SMALLING: “E’ dura perdere ai rigori, abbiamo lottato tanto per essere qui. Chi ha tirato il penalty ha avuto il coraggio di farlo”

11
1028

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Chirs Smalling parla ai microfoni dei giornalisti al termine di Siviglia-Roma.

Di seguito tutte le dichiarazioni del calciatore giallorosso sulla finale di Europa League appena conclusa alla Puskas Arena:

Quanto è forte la delusione?
“Grande delusione. Quando si arriva ai rigori è davvero dura perdere. Volevamo vincere, abbiamo dato tutto. I rigori sono una lotteria e quelli che si sono presentati sul dischetto hanno avuto il coraggio di farlo”.

È dura da sopportare una sconfitta così?
“Avete visto la tristezza di tutti, abbiamo lottato tantissimo per arrivare qui. Guardare la festa degli altri ci resterà dentro. Dobbiamo raggiungere un’altra opportunità, anche la prossima stagione”.

Cosa vi ha detto Mou?
“È stato fiero di noi, ha detto ‘siamo sempre stati insieme, abbiamo dato tutto e ora dobbiamo essere forti insieme perché si vince e si perde insieme’”.

Articolo precedenteCRISTANTE: “C’è tanta delusione, ma abbiamo fatto qualcosa di grande arrivando in finale. La Roma ha dimostrato di essere forte”
Articolo successivoMOURINHO: “Risultato ingiusto, l’arbitro sembrava spagnolo. Stanchi ma orgogliosi. Voglio restare, ma io e la squadra meritiamo di più”

11 Commenti

  1. Grande Chris !!!
    La coppa l’avremmo vinta se non fosse stato per un arbitraggio a dir poco disgustoso e nettamente di parte.
    Eravamo più forti e ci sarebbero stati 3-4 gol di scarto a favore nostro oltretutto.

  2. Grande Cris il coraggio di battere i rigori in una finale pochi ce l’hanno..
    Non erano Mancini e Ibanez quelli che si dovevano fare avanti.. altri con maggiore esperienza spettava..
    Una storia che si ripete..

  3. non voglio più vedere in campo quel mezzo uomo di Gino e le sue risatine. coniglio ..hai rubato 9 milioni e stasera spiace dirlo oltre ad un arbitro corrotto mou ci ha messo del suo, con i cambi giusti la portava o a casa..forza sempre Roma, tanta bile ma sempre la magica nel cuore

  4. quali sarebbero stati i cambi giusti??
    la panchina è quella e dopo aver messo il faraone, whinaldum Belotti zalewsky e infine bove chi doveva entrare??
    per me la Roma ha fatto una grande partita e Mourinho l ha incartata alla perfezione agli spagnoli.
    se c’era un arbitro “normale” avremmo vinto almeno con due goal di scarto .
    io sto con la ROMA E CON MOURINHO CHE SPERO RIMANGA!!

  5. fuori dalle palle:winaldum, abraham, belotti. Non se ne può più de sti papponi indecorosi, specialmente il primo, senza decenza.

    • d accordissimo x l olandese. Tammy la stagione scorsa era una macchina da goal, quest anno se bloccato del tutto. Un bomber non diventa brocco da oggi a domani. Io lo terrei volenteri. Il gallo? No comment. Io gli voglio bene.

  6. Grande Chris, fuori dalle palle gente che non ha gli attributi per presentarsi sul dischetto, dopo una prestazione indecente di Wjinaldum il “fenomeno” si è ben guardato dall’assumersi la responsabilità, Belotti 0 gol stessa cosa, ma non era il rigorista nel Toro ? Onore a Mancio e Ibanez che hanno avuto le palle di farlo !
    Fuori dalle palle una volta per tutte queste zavorre che continuiamo a pagare, per il resto ragazzi (non tutti) commoventi per i quali vale ancora la pena di passare l’ennesima notte insonne !
    SFR

  7. Danilo, i cambi giusti sono far entrare il faraone prima non quando gli altri sono finiti al posto di Gini che hai nel visto che non ha speso i a goccia di sudore per la Roma, merce ario senza palle .ed anche bove deve entrare alla fine del primo tempo hanno preso il gioco on mano e li special One deve essere reattivo e cambiare. per il resto con un arbitro normale era nostra da mo ..forzA Roma

  8. Speravo almeno in Europa di non vedere certe schifezze arbitrali, ma mi sbagliavo. A questo punto mi chiedo a cosa serve seguire questo calcio quando in tutto questo non c’è niente di genuino, ma tutto è artataente sistemato.
    Onore ai giocatori che ieri hanno dato tutto.
    Però una riflessione fatemela passare:
    se ieri sera c’era un attaccante normale, non Haaland o Lewandosky, uno normale, la partita la portavamo a casa.
    Un saluto a tutti.
    Forza Roma.

  9. Aggiungiamo pure Pellegrini che imita ciruzzo tuffandosi in area invece di segnare il 2-0 su quella grandissima azione da gol di Dybala. Eppure porta la fascia di capitano e dovrebbe dare l’esempio per primo ma questo dimostra che in un top club al massimo può essere un panchinaro, altro che capitano e titolarissimo.
    Bove ad esempio è più forte, il doppio più veloce e più reattivo di Pellegrini.
    E 4 partite di fila ben giocate non bastano al cospetto della stragrande maggioranza di partite giocate male o in modo mediocre, con disontinuità e spesso a sembrare di giocare in inferiorità numerica tipo 9 contro 11 vista anche l’involuzione di Abraham.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome