Sabatini: “Il gioco di Mourinho ha portato la Roma alle posizione che le competono. Se mi prende una squadra di A chiamo De Rossi”

25
1603

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Walter Sabatini ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Tv Play su Calciomercato.it: “Quando mi rivedrete in una squadra? Accadrà il prima possibile. Quando non lo so dire, ma di sicuro succederà presto“.

Sull’operazione Rui Patricio: “Sulle operazioni di mercato riguardanti altre società non mi esprimo. Non è corretto, sono un dirigente e non un giornalista. Spesso la gente non mi capisce su questo punto, ma io non faccio il giornalista e quindi non parlo delle operazioni degli altri. Intervengo soltanto quando le operazioni sono da applausi, perché mi piace condividere la bellezza di queste trattative“.

Roma-Napoli: “Se l’ho vista? È evidente, perché era la partita. È stata una sfida difficilissima per entrambe. Devo dire che il Napoli gioca meglio in Europa. Questo perché lì si gioca un calcio più aperto. Ora sta dando spettacolo e continuerà a farlo. Contro la Roma gli azzurri hanno giocato una partita di grande intelligenza tattica. La scelta della Roma, a livello di gioco, mi sembra che sia quasi definitiva e non quindi non riguardante il singolo match. Questa è una scelta di Mourinho, che l’ha portato prima al quarto e ora al quinto posto. Posizioni che competono alla Roma“.

Sulle plusvalenze: “Se scambio due giocatori, chiaramente creo una plusvalenza fasulla. Non so se questo sia il capo d’accusa per la Juve, ma in passato molte società ci sono cadute. Io ho avuto la fortuna nella mia carriera di gestire calciatori che si vendevano da soli. Non ero particolarmente bravo per quanto riguarda le cessioni, ma ho avuto ragazzi ben allenati che hanno costruito le loro fortune calcistiche e poi sono stati messi sul mercato con un incasso diretto“.

Su De Rossi: “È molto sfortunato, perché avevo detto che lo avrei preso in qualsiasi squadra che mi avrebbe assunto in Serie A. Era già un allenatore in campo e dimostrerà in fretta di poter diventare un grande tecnico. L’ho dichiarato pubblicamente: se prendo una squadra in Serie A, chiamo De Rossi“.

Articolo precedente“ON AIR!” – DAMASCELLI: “Lazio più forte della Roma, nessun dubbio”, CORSI: “Se Mou va via, il primo ad andarsene sarà Dybala”, PUGLIESE: “Domani in campo Eldor e Vina, bastano per battere l’Helsinki”
Articolo successivoVERONA-ROMA: arbitra Sacchi. Al VAR scelto Maresca

25 Commenti

    • attento Andrea 🙂 che se fai battute di questo genere ti fanno prediche a go go dando giudizi a sproposito ..

    • ALES…
      Spero che la tua affermazione non fosse riferita a me…
      Io sono un Veneziano accanito di Roma e della mia amata Roma….🧡❤️
      Ed il mio commento qui sopra, altro non era che una battuta goliardica.
      Credimi gliela farei pure a Daniele se ne avessi la possibilità e scommetto che pure lui si farebbe na sana risata…😉
      Ciao.

    • MaraZico…
      Sono 21 per me…
      M’innamorai a 12 anni studiando la storia di Roma alle elementari, poi continuata con altri studi e pure ora non disdegno di leggere altri libri sulla storia di Roma….
      Vidi la prima partita Perugia-Roma 2-5 di coppa Italia…
      Poi vidi tante belle cose con quella Roma..😍
      Ma, anche la più brutta: la finale persa a Roma con il Liverpool… 😭😭😭
      Me sta ancora qua, me credi..??
      Piacere Andrea…👍

  1. Sabatini per me resta uno dei migliori DS avuti della Roma negli ultimi 20 anni.
    Ha portato a Roma giocatori solo con le sue capacità, non aveva un allenatore famoso al suo fianco capace di attrarre agenti/giocatori, ma doveva tutto alla sua rete di conoscenze.
    Il suo addio è stato il primo segnale che la Presidenza Pallotta si stava disimpegnando dalla Roma lasciandola in un mare di debiti.
    Per me sarebbe ancora la prima scelta d DS per affiancare/sostituire Pinto.

    • A un certo punto l’anagrafe vale pure per i DS. Ha avuto anche problemi seri di salute. Insomma…se è a spasso non sarà un caso…

    • Gallo, non hai ancora capito che il suo egocentrismo gli impedisce di lavorare in un team?
      Lui ama fare tutto da solo, al limite coi collaboratori che si sceglie per conto suo.
      Ha sicuramente del talento, ma ci sarà poi un motivo se il vertice della sua carriera è stato la Roma. E all’Inter, non appena gli hanno circoscritto il raggio d’azione, se ne è andato.
      Tanti ottimi giocatori lanciati, acquistati, venduti, ma nella sua personalissima bacheca non c’è manco un Trofeo Birra Moretti.

  2. Bravo Asterix, questa è la storia, ales. Laziale ci sarai tu. Informati prima di parlare… Sabatini fu chiamato alla Roma come calciatore da nils era un grande giocatore ma la testa pazza e i gravi infortuni non gli consentirono di giocare ad alti livelli, ha sempre tifato Roma e divenuto Ds conoscitore di calcio come pochi in Italia e stato artefice del Perugia di cosmi che al primo anno di A sbanco San siro vinse l intertoto ed andò a giocare con psv in Uefa….grosso Materazzi ed altri le sue invenzioni presi dai dilettanti e diventati campioni del mondo da lì poi Lazio Palermo Roma, dove con 4 breccole ha portato fior di campioni producendo qualcosa come 200 milioni di plusvalenze per la società del fu Pallotta, ha sbagliato cose certamente compreso l Intervento delirante post Roma salernitana ma ci vuole una ignoranza dei fatti grande come una casa a definirlo laziale, lui ama Roma forse troppo tanto da rimanerne sotto. .. Lo. Dico da umbro Ales, innamorato da sempre della magica Roma, i tifosi come te sono il male della Roma, studia prima di parlare a vanvera… Forza Roma!

  3. Beh non mi pare che alla Salernitana ne sia uscito bene dalle dichiarazioni di Iervolino, dove questo sistema di commissioni pesanti, nonostante le cosiddette plusvalenze, perché anche prima dell’arrivo dell’Andaluso (l’unica cosa di decente fatta dallo spagnolo era riabbassare le commissioni al 10%, poi rifatte risalire dal Petra, per poi fare nuovamente abbassare dai Friedkin al 10%), eravamo nei guai a pagare le seconde commissioni più pesanti in A:

    Divampa la polemica tra il presidente della Salernitana, Danilo Iervolino, e il suo ex ds Walter Sabatini, licenziato dopo la salvezza ottenuta dal club campano. Il numero uno granata ha accusato il dirigente umbro di essere “un bugiardo” per come ha ricostruito le cause che hanno portato alla rottura per il no al pagamento di una commissione agli agenti: “Sabatini crede di prendere tutti per stupidi, ma di equivoco c’e’ solo lui”, ha dichiarato in un’intervista alla Gazzetta dello Sport, “pensa di essere il piu’ intelligente, ma e’ stato bugiardo. Lui voleva pagare questa commissione, abbiamo litigato perche’ io non accetto queste storture”. “Volevamo corrispondere a Lassana Coulibaly un aumento di stipendio di 200.000 euro, ma per completare l’operazione avremmo dovuto versare un milione al suo agente: un impegno che aveva preso Sabatini. Io non mi pieghero’ mai a questo sistema: se un giocatore riceve una buona offerta da un altro club e’ libero di andare. Sabatini invece mi ha detto che con certe logiche convive da tempo e che vista la mia posizione in merito riteneva di non essere l’uomo giusto per la Salernitana. Adesso leggo che si sente da Champions League, vedremo dove andra’: non sa nemmeno far funzionare un computer o mandare una mail”.

  4. In passato non sono mai stato un ammiratore dell’opera di Sabatini, ma da quando è arrivato Pinto l ‘ho rivalutato del 1000 per 1000.
    Magari ritornasse a Roma a dire le stronkate dei gatti maculati e dei tetti al tramonto.

  5. è il migliore ds ancora adesso la sua Roma al primo anno di Garcia era splendida da vedere ci ha portato grandi giocatori a prezzi onesti ci fu un anno che avevamo scesny in porta e Allison in panchina presoea poco tra l altro a gennaio la Salernitana era retrocessa ha preso undici giocatori spendendo in tutto meno di dieci milioni di euro. Grande.

  6. Ognuno ha i suoi trofei da raggiungere nella vita.
    Sabatini fa il DS.
    Le plusvalenze, le ricchezze rese alle sue società, e non ultimo, i talenti (Dybala docet per ex) (il regalo al pubblico che ama questo sport) sono le sue vittorie.
    Come nella vita di noi comuni mortali, i figli, i loro successi, una gratificazione sul lavoro.
    È come dire che Zeman sia passato da questo mondo in silenzio, eppure qualcosa di cui ci inorgoglisce ha lasciato (ex la Juve in B..!).
    FORZA ROMA

  7. Un laziale e basta. Ha portato a Roma più di 100 giocatori poi è normale che tra questi ci fosse anche qualche giocatore sopra la media e/o campioni (vedi Salah, Rudiger, Benatia etc.). Ma va bene per la Salernitana. Altri sarebbero i DS che io prenderei e tra questi nn c’è sicuramente l’inesperto Pinto. Ma quanto ha speso di commissioni il fumante mi sembra che la Roma er ala squadra che pagava più commissioni ai vari agenti addiritturac più della juve e questo dovrebbe far capire tante cose…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome