TIAGO PINTO: “Ogni giorno che passa cresce la mentalità che Mou ha portato alla Roma. Llorente? Acquisto di entrambi”

5
748

AS ROMA NEWS – Il GM giallorosso Tiago Pinto risponde alle domande dei giornalisti nei minuti che precedono l’inizio del match Roma-Real Sociedad.

Ecco le dichiarazioni del dirigente portoghese sulla partita di Europa League che si sta per giocare allo stadio Olimpico:

Cosa ti rende più fiero di questa crescita della squadra?
“Il tempo è sempre molto importante per i progetti sportivi. Due settimane fa ho letto che Mourinho non ha perso in casa per 9 anni e questo è il riflesso della sua personalità, esperienza. Ogni giorno che passa è un tassello in più ed è merito del lavoro e della mentalità che ha portato a Roma”.

Che giocatore è Llorente e quanto conosce la squadra?
“Non è un mio acquisto, ma anche di Mourinho. La società fa le cose insieme. Llorente è diverso dagli altri, è forte tecnicamente e viene da un campionato importante. Arrivato qua ha trovato un reparto difensivo in forma e ovviamente doveva adattarsi. Oggi ha l’opportunità per fare vedere perché lo abbiamo preso”.

Forse siamo noi che esageriamo con le critiche?
“L’Italia è l’unico paese in cui se vai a vedere una partita di Serie C trovi 30mila persone. Voi avete come italiani una consapevolezza di aspetti tattici che magari in altri paesi non c’è. A voi piace discutere di tattica, ma quando fai 60 partite a stagione esistono vari momenti. Contro la Juventus ho letto tante cose, ma noi dovevamo vincere e abbiamo avuto l’atteggiamento giusto. Ieri il Milan ha fatto la partita che voleva fare e ha fatto risultato. A tutti piacerebbe giocare bene, ma non è così facile. Tutte le italiane stanno facendo bene i n Europa e ora speriamo di farla anche noi”.

Articolo precedenteBosnia, prima chiamata per Tahirovic: il centrocampista convocato per le sfide contro Islanda e Slovacchia
Articolo successivoROMA-REAL SOCIEDAD: 2-0 (13′ El Shaarawy, 87′ Kumbulla). Grande prestazione, risultato pesante in vista del ritorno

5 Commenti

  1. hai pienamente ragione lavorare in Italia è impossibile !!! io alleno i bambini e non puoi neanche immaginare con che mostri di genitori ( tutti DS) con cui ho ho che fare tutti i santi giorni .

  2. Siamo tutti professori di calcio, abbiamo quest’anima tramandati dai tempi di campo Testaccio. un po’ arrogantelli, se la sentimo ma profondamente buoni…. basta un qualcosa che si fa’ in campo per fomentarci per dare entusiasmo abbiamo vinto poco per quello che noi tifosi meritiamo siamo i migliori di Europa come tifosi per questo pretendiamo…..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome