CRISTANTE: “C’è tanta delusione, ma abbiamo fatto qualcosa di grande arrivando in finale. La Roma ha dimostrato di essere forte”

14
1427

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Bryan Cristante parla ai microfoni dei giornalisti al termine di Siviglia-Roma.

Di seguito tutte le dichiarazioni del calciatore giallorosso sulla finale di Europa League appena conclusa alla Puskas Arena:

È dura?
“Sì, c’è tanta delusione e sarà così per un po’ di giorni. Poi però bisogna ripartire”.

Cosa pensi delle parole di Mourinho?
“Rimane un grande gruppo e abbiamo fatto qualcosa di grande facendo due finali consecutive. Non si arriva a una finale di Europa League a caso. Rimane l’orgoglio per questa grande squadra che ha dimostrato di essere forte e di potersela giocare”.

Vi ha detto se rimane?
“Dopo la partita abbiamo solamente parlato dell’orgoglio e del fatto che tutti quanti, compresi i tifosi, meritavamo di più”.

Mourinho ha detto che ha parlato con Pellegrini e Mancini. Non ne avete parlato tra di voi?
“Non stiamo pensando alla prossima stagione, siamo dispiaciuti per questa finale persa. Non abbiamo in testa altri pensieri”.

Quale è stato il momento chiave della gara?
“È stata una gara molto equilibrata, nel secondo tempo hanno avuto maggiore possesso palla ma non hanno creato molto. Dopo il gol subito abbiamo sofferto un paio di minuti, ma la partita è rimasta pari. I rigori sono 50-50”.

Di cosa ha bisogno questa squadra per lottare ai massimi livelli?
“In un momento della stagione abbiamo avuto tantissimi infortunati e siamo andati un po’ di difficoltà. Probabilmente il mister si riferisce a una rosa più ampia per coprire i momenti difficili durante una stagione così lunga e con così tante partite. È facile avere tanti infortuni in queste condizioni”.

Articolo precedenteMENDILIBAR: “Ancora non ci credo che abbiamo vinto. Siamo partiti male, nella ripresa siamo cambiati”
Articolo successivoSMALLING: “E’ dura perdere ai rigori, abbiamo lottato tanto per essere qui. Chi ha tirato il penalty ha avuto il coraggio di farlo”

14 Commenti

  1. Ragionamento da persona mediocre. I campioni vogliono vincere e non arrivare solo in finale!
    Dimostra i suoi limiti anche quando parla.Discreto giocatore ma niente di piu’.

    • claudio77

      sono parole di circostanza dette a caldo dopo una finale persa.

      io l’ho criticato molte volte ma credo si sia guadagnato la stima di tutti quest’anno, e cmq sul dischetto lui c’è andato, altri Campioni no, vedi Wjinaldum….

      ❤️🧡💛

    • Non si può dire, devi dire che è un ottimo giocatore perché dove lo metti sta e non fa storie e dà il fritto, Stessa cosa per Belotti.
      Sono queste le caratteristiche dei campioni veri, che ce ne dobbiamo fare dei De Bruyne e degli Haaland noi abbiamo Cristantone e Belotti-gol

    • I limiti sono quelli del portiere della Roma che non ti fa mai una parata decente e che spesso prende le papere . I limiti sono quelli di Abraham che non la prende mai, sta sempre per terra e non vede proprio la porta. Il limiti sono quelli di Belotti che corre solo e del centrocampista di colore subentrato nella ripresa che cammina e non la struscia mai, una specie di ectoplasma impalpabile …
      I limiti sono quelli della Roma in generale e della sua storia atavica fatta di tonfi e di delusioni, di iella e di arbitraggi negativi …

  2. cristante secondo me è un gran bel giocatore dove lo metti sta e dal massimo .
    nel calcio se segni vinci se non fai gol o ne fai pochissimi è difficile vincere le partite questo è stato il limite della Roma

    • Caro Bryan, forse era più corretto dire:
      “.. siamo andati vicini a fare qualcosa di grande..”
      💪🧡❤️

  3. Non prendetevela con Cristante, ma con chi è venuto a Roma a svernare (winaldum, belotti, abraham) oppure con chi non è da Roma (ibanez, spinazzola, pellegrini, ecc) se vuoi arrivare 5/7 allora vanno bene questi, ma se vogliamo fare il famoso salto di qualità servono altri giocatori, oltre ad una società che con ogni mezzo lecito deve farsi sentire in italia ed in europa, perchè non è possibile essere trattati in modo indecente da arbitri mediocri e prezzolati (inutile fare l’elenco, sarebbe troppo lungo…) –

    • Caro Caio,vogliamo una volta per tutte parlate del capitano Pellegrini che non struscia mai una palla…!!!

  4. non siamo i più forti, ma con un altro arbitro avremmo vinto. E cmq c’era d’aspettarselo questo furto. tre squadre in finale sono troppe, meglio sacrificarne subito una, magari poi un aiutino qualcuno ne potrebbe usufruire. Ne riparleremo.

  5. esatto pino, hanno sacrificato intanto noi non a caso per ordine di importanza doveva essere giocata prima la conferenze e poi la nostra finale. x e aria di aiuto per l i ter forse visto che ha no trattato noi..in ogni caso per me posso perdere tutte ormai ho il fegato grosso come in cinghiale dentro. sporchi ladri !

  6. Nel goco del calcio vince chi segna almeno un gol più degli avversari. E’ una banalità ma pensate un attimo all’occasione di Spinazzola,a quella di Abraham ed al successivo liscio di Ibanez a pochi centimetri dalla porta entrambe…..( Abraham e Ibanez) . In una finale non si può fare….Purtroppo non si può….

    • Aggiungici pure invece di nominare sempre i soliti che sarebbe il caso di vendere, anche chi porta la fascia di capitano e deve dare l’esempio per primo, Pellegrini dopo quel gran numero di Dybala doveva fare il 2-0 che avrebbe stroncato il Siviglia già nel 1° tempo invece di imitare ciruzzo tuffandosi in area perché poco reattivo ed un pò lento come spesso accade.
      E ne dico pure un’altra, che ad esempio Bove è più forte di Pellegrini ed è il doppio più veloce e reattivo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome