Roma, venti giorni per dirci chi sei

17
507

AS ROMA NEWS – Venti giorni per capire di che pasta è davvero fatta la Roma. Dopo un avvio stagionale disastroso, i giallorossi si sono rimessi lentamente in carreggiata, tornando vicini alla zona Champions. Ma a dargli una mano è stato un calendario fino ad ora favorevole.

Il Milan è infatti l’unica big che Lukaku e compagni hanno affrontato in queste prime nove gare di campionato. E adesso arriva il difficile. Domenica è in programma la sfida forse più complicata, quella contro l’Inter capolista da giocare a San Siro, che sarà particolarmente bollente per via del ritorno di Big Rom da odiatissimo ex. Poi Lecce e infine il derby, che arriverà prima della pausa: la sensazione è che proprio l‘attesissima sfida alla Lazio, dopo i due ko dell’anno scorso, sarà uno step fondamentale per il proseguimento del campionato.

Prima però c’è una partita di coppa da giocare domani sera, e non è per niente banale: Roma-Slavia Praga è molto più di una delle tante gare del girone di Europa League da provare a vincere, ma è un vero e proprio scontro diretto per il primato nel raggruppamento che vale l’accesso agli ottavi senza l’incomodo (assai pericoloso) del playoff di febbraio. E non solo. La gara di domani sera (stadio Olimpico, ore 21) rappresenta una sorta di rivincita per i giallorossi, l’occasione di cancellare una macchia della propria storia passata.

Mourinho non cambierà troppo per riuscire a battere i temibili cechi (otto gol fatti e zero subiti nel girone) e mettere un tassello importante nella corsa al primo posto nel girone. Niente calcoli, perchè, come ribadirà oggi in conferenza stampa (ore 13:30), la partita più importante è sempre la prossima.

Giallorossi.net – A. Fiorini

Articolo precedenteVIDEO – Abraham si allena in campo con il pallone: “Il ritorno”
Articolo successivoLukaku per lo Slavia, Dybala per l’Inter

17 Commenti

  1. Giustissimo: niente calcoli. A mio parere una squadra che punta in alto deve sempre scendere in campo per vincere. Nel calcio (e nello sport in generale), contrariamente a quanto recita un antico proverbio, chi si accontenta NON gode.

  2. OGNI TANTO rinfrescare la memoria non farebbe male

    Vedremo di che pasta è fatta ok, ma sempre arbitri permettendo, episodi sfavorevolmente discutibili ci sono stati, qualcuno deve avere pazienza eh non riesco a dimenticarli
    Forza Roma

    • Attaccarsi agli arbitri preventivamente è segno di debolezza e poca fiducia nella squadra.
      E poi immagina domenica scorsa a parti invertite quel fallo con secondo giallo ed espulsione.
      Avremmo gridato al complotto stanne certo.
      Pensa a vincere e a segnare no agli arbitri.

    • se se, quando i gol boni ce l’annullano tutto ok ve?…poi si spacciano per romanisti,ti conosco mascherina😂, quando si dice la verità esci come le lumache eheh,mah

  3. ne riparliamo dopo il derby
    vediamo dove saremo in classifica e ne trarremo le conseguenze….. spero non estreme… che Dio ci aiuti!

    • Non faccio il gufo, ma ogni romanista di lungo corso sa com’è andata a finire il 99% delle volte che la Roma si è trovata di fronte a un “venti giorni per capire chi siamo”.
      Avessimo una formazione solida avrei pure azzardato un po’ di fiducia, diciamo che per adesso preferisco volare molto basso, poi vediamo.

  4. intanto i ns avranno 2 gg in meno di riposo..
    poi se ci aggiungi che ne abbiamo sempre 4 o 5 indisponibili ogni settimana (cambiano i nomi ma la quantità è sempre la stessa), come fai a sapere cosa vale la squadra???

  5. Io vorrei vederla con tutti i giocatori non infortunati ed in buona forma, allora sì che potremmo affrontare tutte le partite senza particolari ansie. A proposito, qualcuno ha notizie di Sanches per esempio?

  6. Il rovescio della medaglia è che ne abbiamo finora persa solo una😂
    Nce state a scassa i maroni😂
    Oggi è vigilia, quindi non si parla male della Roma sennò i Dioscuri si offendono e cosa ancora più importante chiudete bene il barattolo del caffè: altrimenti perde l’aRoma😂😂😂
    Forza Roma

  7. Non pensiamo a 20 giorni, una partita alla volta provando a vincere ad ogni costo la partita da giocare al momento e per tirare le somme c’è tempo, le tireremo più avanti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome