Abraham riparte dalla panchina: cinque mesi per riprendersi la Roma

56
2120

AS ROMA NEWS – Meno quattro alla tanto attesa ripartenza del campionato. La Roma ricomincia dal Bologna e da un Olimpico al solito sold-out e pronto a riabbracciare la squadra con tutta la sua passione.

Josè Mourinho sembra intenzionato a modificare qualcosa, ma per assistere a un cambio di modulo bisognerà aspettare ancora qualche settimana, quando l’identità della “nuova” Roma sarà più chiara. Il rientro di Wijnaldum, l’aggiunta di Solbakken e i possibili cambiamenti portati dal mercato di gennaio potrebbero rendere diversa la rosa a disposizione di Mou.

Nel breve periodo però lo Special One sembra intenzionato a proseguire sulla strada del più collaudato 3-4-2-1, che sarà reso però più brillante dal rientro di Paulo Dybala e dal recupero di Pellegrini. La Roma avrà dunque più qualità in avanti, e questo dovrebbe permettere alla squadra di essere offensivamente più incisiva.

Il grande punto interrogativo di questa ripartenza è Tammy Abraham. L’inglese non sembra più essere un punto fermo di Mourinho: nei test amichevoli di questa lunga pausa il tecnico portoghese ha deciso spesso e volentieri di tenerlo in panchina nonostante in rosa non avesse a disposizione Belotti, suo sostituto naturale.

Zaniolo, ma anche lo stesso Dybala, sono pronti ad occupare il ruolo di falso nove alla ripresa del campionato, mandando l’inglese in panchina. Con il rientro della Joya infatti i posti in attacco cominciano a scarseggiare: nel 3-4-2-1, c’è spazio solo per tre lì davanti. E considerando l’argentino e Pellegrini come intoccabili, ci sarebbe posto solo per uno tra Abraham e Zaniolo. Sempre che Mou non decida di riportare il capitano a centrocampo.

Al momento Abraham parte più indietro di tutti. Le ultime prestazioni non hanno di certo incantato, e anche nelle amichevoli di queste settimane l’inglese è sembrato sotto tono. Qualche timido segnale di ripresa c’è stato in queste ultimissime uscite, ma se sarà bastato a salvargli il posto lo scopriremo a ridosso delle 16:30 del prossimo 4 gennaio.

Le voci di mercato riguardanti l’inglese già impazzano: il Manchester United, affermano oltremanica, sarebbe pronto a farsi avanti per riportarlo subito in Premier. Spifferi che, al momento, lasciano il tempo che trovano. Abraham non si muoverà da Trigoria almeno fino a giugno. Non è il momento di pensare al calciomercato, a parlare ora deve essere solo il calcio giocato.

Ci sono altri cinque mesi di fuoco a disposizione dell’inglese per trasformare i fischi delle ultime apparizioni in applausi scrocianti. Tammy ha intenzione di invertire il senso di marcia di questa stagione, e ha tutte le qualità per farlo. Parola al campo. 

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

 

Articolo precedenteFrattesi-Roma, arriva lo stop dei Friedkin
Articolo successivo“ON AIR!” – PUGLIESE: “Frattesi vuole solo la Roma”, MAGNI: “Problema per il Sassuolo che si riproporrà sempre”, MATTIOLI: “A Mou serve un regista, non lui”, FERRETTI: “Una telenovela? No, una rottura di…”

56 Commenti

    • aspe’ aspé ce sta anche da capí na cosa:
      moglie in dolce attesa, Cia la capoccia da n’antra parte (giustamente), quindi lo biasimo? il vero Abraham lo abbiamo visto l’anno scorso secondo me. e anche pruzzo si é mangiato i peggio gol. era un capocannoniere, vedeva la porta, ma vedeva la porta prrché ce stava gente come bruno conti che sapeva fare i cross e je la metteva in testa, e gente come Ancelotti che sapeva come passare a palla e metterlo a tu per tu contro Er portiere. quest’anno ad Abraham quante volte é successo? boh 5 volte tipo?

    • Esatto Vale.
      Cè stava Conti, Ancelotti, Vierchowod ed il grande Capitano Ago.
      E per questo che sentire parlare di intoccabili riferito a Mancini in difesa, Cristante a centrocampo e Pellegrini a trequarti suona ridicolo.
      Speriamo che Mourinho e la società se ne accorgano presto in questo 2023.
      Buon anno a tutti!!!

    • dove sta josé mo me vorresti di ke pruzzo nn se é MAI magnato un go a porta vota, un rigore in movimento, non ha mai tirato na mozzarella a tu per tu cor portiere? regà é statistica se ogni 3 passaggi un attaccante ne mette uno dentro é una punta forte. ma il lavoro della punta é segnà oppure fa salí a squadra proteggendo Er pallone ke je arriva sulla 3/4 si una ripartenza. porco due Abraham insieme a Belotti fanno i centrocampisti xké la palla nn je arriva, a colpa é de Abraham eccerto

    • Facedo paragoni anche alla lontana tra Abraham e Pruzzo,si fa soltanto il male di Abraham.
      Pruzzo ha vinto 3 classifiche dei cannonieri e segnato 5 gol in una sola partita di campionato;pertanto sta nell’Olimpo dei cannonieri giallorossi .
      Speriamo che anche Abraham sappia farsi valere ,anche se in misura minore,sarbbe già tanto.
      Io sul conto di Abraham sono fiducioso nel suo pronto riscatto a partire da Gennaio.
      Non lo ritengo affatto una pippa;è un attaccante particolare,che va servito con cross tagliati dalle ali. Lanciato invece palla al piede in profondità ,sconta il suo scarso controllo di palla.
      Per intenderci non è un Belotti,palla di piombo al piede della Roma.

    • vale

      la moglie incinta ce l’hanno in tanti, prende 5 milioni netti l’anno per avere la capoccia da un’altra parte ?

      era un eufemismo il tuo giusto ?

      ❤️🧡💛

    • wow Pruzzo.
      certamente molti gol con i cross di
      Zaniolo ( si 1 fatto col Tottenham grande partita aspettiamo luglio/ agosto )
      Zalewski ? El Shaarawy ?
      ah no .. i famosi cross di Spinazzola forse ..oppure quelli di Karsdorp.
      Per non parlare degli assist di Pellegrini ,
      A Pruzzo levagli B Conti e dagli Zaniolo
      ( tiro alto sulla traversa )
      Bah
      un giorno forse finirà l’ amore cieco e capirete le pippe

    • @ Vale

      “anche pruzzo si é mangiato i peggio gol”

      Ma anche no.
      Avra’ sbagliato gol come tutti nella vita, ma era una SENTENZA, specie nei momenti topici.
      Di sicuro non ha MAI fatto passaggi a vuoto di 3-4 mesi da desaparecido come Abraham.
      Pruzzo era un centravanti dominante, cattivo, difficile da marcare, ed e’ durato anni e anni ad altissimi livelli. Segnava sempre, nelle amichevoli e nelle finali. 3 volte capocannoniere e secondo me, tra i centravanti piu’ forti del mondo all’epoca (che era un’epoca d’oro per quanto riguarda quel ruolo la)
      Aveva un carattere cosi, brontolava, testone, probabilmente non era facile da averci a che fare e una delle cose che gli ha limitato la carriera e’ che stava antipatico a Bearzot.
      Doveva andare lui a mondiali del ’82, Bearzot porto’ Rossi. Fini come fini’ e non se ne discusse piu’. Ma Bearzot purtroppo si fisso’ a non convocarlo, cocciuto anche lui come pochi, anche nel 1986, stagione in cui Pruzzo fu SENZA DUBBIO il centravanti piu’ forte d’Europa (cinquina in campionato all’Avellino memorabile). Andammo a fare una figura barbina in Messico con gente come Galderisi.

      Stavolta ha ragione Zenone al 100%: spero che Abraham si riprenda in fretta (la storia della compagna incinta secondo me non c’entra un tubo…), ma i paragoni con Pruzzo lasciamoli stare che gli fanno solo male, molto male.

    • aspé zenone non ho fatto nessun paragone. é ovvio che non si può paragonare Abraham a pruzzo, sopattutto per la storia che ha fatto a Roma pruzzo in confronto ad Abraham che sta a Roma da n’anno e mezzo quindi ha tutto da dimostrare. il punto qui é un altro. se ad Abraham gli arrivano sotto porta 2 palloni a partita, se je dice bene, é normale che non segna.

    • Rudy quindi fammi capire se la donna tua é incinta e deve Anna fa visite per qualsiasi problematica che può avere la gravidanza, non può avere il diritto di avere la capoccia da n’antra parte? per quanto me riguarda poi pià tutti i sordi che te pare ma se c’è sta a problematica i sordi de certo nn te la fanno sparí

    • inglo é propio quello ke volevo dire. infatti poi mette l’attaccante che te pare pure un tiro un go. ma se nn je arrivano i palloni sotto porta Nun po’ segnà

    • allo stadio x fortuna ci sono i riflettori che illuminano il terreno di gioco quindi nn vedo la necessità di un ulteriore lampione….alle condizioni attuali meglio che vada a fare il palo in qualche campo della premier..

    • pruzzo segnava perchè c’era anche (e soprattutto!) uno come Paulo Roberto Falcao…. non lo nomina mai nessuno, chissà perchè?…. dava equilibrio alla squadra, anche senza palla, l’architetto del gioco della Roma nella prima metà degli anni 80. Per Liedholm era l’allenatore in campo, l’uomo della svolta della storia giallorossa. L’uomo più importante della Storia della Roma, per me anche più di Totti.

    • @CUCS 2015

      Con Falcao con me sfondi una porta aperta: un calciatore che ho adorato a livelli da religione pagana, tra i piu’ intelligenti che abbiano mai calcato un campo di calcio.

      Pero’ bisogna anche render giustizia a Pruzzo, che ha segnato prima che arrivasse Falcao e dopo che se ne e’ andato (vedi appunto la stagione d’oro 85-86).

  1. Se i due nuovi innesti, Solbakken e Wina, ingranano ci divertiremo un bel pò. Personalmente credo nei recuperi di Tammy e del Gallo, quindi sono fiducioso per il 2023.
    Forza Roma!

    • sinceramente con un centrocampo formato da Falcao Prohaska (Cerezo) Conti ( giustamente citato) e Ancelotti con Di Bartoli che spesso e volentieri saliva da dietro per impostare quello che ha dato meno palloni al bomber é proprio Ancelotti…

    • Bravo DL bisogna essere fiduciosi.
      Io lo sono per una serie di motivi:
      – nonostante 15 giornate di gioco involuto siamo a 3 punti dalla CL
      – in panchina non abbiamo l’ultimo arrivato
      – gli attaccanti hanno fatto così male che possono solo migliorare
      – rientra Dybala, recuperiamo Gini e innestiamo il norvegese

    • oltre Solbakken ti dimentichi i 3 “nuovi” innesti … Dybala Wjinaldum e Tahirovic , oltre il nuovo terzino destro che sicuramente arriverà.

  2. Dybala non sarebbe così “falso nueve” come si vorrebbe far credere, perché quel ruolo l’ha già ricoperto in passato. Certo, sarebbe un “nove” per caratteristiche parecchio diverso da Abraham e dalla tipologia di centravanti che Mourinho schiera solitamente.
    Sicuramente non ci si potrebbe attendere da lui che vada a caccia di palle vaganti e a fare a sportellate contro i difensori avversari. Dovresti giocare rigorosamente palla a terra con scambi brevi.
    A me non dispiacerebbe affatto in teoria, con Zaniolo e Pellegrini dietro di lui, pronti a sfruttare spazi e intuizioni creati da Paulo. Facile tornare indietro con la memoria ai tempi in cui i vari Perrotta, Mancini e Vucinic davano spettacolo attorno a Francesco Totti.
    Molto meno mi affascinerebbe l’ipotesi Zaniolo, lui sì “nueve” molto “falso” e mai proposto nel ruolo prima d’ora. Che ha già dimostrato in più occasioni di non saper giocare spalle alla porta.
    Io comunque credo che vedremo in campo ancora Abraham, almeno dall’inizio, con lo stesso modulo di inizio stagione e Pellegrini in mediana accanto a Cristante. My two cents…

  3. Come mai un giocatore che l’anno scorso ha segnato 18 reti in serie A sinora ha perforato la rete avversaria solo 3 volte?
    Sarebbe riduttivo ricondurre il fatto alle sue qualità tecniche di base non eccelse, perché una delle caratteristiche del giocatore inglese è sempre stata proprio il fiuto per il goal.
    Per comprendere il problema ci vengono in soccorso le statistiche degli altri giocatori offensivi della squadra.
    Dybala 5 reti
    Volpato 1 rete
    Elsha 1 rete
    Pellegrini 1 rete
    Zaniolo 1 rete
    Belotti 0 reti
    Shomurodov 0 reti
    A parte l’argentino, quelle degli altri sono statistiche da difensori considerando che si sono già giocate 15 partite.

    La differenza tra l’anno scorso e l’attuale sta nel fatto che quest’anno abbiamo un Sergio Oliveira e soprattutto un Mkhitaryan in meno in mezzo al campo. La perdita dell’armeno, non compensata da un Wijnaldum mai arruolabile è stata fatale per lo sviluppo delle nostre trame offensive. Mkhitaryan era il vero motore della squadra.
    Ma questo lo si sapeva già l’anno scorso visto che con lui in campo la squadra faceva quasi 2 punti a partita mentre senza ne faceva solo 1 e pertanto Pinto dovrebbe interrogarsi se ha fatto proprio tutto il possibile per trattenerlo o se invece ha commesso qualche errore di valutazione.

    Fatte queste doverose premesse per il sottoscritto la Roma deve mettere ora un Mkhitaryan o un Sergio Oliveira in mezzo al campo. Se lo facesse ne beneficerebbe il gioco di tutta la squadra e potremo finalmente assistere a trame di gioco e ad attaccanti che timbrano il cartellino. Difficile però che il mercato possa portare una tale iniezione di qualità.

    Più semplice, in attesa del possibile recupero completo di Gini e mantenendo la difesa a 3, portare Pellegrini in mediana, lasciando Dybala e Zaniolo dietro Abraham, nello schema cosiddetto “Fab Four”. Alternativamente e preferibilmente passare ad una difesa a 4, con un centrocampo dove Matic regista avrebbe ai lati le mezzali Pellegrini e Camara (o Frattesi) ed in attacco il trio Zaniolo-Abraham-Dybala.

    • Un attacco a tre senza supporto dell’esterno a tutta fascia mette in croce Dybala.

      Dybala deve giocare negli ultimi 20-15 metri senza compiti difensivi o atletici, gli unici ruoli sostenibili sono seconda punta o mezzapunta con libertà di svariare oppure al limite come prima punta/falso nuove.

      Nel 3-4-2-1 puoi inserirlo tra i 2 dietro la punta perché ha il supporto del terzino/esterno sulla fascia, nel 3-5-2 puó giocare seconda punta, nel 4-2-3-1 può giocare dietro la punta a patto che i due esterni abbiano corsa e sacrificio, nel 4-3-3 l’unico ruolo in cui può giocare è punta/falso nueve.
      Pensare di mettere un Dybala a presidiare una fascia del campo è un pensiero infantile e dannoso se messo in atto, sia a livello atletico-difensivo perché non ha la propensione alla copertura di determinati spazi, sia a livello offensivo, in quanto perderebbe enormemente luciditá e qualità.

    • @@@ papa
      Grazie e Buon Anno!

      @@@ Simone
      Anche un 4:2:3.1 sarebbe ben accetto, ma francamente sarei curioso di vedere la mia Roma con una linea a 3 a centrocampo come ai tempi di DDR, Strootman, Pjanic: sono un po’ stufo dei 2 mediani.
      Detto questo non ho scritto che Dybala deve presidiare la fascia: questa è una tua libera interpretazione.
      Dybala deve essere lasciato libero di vagare per il campo e per il fronte d’attacco senza compiti particolari.
      Perché non esiste solo il 4:3:3 con le ali e il centravanti, ma anche il 4:3:1:2 o il 4:3:2:1 e in tal caso le fasce le possono presidiare a turno i due terzini.

    • Concordo con Simone sul fatto che Dybala l’esterno non può e non deve farlo.
      L’argentino è una prima o seconda punta oppure trequartista. Non può garantire il necessario lavoro di copertura richiesto all’esterno.
      In un 433 dovrebbe fare il centravanti e in 4231 occupare la posizione centrale tra i tre oppure sempre il nove. Non per nulla, quando alla Juve è arrivato CR7 che gli ha tolto lo spazio vitale,
      il suo rendimento è scemato sempre di più.

    • Abraham essendo una punta classica dal fisico importante si sa che non è un dribblatore come Dybala. L’anno scorso Abraham segnava tanto anche grazie a Mkhitaryan, Oliveira e Pellegrini (nelle giornate migliori) che almeno sapevano costruire l’azione offensiva e due che potevano costruire l’azione offensiva bene (Dybala e Wijnaldum) erano infortunati e anche con Pellegrini che giocava da settembre con un problema al flessore hanno portato come conseguenza questo Abraham che sembra segnare poco rispetto all’anno scorso. Io continuo a credere sempre che la vera Roma (e il vero Abraham) la vedremo solo quando sarà tutta al completo, quindi con anche Dybala e Gini a disposizione.

    • @ Vegemite:

      Il 4-3-3 con un’ala che non è un’ala vuol dire sacrificare almeno una mezz’ala è un terzino, senza necessariamente riuscire a risolvere l’eventuale problema … fare infatti il terzino a 4 e coprire tutta la fascia fino in fondo per sopperire la mancanza del lavoro offensivo e difensivo di un’ala con qualità è pura utopia, vuol dire mollare inevitabilmente qualcosa a livello difensivo e perdere lucidità e spinta in fase in di possesso. A Roma è più di un decennio che allenatori e dirigenti esteti del calcio provano a impostare squadre con questa filosofia … Bene la singola partita specchietto per allodole, tipo il Roma-Milan/Roma-Fiorentina di Zeman, il mitico Roma-Bologna di Luis Enrique, il Fiorentina-Roma di Fonseca , ma la sostenibilità sulla serie di partite è stata sempre pessima.
      Per quanto riguarda il centrocampo, la migliore versione che abbiamo avuto è stata De Rossi-Strootman-Nainggolan.
      Se quella grandissima squadra allenata da Spalletti , invece di schierare il solito integralissimo 4-2-3-1 con Salah sprecato a fare la fascia lontano dalla porta se le fosse giocate con un 3-5-2 con finalmente Florenzi nel suo ruolo (esterno 3-5-2 … non terzino) De Rossi-Strootman-Nainggolan e Dzeko Salah attaccanti vicino alla porta … Almeno un trofeo sono sicuro l’avremmo portato a casa … Di Francesco purtroppo non lo conto … La sua carriera ha finora dimostrato che non aveva le capacità per stare stabilmente a quei livelli.

  4. Dajeeee Tammy 💛❤️ 💪🐺🔥 Credo in te … nun po girà sempre storto.

  5. Buon Anno a tutti si belli e ai meno belli. Riferito al Titolo più che riprendersi la Roma se deve ripja lui. Saluti.

  6. TAMMY pure offrissero a gennaio 50 milioni non parte. Non fosse altro perché la ROMA non ha certo intenzione di pagare le tasse risparmiate col decreto crescita.
    Comunque, una sua doppietta a BOLOGNA, e incominciamo col piede giusto l’anno nuovo…

    • non tanto per le tasse ma adesso la Roma non ha un sostituto sottomano.
      e il Man UTD non vuole spendere tanto hanno gia speso oltre 200M

    • Questo lo decide chi allena , e se dice che se ne avesse avuti 4 li avrebbe messi tutti in campo , singnifica che Lollo nostro è intoccabilissimo.

  7. Concordo con tutto l’ articolo compreso il link tra Abraham e Manc Utd.
    I reds stanno alla canna del gas e hanno speso troppo, ora di vedere il budget e non penso affonderanno su Abraham.
    Invece non leggo del New Castle che ho avuto confeme da La Fuente la Fuente, che mi dicono sono molto interessati a Zaniolo e che potrebbero muoversi col cash addirittura a Gennaio.

    A centrocampo da monitorare Johnny che è comunitario e Pinto ha gia avviato i contatti, anche se Frattesi resta l obiettivo primario da ormai sempre!

  8. non scomodiamo Pruzzo….io cho ancora i brividi…quello viveva per il goal fuori dai 16 metri girovagava per il campo ca cicca in bocca ma quando la palla arrivava ai 16 metri erano guai seri.E un 9 di altri tempi quante corse verso la Sud……che tempi…..grande bomber!!!!!

  9. La Roma vista nelle prime 15 partite non puo’ essere la vera Roma .. e poi .. troppi pali e traverse .. e troppi infortuni .. chiedo una tregua al Cielo, alle Costellazioni e ai Pianeti .. abbiamo diritto anche noi di vincere e gioire ..

  10. aglia aglia caro fiorini, quando non si pubblica un messaggio di critica si ha carriera breve. Per quel poco che conta posso anche non scrivere più sul forum. Non vi perdete certo niente, però……

    • chi ?? 😄 ma siete davvero convinti che lo SpecialOne lo mette in panchina ?
      siate seri.

  11. In attesa di Gini, comincerei col centrocampo a tre: Camara, Pellegrini e Matic! Avanti Dibala dietro Zaniolo e Tammy! Difesa a 4! Cekik, Smalling, Ibabez e Spinazzola! Poi se Camara non gli va bene, a Mou, allora sposta Mancini accanto a Pellegrini e Matic! Lui è nato centrocampista! Proviamolo in attesa di Gini!Ma Cristante proprio no!Almeno in quel ruolo che poi non è’ il suo! Lui ier rendere deve giocare subito dietro le punte!

  12. Come molti che sento, spero e confido semplicemente che Dybala e Wijnaldum facciano la differenza, vedremo se anche Tammy ne trarrà vantaggio: gli auguro un felice anno nuovo e tanti goal.

  13. Io lo giustifico in pieno,ve lo immaginate ,uno de 25 anni che guadagna 500.000 ( cinquecentomila)euro mese,ma con quale testa può giocare al calcio,je ne po frega de meno dei tifosi,della Roma e persino della nazionale e magari con una punta di masochismo gode a vede i tifosi che si incazzano quando sbaglia i gol fatti,e poi per una calla finge di disperarsi,che bella la sua vita e la prospettiva è da pensionato d’oro.

  14. Abraham, al momento, crea più problemi di quanti ne risolve. Il futuro, per me, è un mistero in quanto ha dimostrato di essere fragile mentalmente e di non essere supportato da una grande tecnica che potrebbe risolvergli i problemi mentali

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome