Addio a Giacomo Losi, indimenticato capitano della Roma: aveva 88 anni

82
1248

AS ROMA NOTIZIEE’ venuto a mancare questa sera, all’età di 88 anni, lo storico capitano giallorosso Giacomo Losi.

A darne la notizia è il nipote ed ex direttore Rai, Massimo Liofredi, che a nome della famiglia ha ricordato le gesta dello zio, terzo giocatore con più presenze nella prima squadra dopo Francesco Totti e Daniele De Rossi.

”Zio Giacomo stasera è andato in cielo”, ha ricordato Massimo Liofredi. ”E’ rimasto attaccato fino all’ultimo alla maglia giallorossa, per cui aveva un amore smisurato e che continuava a seguire in ogni occasione. Per tanti anni è stato il giocatore più rappresentativo della As Roma, battuto in fotofinish dai grandi Francesco Totti e Daniele De Rossi”.

Losi lascia la moglie Luciana Renzi e il figlio Roberto e i nipoti.

Articolo precedenteLa Roma Femminile travolge la Juventus (3-1) e vola a più otto sulle bianconere
Articolo successivoSerie A: l’Inter vince la sfida scudetto con la Juventus (1-0). L’Atalanta batte la Lazio (3-1) e rafforza il quarto posto

82 Commenti

    • Un uomo non romano tutta la vita fedele alla Roma.
      Alcune volte un convertito e’ più fedele di uno che con la fede ci nasce e Giacomo Losi non ha mai dico mai non rispettato e non elevato il suo amore per Roma e per la Roma.
      Riposa in pace capitano

    • personaggio….persona e giocatore unico…e orgoglio di un calcio perduto.Ed era nostro…..

    • quello che spollicia in giù è purtroppo un laziale che dimostra la loro incredibile stupidità….ma del resto contro la stupidità umana nemmeno gli Dei possono nulla

  1. Addio “core de Roma”… Quanta gioia e orgoglio mi hai regalato da ragazzo! Indimenticabile un gol della vittoria realizzato quando eri infortunato ed all’ora non esisteva possibilità di sostituzione. Ricordo anche con amarezza la possibilità che ti venne negata quando lasciasti la carriera e non ti fecero fare la partita d’addio. Ma ora nessuno ti potrà negare la riconoscenza e l’amore di tutti noi tifosi con i capelli bianchi… Ciao Giacomino 😘

  2. Stavo leggendo la pagina del televideo dove vi è riportata la notizia del decesso di Kurt Hamrin, il televideo cambia pagina è qui vengo a conoscenza che anche GIACOMO LOSI ci ha lasciato, non ho parole per quello che sto provando di fronte a sta notizia, e come se mi avesse lasciato un familiare, una persona , oltre che un CAMPIONE, un GRANDE CAMPIONE, che si fa fatica a non volergli bene.
    ADDIO MITICO CAPITANO, ora lassù troverai altri ROMANISTI che hanno voluto bene a ROMA e alla ROMA
    Condoglianze a tutta la sua famiglia

  3. Non ho avuto il piacere di vederlo giocare dal vivo ( io iniziavo ad innamorarmi della Roma quando lui stava per “chiudere” la sua grande carriera ).
    Mi dispiace tantissimo …

    RIP Grande Capitano CORE DE ROMA !!!

  4. Grande giocatore e grandissimo uomo,sono triste ma felice di averlo conosciuto personalmente e nostro simbolo di onestà e attaccamento alla maglia.
    il nostro roma club Monte Mario è dedicato a lui ed era molto felice di questa dedica .
    Ciao grande capitano.

  5. Nel mio vocabolario LOSI eraa “parola chiave”, quando parlavo della Roma, cioè sempre!!!
    Addio ad un vero mito, perché chi nasce e muore giallorosso, NON PUÒ CHE ESSERE MITICO

    Le condoglianze sono doverose in primis alla famiglia, dopodiché, a tutti NOI 💛❤
    💔

  6. Va via il più rappresentativo dei capitani frutto di correttezza, attaccamento alla maglia e generosità sportiva. Un abbraccio grande a tutta
    La sua famiglia ❤️👏👏👏🙏

  7. Grande Giacomino Losi, venivo allo stadio a piedi da piazza Risorgimento, non avevo i soldi del bus. L’ultimo quarto d’ora aprivano i cancelli all’Olimpico , era importante per me per vedere le tue gesta e la tua grinta.Gli incitamenti della Sud guidata da Dante risuonano ancora nell’animo. Indimenticabile, ora andrai verso la luce “giallorossa” . Ti ricorderò sempre!

  8. Che grande tristezza,💔 un grande Capitano, attaccato sinceramente ai nostri colori come ce ne sono stati pochi, un calcio di altri tempi, fatto di uomini veri, non di milionari egoisti e superficiali.
    Un bel ricordo e un grande onore avergli stretto la mano una quindicina di anni orsono.
    Non lo dimenticherò mai. 🧡❤️

  9. Grande lo incontravi nel quartiere Prati potevi parlare di Calcio con lui senza problemi, parlavi dell’amore per la Roma dei bambini della scuola calcio del Valle Aurelia di cui era il responsabile per tanti anni. Al solito come dimenticare le ultime partite come capitano. Un amante di Roma e della Roma senza esserci nato non ci sono altre parole altro calcio. Per Hamrin il sostituto di Sivori alla Juve sinistro sopraffino alla Baldazi per intenderci ma come detto prima altra statura altro calcio….dopo Riva che dire i miti entrano nella gloria.

  10. Passando davanti alla Stazione di Trastevere, fino a non ricordo quando,c’era il Bar Losi,poi diventato Bar L’oasi.Che Roma ti porti via,grande ,unico Core de Roma!Una Roma in cui brillava la tua semplicità che era lo specchio di quei tempi,un piccolo grande campione per sempre nei nostri cuori…..

    • Il neon della A e dell’apostrofo era più chiaro e luminoso di quello delle altre lettere, così che ogni volta che ci passavo davanti sorridevo pensando a quell’incancellabile scritta: LOSI.
      Ora l’insegna del vecchio bar non c’è più, ma il nome resta scolpito nelle menti e nei cuori dei Romanisti.
      Giacomo Losi, Capitano e bandiera.

  11. Se tanti fuoriclasse stranieri degli anni 50 e 60 che hanno giocato nella Roma, avessero avuto il tuo ardore, il tuo attaccamento alla maglia giallorossa, la tua serietà nella vita privata, avremmo vinto 10 scudetti. Quante volte ti ho visto in trasferta al Moccagatta, all’Amsicora, all’Appiani, al Moretti di Udine, al Grezar di Trieste, dove si giocavano partite col coltello tra i denti e tu Giacomino, basso e tarchiato non tiravi mai indietro la gamba e alla fine sembravi un gigante.
    Avevi aperto un bar a viale Trastevere ma il commercio non era roba per te, troppi trucchi in quel mestiere e tu eri onesto prima con te stesso e poi con gli altri e l’hai venduto.
    Con la Roma hai vinto poco o niente e invece avresti meritato coppe internazionali e sedetti. Nel 1961 ti voleva l’Inter di Herrera, di Angelo Moratti che di li a poco avrebbe sbancato alla lotteria del calcio mondiale, ma tu dicesti di no,rimanesti alla Roma per amore, solo per amore.

  12. Non ti ho mai visto giocare dal vivo ma so che sarai per sempre una leggenda ed un mito per questa società calcistica, questa città e questi colori. Mi auguro che la squadra domani ti onori nel modo giusto, con un minuto di silenzio ed una vittoria in tua memoria. Come il titolo della poesia di Walt Whitman dedicata alla morte del presidente Abramo Lincoln recitava, tu sarai sempre: “O capitano! Mio capitano!”

  13. RIP grande capitano, mio padre, che lo ha visto giocare nella nostra Roma, lo elogiava sempre e ne parlava sempre con amore. Grazie di tutto, mi risordo anche l’estremo garbo quando partecipava a trasmissione televisive, ovviamente trasmissioni sulla Roma!

  14. R.I.P. Capitano Leggendario !!!
    Grazie per i trofei, la Coppa Italia e la Coppa delle Fiere (poi diventata Coppa UEFA ed ora EL).

  15. ” a 16 anni mi presero alla Cremonese, ma mi presero come ragazzo e debuttai lì in prima squadra. I miei compagni mi tenevano come un bambolotto, perché erano tutti più grandi di me. Ma da lì vincendo il secondo campionato di quarta serie qualcuno da Roma mi ha visto, anche se io pensavo di andare dappertutto ma non a Roma. È stata una sorpresa perché quando mi hanno chiamato mentre ero in vacanza, al telefono pubblico perché non ce l’avevamo in casa, mi hanno detto: “Ti abbiamo ceduto ad una squadra di Serie A”. Non ho neanche domandato la squadra che era tanto che ero contento . Però è stata una piacevole sorpresa perché Roma, beh era un bel viaggio per me, non c’ero mai stato a Roma ma già ci impressionava a noi ragazzi, venivamo dai tempi della guerra non è che conoscevamo qualcosa al di fuori del paese. Quando mio padre mi portò a Milano nel ’54, avevo 19 anni, per prendere il treno per Roma mi disse: “Cerca di giocare bene o devi andare a fare il magutt (manovale)”.

    Grazie Giacomo per questo meraviglioso viaggio !

  16. uno dei più grandi Capitani della nostra storia, un “Core de Roma” non Romano, nostro vanto ed orgoglio. Ciao Giacomino 💛❤

  17. Le mie più sentite condoglianze alla famiglia di questo grandissimo capitano, uomo umile e con un educazione straordinaria,
    buon viaggio ❤️

  18. Noooo… sono triste, ecco.
    Losi era la semplicità con cui si rimane attaccati all’amore della vita, un simbolo, una bandiera, il Capitano.
    Leggenda giallorossa del calcio di Roma più verace.

  19. zenone novello Salgari
    scrive di luoghi senza mai esserci stato
    mitomane fino al midollo
    insozza il ricordo di un indimenticabile
    capitano
    buon viaggio Giacomino

  20. Rip grande capitano che hai dato tutto e anche di più per la nostra maglia che hai onorato con una professionalità e un amore fuori dal comune!

  21. Addio Giacomino, core de Roma 💛❤️ Sei stato il mio primo capitano, un esempio di dedizione che andava oltre il sacrificio personale. Spero che tanti giocatori di oggi sappiano prendere esempio da te. Guardace da lassù e dacce un po’ del tuo coraggio 😘

  22. Grande Capitano!! Ricordo una sua foto con Pestrin infortunato, se lo carico’ sulle spalle e lo porto ‘ negli spogliatoi, che tempi!!! che persone!!

  23. Una persona con una storia sportiva ed umana eccezionale. Non si può non essere tristi , ma allo stesso momento grati di aver avuto un capitano come lui. Grinta testa e cuore.

    Sit tibi terra levis

    FRS

  24. Ho imparato ad amare la Roma quando lui era capitano! Era una Roma da meta classifica la sua ma sempre con l’orgoglio di essere l’unica squadra della città più bella del mondo.

  25. ILe sue gesta sono state raccontate fino adesso ! .Un Uomo con la U Maiuscola, cosa che adesso pochi giocatori hanno. Ci fossero più Losi nella Roma attuale ecco tramandate a Trigoria le gesta di questi Uomini che hanno passato la guerra e sono rimasti umili e signori negli anni .Ciao Core de Roma

  26. Senza nulla togliere ai Totti ai De Rossi e prima ancora a Di Bartolomei, per me il vero capitano
    e condottiero della nostra amata Roma sei sempre stato tu, per serietà, ardore e attaccamento
    ai nostri colori.
    Grande uomo riposa in pace.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome