ABRAHAM: “Una finale è una finale, e io la voglio vincere. Segnare mercoledì sarebbe un sogno” (VIDEO)

23
907

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Tammy Abraham ha parlato in vista della finale di Conference League contro il Feyenoord, in programma mercoledì sera a Tirana ai canali ufficiali della Roma.

“Per me una finale è una finale, che sia la finale di Champions League, del Mondiale o della Conference League. Una finale è una finale. E la voglio vincere. I miei compagni la vogliono vincere, tutta Roma la vuole vincere. Per noi è importante, vogliamo prepararci al meglio mentalmente e fisicamente. È stata una stagione lunga e difficile. Dobbiamo farci trovare pronti”.

Come valuti la tua prima stagione in Italia? E quanto la vittoria in finale cambierebbe la tua valutazione?
“È stata una stagione fantastica. Una stagione e un anno incredibili. Quando sono arrivato qui il mio obiettivo era aiutare il più possibile la squadra. Volevo arrivare in finale, vincere qualche trofeo. Siamo sulla strada giusta. Siamo in finale, e già per questo abbiamo fatto la storia. Ora vogliamo finire il lavoro. Per chiudere questo cerchio perfetto”.

Quando sei arrivato i tifosi ti hanno accolto con calore e ti hanno sostenuto per tutta la stagione. Hai pensato a cosa significherebbe per i tifosi vincere questa coppa?
“I tifosi te lo fanno capire ogni giorno. Per un club così importante e con questa storia, la bacheca dovrebbe vantare molti più trofei. Con dei tifosi così, per i giocatori che hanno vestito questa maglia…Ma essere qui e avere la possibilità di giocarmi una finale con la Roma…puoi solo immaginare come si sentano i tifosi e come ci sentiamo noi giocatori. Abbiamo due finali da giocare (l’intervista è precedente a Torino-Roma, ndr) e speriamo di poter festeggiare assieme ai tifosi”.

Hai segnato nel derby…
“Ne ho segnati due nel derby”.

Hai segnato col Vitesse, col Bodo. Segnare in finale sarebbe la ciliegina sulla torta?
“Segnare in finale sarebbe un sogno. Sarebbe un sogno per me e per tutti. Soprattutto se poi vincessimo la coppa. Sogno momenti come questo da quando sono bambino. Giocare partite importanti, segnare in queste partite. Ma a me basta vincere, non importa chi segna. Voglio vincere e basta”.

Articolo precedenteCoppa Italia, la Roma Femminile perde la finalissima contro la Juve (2-1) tra mille rimpianti
Articolo successivoLazio, insulti e cori razzisti nei confronti dello steward di colore (VIDEO)

23 Commenti

  1. Il tuo sogno e’ anche il nostro.
    Con o senza gol vincete per noi, e ROMA TI FARA’ VEDERE COSA VUOL DIRE FESTEGGIARE UN TROFEO!!

    • Tammyyy…ariportace sta coppa e te promettemo che te sistemamo sotto la LUPA con Romolo e Remo, manco te immagini che diventi!!

  2. A me gli anglosassoni (di qua e di là dell’oceano) mi stanno letteralmente surka’.
    Abraham è il primo e finora unico di loro che mi sta istintivamente simpatico. Ciò a parte, è un grande attaccante. Fa reparto da solo, attacca la profondità, porta il pressing,sa battere i rigori,mette pure qualche assist.
    Insomma, tanto di cappello 🎩

    • Non c’entrano molto, ma tra i britannici salverei pure John, Paul, George e Ringo😊

    • Io parlo per me, compa’. Anche quelli che nomini te, a me stanno surka’.

  3. “…per quelli che hanno vestito la maglia prima di me…”
    Sante parole
    Un pensiero ai campioni del passato, in special modo a chi non è più (Agostino D.B.) e a quelli che hanno appena smesso (Francesco T. e Daniele D.R.) e nel mezzo tutti gli altri ❤🧡💛🧡❤

  4. Je devi da fa’ na bella doppietta a l’olandesi! Ce devi da fa’ gode come ricci, bello mio!! DAJE TAMMY DAJEEEEE 💪💛❤️

  5. Capito perché Mou lo ha voluto fortemente ? È la mentalità vincente che va inculcata dentro la testa di chi scende in campo con la maglia della Roma, solo così possiamo invertire la tendenza ed iniziare un ciclo vincente . Daje Tammy e sempre forza Roma !!!

  6. Io pure voglio vincerla.
    Però stavolta non sto così appeso alla vittoria o niente.
    Non ho nemmeno quella sensazione di ineluttabilità come nella finale di coppa dei campioni, dove sembrava tutto scritto per la nostra vittoria e per questo la delusione fu ancora più dolorosa.

    Non ho nemmeno quella sensazione di “ormai è fatta”, dopo la lunga rincorsa e il sorpasso, prima del Lecce.
    O della Sampdoria.

    Questa Roma, grazie a Mourinho credo, ha dimostrato di non essere una squadra superiore, fortissima, come quelle che cito sopra. Ma una squadra operaia, feroce, cattiva. Che può anche morire ma te la farà sudare fino all’ultimo istante.

    Sono consapevole dei limiti della squadra. So che sarà una partita difficile. Ma è una Roma meno dipendente dal “fato”. Anche se gli episodi conteranno, come sempre, è una Roma che terrà botta. Sa incassare e sa rialzarsi.

    Non siamo belli e “umorali”. Siamo brutti e duri da buttare giù.

    A me questa Roma piace.
    Comunque andrà la partita mi piacerà lo stesso.

    E Tammy è una delle anime: a Torino a fine partita, sul 3-0 continuava a correre in difesa e in pressing come se a 0 ci stessimo noi.

  7. 3 a 0, 2 nel primo tempo e uno a metà del secondo. Doppietta di Abraham e magari gol di Zalewsky. Coppa a Roma e Abraham capocannoniere…mi accontento, per quest’anno 😎 (mentalmente mi sto grattando pure io… 😅)…

  8. A parte te tammy…spacca sta porta e regalaci un sogno che si 30 anni che sto ruba stipendi ci spaccano solo le palle ed il portafoglio…invece della rete ormai dico forza tammy affinché non vedrò una Roma senza Vespasiani strapagati!!!

  9. Tammy un vero leader, la prima tripletta con la Roma, coppa vinta e capocannoniere di coppa, ecco il compito di Abraham per mercoledì sera.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome