TOTTI: “Mou troppo difensivo? Contano i risultati, il gioco è secondario. Napoli bravo e fortunato, noi avevamo sempre una dietro…”

28
2068

AS ROMA NEWS – Lo storico capitano della Roma Francesco Totti, che ieri ha festeggiato i suoi 30 anni dall’esordio in Serie A, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport da un evento di padel che si è svolto a Santa Severa. Queste le parole dell’eterno numero 10 giallorosso:

Anche a distanza di 30 anni dal tuo esordio sei sempre circondato da grande affetto…
“Sensazione bellissima, emozionante. Il rapporto che ho con la città di Roma è questo, anche se sono a Civitavecchia o Santa Severa, è sempre la stessa cosa”.

Sull’evento a cui sta partecipando.
“Sono contento di partecipare a questo evento. Il defibrillatore è importante anche sui campi da padel. Va messo perché può succedere di tutto, può salvare vite”.

Retegui lo hai scoperto prima di tutti, come ti sei accorto di lui?
“L’ho visto in alcuni video. Mi aveva impressionato dal lato fisico e mentale, era voglioso. Non l’ho segnalato io a Mancini. Non ce l’ho più adesso, ce l’avevo purtroppo. Sono contento per lui, è un bravo ragazzo, una buona famiglia e se lo merita”.

Gli oriundi in Nazionale stanno facendo discutere, qual è la tua posizione?
“Quando giocavamo noi ognuno era del proprio Paese, ma adesso purtroppo il calcio è cambiato. Sono cose che il calcio ha voluto. Il Mister ha dei problemi. Io punterei fortemente sui settori giovanili, far crescere i proprio giovani nei club e così possono crescere talenti”.

Sulla stagione del Napoli.
“Non me l’aspettavo. Sapevo che era una buona squadra, con un grande allenatore. È stato un binomio perfetto. Sono stati molto bravi ma anche fortunati, perché non hanno nessuna squadra dietro. Quando giocavamo noi c’era sempre un’altra dietro come Juve, Milan o Inter. Noi facevamo 20 vittorie e loro 19”.

Sulla Roma di Mourinho.
“Non parlo perché poi si creano problemi. È ai quarti di Europa League, è quinto e può arrivare in zona Champions che è l’obiettivo. Mi auguro possa andare più avanti possibile in Europa”.

Molti criticano Mourinho perché troppo difensivo…
“Quando c’era Zeman si diceva che era troppo offensivo, come fai fai sbagli sempre. L’importante sono i risultati, poi giochi bene o male è secondario come problema”.

Dove dovrebbe andare Conte secondo te?
“Antonio ha tantissime possibilità di scelta. Conoscendo come è fatto, penso che prenderà tempo e deciderà la scelta migliore per ricominciare a lavorare”.

Alla prossima giornata la Roma affronterà la Sampdoria. Contro la Samp hai segnato uno dei tuoi gol più belli. Hai un ricordo particolare legato alla tua carriera?
“La Sampdoria era una delle squadre contro cui mi piaceva giocare, spesso e volentieri segnavo. Mi portava fortuna come squadra. È una partita importante per entrambe le squadre, sarà una bella partita e può succedere di tutto. Spero la Roma possa vincere”.

Perché Abraham e Belotti stanno segnando poco?
“Torniamo al discorso di prima (ride, ndr). Speriamo che possano segnare di più nelle prossime giornate”.

Fonte: Sky Sport

Articolo precedenteROMA-SAMPDORIA: arbitra Irrati, Chiffi al VAR
Articolo successivoCalciomercato Roma, Fiorentina e Sassuolo interessate a Bove

28 Commenti

  1. Caro capitano ho avuto la fortuna di seguirti da inizio alla fine… purtroppo… della tua carriera…mi sento fortunato per questo.
    Ti voglio bene… quanto mi manchi cavolo.
    Buona vita spero solo che prima o poi tu possa ricoprire un ruolo nella mia Roma perché mi conforterebbe sapere che c’è un dirigente che tiene alla squadra quanto me.

  2. è imbarazzante che il simbolo più famoso della Roma nel mondo sia fuori dalla società, alla faccia delle capacità di fare marketing…oltretutto, penso che di calcio ne capisca un po’ di più di qualcuno che in società occupa posti importanti, e vista la fatica che facciamo a scovare giocatori promettenti, credo che un occhio come il suo non sarebbe da buttare via. Visto che siamo già all’idolatria, almeno torneremmo ad adorare un figlio di Roma…

  3. preferirei che a scegliere e individuare talenti fosse una persona che ha giocato a calcio che conosca l’ ambiente e le caratteristiche anche caratteriali e familiari per sfondare in serie a e a Roma soprattutto, piuttosto che affidarsi ai soli dati e algoritmi che infatti spesso portano ad acquisti che dopo un mese diventano esuberi. Il calcio vero , quello che ha fatto innamorare milioni di persone è quello di Totti Maradona Ronaldinho Conti , bastava guardarli e parlarci per capire che avevano stoffa ….il tablet non c’ era e non serviva

  4. nessuno mi toglie dalla testa che sia stato determinante anche il tuo contributo nel convincere Dybala ad accettare l’offerta della Roma, grazie capitano. Hai sempre visto lungo, d’altronde in campo eri un fenomeno, vedevi cose che nessun’altro vedeva, sei e sarai un ottimo scopritore di giovani talenti, portaci colui che riporterà il tuo numero sulla tua maglia e ci farà rivivere quello che ci hai fatto vivere tu!!

  5. Riferendomi al Sold Out, se è vero che i Friedkin guardano molto al “business”, visto l’effetto positivo portato da Mourinho un ritorno del Capitano non lo escluderei a priori. Antipatie o simpatie a parte, ritengo che la risonanza sarebbe enorme. Tutto sta a vedere se i due andrebbero d’accordo…

  6. Noto con piacere che sta imparando a vivere fuori dal campo
    il che è la base necessaria per ogni discorso che preveda un rientro nella società che non sia solo una bandierina e che quindi possa essere utile e soddisfacente per lui e per la Roma

    • Ho come la sensazione che tu e dtf sopra siate la stessa persona…

      Poi che tu o chiunque altro possano dare patenti di maturità “sta imparando vivere fuori dal campo”…

      Ma chi sei???
      Da quale pulpito parli????
      Cosa ne sai della sua vita o di chi è???!!!

      E non lo dico solo per il Capitano, ma prorpio per il commento paternalistico e presuntuoso….

      Ovviamente con tutto il rispetto eh…

    • Egregio, non sono DTF, né altri oltre Wtf.

      Per quanto riguarda il commento, stiamo parlando di un personaggio pubblico, le cui dichiarazioni sono state spesso strumentalizzate, stirate, a suo stesso discapito.

      Non mi sto minimamente riferendo alla vita privata di chicchessia, ma al personaggio pubblico e credo che un personaggio pubblico sia del tutto normale che venga in qualche modo valutato dal (appunto) pubblico.

      Niente paternalismo o presunzione.

      Era una valutazione, se leggi bene, relativa alla necessità di essere in qualche modo “diplomatici” se vuoi stare dentro un certo sistema e Totti in passato ha avuto diverse uscite sopra le righe, che ne hanno minato la credibilità per qualsiasi ruolo che non fosse quello di pura “immagine”.

      Ora mi sembra più “posato”, più attento, più inserito nel suo mondo dopo il calcio attivo.
      Posso dirlo o devo chiedere il permesso a qualcuno?

  7. Io su Totti farei un pensiero ed è questo..

    Farlo tornare.. Il ruolo di DS mi sembra eccessivo.. Ma siccome ha visione.. Gli piacciono i giovani… Perché non dargli la possibilità di cercare talenti per la primavera?

    Chiaramente con un limite di budget.. Intanto si farebbe le ossa.. E potrebbe dimostrare a se stesso (in primis) e agli altri.. Che è portato

    In oltre un Francesco Totti che va a parlare ad un giovane calciatore fa la sua figura..

    Insomma potrebbe essere un buon inizio.. Specialmente ora che conosce tanti giovani Argentini..

    Forza Roma

    • Ma Totti questo lavoro già lo fa, in proprio invece che come dipendente della Roma, ma lo fa.
      E penso che per i suoi ragazzi abbia comunque un occhio di riguardo per la Roma, come è stato nel caso di Volpato.
      Il ruolo dl DS, così come è concepito almeno in Italia, presuppone capacità manageriali e di leadership che vanno oltre quelle di fare mercato e scovare talenti. Soprattutto in un grande club.
      La realtà dice che è difficile trovare un ruolo per Totti dentro la Roma. Lui non si accontenta di fare quello che fa Zanetti all’Inter, l’uomo immagine e di raccordo tra spogliatoio e proprietà.
      E gli americani, per accordarti un ruolo di responsabilità, in genere vogliono vedere le carte che attestino che tu sia in grado di svolgere il compito.

    • @Marco79
      infatti Pinto ha un curriculum eccezionale dal punto di vista della carriera come GM e DS…..

      È più giovane di Totti e il DS lo faceva Rui Costa…

    • Zio Dan.. Proprio perché lo fa già lo avrei visto perfetto per questo ruolo nella Roma..

      E metterlo nella primavera così da non fargli pesare addosso un lavoro molto più pesante che va ben oltre il saper individuare talenti…

      Poi che lui non accetterebbe e un altro discorso è ci sta..

      Steve Harris.. Sarei curioso di sapere chi ha parlato di Pinto..

      Ma vi rendete conto di ciò che dite..?.. Come ha detto Zio Dan un ruolo del genere non comprende solamente comprare calciatori..

      Pinto si occupa della parte finanziaria.. Voglio sapere cosa c’entra con le possibili caratteristiche di Totti?

      Pinto si occupa della parte finanziaria anche quando va a contrattare con giocatori già presi da Mou e scelti da Mou.

      Oppure vuoi chiedere a Francesco Totti di occuparsi della parte finanziaria..

      Pinto ha fatto esperienza e studiato proprio per questo.. I calciatori gli sceglie lui?.. Sorrido..

      Forza Roma

  8. Quando giocavamo noi c’era sempre un’altra dietro come Juve, Milan o Inter. Noi facevamo 20 vittorie e loro 19”.
    In verità il problema era che poi, alla fine, ne avevamo una DAVANTI!

    Ironia un po’ triste , lo so!

    E se avessimo battuto la Samp e mi viene in mente L Empoli con in porta il ns Skorupski…ora magari avremmo uno scudo in più!

    Quindi, battiamo la Samp!

    • È ovvio cio che voleva intendere, nelle nostre annate migliori c’è sempre stata in altra squadra che andava a mille, il Napoli sta davanti senza pressioni ci fosse stata una squadra subito dietro magari avrebbero giocato con la paura e le cose gli sarebbero riuscite meno bene.

  9. Senza polemiche, le idee vanno sempre rispettate, tutte, maaa….
    Tutti gli uomini di sport e successo di alto livello, del passato, presente, concordano in un’unica strategia:
    L’importante è vincere, come non è un problema..!!
    Mentalità, mentalità vincente…
    Il bel gioco non riempie le bacheche e non crea storia…🤷
    Vincitrice Coppa campioni 1984: Liverpool..
    Con chi giocava e vinse, non è menzionato…!!!
    💪🧡❤️

    • Ehhh, non sai quanto mi duole dirlo, ma stai portando l’esempio sbagliato.
      Quel maledetto Liverpool aveva Dalglish, Souness, Rush, Neal, Hansen, Whelan…non giocava per nulla male.
      Arrivarono in finale le due squadre più forti, entrambe giocavano un calcio offensivo, anche se impostato su criteri diversi. Ma comunque propositivo.

    • Zio Dan…
      Intendevo che io quella coppa l’avrei voluta giocando male ma, vincendo…!!!
      Quella Roma là era meravigliosa, però…
      Meglio del Liverpool..

    • Ok, compreso. Concordo che sulla carta quella Roma era addirittura migliore dei Reds che avevano dominato la scena d’Europa in quegli anni.
      Solo sulla carta purtroppo: le assenze di Ancelotti e Maldera, la menomazione di Falcao, livellarono la contesa a loro favore.
      Senza contare la loro esperienza a giocare partite del genere contro la nostra desuetudine, tradottasi in crampi violentissimi per alcuni giocatori già a metà della ripresa.
      E un gol loro lievemente irregolare…ma basta, questa roba è uno spiacevolissimo mantra che ho nella testa da quasi 40 anni ormai.

  10. Intanto per chi non ne e’ al corrente e’ bene che sappia che per fare il D. S. cosi come avviene per gli allenatori deve superare un’esame a Coverciano che comporta alcuni passaggi, anche per uno come Totti campione del mondo.

    Forse tra i due intraprendere il percorso di allenatore e’ piu’ semplice, la vedo piu’ complessa la figura del D.S. in quanto sulle basi manageriali e gestionali in merito al diritto sportivo ed altre materie amministrative oltre alle capacita’ credo che ci voglia una preparazione notevole di base che non gli appartiene.

    Poi per quanto riguarda la figura del procuratore anche questa deve corrispondere ad un’esame, spesso si vedono mogli o fratelli in queste vesti, si possono tutelare il loro fratello o mariti ma poi agli atti le firme sono di gente qualificata o anche di avvocati, esempio Wanda Nara, tutelava il marito ma la procura per la mediazione la sempre fatta un agente procuratore.
    Lo stesso Francesco Totti per la sua agenzia si avvale di un procuratore iscritto all’albo.

    Oggi come oggi Francesco Totti penso che possa essere un eccellente Scoutman, alla Roma potrebbe ricoprire un ruolo importabte come responsabile dell’area tecnica della prima squadra e della primavera, cioe’ essere vicino a Mourinho nelle scelte dei calciatori.

    Io il D.S. amminisatrativo continuerei farlo fare a Pinto, non mi pare uno da sottovalutare per le mediazioni economiche delle trattative, credo che conosca bene l’arte dell’economia e della finanza proprio perche’ proviene da una societa’ il Benfica che da sempre e’ stata considerata una delle gioiellerie piu’ care.

    p.s. ad ognuno il proprio ruolo….. noi e’ meglio che facciamo i tifosi sarebbe gia’ un’eccellente risultato.

    FORZA ROMA A TUTTI.

  11. Però in quella partita contro la Samp mi viene in mente che ci furono negati ben 3 rigori e comunque subimmo altri torti arbitrali in alcune partite e l’Inter ebbe alcuni aiutini.
    Quindi nonostante alcuni errori dei nostri calciatori, la Roma avrebbe vinto lo stesso il titolo senza le solite questioni arbitrali.
    Totti ha ragione, le vittorie contano più del gioco.

  12. Sei nato incendiario e ora fai il pompiere,come fa a non nausearti l’approccio al Derby
    e il povero Dybala che vagava sconsolato per il campo?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome