Viviani erede di Pirlo in azzurro, ma fuori in B

0
462

viviani

AS ROMA NEWS (GASPORT, F. VELLUZZI) – A sentir parlare di nuovo Pirlo gli viene da ridere. Federico Viviani, però, sulla «maledetta » fa forse meglio del più illustre collega: due gol in B col Pescara e la perla di giovedì sera con l’Under 21 contro l’Irlanda del Nord: «Solo che Pirlo è lontano anni luce. Io mi alleno. Lavoro tanto sui calci piazzati (piazza la palla come fosse un rugbista), uso le sagome alte perché è più difficile».

A Pescara raccontano che su 10 che calcia in allenamento 8 le mette dentro. Il problema è che a Pescara Viviani non gioca più. Il tecnico Pasquale Marino gli preferisce Gaston Brugman, pure lui ‘92, uruguaiano (scuderia Raiola). Il tecnico spiega: «C’è un altro nel ruolo di Viviani che in questo momento sta facendo bene. Nessuna preclusione». Viviani tira dritto: «Mi impegno al massimo per mettere in difficoltà l’allenatore». Partire a gennaio? «Per ora non ci penso». Intanto i prossimi avversari azzurri, i serbi (si gioca martedì, partenza domani) ieri hanno pareggiato 22 in casa col Belgio che ha agguantato la gara al 94’. Il risultato che va meglio all’Italia.

Articolo precedenteMaicon col turbo, Scolari apprezza: «Grazie Roma»
Articolo successivoON AIR – GALOPERIA: “Ancora oggi firmerei per il terzo posto”, TRANI: “Preoccupato per Benatia”, FOCOLARI: “Destro non è al livello della Nazionale”, VALDISERRI: “No a Kuzmanovic, meglio Pereira”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome