Viaggio nella crisi di Abraham: ecco i tormenti di Tammy

53
800

AS ROMA NEWS – Tammy Abraham è in crisi, scrive l’edizione odierna de La Repubblica (A. Di Carlo). Due gol in sette gare lo hanno fatto precipitare in un momento di difficoltà. A nulla sono servite le due reti con Juventus e Empoli per fargli tornare il sorriso: con l’Atalanta il disagio è diventato fin troppo palese.

All’intervallo della sfida con l’Atalanta Belotti e Matic avevano provato a scuoterlo, nel tunnel che porta al campo. Poi, nel momento della sostituzione, l’inglese si è sentito così mortificato dalla sua prestazione da chiedere scusa al pubblico presente per gli errori sotto porta. Arrivato negli spogliatoi, ha fotografato gli scarpini buttati a terra e scritto su Instagram: “Chiedo scusa a tutti per il risultato. Tornerò più forte“. Story poco dopo cancellata.

Gli errori ci sono stati, ma i numeri non sono così drammatici, anzi identici allo scorso anno nelle prime sette giornate. Fu una partenza diesel la sua, al primo anno in Italia, mentre il finale fu di altissimo livello, con gol pesantissimi e soprattutto decisivi. Tra l’altro, i numeri attuali non sono così lontani da quelli fatti registrare dagli altri grandi bomber del campionato (Vlahovic a quota 4 o Lautaro a quota 3).

E allora contro quali demoni sta combattendo il numero 9 giallorosso? Il precampionato non ha aiutato, perché un attaccante ha sempre bisogno di sentire immutato il feeling con la porta. E invece in estate nemmeno un gol per l’inglese, con qualche frizione (poi felicemente risolta) con la compagna Leah a complicare il tutto.

C’è il pensiero poi del Mondiale in Qatar, che non vuole assolutamente perdere. Non fortunata la coincidenza della visita in Italia del ct inglese Southgate, in occasione di Udinese-Roma, tra le più brutte prestazioni con la maglia giallorossa.

Infine, il fattore concorrenza: l’arrivo di Belotti gli sta togliendo minutaggio, ma una società del profilo della Roma non poteva pianificare un’altra stagione con un solo attaccante di peso.

Equilibri da trovare, in campo, nello spogliatoio e fuori. Non ha chiuso occhio dopo la sfida con l’Atalanta, ora proverà a ritrovarsi con la maglia della nazionale inglese. Che l’aria di casa lo aiuti: God save Tammy.

Fonte: La Repubblica

Articolo precedenteKarsdorp, intervento al menisco riuscito: stop di 5-6 settimane (COMUNICATO AS ROMA)
Articolo successivoSolbakken dentro, Shomurodov fuori: la Roma a gennaio ritocca l’attacco

53 Commenti

    • Per me ha accusato, il colpo di teatro e presentazione di Dybala… Io mi sarei aspettato da lui 7 gol (uno a partita) primo posto in classifica cannonieri…. 💛♥️🐺🐺🐺🏆

    • Vi ricordate Montella quando non segnava più perchè se stava a lancià co la moje? Poi na vorta risolto tutto ha rinunciato a segnare? Eppure l’anno prima si parlava di Montella dello scudetto…

    • al di là dei gol, si vede che fisicamente non è più straripante come l’anno scorso.
      speriamo torni in forma velocemente

  1. ha giocato tutte le partite completamente isolato. con l’atalanta finalmente ha giocato in una squadra normale, e ha pure chiesto scusa. se non era per lui 0-2 e tutti a nanna- Mou gli deve fare un monumento, altro che critiche

    • Il problema non è il gol che non arriva, succede a tutti i grandi bomber, è che proprio non si può guardare. Sbaglia gli stop, inciampa sul pallone, sbaglia gol incredibili. Neanche l’anno scorso mi impressionava ma segnando quasi 30 goals in una stagione qualsiasi errore tecnico gli veniva perdonato.

    • de gustibus… io me lo tengo stretto. ma su “sbaglia gol incredibili” non sono d’accordo per nulla. forse non ricordi chi avevamo prima, e cosa e come era in grado di sbagliare.

    • Sbinf, hai ragione se confronto con un certo passato, ma in questo momento giudichiamo lui senza raffronti.

    • Il “certo passato”… terzo migliore marcatore di tutti i tempi con migliore realizzazione di Totti e Pruzzo. E vabbè…

    • Buongiorno.
      Concordo in pieno con romano. Tammy, purtroppo, è scoordinato anche quando corre.
      Dopo lo scorso anno (il primo e il più duro per l’ambientamento) quest’anno da lui mi sarei aspettato un’altra partenza, mi spiego meglio, sbagliare gol nel modo in cui lo ha fatto e non solo con l’Atalanta, mi fa un bel pò incazz…

    • @Luca66: ma infatti grazie anche a Edin per quello che ci ha dato, a parte le mezze stagioni di mugugni. e si, però in quanto a gol mangiati, mai secondo a nessuno. se in rete è pieno di video dal titolo “Edin Ceco” (non li ho fatti certo io)… Abraham invece a 23 anni ha fatto la stagione da miglior eseordiente nella Roma, più di Omar Gabriel Batistuta nella piena maturità, di Rudy, più di Vincenzino (Pruzzo giocava troppe meno partite a stagione per fare un paragone, anche se ha segnato pure più di Pruzzo), più de tutti. a 24 ani, gli si può concedere una pausa? in un anno in cui deve fare il lottatore e non il centravanti…

    • Fammi capire bene:0-1 o 0-2 cosa cambiava?
      Li avesse fatti i gol,allora si che sarebbe stato diverso!
      Ma questo quando mai…

    • va bhe, se zaniolo gioca a testa a bassa , sbatte sui difensori pur di non passare una palla, sbagli gol a profusione, tutto bene. se li sbaglia Abrham apriti cielo.

  2. Io credo che lui dia il max in campo ma è trp fragile trp emotivo e poco ” cattivo” per essere un top player e un goleador.
    Lo dicevo lo scorso anno , la Roma ha bisogno di un bomber di razza perché crea tante occasioni , con 80 milioni tra costo e ingaggio si poteva trovare di meglio , anche a molto molto meno ( vedi Giroud , Milik ecc ) . Spero di sbagliarmi ma senza uno che la butta dentro in tutti i modi avremo difficoltà quando mancherà Dybala .

  3. Non è al massimo ma…
    1 gol contro la juve .Pareggio a Torino. 1_ 1
    1 gol contro contro l’ Empoli vittoria 2 -1
    Altri precedenti ” campioni ” c minuscola si distinguono ancora oggi per gol inutili.
    PS
    non riesco agli aggiornare gol e assist in campionato di altri campioni ( sempre c minuscola ).
    Sicuramente sbaglio io.
    Sicuramente farebbero comodo anche i rigori

    • Vorrei sottolinearla questa cosa perché quelle sono due delle rarissime volte che abbiamo messo una palla dentro dal fondo…l’altra è Zaniolo per il gol sotto misura di Belotti contro i Finlandesi…

      Per il resto la Roma ha la tendenza a puntare la porta direttamente con i trequartisti o comunque con imbucate centrali e questo rende la vita complicata al centravanti…

      P.s. L’altra sera nell’azione della trattenuta su Zaniolo c’era Abraham solo, abbandonato, sul dischetto del rigore…alza gli occhi ragazzo, alza gli occhi, sei un calciatore non un cavallo…

  4. è vero che vlahovic ha fatto 4 Gol e lui due.. che comunque è il doppio e in 7 partite non è poco.
    c’è da dire che avevamo ha avuto anche molte più occasioni dello juventino

  5. Ma per favore.. questo è forte e basta! Non sarà un cecchino alla Icardi ma è uno che pressa sgomita fa assist è altruista e difende pure. Eppoi sembra tenere alla Roma. I gol li farà eccome. Forza Roma.

  6. Deve credere di più nelle sue capacità. Certo deve megliorare, ma lo scorso anno ha dimostrato di saperci fare. Non può essersi dimenticato di giocare al calcio ed a segnare in pochi mesi…..

  7. Non c’è nessun caso… Nonostante la Roma è quella con più assenze… Se non era per l’arbitro e il buco di [email protected]@o dell’ atalanta la partita finiva 5-1 per noi… E la concorrenza è giusta e ci vuole. Giornalai sciacalli!

  8. Io credo in Habram, nel calcio, lo sappiamo tutti, spesso la s/fortuna fa la differenza. Basta colpire con lo scarpino mezzo centimetro più in là e fai il gol del secolo o una rete mancata.
    Quante volte abbiamo visto partite nelle quali una squadra subisce, poi un episodio qualsiasi (generalmente una bella azione in attacco) e la stessa squadra cambia completamente l’assetto in campo. Così Habram, qualche partita un po’ sotto tono (ci può stare), e qualche sfortunata conclusione e una persona molto sensibile come lui puo’ entrare in crisi. Il giocatore c’è , la voglia c’è, l’attaccamento alla maglia idem, io gli darei ancora credito perchè se lo merita.

  9. Se hai tutti questi tormenti ,mettiti seduto in panca perchè cosi fai solo male alla roma….poi credo che il vero giocatore sia questo,lo scorso anno solo una parentesi.

  10. Tammy sembra essere un ragazzo di cuore, sensibile. Non dubito che si sia sentito addosso tutto il peso della sconfitta di domenica per due gol che un centravanti di rango non dovrebbe mai sbagliare.
    Si faccia insegnare da Rui Patricio come si fa a mettersi tutto rapidamente dietro le spalle e a ricominciare come se niente fosse.
    Molto più grave sarebbe se invece patisse la concorrenza di Belotti, perché si tratterebbe di un brutto segnale di debolezza e non di sensibilità.
    Quello che è certo è che gli attaccanti devono segnare, e quelli della Roma, tranne Dybala (che pure un paio di gol per lui abbastanza semplici se li è mangiati), lo stanno facendo davvero poco.
    Mi attendo un salto di qualità da parte di tutti, anche e soprattutto da Zaniolo, che deve essere più cattivo e decisivo sotto porta. Ha tutto per andare in doppia cifra, botta da fuori, sensibilità di piede davanti al portiere. Può fare tutto e deve cominciare a farlo al più presto, altrimenti sarà difficile pretendere davanti ad un bottino misero.
    Pellegrini, Abraham e Zaniolo: sono questi che devono alzare il livello delle loro prestazioni.
    Il solo Dybala non può bastare.

    • Li “Fab four”, che l’amimaccia sua e de chi s’è inventata sta cassata. Da quanno circola sta pootthanata nun segnamo manco co le mani e l’infortuni ce stanno a massacrà…

    • Vale’, io c ho “paura” che più che la “concorrenza” del gallo (se eventualmente fosse questa la problematica) lo spaventi quella con Dybala… nel senso che ora tutte le attenzioni e le “coccole” son per l argentino e PROBABILMENTE l inglese ne soffre…🙈

  11. A Tammyyyyyyy er velenooooo sotto porta caxxooooooo, de puntaaaaaaaaa buttala dentroooooooooooooo!!!!!!! Domenica sembravi Egidio Calloni ecchecaxxoooooooo!!!!!

    • Ah ah…lo “sciagurato Egidio”, come no. Comunque non avevi bisogno di andare fino a Milano.
      Avevi a disposizione tanto ben di Dio anche qui, tra Petrini, Sperotto, Musiello…

    • Aggiungo all’elenco di UB40 Pedro Manfredini,sì “Piedone”.
      Un attaccante croce e delizia dei primi anni 60,che passava da prestazioni strepitose a suon di triplette (una all’Alassio) a giornate-no ,in cui tutti noi di quella generazione gli abbiamo visto lisciare il pallone a mezzo metro dalla porta spalancata.
      Mai nella mia lunga carriera romanista ho conosciuto un attaccante passare dagli altari alla polvere in modo così clamoroso.Ho personalmente visto un allenatore ,Luis Carniglia, alzarsi in piedi dalla panchina dopo che Pedro si era pappato un gol fatto e cominciare ad inveire contro di lui sbracciandosi platealmente di fronte a tutto lo stadio.
      Con questo voglio concludere che spesso può capitare agli attaccanti come Abraham d’incappare in un periodo di malasorte,ma per questo non bisogna abbattersi.caso mai,il consiglio che gli darei a tammy è di non sprecare tante inutili energie in ricorse e pressing sui difensori perchè così facendo perde di lucidità nei momenti topici sotto porta.
      Talvolta la generosità va a scapito dell’efficacia sotto porta. Montella,ad esempio,non correva appresso a un difensore neanche sotto tortura e ,guarda un pò,Montella era il massimo della furbizia per un attaccante.

    • Allora mi sa che nella stessa categoria possiamo metterci anche Dzeko, Zeno’.
      Pure lui capace di mangiarsi l’impossibile sulla linea di porta e poi segnare gol di una bellezza stratosferica.
      Qui intendevo solo le pippe conclamate senza speranza, alle quali possiamo aggiungere anche qualcuno più moderno, tipo Bartelt o Fabio Junior.
      Per quanto riguarda Tammy, temo che quel lavoro gli sia richiesto espressamente da Mourinho, per cui non può esimersi dal farlo.
      Non per niente lo stesso tecnico ha affermato che un centravanti che non lavora per la squadra lo accetta solo se gli garantisce dai 30 gol in su.

    • Condivido in pieno
      “il consiglio che gli darei a tammy è di non sprecare tante inutili energie in ricorse e pressing sui difensori perchè così facendo perde di lucidità nei momenti topici sotto porta.”

      Contro l’Atalanta ha fermato il tiro di Muriel davanti alla porta
      A me sembra che con Belotti la squadra stia piu’ alta e sia cosi piu’ pericolosa
      Per il resto Abraham nel suo complesso e’ un ottimo attaccante che puo’ crescere ancora

  12. È solo un inizio di campionato negativo. Che Abraham non sia Van Basten lo sanno pure i nanetti da giardino. Quando Tammy ricomincerà a segnare i suoi de-trattori (🦉ufi della lanzie) torneranno in silenzio sui loro trespoli. Gli altri criticoni diranno che è fortissimo. Così è la vita (calcistica e non).

  13. Secondo me segna poco perche’ quando arriva sotto porta non ci arriva lucido , spende troppe energie correndo per il campo facendo il lavoro che gli chiede il mister.

  14. Nelle classiche oscillazioni umorali del nostro tifo, che soffre di mestruo, quando le cose vanno male o non bene, si cercano le punizioni corporali, le ghigliottine pubbliche, qualcuno da legare al palo! Leggendo i commenti direi la pubblica fucilazione in piazza. Poi se tutto va bene diventano tutti avengers, tutti con necessità di avere una statua da qualche parte della città. Stiamo vicino ai nostri giocatori e non giochiamo all’automassacro. Con l’atalanta la roma ha giocato bene, poi se non segni non vinci! Ma cavolo, il calcio è pure questo, eppure con la jella dovremmo ormai esserci abituati. Io vedo una ottima squadra, ondivaga come il suo tifo.

  15. Mi viene da ridere. O forse da piangere. Ricordo le stesse critiche feroci l’anno scorso… com’è finita poi? Ah si, ricordo. Siete stati costretti al silenzio dai fatti.

    ‘Abraham è una pippa’ in fondo sono gli stessi che ‘Ibañez manco in C’, casualmente convocato poi dalla selezione Brasiliana.

    Parliamone a fine anno, con i numeri in mano.

  16. resto della mia convinzione che il chelsea non te l’avrebbe mai dato a 45, più la recompra a 80, se non fosse stato all’altezza di un lukaku o di un haaland.
    il primo gol mancato contro l’atalanta ci deve far riflettere sull’istinto del gol che non ha del top giocatore, doveva dribblare il portiere fermo e invece ha preferito il tocco di prima…..
    mah! nutro forti dubbi sulle sue capacità e se il chelsea se lo riprenderà ce lo porto io a Londra infiocchettato….. c’è di molto meglio in giro, non fossilizziamoci e non accontentiamoci sempre delle mediocrità

  17. Chi vive in villoni con piscina inclusa, prendendo sei milioni l’anno e si allena in un resort a cinque stelle come quello di Trigoria, mi piacerebbe capire da quali demoni è perseguitato 😃

  18. vlahovic 4 gol, di cui 2 su punizione e quella contro la Roma se la tira altre 100 volte non entra mai. E non segna più da 3 partite.
    Ma su di lui nessuno dice un c4zzo

  19. intanto Abrham a novembre gioca il mondiale, Zaniolo nemmeno convocato per le amichevoli.
    un motivo ci sarà o no ?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome