A Verona riecco Dybala e Pellegrini. E le fasce cambiano

54
2609

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Una Roma più di qualità, e se vogliamo anche più offensiva, quella che scenderà in campo sabato prossimo a Verona contro l’Hellas per la seconda giornata di campionto.

Dopo il passo falso interno contro la Salernitana, ora i giallorossi mirano ai tre punti sul non semplice campo dei veneti, vittoriosi all’esordio contro l’Empoli. Mourinho ritrova due calciatori fondamentali: Paulo Dybala e Lorenzo Pellegrini tornano a disposizione dopo il turno di squalifica, e partiranno titolari.

La Joya farà coppia con Belotti, unico centravanti su cui potrà contare l’allenatore portoghese visto che dal mercato non sono in arrivo rinforzi. Il capitano giallorosso invece dovrebbe togliere il posto a Bove e non ad Aouar, che è apparso tra i migliori contro la Salernitana.

Difficile che Renato Sanches possa giocare titolare, il portoghese comincerà di nuovo dalla panchina. Conferma in vista anche per Cristante, anche se Paredes ha fatto vedere di essere pronto all’uso. Occhio alle fasce: sia Karsdorp che Zalewski insidiano pesantemente Kristensen e Spinazzola, apparsi sotto tono all’esordio in campionato. Confermata in blocco invece la difesa.

Giallorossi.net – A. Fiorini

Articolo precedenteRoma tra Zapata e Lukaku
Articolo successivo“ON AIR!” – CIARDI: “Lukaku? Le parti interessate non smentiscono”, PRUZZO: “Lasciamolo stare, non è roba per la Roma”, NARDO: “Pinto trova sempre ostacoli, è preoccupante”, TRANI: “Con Morata sistemerebbe tutto”

54 Commenti

  1. Belotti, Dybala, Pellegrini, Aouar e Zalewski in campo contemporaneamente mi sembra un po’ un azzardo, anche se giochiamo contro una squadra di basso valore

    • Hai ragione.
      Già lo scorso anno con Dybala e Pellegrini contemporaneamente in campo soffrivamo in fase di recupero palla .. ora con Pellegrini, Dybala e Aouar resta sulle spalle di Cristante la maggior parte della attività difensiva (anche se Aouar ha dimostrato una buona capacità).
      Non è bastato vedere domenica la fatica di Cristante ad inseguire gli inserimenti di Candreva..
      Speriamo che Paredes e Sanchez entrino presto in forma in modo da far riposare il capitano o Auoar

  2. A centrocampo siamo decisamente abbondanti come non lo eravamo da tanto.
    Pellegrini, Cristante, Aouar, Paredes, Sanches, Bove. Ricambi di altro livello, Cristante compreso (!)
    Se si guarda in avanti, anche su è coperti, Belotti, Dybala, El Shaarawy, Solbakken (?).
    A guardare bene manca solo un difensore dopo che è partito Ibanez.
    Io di Spina mi fido, non lo fischio allo stadio. Come non fischio nessuno che indossa la mia maglia.
    E devo dire che i nomi sono di valore ovunque anche senza spendere un euro.
    Manca un attaccante di spessore. Difficile in prestito.

    • Speriamo, poi con Dybala possiamo solo che fare meglio. Daje Paulo, non vedo l ora che torna a giocare

  3. Se Pellegrini non esplode adesso sarebbe un grosso fardello tenuto conto che a ora non è richiesto da nessuna squadra e che il suo ingaggio è fuori da ogni logica economica e non.

    • Pellegrini è questo, non parliamo di un 20enne, non possiamo aspettarci che esploda ma dobbiamo accettare che è un giocatore con pregi ma soprattutto limiti. L’errore è stato dargli un peso che non è in grado di sopportare, cioè pensare che possa mettersi la Roma sulle spalle, Lorenzo non è Totti.

    • Ogni capitano ha una sua storia, un suo tipo di rapporto speciale coi tifosi e un suo modo di vivere il ruolo pesante che ha della fascia da capitano.

      Non possiamo pretendere che debba comportarsi e fare come Totti che si porta la squadra sulle spalle diventando il trascinatore assoluto capace di risolverti le partite da solo perché indossa la fascia da capitano, e chiunque lo fa non ha ancora capito nulla di Pellegrini come non ha capito nulla nemmeno degli altri capitani della Roma.

      Pellegrini è più un giocatore “di squadra” piuttosto che “da singolo” come Dybala e in fatto di leadership ha già dimostrato per larghi tratti, in quanto leader silenzioso (ma non troppo), di potere urlare quando serve, di potere consolare quando serve e quant’altro.. senza dovere per forza decidere le partite da solo come fece Totti.

      Non è un KDB ma non è nemmeno uno scappato di casa e i numeri parlano per lui (47 gol e 51 assist in 257 presenze con la Roma che non sono tantissimi ma neanche pochi che però hanno una loro importanza).

      Molto sicuramente in alcuni momenti ha questa tendenza nel sedersi sugli allori ma mistificate la realtà quando lo definite scarso e sopravvalutato e poco attaccato ai colori della Roma perché i numeri e i fatti concreti parlano per lui e tanta gente senza ammetterlo dà troppo retta a certi gibboni col microfono in mano come Corsi che trasmettono dogmi stupidi a certi abbocconi che poi vanno in giro a ripetere a pappagallo quello che un Corsi dice.

      Poi vi lamentate dello stipendio che prende quando in Inghilterra 6,5 milioni sono la normalità, e ci sono pure giocatori ancora più mediocri che prendono il doppio di quello che prende Pellegrini!

      Sosteniamolo e non denigriamolo pensando di essere migliori di loro seduti dal divano di casa. Come scrissero nello striscione esposto in Roma-Udinese dell’anno scorso “Nel bene e nel male, il capitano rimane tale”.

    • Divertente il raffronto con la Premier per giustificare uno stipendio “oversize” (anche se non è il solo).

      I raffronti vanno fatti mantenendo gli stessi standard, lo capirebbe anche un bambino delle elementari, mi correggo, della materna.

      Altrimenti dovremmo ammettere che se Ibanez è andato a prendere 9 milioni all’ombra della Mecca Pellegrini ne merita almeno 15!

  4. Eh beh, una rivoluzione! Quelli so i giocatori e alla voce punta centrale c’hai un solo nome, Belotti.
    Co quel nome ce devi fà campionato e coppe, poi ce meravigliamo che non arrivano i risultati.
    Andrà fini come ar solito che pescheremo dalla Primavera per l’ennesimo campionato de speranze invece che de ambizioni grazie all’ottimo lavoro sul mercato in entrata.

  5. Sulle fasce metterei Zale ed El Shaarawy, meglio degli altri. Inoltre farei giocare anche un pò Svilar, che comunque è giovane mentre Rui va verso i 40 e non le può fare tutte le partite (ne ha 35)

    • Ci può stare la prima parte del commento, ma pensare già al turnover del portiere dopo UNA partita me pare eccessivo.
      Siamo obbiettivi, li conosciamo i punti deboli di Rui, ma i 2 gol della scorsa giornata erano solo all’1% colpa sua, avrebbe dovuto sfornare dei veri miracoli per salvarli. La responsabilità è al 99% della difesa.

    • In realtà i gol di Candreva erano tutti belli. Al primo pareva Messi e l’azione era fatta benissimo (l’unica della partita, poi pulmino davanti alla porta) mentre il secondo se ci riprova a farlo altre 40 volte la butta fuori allo stadio.

    • evidentemente voi due ce capite più de Mourinho, strano che a lui diano 7 mln l’anno e a voi una ceppa.

    • ddr16, se non si può parlare e discutere, allora in questo forum cosa si fa ?
      Cerca di riposare la notte che al mattino non mi sembri fresco, e tranquillo papà Mou resta con te.

  6. Sulle fasce ci starebbe anche ElSha, che renderebbe di piu rispetto che da seconda punta. Dall altra parte farei giocare Zale. Io penserei anche a far mettere minuti nelle gambe a Svilar, che e piu giovane di Rui Patricio e puo farlo riposare ogni tanto

  7. A centrocampo, nel gioco delle coppie, la situazione per me è questa:
    Paredes/Cristante
    Sanches/Bove
    Pellegrini/Aouar

    Aouar mi sembra il più eclettico e, pertanto, lo vedo bene anche come possibile alternativa a Dybala.
    Faticanti non lo darei via.

    • Con tutta questa abbondanza a centrocampo, calcolando anche Pagano e altri in arrivo dalla Primavera fresca della supercoppa: Faticanti non giocherebbe mai. Meglio mandarlo a giocare mantenendone un controllo e, sicuramente, almeno una percentuale sulla vendita successiva.

    • Ciao Peppe, per quelle che sono le alernative tattiche e tecniche personalmente la vedo cosi
      3 – 1 – 4 – 2
      svilar
      mancini smalling lloorente
      paredes
      karsdorp sanches aouar el shaarawi
      dybala belotti

      4 – 3 – 3
      svilar
      celik llorente smalling spinazzola
      pellegrini sanches aouar
      solbakken belotti dybala

      4 – 2 – 3 – 1
      svilar
      celik llorente smalling spinazzola
      paredes cristante
      sanches dybala aouar
      belotti

      4 – 4 – 2
      svilar
      kristensen llorente smalling spinazzola
      pellegrini sanches aouar zalewsky
      dybala belotti

    • Ciao Peppe, come vedi ho proposto 4 schemi tattici con gli attuali effettivi in rosa laciando fuori Rui Patricio che oramai al sottoscritto fa venire l’orticaria quando lo vedo in formazione e Ndika ma solo perche’ giustamente e’ quello che conosce meno le idee di calcio di Mourinho e Bove che ha davanti a se tre calciatori che per il momento gli sono superiori, Cristante, Sanches. Paredes, questo almeno e’ per il momento, poi anche Bove avra’ modo di crescere vicino a questi tre.
      Ne avrei potuti fare altre di ipotesi anche con Rui. Ndika e Bove o come da te descritte i giochi delle coppie o come anche l’amico TT ha sottolineato le scarse possibilita’ che potranno avere i piu’ giovani.

      Ma le provocazioni non sono contemplate da molti di noi Romanisti, nessuno ha raccolto l’idea che la tua provocazione poteva animare in base a valutazioni tecnicotattiche in base alle caratteristiche dei calciatori in rosa.

      Anche chi fino a ieri criticava Belotti oggi e’ sparito e aspetta la prossima gara che non segni per dirci che Belotti e’ na pippa…. per poi esclamare l’avevo detto eeee….

      Non ci sta bene un xazzo, quidi e’ inutile parlare di calcio su questo blog, e’ come dare perle ai porci.

      Non mi ricordo chi ma c’e’ un’amico che alla fine dei suoi messaggi si firma con un W la figa.

      Bene allora e’ meglio che salviamo questo pianeta e’ l’unico che c’e’ la figa🤣🤣🤣

      Mi auguro che almeno su questo qualcuno sia d’accordo.

  8. Aouar e Pellegrini insieme in partite dal tasso agonistico elevato fanno un centrocampo troppo leggero in mancanza di un mediano estremamente dinamico, caratteristica che manca sia a Cristante che a Paredes.

    A rigore di logica le coppie sono Paredes/Cristante, Sanches/Bove, Aouar/Pellegrini.
    Se poi l’esigenza è quella di garantire a qualcuno una maglia a tutti i costi a dispetto delle caratteristiche allora mi arrendo.

    • Aouar e Pellegrini sono due registi offensivi che hanno anche tecnica e buone capacità di inserimento offensivo così come anche Pagano. Cristante fa da due stagioni bene il ruolo di mediano di rottura e Paredes è un regista classico alla Pjanic o alla Pizarro che finalmente ce lo siamo ritrovato. I due centrocampisti dinamici che abbiamo sono Sanches e Bove e loro fanno quel lavoro del centrocampista box to box dinamico. Il centrocampo è ricco e bene assortito quest’anno come non è mai successo da tempo e questo può anche dare benefici a un’attacco che l’anno scorso faceva faticare a fare gol perché tanti elementi mancavano.. bisognerebbe al limite prendere un giocatore in più in difesa da fare numero e anche un attaccante, la squadra poi è completa. Poi i discorsi dei terzini e del portiere si faranno a gennaio o all’estate prossima.

  9. Bravo Romano le mie critiche su Pellegrini sono direttamente connesse allo stipendio eccessivo che percepisce fuori da ogni logica sportiva . Perché dare 5 milioni a Pellegrini x quel poco fatto non ha una logica . Se percepisse 2 milioni allora io direi ok ci sta ma 5 e’ stipendio da top player quasi ….

    • Er Palletta, se non si può parlare e discutere, allora in questo forum cosa si fa ?
      Cerca di riposare la notte che al mattino non mi sembri fresco, e tranquillo papà Mou resta con te.

  10. Comunque alla fine la domanda resta, ma dopo la vendita di Ibanez la Roma non poteva spendere quei 21 milioni per prendere Morata al top della condizione? Si diceva no perche’ ha 31 anni e poi non lo rivendi piu, vabbe che ormai il parametro e’ solo il profitto purtroppo, pero’ che andiamo a prendere Zapata a 10 milioni con 32 anni sulle spalle, acciaccato e ultima stagione da dimenticare, che inoltre chiede un triennale, mi pare veramente peggio sotto ogni aspetto.

  11. Pellegrini purtroppo quando era al Sassuolo voleva andare al Milan perché lo pagavano bene, noi per prenderlo abbiamo dovuto pareggiare quell’offerta e oggi ci ritroviamo con i vari rinnovi a salire con un giocatore effettivamente strapagato per il suo valore in campo, l’allenatore comunque lo stima, di sicuro ne sa più di me. Comunque più gioca gente con i piedi buoni e meglio è.

  12. certo difesa confermata in blocco. ha fatto un figurone.
    è stiamo messi di nuovo male. con mancini che sbardella. avete visto l’azione del primo gol della salernitana? triplo grave errore.
    mancini si butta in un anticipo assurdo.

    parte candreva ma, cristante nemmeno ci pensa a fermarlo e smalling si fa ingannare come un ragazzino della Primavera.
    al secondo gol, difesa in libera uscita e cristante col vado non vado…

    sono molto preoccupato.

    • Io sono preoccupato piuttosto dall’evidenza che in qualche modo occorra garantire tre maglie a tre giocatori: Mancini, Cristante e Pellegrini.

      Riguardo il terzo la squalifica ha evitato il problema che si riproporrà però già da Verona.
      Mancini e Cristante ti inchiodano nello schema a cinque che consente a Cristante anche l’opzione di essere schierato tra i centrali, come abbiamo già visto domenica, quando tutti si attendevano che uscisse lui per fare spazio a Paredes.

      Il vicecapitano Mancini è l’unico (e al limite Kumbulla) tra i centrali inadatto ad essere schierato a quattro, malgrado i tentativi di strenua difesa di alcuni corifei che ci buttano dentro tutto il pacchetto per giustificare ad oltranza la difesa a tre.

      L’ipervalutazione contrattuale garantita a questi senatori, e il loro peso specifico nello spogliatoio, accettato evidentemente anche da Mourinho, ti costringono a schierarli sempre e comunque ed a rimanere ingessati ad un modulo nel quale mancano degli interpreti fondamentali, cioè esterni di qualità e quantità.

  13. Su kristensen giudizi troppo affrettati, ok l abbiamo visto timido ma ha fatto errori grossolani nonostante i pochi palloni ricevuti? Non mi pare

  14. Rui;

    Kristensen, Mancini, Smalling, Spinazzola;

    Renato, Paredes, Aouar;

    Pellegrini;

    Dybala, Belotti.

    ma non la vedrò.

    ❤️🧡💛

  15. Bravo a Erpatata….A questo punto vediamo cosa accadrà da qui al 31….Piena fiducia nella dirigenza
    Sempre Forza Roma

  16. Senza più Matic e Ibanez la “fase” difensiva risulta indebolita. Per me la Roma non potrà più permettersi di reggere tutto il peso di una partita sulla difesa, come faceva l’anno scorso. Il solo Cristante a metà campo nel recupero palla non basta.

    • aspetterei i difensori un po’ piu’ in forma .. soprattutto N’Dika ..
      troppo presto per dare giudizi ..

  17. Al massimo potrebbe fare 4 2 3 1 che Mou ha utilizzato in carriera ( Rui Zale Mancini Smalling Spinazzola Cristante Paredes Aouar Dybala El Sha Belotti). Come riserve per la trequarti Sanches e Pellegrini

  18. ma e’ scritto nelle tavole che pellegrini deve giocare? niente di personale ma e’ un riserva e neanche top ..non si puo metterlo in concorenzaa con aouar paredes o sanches .. sono di un altro livello , x non parlare di dibala

  19. Unodepassaggio sei un grande. Non accetti che uno possa criticare per il bene verso questa squadra un giocatore che a detta di molti è quantomeno sopravalutato. Ribadisco se prendesse 2 milioni l’anno e si alternasse tra campo e panchina va benissimo ma titolare inamovibile per me ce ne passa. Lo abbiamo visto a Budapest lo spessore caratteriale di questo giocatore (e ci aggiungo anche Spina che ormai è finito)…

  20. Ineccepibile la maglia ed il rientro di Pellegrini utile per dare senso e spessore al gioco di Mourinho , un vero capitano allenatore e leader e guerriero in campo, ma Dybala deve ancora fare molto per avere il posto assicurato………

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome