propri passi e pagarli di nuovo

  13. i rinnovi di pellegrini, mancini e cristante sono un suicidio nel bilancio già disastrato della Roma. Perciò ribadisco che i Friedkin pur immettendo liquidità per far sopravvivere la società dal lato gestionale strategico sono degli avventurieri, dei neofiti che hanno affidato ad un principiante (pinto) incapace di programmare una rosa vincente e peggiorando una situazione già molto delicata. La Conference conquistata si sta rivelando uno specchietto per le allodole che ha coperto numerosi errori che stanno venendo pericolosamente tutti a galla. Spero che la squadra si rialzi e vinca più partite possibili poichè in caso contrario si metterebbe davvero male…. Incrociamo le dita🤞

    • dopo questo post, penso che ti dovresti preoccupare di più del rinnovo di Immobile e di Milinkovic-Savic.

  14. Ringraziamo i Friedkin che mettono capitale ogni anno ma senza champions la situazione è dura.
    Negli ultimi anni la Roma ha lavorato molto bene a livello di primavera (pellegrini, zawleski, bove, volpato) ma a livello di scouting della prima squadra la situazione è critica.
    Tolti Ibanez e Zaniolo in rosa non ci sono giocatori che ad oggi venderesti di più rispetto a quando pagati (dybala non lo considero scouting perché era già affermato).
    Prendete Milan e Napoli..loro con lo scouting ci hanno costruito quasi tutta la rosa..

  15. Poi ci sono soggetti, tipo “Tana pe Giggi” ( post del 31.12.2022 ore 22.00 ) che scrivono:
    “Certo chi non capisce nulla di finanza pensa che questi sono i salvatori della AsRoma, invece questi sono quelli che si chiamano lobbisti, stanno dentro una filiera di potere della banca d’affari con cui lavorano.
    Gestiscono un debito creato in maniera artefatta dal precedente presidente, aumentato con loro.
    Gestire un debito significa portare interessi alla banca con cui sei in affari, quindi lo stadio sarà a debito, bond, e vai, 500 o 600 milioni di debito fanno 50 o 60 milioni l’anno di interessi che entrano nella banca con cui sono in affari”.
    Scienziati….mi arrendo.

    • Non dimentichiamoci di alberto, jaguar, franco65 (con la sua Coppa dei Settimi)… I number one del nulla🤣

  16. ahahah le strisciate virtualmente fallite, il napoli con il presidente rinviato a giudizio per falso in bilancio, la lazio con lotito a chiedere l’elemosina al suo partito per avere una dilazione sulle tasse del periodo covid, e la gazzetta dipinge friedkin come un povero sciocco che a breve smetterà di mettere soldi nella ROMA perché è una battaglia persa. Anche sul mercato la ROMA fa schifo infatti dybala e wijnaldum li ha presi il milan, che nel frattempo perde ogni stagione giocatori a zero. Vabbè brava gazzetta hai fatto il compito per il tuo padrone.

  17. articolo che riassume la situazione cari signori perche avete speso 200 milioni di euro in tre anni per una manica di zaganari perche avete rinnovato i contratti fino a fine carriera a dei zaganari tranne dybala senza presunzione voglio vedere cosa dite ciao ragazzi io so vecchio e ma ho 50 anni di roma qualcosina penso di capire

  18. Sicuramente chi ha scritto l’articolo non ha fatto economia alla bocconi, forse una qualche rispettabile facoltà umanistica. Saper leggere un bilancio per poter scrivere di bilanci, la base

  19. Mamma mia
    Che rogna si sono presi i Friedkin
    Faccio fatica a capire come sia possibile gestire 183 mln di costi di personale

    Piu’ che mai e’ necessario entrare in Champion

  20. possibile che champions a parte non si eiesca ad attrarre sponsor? Naming del centro sportivo o altro? Vediamo se l’ultimo arrivato nel settore finanziario saprà fare meglio di chi lo ha preceduto che è stato pari a 0!

  21. I Friedkin si sono accollati i debiti di Pallotta e per questo andranno sempre ringraziati, anche perché lo fecero in un momento in cui le previsioni erano quelle di una lunga crisi economica internazionale legata al Covid.
    Detto questo nelle sole operazioni di compravendita da loro condotte, conteggiando solo i costi dei cartellini e non gli ingaggi, il saldo di questi 2 anni e 4 mesi recita un passivo di -92 ml e questi sono tutta farina del loro sacco.
    Se avessero affidato la gestione sportiva da subito ad una dirigenza più competente e non ad un dirigente esperto in telefonia prima (Fienga) e ad un neofita dopo (Pinto), ora si troverebbero in una situazione finanziaria ben diversa.

    • Amedeo, rispondo a te come già fatto in altro articolo a Pasquino.
      Pinto ha avuto in questi 2 anni l’intera responsabilità del settore sportivo.
      Lui ha avuto la responsabilità delle cessioni o delle mancate cessioni (leggi Kluivert).
      Lui con l’avallo dei Friedkin ha deciso il timing e le cifre dei rinnovi, la lunghezza e le cifre degli acquisti come pure le modalità di acquisizione o cessione dei giocatori (prestito, cessione definitiva, scambi, risoluzione contratti …).
      Dipingerlo come uno senza voce in capitolo, mi sembra piuttosto riduttivo.

  22. Io vorrei vedere in faccia chi spollicia verso a chi scrive che il problema maggiore siano gli ingaggi di gente indecente (vedasi Cristante, mancini, pellegrini)

  23. È evidente che il problema principale della Roma sia il monte ingaggi ampiamente sproporzionato rispetto al valore della squadra. In questo modo abbiamo dei calciatori che nessuno vuole visti i soldi che guadagnano. Se trovo corretto in questo senso il discorso che si sta facendo con Zaniolo, non lo trovo affatto x quanto visto con Cristante, Mancini…ma anche Pellegrini e Abraham. I giocatori chiedono tanto perché altri compagni di squadra guadagnano (immeritatamente) tanto. A Napoli solo Osimhen ha uno stipendio sopra i 3 mln., al Milan campione d’Italia…il monte ingaggi è più basso del nostro. Forse occorre passare x qualche scelta dolorosa ma necessaria (ma poi quale partenza nella rosa attuale sarebbe così disastrosa? ci sono indispensabili nella Roma di oggi?)

    • Tutto corretto, però al Napoli anche Lozano e Zielinski hanno uno stipendio superiore ai 3 mln netti.
      Al lordo, quello che costa di più, persino più di Osimhen, è proprio il polacco, che si avvicina ai 7 lordi non potendo beneficiare del decreto crescita.
      Rimane il fatto che da noi quei soldi li prende pure Mancini, e che Pellegrini al lordo costa più di tutti quelli del Napoli.

  24. mardocheo 76 e cucs 2015 vi apprezzo dite quello che ho detto io chi ha le pelotas dica ora che la as roma tranne 3 4 giocatori sta pagando a peso d oro una manica di ppi… la fiorentina arrivera come noi ma i giocatori gli costano la meta ma signori senza offesa come fai a dare 5 milioni all anno a mancini e cristante boh

  25. magari senza le zozzerie rubentine un paio di scudetti ci scappavano (garcia e spalletti) e forse ora fatturavamo più di 200mln risicati
    ora non ci resta che avere fortuna buttando dentro qualche giovane tra cc ed attacco e magari trovarlo pure in difesa e buttare mancini, cristante, elsha,belotti, svilar,vina,spinazzola e qualche altro stipendiato eccessivamente…..

  26. ma se.la squadra e’ forte ci sono piu soldi e’ un serpente che si morde….se andiamo co i 6 7 posti non credo.si vada lontano

  27. Tra l’altro al già disastrato bilancio dei gobbi va aggiunto quello che non hanno dichiarato con le scritture private.

  28. Immensa gratitudine per la famiglia Friedkin(impressiona la mole di denaro che hanno immesso a fondo perduto nella nostra Roma).

    Detto ció credo che i dati certifichino come il business calcio oggi non sia sostenibile – in altri settori commerciali societá con i bilanci della nostra serie A sarebbero fallite o chiuse da un pezzo.

  29. Ma solo noi? Figuriamoci. Non vedo l’ora che lorsignori facciano l’esame con gli stessi criteri a Inter, Milan e Juve. Poi vediamo chi ride…. Giornalari di 💩 andate 🖕

  30. ma alla zozzetta quanto ancora je brucia che un giocatore come Dybala e’ venuto a Roma avendolo tolto all Inter super indebitata peggio di noi? ancora che ce fanno i conti, porelli stanno veramente male, fateli alla Juve e all Inter i conti vedete che esce fuori. Forza Roma

    • Alla Rube la Cazzetta i conti non li può fare perché non ci sta capendo niente neanche il nuovo CdA.

  31. I costi del personale con gli Americani è lievitato senza portare un significativo aumento dei ricavi. I costi della rosa sono nettamente superiori al livello da anni . Una rosa che al massimo compete per l’Europa League avrebbe dovuto avere costi ben più contenuti. Il problema è stato trovato perché molti giocatori già c’erano e già erano sopravvalutati ,ma si è perseverato negli errori

  32. bisogna togliersi i giocatori scarsi che non ti fanno alzare il tasso tecnico e oltretutto con stipendi folli per il loro valore tecnico e ne abbiamo veramente tanti

  33. Parlando di bilancio economico negativo,si possono additare come responsabili Pinto perché incapace di trovare buoni giocatori a poco prezzo e Mourinho che,non essendo capace di dare un gioco decente,continua con la richiesta di costosi giocatori big,

  34. … a breve… Dan Friedkin , potrebbe avere un problema alla prostata! nel frattempo….clamoroso!!! la Juve non viene retrocessa!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome