Alberto De Rossi: “Farei fatica a stare senza la Roma. Ho rifiutato tre volte la prima squadra per non creare problemi a Daniele. Lui molto più romanista di me”

18
1259

ULTIME NOTZIE AS ROMA – Conclusa la sua esperienza sulla panchina della Roma Primavera, Alberto De Rossi è pronto per ricoprire il ruolo di Responsabile sviluppo e formazione allenatori squadre nazionali del club giallorosso e ha rilasciato un’intervista ai canali ufficiali della società. “Trigoria per me è come una seconda casa, non l’ho mai considerata un posto di lavoro e ho un rapporto bellissimo con tutti qui dentro. Non ho mai varcato il cancello di Trigoria malvolentieri. Ricordo perfettamente il primo giorno, i momenti precedenti all’incontro con Agnolin e le emozioni forti quando mi dissero che mi avevano preso. Fu una gioia immensa, che ricordo come se fosse adesso – ha raccontato -. Essere fedele per 29 anni allo stesso club mi sembra una cosa abbastanza semplice, per me lo è stato: oltre alla passione per il lavoro, per la professionalità, è l’attaccamento al club che fa la differenza, per questo superi tante difficoltà. Il legame tra me e la Roma, tra me e il club fa la differenza. Il legame è molto forte e questo fa passare tutto in secondo piano, anche richieste di altri club e soluzioni lavorative, anche forse più remunerative. Questo fa la differenza e mi ha portato a rimanere per tutti questi anni qui”.

“L’obiettivo principale non è il risultato, il piazzamento o vincere un trofeo, ma portare giocatori in prima squadra. Convogliamo tutte le nostre energie verso questo. C’è chi utilizza il settore giovanile per crescere come allenatore e poi iniziare la carriera negli adulti. Quello che stiamo facendo qui è far crescere i ragazzi, che è quello che vuole il club. Non c’è partita o trofeo che possa portarci fuori da questo obiettivo – ha continuato –. C’è chi riesce a farlo e chi non riesce, chi pensa alla propria carriera e chi pensa alla carriera dei ragazzi. Lo facciamo solo ed esclusivamente per la Roma. Ascoltiamo il nostro club, mi sembra semplice. Noi siamo qui per lavorare e lo facciamo con amore, ma dobbiamo dare anche una risposta professionale al nostro club”.

“Ogni volta che un ragazzo debutta in prima squadra c’è l’emozione del momento, poi la preoccupazione che faccia qualche errore e infine la gioia di sentirsi utile al club e di aver fatto qualcosa per il ragazzo. Già ci emozioniamo quando un nostro ragazzo riesce ad entrare all’Olimpico. Quando abbiamo visto la formazione iniziale della Nazionale, dove c’erano 5 nostri giocatori, siamo tornati indietro nel tempo. Sembrava la nostra Primavera, la soddisfazione è stata enorme – ha aggiunto -. Non mi definisco un secondo padre perché è una cosa abbastanza forte ed ho sempre detto di non aver mai voluto sostituirmi ai genitori, ma una guida per fare in modo che questo gioco diventi un posto di lavoro sì. Non mi piace molto la figura dell’educatore, ma quando dobbiamo farlo necessariamente interveniamo. Non mi piace imporre le cose, condivido anche gli allenamenti con i ragazzi. L’imposizione non porta a niente. Ho avuto tante dimostrazioni di affetto e di condivisioni di quello di cui parlavo quando avevo i ragazzi. Però sono cose troppe personali, non mi va di entrare nel particolare e nella loro vita”.

Un pensiero al figlio Daniele, ex capitano della Roma: “Lui bandiera sì, io mi sento un onesto lavoratore. È stato molto semplice: ognuno ha fatto il proprio lavoro, ha rispettato gli spazi dell’altro e nessuno ha parlato dell’altro perché poteva sicuramente dare adito a chiacchiere e lo abbiamo subito messo in chiaro tutti e due. Dal momento in cui Daniele è entrato qui dentro, anche quando non era un calciatore di livello, le due strade dovevamo essere parallele. In passato ho avuto la possibilità per ben tre volte di allenare la prima squadra ed è vero che ho rifiutato proprio perché Daniele faceva parte di questo gruppo. Sono sicuro ancora adesso che gli avrei creato dei problemi, non so se piccoli o grandi, ma non mi sembra neanche di aver fatto qualcosa di particolare. È un po’ banale dirlo, ma credo che un genitore debba risolvere i problemi al proprio figlio e non crearli. Sono sicuro che entrando in quello spogliatoio, anche vincendo tutte le partite, gliene potevo creare ed ecco perché ho sempre rifiutato. Tra i due è più romanista nettamente lui, per distacco: chiamarla fede da quando era piccolo mi sembra un po’ forte, ma ricordo che non riuscivamo a togliergli mai il pallone e la maglietta della Roma. Così è stato nel prosieguo della sua vita”.

“Con la nuova direzione di Vincenzo Vergine si è instaurata subito una sintonia, anche perché abbiamo vissuto le stesse esperienze e le abbiamo condivise immediatamente. Mi avvicino a questa nuova avventura con curiosità perché cambio completamente spazi, interventi e soprattutto competenze – ha spiegato -. È vero che stiamo parlando della stessa materia, ma una cosa è allenare una squadra e un’altra allenare una squadra di allenatori e tutti gli altri dello staff. Sono molto curioso, ma come al solito metterò tutto l’impegno e la professionalità. Spero che tra un paio di mesi staremo qui a parlare e a gioire di questa scelta della società”.

“Alla Roma ho dato sicuramente professionalità, passione per il mio lavoro, senso di appartenenza e ho cercato di darle anche uno stile perché molte volte si parla della Roma e anche in particolare dei romani, che siamo caciaroni e poco seri. Non è vero, ho cercato di portare sui campi questo: l’altra faccia di Roma e dei romani – ha proseguito -. Anche se in una nuova veste professionalità di alto livello, perché adesso mi dovrò approcciare con professionisti di alto livello, continuare a trasmettere questo senso di appartenenza, serietà e il raggiungimento dell’obiettivo, cioè portare i giocatori i prima squadra”.

Se penso alla Roma, penso ad un punto di riferimento – ha concluso -. Mi riempie la giornata, a parte quella lavorativa, ma ho molti amici ed è stato un rapporto a 360°. Farei fatica a farne a meno veramente”.

Articolo precedenteMatic in arrivo: atterrerà domani a Roma per le visite mediche e la firma
Articolo successivoPrimavera Femminile, Roma Campione d’Italia: Juventus battuta 0-2 in finale scudetto

18 Commenti

  1. Grazie ADR,
    nient’altro,
    Grazie.

    ps: però un articolo al pastore che cura le greggi della Podistica da 29 anni per par condicio andrebbe dedicato eh….

  2. Sposo e riposto un commento di Eliseo/Zenone: Alberto De Rossi nella Hall of Fame della Roma.

    • sto in lacrime. una vittoria clamorosa: 10 contro 11 abbiamo subito il primo tiro nello specchio al minuto 93:35. Alice Corelli come Rudi Voeller, era ovunque, tecnica, rabbia, forza. ha avuto persino il coraggio di chiedere scusa perchè all’85esimo ha sbagliato un passaggio. che orgoglio vedere la nostra maglia onorata così. brave, brave, brave! grazie per quest’ora e mezzo di puro spirito giallorosso

    • La ROMA 💛❤️primavera femminile è. .

      Campione d’Italia 👏👏👏👏💛❤️per la terza volta consecutiva….. Brave….

      Gajarde giallorosse 💛❤️

      P. S. Persona di una gentilezza e competenza…. Grazie sig. Alberto De Rossi 💛❤️👏👏💪💪💪

  3. Romanismo a parte, che comunque non guasta mai, in quest’intervista si intravede un uomo maiuscolo.
    Per come sono fatto mi è difficile avere stima di persone che non conosco, ma Alberto De Rossi rientra pienamente tra quei pochi.

  4. Alberto De Rossi è una persona che ha dedicato tutta una vita alla Roma,in silenzio ,meglio dire in sordina, per non creare ombre o crucci al figlio Daniele. Per non metterlo a disagio, ha rifiutato il palcoscenico della prima squadra e io so che non è la sparata di un millantatore a fine carriera,quando magari non ci sono più i testimoni che lo potrebbero smentire.Lo apprezzo ancora meglio perchè anch’io ho una figlia che lavora nella mia Azienda e so benissimo quanto è difficile tenersi in bilico tra il fare un passo avanti ed uno indietro senza calpestare nessun piede.
    Tralascio di elencare i suoi meriti tecnici ,gli scudetti,le coppe, i giocatori lanciati in prima squadra e in serie A: sono ben noti a tutti,anche se i trofei avrebbero potuti essere in più se avesse schierato nelle finali anche i giocatori aggregati alla prima squadra,come hanno sempre fatto quelli delle altre squadre e lui invece no,per una sorta di riconoscenza sentimentale verso i suoi allievi meno dotati ma più presenti.
    A proposito di quella mia sortita mentale di metterlo nella Hall of fame della Roma,mi sono fatto una mia idea su questa specie di Olimpo dell’AS Roma,in cui sono stati posti i Dei della Roma,non so da chi, nè mi interessa saperlo.Ebbene ci hanno messo alcuni”personaggi” che a me pare che facciano loro un piacere a noi,per averci concesso di starci, e non aver ricevuto un onore loro,perchè ce li abbiamo messi. Faccio i nomi . Ci stanno Ancelotti e Batistuta che mai hanno dimostrato,a parole e tanto meno coi fatti, un segno di romanità.Pochi giorni fa il buon Ancelotti ha ancora una volta ribadito che le sue squadre del cuore sono Milan e Real madrid.
    In quanto a Batistuta,è attualmente segnalato a Firenze per la partita annuale di calcio fiorentino .Io questi due li leverei stasera dalla Hall of fame e al loro posto metterei Alberto De Rossi e Cesare Augusto Fasanelli.
    In parallelo, istituirei la “Hall of infame”,di quelli cioè che pur essendo stati giocatori e tecnici della Roma,non hanno perso e non perdono occasione per infamarla e per denigrarla.

    • Fasanelli figlio di Roma , lo descrive meglio in una lettera inviata all’allora presidente Anacleto nel 1961 :

      … ” Noi ci autodefiniamo “fondatori” – scrive Fasanelli – perché fummo, nel lontano 1927 in occasione della nascita della Roma, i primi difensori dei gloriosi colori giallo-rossi. Fummo noi che attivamente profondendo tutte le nostre giovanili energie, tutto il nostro indomabile ardore, tutto il nostro vibrante entusiasmo, sportivamente e disinteressatamente gettammo le basi di quella che sarà poi leggendariamente definita “la Roma di Testaccio”. Fummo noi, signor presidente i primi lupacchiotti… ”

      👏👏

    • Il primo posto Nella hall of infami va di diritto e subito a bermudino pallotto. Scusa ma me la hai servita su un piatto d’argento, un po’ come un assist de Totti, quello che a te piace poco

  5. A proposito di primavera.. La Roma femminile è Campione d’Italia per la terza volta consecutiva.. Al fischio finale m’hanno emozionato vedere ste ragazzette cantare e saltare.. Cori da Curva Sud.. Il coro ‘i Campioni dell’ Italia siamo noi’.. Non hanno smesso n’attimo de fa caciara.. Alla premiazione so passate una a una sotto la bandiera della Roma.. Brave e grazie per l’emozione.. Daje Roma Daje

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome