Zaniolo un anno dopo: il giallo dello scambio fa arrabbiare Zhang

16
3961

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Un anno fa, dopo la partita, percorse i primi 10 chilometri di autostrada per tornare a casa piangendo di rabbia per la panchina iniziale. Ci aveva pensato tutta una settimana: aveva lavorato come un pazzo per preparare quell’Inter-Roma a San Siro, con in testa l’idea di un gol. Una partita che avrebbe potuto giocare a maglie invertite, Nicolò Zaniolo, anni 20, stella della Roma che per un anno intero s’era immaginato di diventare grande nell’Inter.

Lì era arrivato dopo qualche mese da protagonista in Serie B con l’Entella: erano in tanti a volerlo, compresa la Juventus per cui simpatizzava da bambino. L’Inter la spuntò mettendo sul piatto promesse allettanti, un’integrazione crescente con la prima squadra fino al debutto in Serie A.

Le cose però andarono diversamente. Pochi giorni dopo la firma fu escluso dalla tournée della squadra in Cina: gli preferirono l’honduregno Rigoberto Rivas (oggi alla Reggina in C) e soprattutto il belga Xian Emmers, stesso ruolo di Nicolò. Per tutta la stagione negli allenamenti della prima squadra veniva aggregato Emmers (oggi tornato in patria, al Beveren), mentre Zaniolo strabiliava in Primavera con 14 gol in 29 partite da trequartista.

Macinando la delusione di non ricevere mai la chiamata tra i grandi. A fine stagione, venne il momento delle scelte: quella di andare via la prese il ragazzo figlio di un ex attaccante, Igor, con trascorsi in Serie B e C. L’Inter non si oppose anche a causa di una relazione psicoattitudinale che sollevava dubbi sull’integrabilità di Zaniolo nel calcio professionistico. “Questioni caratteriali”, si dice in casi così, dovute forse ad attitudini che qualcuno valutò ancora infantili.

La storia ha dato palesemente torto all’anonimo che la compilò. Ma quel documento convinse l’Inter a inserirlo in estate nella lista dei giovani da sacrificare sull’altare delle plusvalenze facili. Zaniolo poteva finire al Genoa, ma il presidente Preziosi gli preferì il portiere Radu. Poi Ricky Massara – oggi ds del Milan e all’epoca assistente del ds spagnolo Monchi alla Roma – pensò a Nicolò: la chiave giusta per sbloccare l’affare Nainggolan, trasferito in nerazzurro in cambio di Zaniolo, 24 milioni e Santon.

A conti fatti, un danno patrimoniale enorme per l’Inter, e il rimpianto tecnico di aver perso un campione: a ogni gol di Zaniolo, aumenta il nervosismo di Steven Zhang, che sull’argomento qualcosa da dire ai suoi l’ha avuta. E forse anche il rammarico di Antonio Conte, che con lui avrebbe completato un centrocampo ideale e tutto azzurro, con Barella e Sensi.

Ora se lo gode la Roma, che studia già un piano per non doverlo sacrificare in estate, quando rischia di aver nuovamente bisogno di cessioni per chiudere il bilancio. Intanto, Nicolò ha ripreso a preparare la partita a cui tiene tanto: l’ultimo weekend l’ha trascorso a casa dai genitori per rilassarsi, approfittando della giornata di squalifica provvidenziale (e un po’ cercata) da scontare. Ora è pronto a tornare a completare il tridente alle spalle di Dzeko. Per dimenticare quelle lacrime.

(La Repubblica, M. Pinci)

16 Commenti

  1. a Milano sbattono la capoccia la muro per aver perso Zaniolo.
    a Roma fanno finta di rimpiangere Nainggolann “udo di doi”
    a Napoli si rammaricano per essersi ritrovati con Manolas al posto di Albiol.

    “gli italiani si lamentano perché stanno bene”
    (cit.)

    • Beh io Zaniolo lo apprezzo , Naingolan lo rimpiango e in ultimo quella citazione te la potevi pure risparmiare , perché gli italiani stavano bene ma adesso stiamo nella m….a !!! Per farti solo un “piccolo” esempio, non so se lo sai ma tutta o quasi l’eccellenza italiana non è più nelle nostre mani e stiamo volando verso il baratro

    • Hai ragione. Il problema è Manolas, non un centrocampo che non fa filtro, se non il povero zelinski – visto che fino a qualche partita fa (non so se è rientrato) mancava Allan.

      Contro la Roma, da metà campo in su, c’erano Ruiz-Zelinsk-Callejon-Mertens-Insigne-Milik. Di questi, chi difende? Lascia perdere il pallone, step.

      La domanda è una: meglio avere Manolas tuo, o Smalling per un anno? Perché Smalling non è stato comprato, ma è solo il prestito secco e non credo che la roma abbia la forza economica per trattenerlo.

  2. Ma certo, è chiaro che in estate la Roma lo cederà al Mila, che a differenza nostra è pieno di soldi, no? Anzi, sembra che l’UEFA abbia intenzione di modificare il nome al FPF chiamandolo “Il Fair Play Finanziario vale solo per la Roma, tana libera tutti”.

  3. Si ma ciavete rotto er cxxx .. Zanolo è della Roma PUNTO.
    Gli Indaristi si facessero una lavanda gastrica prima de andarsene direttamente afffanxxx.
    INTEL MELDA!!!

    • Ma no dai caro Kawa, è evidente che Zaniolo l’ha scoperto e voluto fortemente Super Magic Monchi che lo conosceva e seguiva fin da quando gli è caduto il primo dentino da latte. Ar maggico de Sevilla non la si fa, se li sogna la notte. Pensa una notte d’estate si è svegliato di colpo con un sussulto e un’ispirazione (tra le tante): Gonalons, Gonalons e il giorno dopo ha chiuso l’affarone (a Lione tra procuratore e presidente ancora ridono).

    • Mah, a giudicare dalla stagione del Milan, non si direbbe. Se fosse in carica da noi, sarebbe stato giudicato peggio di Monchi, “bbono finché c’era Sabbatini”. A proposito, Preziosi farebbe bene ad assumere l’andaluso: entrambi preferivano Radu a Zaniolo. Solo che il presidente genoano non aveva Massara, De Rossi, Di Francesco, Bruno Conti, Totti, Balzaretti, e quindi ha insistito…

  4. Un Plauso al buon Massara per averlo ” strappato ” ai profondi conoscitori di calcio dell’Inter. …

    Ma un ELOGIO , lo concedo al “pescarese” per aver creduto in questo ragazzo buttandolo nella mischia in una partita “anonima ” -Real madrid Roma!

    il tanto bistrattato pescarese, uscito di scena in punta di piedi !

    io non dimentico !

    se ne facessero na ragione in quel della pinetina , perché posso comprendere le “follie” caratteriali di un ventenne messo ai margini , ma di un 30enne fatico ad assimilarle !
    Buona Roma a tutti …..

  5. Zaniolo è stato un anno all’Inter. Si parla da mesi come fosse stato una bandiera, neanche l’Inter italiana fosse importante quanto l’Inter brasiliana e l’Inter di Miami. Ha già passato più tempo alla Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome