Zebina: “La Roma mi ha lasciato emozioni che la Juve non ha fatto. Zaniolo? La piazza giallorossa è capace di farti perdere la testa”

30
1934

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Jonathan Zebina ha rilasciato un’intervista al portale Gazzetta.it. L’ex difensore di Roma e Juventus ha parlato del suo passato nelle squadre, degli allenatori attuali e della partita di stasera, toccando anche l’argomento Zaniolo. Queste le sue parole:

“E’ il solito Mourinho e non c’è niente di nuovo: piace o non piace, non c’è una via di mezzo con lui. Dalla parte di Dybala ci sono delle motivazioni che ti fanno capire che la Juventus ha avuto torto a mandarlo via. Sono un grande fan di Dybala perché ha molta umiltà. Dybala questa sera ha solo la pressione di fare una buona partita e dimostrare tutto quello che è stato. Ha trovato il suo equilibrio.

Zaniolo? E’ stato brutale quanto successo a lui, è il problema di una piazza come Roma, sono capaci di farti sentire un Dio ma allo stesso tempo sono capaci di farti perdere la testa. E’ successo anche a me, io però ho avuto anche persone che si sono scusate nei miei confronti.

C’era un gruppo di grandi Campioni, e il livello di attesa era stratosferico, avendo vinto la Lazio l’anno precedente lo scenario era molto teso. Non mi sento di ringraziare nessuno perché mi sono sentito solo in molte situazioni, ma è stato un periodo meraviglioso, la Roma mi ha lasciato emozioni che la Juve non mi ha lasciato.

Vincere uno Scudetto alla Juve è normale, vincerlo alla Roma è diverso. Il grande rammarico è non averne vinti due. Potevamo facilmente farlo. Chi vince stasera? Direi Roma, la Juve non la vedo per la corsa per il quarto posto, finire dietro la Lazio sarebbe un problema e diventerebbe doppio perché la Roma ha speso molti soldi in più”.

Fonte: Gazzetta.it

Articolo precedenteBoniek: “Stasera partita da 1 a 1. Dybala giocatore di qualità, ma non è un trascinatore”
Articolo successivoROMA-JUVENTUS: 1-0 (53′ Mancini). Vittoria importantissima, giallorossi di nuovo al quarto posto

30 Commenti

    • ““Sono andato a Torino perché è più bella di Roma “…..ste parole nun se le scordamo a ‘nfamone

  1. Penso che Zebina insieme ad Antonio Carlos “Zago” e Samuel sia stata la retroguardia piu’ eccellente che la Roma abbia nai avuto, al solo pensiero che uno come Aldair ha spesso preso posto in panchina deve far capire quanto questi tre baluardi siano stati importanti, va anche ricordato comunque che Aldair in quella stagione non e’ mai stato al TOP della condizione psicofisica.

    La cos piu’ buffa ma allo stesso tempo piu’ esilarente che ricordo di Zebina e’ lo sganassonne alla Bud Spencer che diede a Recoba che continuava a parlare e fare lo scemo stramzazzando al suolo tipo Mescal non dimentica ahahahahah, praticamente una scena da film degna di uno spaghetti western alla Sergio Leone.

    • Aldair aveva 36 anni, un’età che ai tempi equivaleva forse ai 40 odierni.
      Zebina era una pippa pericolosa: un giocatore stupido e limitato tatticamente, oltre che un idiota che assunse sempre atteggiamenti del menga con la tifoseria e se ne andò a torino da infame.
      La realtà è che con quel Samuel e davanti quel centrocampo potevi vincere lo scudetto anche con roba come lui, mangone, rinaldi, petruzzi e forse pure io e te.

    • zebina era negato per il calcio scarso di testa e di piede… forse hai ricordi offuscati

    • Ma secondo Voi che ne capite piu’ di Capello come mai non avete fatto carriera.

      Zebina certamente non era ferte tecnicamente ma era un marcatore eccellente oltreche’ veloce e fisicamente impressionante, non a caso poi fu anche titolare alla juve dove vinse sempre con Capello.

      Pensa che scemo Capello che da allenatore ha vinto ovunque e faceva gica’ pure Zebina titolare.

  2. Ma difatti ha ragione il secondo scudetto sarebbe stato più facile del primo.
    Ma poi lì sono iniziati i personalismi io so più bello, io so più biondo, io so più punta, io faccio più gol.
    Capello lo disse a Sensi che bisognava fare per vincere subito un altro scudetto e la Champions league, chi bisognava vendere e chi bisognava comprare, Sensi non se l’è sentita, c’è pure da capirlo ed è andata come andata.

  3. @ tu, Emerson e tanti altri “compagnucci”, non ci avete pensato due volte ad andare dagli strisciati.
    Ora parlate della Roma.
    MERCENARI!

    FORZA ROMA SEMPRE!

  4. Scappato con Emerson e Capello. Tutti gli ex nostri e della Juve hanno migliori ricordi qui. Eppure hanno vinto lì. Penso a Boniek, a Benatia, a Vucinic, lo stesso Zebina. Ciò dimostra che qui vengono trattati troppo bene. Per quello si adagiano…

    • Boniek ha fatto il percorso inverso
      Ha scelto la Roma al rinnovo con juve
      Non lo contendere con gli altri

    • e no caro Chico, questo significa che nemmeno con i grandi giocatori si vince più di tanto se non ci metti i Lotito presidenti, i Moggi direttori sportivi e non paghi bene gli arbitri. Quella squadra, se si fosse chiamata juve o Milan e avesse avuto dietro la Fiat di Agnelli o la Mediaset di Berlusconi, avrebbe vinto scudetti e champions per 5/10 anni

  5. Capello, Zebina, Emerson e Tancredi scappate di notte come i ladri e le migno**e.

    Questi soggetti evitassero di parlare della Roma!

    • Ti rispondo citando un altro striscione della sud in quella partita Roma Juve : Torino città solare? Zebina a te l Epo te fa male. Bei tempi…. Saluti Sandri’

    • Perché uno deve viaggiare di giorno? Ancora co ste stronxate. Se ne sono andati perché erano professionisti e sono andato a guadagnare di più in una squadra più forte con un progetto migliore. I fatti gli hanno dato ragione purtroppo.
      Resta il fatto che sono stati artefici di uno scudetto che chissà quando rivedremo con sti chiari di luna. Uno come emerson ce lo sognamo per l’eternità.
      Vediamo quando scapperà mou che ti ricorderai… la conference.

    • giannis nella sostanza hai ragione però proprio per questo potevano dire ‘vado a Torino perché sono un professionista e voglio guadagnare di più ‘ e invece scappano come vigliacchi da ignoranti quali sono.

  6. Me danno l’urto, ste m€rde bianconere. Quarche anno fa, quell’infame de Emerson s’è presentò a Trigoria. Er problema è che lo fecero pure entrà. C’hanno n’qulo ar posto daa faccia…

  7. Ognuno è libero di scegliere, ma poi dovrebbe rendersi conto che le scelte fatte portano il conto, parlare come se si fosse idoli indimenticati dopo che si è passati al “male assoluto juve” da la misura degli uomini che siete.

  8. però sei scappato lo stesso da quella là. Oddio a posteriori pure meglio per noi, perché non mi ricordo proprio un signor difensore anzi

  9. te ne sei andato a torino, una città solare, con tanto verde e a misura d’uomo.
    il tifoso romanista non dimentica, anche se sono passati 20 anni

  10. un giocatore alla Ibanez, buoni mezzi atletici,ma amnesie e nefandezze incredibili,solo che Ibanez crede nella Roma,e tu sei scappato da vigliacco!!!

  11. Ibanez tecnicamente se lo magna a sto scarparo. Ha avuto la fortuna di giocare sempre ( con poche eccezioni) nel suo ruolo naturale. Cosa che oggi ci siamo purtroppo dimenticati: trequartisti registi, mezz’ ali trequartisti, centrali terzini e terzini centrali, destri sinistri , sinistri destri, piedi invertiti ecc. ecc. Non riusciamo più da anni a costruire una squadra completa in ogni suo ruolo e con due giocatori per ognuno di esso. Frs

  12. L’unico ricordo memorabile che ha lasciato Zebina è l’incidente stradale che fece una notte all’EUR, quando alla guida della Ferrari di Candela centro’ una serie di cassonetti della monnezza come se fossero birilli. 👈

  13. Ah infame! Io me lo ricordo quando andasti a Controcampo ( sì il programma) e dicesti “alla Roma ho perso 4 anni di nazionale”
    Pippa sia calcisticamente che umanamente, indegno.

  14. Io me lo ricordo per l’assist ad Owen in Roma – Liverpool di EL all’Olimpico che ci è costato caro.
    Scarparo e traditore. Te saluta Mancini a te e tutti i gobbi rubbentini.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome