TOTTI: “Zaniolo deve crescere con serenità. Ho sempre detto che Pellegrini era il capitano del futuro. Il mio ritorno? Sono solo tifoso”

45
3768

AS ROMA NEWS – Il “Campo Roma”, storico centro sportivo della Romulea nel quartiere San Giovanni, questa sera è la location della “Notte delle finali” della Lega Calcio a 8.

Nella Supercoppa si sfideranno la squadra di Totti e la Lazio. All’arrivo al campo, l’ex capitano giallorosso è stato immediatamente circondato dai cronisti presenti per alcune domande. Queste le sue parole:

Che emozione è tornare a casa?
“Mica è casa mia questa…(ride, ndr). A scuola, ci passavo dai…”

Quando torni all’Olimpico c’è un’ovazione ogni volta
“Sono emozioni uniche ed è qualcosa che nessuno può togliere. Quando vedi tanta gente passionale fa sempre piacere”

Ormai sei all’Olimpico sempre, il ritorno è vicino?
“Sono all’Olimpico perché sono tifoso della Roma, nient’altro”

“E’ probabile ma non sicuro” ha detto Malagò…
“Sì? E’ tanto che non lo sento…può darsi pure che vado a Leicester”.

La Roma arriverà in finale di Conference secondo te?
“Ormai ci siamo, manca un passo. Speriamo di centrare questo obiettivo”

Mourinho è l’allenatore giusto?
“Vuoi discutere Mourinho? (ride, ndr)

Lo scudetto chi lo vince?
“Per me l’Inter”

Un consiglio a Zaniolo?
“Zaniolo deve crescere, con tranquillità e serenità come ho sempre detto. Poi le cose vengono da sole”

Pellegrini?
“Ho sempre detto che era il capitano del futuro, perciò sono contento che si sia ripreso la piazza in mano e tanta gente abbia capito che ragazzo è. Già che sia un ragazzo puro e vero è importante”.

Articolo precedenteZANIOLO: “Con i tifosi della Roma ho un rapporto eccezionale. Il Leicester è forte, ma non abbiamo paura. Mou sa come vincere”
Articolo successivoRoma alla prova d’inglese

45 Commenti

  1. Mio CAPITANO 💛❤️o mio CAPITANO 💛❤️

    Eternamente grato 💯💪🤞💛❤️d’avette visto con la maglia della magggica 💛❤️…

  2. Mah. Quando parla della Roma, mi dà sempre l’impressione – probabilmente sbagliata – di una sofferenza interiore. Come se sotto sotto gli piacerebbe tornare con un ruolo a lui congeniale, ma un po’ non intravvede aperture (e gliene dispiace, e lo capisco) e un po’ ha paura di rivivere situazioni ancora dolorose: di non essere ascoltato, di essere sfruttato per quel che rappresenta, di trovarsi sotto la sgradevole lente di certo giornalismo polemico e gossipparo.
    Dovrebbe pensare che la A.S. Roma è cambiata e lui potrebbe ancora darle tanto, se volesse… E naturalmente se lo volessero anche i proprietari, che ad oggi sembrano non considerare la romanità un valore aggiunto.
    Ma, ripeto, probabilmente sbaglio ed è sereno così, e sono contento per lui.
    Vediamo quante spolliciate mi prendo a questa botta.

    (P.S.: lo sguardo che lancia a Ibrahimovic che improvvisa un passo di danza, per la serie ‘ma sei scemo’, ne fa il vero e unico protagonista dello spot pubblicitario).

    • Sua maestà l’imperatore del calcio italiano ,principe del calcio mondiale un simbolo come la lupa.

  3. Pallotta a Totti un posto da dirigente tutto sommato gliel’aveva dato. È stata colpa sua se non l’ha sfruttato al meglio, considerato il vuoto di potere che per un decennio c è stato dentro Trigoria. Per me il buon Francesco non ha il carattere né la voglia di impegnarsi in ruoli di alta responsabilità ed esposizione mediatica. Totti vive della rendita che gli ha procurato la sua immensa carriera calcistica, non per niente spopola in TV come una star. Solo che i Friedkin con lui non ci hanno bevuto neanche un misero caffè e un motivo, se mi consentite, ci sarà pure. 🕶️

    • Un posto da dirigente x finta, altrimenti 5 anni a Pastore se decideva lui, la Roma nn li faceva
      Per il resto per ora viene allo stadio come tifoso mi pare che parla meno di Pallotta Petrachi e Pure DiCanio….poi se si prende un caffè con Friedkin visti i caratteri…. sarà qualcosa che sapranno solo loro

    • Mo’ capisco gli occhiali da sole finali, Zeno’: per la vergogna delle cose che hai scritto, te copri proprio la faccia… ne sei consapevole, insomma. Beh, già è qualcosa.

    • Se tu avessi ascoltato e sopratutto capito, quello che ha detto TOTTI nella conferenza stampa, quando si e’ dimesso, non diresti cavolate….ti meriti i monchi, i baldini, e tutti quelli che hanno fatto il male della ROMA, tifa per le quaglie che e’ meglio!

    • A TOTTI PALLOTTA (che non é stato il male totale dell’ultima ROMA pre Fredkin come pensano tanti per me) ha dato un posto da specchietto per allodole. Un dirigente “dirige”, magari col tempo, se deve fare esperienza e acquisire un compito nuovo, ma la direzione é quella.
      Certo non fare da schermo alle scelte prese da altri, senza nessuna voce in capitolo.

    • E per cosa doveva rimanere? per fare cosa? il pupazzo degli incompetenti di Baldissoni e Pallotta?

  4. Ciao Hic,
    la stessa sofferenza interiore che ho io quando lo vedo e lo sento denigrare ma sono le contraddizioni del popolo romano, ho visto il vecchio CUCS e i Fedayn picchiarsi in un sedicesimo di coppa Italia Roma – Perugia, ho visto sciogliersi il Commando Ultrà per questioni che ancora fatico a metabolizzare, ho visto un derby sospeso per una prova di forza degli allora capi ultras e non ho mai perso la passione per questa maglia, per questa squadra.
    Questo sentimento lo vedo anche in Totti, infondo anch’io sono solo un tifoso

  5. Dai Francesco si può dire che solo tornando allo stadio fai paura e si è visto ! Il presidente deve riportarlo dentro la società serve una persona così sa tanto e può dare due marce in più a tutta Trigoria come fa all olimpico semplicemente sedendosi in tribuna !

    • Ma un monumento dentro l’olimpico no ? Solo con una sua statua vinceremo 5 o 6 partite in più !!! Ma che sia in odore di santità ?

    • Lui ha visto crescere Pellegrini e con lui ha un legame diverso
      Zaniolo lo consiglia in questo modo perché è uno con le debite proporzioni sotto la lente come lo è sempre stato lui…..e pensa che sia meglio nn esaltarlo troppo

  6. Quanto ci manca?
    eh?
    …il Dio del Calcio Romanista.
    Giano
    Personificazione di Roma.
    Presente prima di Roma…
    …eterno.
    Senza limiti…
    …infinito….
    …l’assoluto….
    Francesco Totti divinità primigenia.
    ( …e mo voi su “divinità primigenia” siete nella confusione piu’ totale ma tant’ è… fidateve de Pasquino e cliccate er pollicione … che nun ve sbajate…)

  7. Abbiamo bisogno della “figura” Totti nella nostra
    societa’.
    In qualsiasi ruolo che lui voglia fare.
    Come?
    Per alcuni ruoli non e’ portato?
    Si perche’ quelli che abbiamo avuto erano portati?
    Negli ultimi anni si sono visti dirigenti impresentabili che non hanno aggiunto nulla alla societa’.
    Francesco almeno e’ della Roma e se proprio nun devo vince un c _ _ _ o, preferisco farlo con lui che mi ha rappresentato per 25 anni.
    ONORE A TE CAPITANO!

  8. Eterna gratitudine al giocatore piu forte che Roma abbia mai avuto orgoglio romano sempre e per sempre grazie capitano uno cosi forse non lo vedremo mai piu con la nostra casacca
    Ne nascono uno ogni trent’anni e questo oltremodo é nato romano romanista il massimo che ci sia per una tifoseria

  9. Non sono tanto d’accordo nel giudizio su Pellegrini il quale lo ritengo comunque un normale, medio buon giocatore ma parcchio discontinuo e nulla più, questo per quanto riguarda la parte tecnica, calcistica, invece sono d’accordo per quanto riguarda il lato puramente umano del ragazzo, si vede che Pellegrini è un bravissimo ragazzo, anche serio e professionale.
    La fascia di capitano però la vedrei più sul braccio di altri giocatori ed in quel ruolo nel campo preferisco altri più forti di lui e ce ne sono.
    Poi se un giorno dovesse azzeccare almeno il 70%-75% delle giocate e giocare 20-25 partite di livello su 35-40 partite invece di una decina o dozzina di partite, allora potrò giudicarlo un giocatore forte e perché no un grande giocatore, ma al momento no ed il suo standard è questo da 4 anni anche se questa è la stagione dove ha segnato più gol.

    • Ivan hai detto la tua su pellegrini..evviva la democrazia…dove ognuno può dire quello che vuole

  10. E’ del tutto evidente che vi sia stato un riavvicinamento “filosofico” tra la proprietà e Totti.
    Non tra la Roma e Totti, perché questo non è mai stato in discussione.
    La sua presenza allo stadio si è fatta troppo costante, così come la sua disponibilità a parlarne.
    A differenza di alcuni illustri commentatori che precedono, francamente io non noto questa sofferenza interiore, anzi, esattamente il contrario: mi sembra come se si fosse liberato di un peso.
    Né penso, come altri meno commendevoli sedicenti profeti, che i Friedkin non lo abbiano invitato neanche per un caffè. Sono riusciti a tenere nascosta la bomba Mourinho fino all’ultimo istante, figuriamoci se hanno problemi a parlare con Totti lontani da occhi e orecchie indiscrete.
    E poiché sono persone sveglie che finora non si sono lasciati scappare nessuna occasione per unire la tifoseria (all’opposto di qualcun altro), essi sanno benissimo quale effetto potrebbe avere sulla gente un’eventuale rientro di Francesco in società.
    Credo però che entrambe le parti siano coscienti che si tratta di un’operazione difficile, da preparare nei minimi dettagli, con ruoli chiari e definiti. Perché nessuno, né la società né Francesco possono rischiare un effetto boomerang. E perché penso che entrambe le parti abbiano a cuore la chiarezza di intenti nei confronti della gente.
    Senza contare che Francesco ha da poco assunto un impegno nei confronti dei suoi ragazzi, che certamente non vorrà tradire.
    Insomma ci sono parecchie tessere del puzzle da sistemare, ma secondo me ci stanno lavorando.

    • Carissimo UB, facciamo un gioco, questa mattina ti sei svegliato presidente della A. S. Roma, quale incarico affideresti a Francesco Totti?
      La mia come puoi immaginare è una provocazione, e la provocazione ha un sotteso, che quanto fece Pallotta non fu poi così deprecabile come la vulgata vuole far credere.
      Con la gestione di Totti volenti o nolenti si scontrano da una parte la sua fama immensa dall’altra le sue capacità manageriali tutte da verificare.

    • Io non lo so Frà, ma è evidente che il ruolo eventuale di Totti dovrebbe avere a che fare con il campo e non con la gestione aziendale in senso economico finanziario.
      Tutte le storie che si tirano fuori riguardo alla supposta necessità di studiare lasciano il tempo che trovano. Non mi sembra che Bruno Conti abbia studiato chissà cosa, eppure lavora con profitto da 30 anni per la società. Dubito anche che parli fluentemente l’inglese.
      E’ ovvio che il suo ruolo debba essere studiato per bene, per capire quale possa essere il suo raggio d’azione.
      Nella sua precedente avventura non ne aveva nessuno, inutile cercare di far credere il contrario. Non c’erano progetti per lui, se non quello di fare l’uomo sandwich tra Baldissoni e Monchi e firmare autografi. Fu messo lì solo per onorare un precedente impegno ma senza alcuna convinzione.
      Ripeto che non credo ad un annuncio dall’oggi al domani, ma secondo me la volontà della società di cooptarlo in qualche modo c’è. E credo anche la sua.

    • Giusto quello che dici, ma ho l’impressione che Totti, che non è Brunetto né come carattere né come fama, non accetterebbe ben volentieri un incarico così limitante, rispetto al potere decisionale all’interno della Società, come quello che tu descrivi.

    • Se hanno fatto fare il calciomercato a Fienga e l’allenatore di A a Fonseca, il bho’ a Longo, e il vice DS con incarichi di attenzione alla Primavera a De Sanctis, l’accompagnatore “simpatico ai giocatori” a quello dei 6 cambi, che TOTTI non avesse abbastanza capacità e conoscenza del calcio e dello spogliatoio per fare qualcosa di importante che non fosse il modello pubblicitario, mettendosi d’accordo con Francesco, rispetto a tutti questi ci credo nulla.

    • Secondo me uno spazio importante da riempire tra Pinto e Mourinho esiste. Sarebbe persino auspicabile. Per allargare un po’ la visuale che mi sembra un pochino ristretta.
      Non so se Totti possa essere la figura adatta, ma mi sembra di poter dire che qualcosa manchi in quell’ambito.

    • Ma proprio siete duri, senza offesa, di comprendonio. Attaccare PELLEGRINI perché non é TOTTI significa non capire un tubo. Nessuno (e chissà se ci sarà un altro alla ROMA prima o poi che gli assomiglierà) é nato col patrimonio naturale di Totti. Solo che ha smesso di giocare, capito il concetto? La 10 è stata ritirata, la fascia da capitano non si può e qualcuno la deve portare. Aspettiamo il nuovo Totti e nel frattempo non giochiamo più?

  11. Super Capitano
    Spero che sia il prossimo D.S e vicepresidente. Con lui si che il mercato sarà super, quando chiama un calciatore verrà al 100%
    Sempre forza Magica AS ROMA

  12. Inter roma non mi e’ piaciuta non solo per la Partita. La questione Mou si vede che ritrova la sua donna dopo 12 anni lo si vede triste puo’ dire cio’ che vuole, e’ il suo vecchio amore mai dimenticato….qui gli hanno fatto la guerra subito, a Milano ha il consenso di tutti strana sta cosa . Lui vive di empatia glielo si legge nel viso una tristezza incomparabile tutte le volte che va’ a Milano. Il capitano no…. lui e’ il famoso Segno di Roma in tutto e per tutto, lui e’ rimasto qui…. lui e’ Roma e la Roma, lui e’ stato tradito da chi aveva le mani sulla societa’ da giocatori da amici da allenatori da presidenti dirigenti. Non potra’ mai venire alla Roma perche’ ce Mourinho e’ lui che gestisce come puo’ ritornare come dirigente se ha sopra di lui figure cosi forti che non permetterebbero di esaudire le sue proposte….Sarebbe Pallotta 2 e Baldini non gli si possono fare sempre ste domande “quando rientri in societa’” al momento sta cosi poi un giorno chissa…..tanto gli rompono sulla vita privata….Daje Capita’ sei il primo tifoso nessuno ti scordera’!!!!!!

  13. I pollici versi in basso non hanno senso ….lui va allo stadio da semplice tifoso della Roma …l’ho capite oppure no???? Oppure parla cinese è possibile che ci deve essere sempre sto livore verso il nostro campione di sempre forse i pollici in basso solo o dei Lazialichevi ha purgato spesso e basta avete rotto il c…,o!!!!

  14. Rispondo circa il mio punto di vista su Pellegrini visto che qualcuno pensa che il giocatore viene continuamente criticato perché è meno forte di Totti, è vero che ci sono tifosi che danno giudizi anche pesantemente negativi sul buon Lorenzo ma io, almeno da parte mia ci tengo a precisare che non sono mai stato tra quelli.
    Non ho mai detto che è un giocatore scarso ma ho sempre detto che è un buon-discreto giocatore, il che non è un giudizio negativo ma è un giudizio che si da a giocatori normali, essere scarso oppure una cosiddetta pippa è ben altra cosa, ecco questo può essere detto casomai per un Diawara.
    Il mio è semplicemente un giudizio tecnico, fatto anche di numeri, dire che un giocatore non è un fenomeno o un top player non significa criticarlo aspramente o contestarlo, io personalmente non chiedo che uno sia forte come Totti perché un Totti oppure un Messi sono merce rara se non unica, quindi chissà se mai nascerà e se si tra quanti anni o decenni un nuovo Totti.
    Dire che le prestazioni di Pellegrini siano discontinue non significa dire che è scarso, dire che non lo vedo come capitano della squadra perché ritengo che ci sono giocatori più adatti di lui per la fascia di capitano visto il maggior bagaglio di esperienza, la provenienza da club blasonati e vincenti oppure l’età over 30 non significa che la Roma debba farne a meno.
    Dire che ci sono giocatori nel ruolo al momento più forti e continui con numeri più elevati può starci e ci sono ma questo non significa che Pellegrini sia un giocatore da buttare.
    Per me è tra i calciatori italiani di maggior talento ma c’è qualcuno che ha un rendimento migliore di lui in generale, un giocatore per essere forte davvero, sopra la media e gli standard diciamo deve avere almeno il 70%-75% di giocate riuscite e di partite disputate ad alto livello, tutto qui, è solo un dato di fatto, parliamo di voto circa 7 quasi costante, il 6/6 e mezzo o 6+ o l’appena sufficiente non basta se si vogliono raggiungere obiettivi più alti e rimanere sempre nell’élite senza essere una meteora di breve durata per quanto riguarda la squadra.
    Pellegrini può stare benissimo ed essere utile anche ad esempio in una grande-grandissima squadra ma in tal caso sarebbe una seconda linea di livello e non un titolare fisso o titolarissimo ovviamente, a meno che un giorno riesca a trovare una maggiore continuità ed un aumento di precisione delle giocate, senza diventare necessariamente un fuoriclasse ma in tal caso si che potremmo parlare di un grande giocatore.
    Questo ci tenevo a dirlo, a far capire che non ho mai attaccato Pellegrini a parte in quelle occasioni in cui abbiamo preso gol per palloni da lui persi, diciamo 3 volte, a parte per il rigore del possibile 4-4 contro la Juve, ma per il resto l’ho sempre giudicato positivamente comunque ed il non esaltarlo a campione, a top player, ecc….., appunto non significa attaccarlo, giudicarlo negativamente, i giudizi negativi o fortemente negativi riguardano casomai altri giocatori che sono scarzacani nel vero senso della parola.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome