Aldair: “Totti e De Rossi trattati come me e Cafu”

29
1109

ULTIME AS ROMAAldair, ex difensore giallorosso, è intervenuto ai microfoni di Rete Sport per parlare del momento della Roma e su come la società ha gestito i finali di carriera di due bandiere come Totti e De Rossi. Queste le sue parole sull’addio dei due capitani: “Quando la società decide molto prima quello che deve fare un giocatore, deve subito comunicarlo all’interessato.

Quello che è successo a De Rossi e Totti, successe anche in passato a me e Cafu. Spero in un loro ritorno il prima possibile. Su De Rossi speravo più in un suo futuro al Flamengo, piuttosto che al Boca“.

Su Fonseca e suo processo di italianizzazione: “Non ho visto la prima di campionato, ma mi hanno raccontato che la Roma ha giocato molto alta. Fonseca è intelligente e capirà come si potrà giocare in Italia. In generale, le squadre in Serie A ora attaccano molto di più e questo vuol dire che ci sono attaccanti molto interessanti”.

Infine sulla difficoltà di apprendere i movimenti della fase difensiva: “Penso che bisogna lavorare molto sul pressing a centrocampo, i difensori devono attaccare molto di più l’uomo quando si avvicina alla porta. Sono cose difficili da fare e ci vogliono tanti allenamenti per creare gli automatismi, ma i difensori sono esperti e molto disponibili e man mano apprenderanno i movimenti”.

Fonte: Rete Sport

Articolo precedente“ON AIR!” – AUSTINI: “Difesa a tre provata anche prima di Bologna”, GALOPEIRA: “Penso che Fonseca stia mischiando le carte”, MAGNI: “Lui italianizzato? Gesto di disponibilità, ma mica farà difesa e contropiede”, MELLI: “Col suo satellite farà nero Gasperini”
Articolo successivoKluivert: “Cori e post razzisti? Chi li fa merita la prigione”

29 Commenti

  1. Adesso vi facciamo le statue in oro zecchino!!!!!
    Ad una certa eta bisogna rendersi conto da soli che il calcio vi adora solo un periodo della vostra vita ed anche troppo.basta con i semidei.
    Forza Roma

    • alda ….nun te ce mette pure te co ste stronzate . un UOMO lo deve capì da SOLO quando è il momento de smette,altrimenti fa la fine de bufalo bill . bufalo bill ,grande eroe del selvaggio west , da vecchiotto venne a Roma con il suo circo ed ebbe l’insensata idea di sfidare , con i suoi cow boys , i butteri a chi domava più cavalli. accettarono la sfida i butteri del conte di sermoneta guidati da augustarello imperiali che fecero fare una figura di mierda a bufalo bill. la stessa cosa vale per i giocatori di pallone …..lo debbono capire da soli quando smettere ,altrimenti diventano i monumenti di se stessi in mezzo al campo e fanno figure patetiche . la vita continua e possono dare il meglio di se stessi in altri campi.

    • romatiamo, non si può generalizzare.ogni caso fa storia a sè. poi le scelte della società possono essere condivise oppure no; Cafù ad esempio è andato a vincere e per diversi anni. La società in quel momento non poteva o non voleva riconoscergli l’ingaggio che gli hanno offerto gli altri.Se per questo hanno trattato malissimo anche Falcao. Eriksson, non sopportava che il divino facesse giocare la squadra in un certo modo, e inoltre aveva più influenza di lui nello spogliatoio.Poi aveva delle granette private…Di bartolomei dato x finito è andato a vincere a Milano. ce ne sarebbero di storie…..

  2. Adoro Pluto, ma questa uscita l’ho capita poco, i tempi sono stati sbagliati solo con De Rossi. Cafù si accordò con il Milan, per Totti può dispiacere ma onestamente erano stati chiari.

    • De Rossi??

      secondo me l’aria che dicono finalmente pulita dello spogliatoio non dipenderá piú dall’assenza
      dei viceré – tra l’altro in lotta tra loro?
      i calciatori sono ben pagati, fanno una vita da privilegiati e non hanno alcun diritto a trattamenti di nessun genere.
      Se giocano bene, vengono acclamati, altrimenti no…
      Se poi qualcuno di loro dimostra capacità manageriali, comunicative o altro, può aspirare a continuare a lavorare nella società.
      Avremmo un senato internazionale di ex calciatori…tutta la hall of fame…

  3. E basta con questa litania! Totti ha giocato fino ma 40 anni ed è entrato in Società. Peraltro la fine della sua attività agonistica era stata già decisa ed annunciata in occasione del suo ultimo rinnovo. De Rossi ha spalato merda contro la Società con quell’intervista che si è commenta da da sola. Intervista che non ci sarebbe stata se gli avessero prolungato il contratto: quindi era (im)motivata da fattori egoistici e personali. Il fatto è che questi due grandi campioni ritenevano di essere i padroni della Roma e non due risorse della stessa. Prendiamone atto e svoltiamo pagina una volta per tutte: il ricordo rimane bello ma il futuro della Roma è ancora di più importante.
    Forza Roma, solo lei conta!!

    • Oserei dire… intervento (il tuo) perfetto che collima precisamente con il mio pensiero (tra l’altro, più volte espresso). Totti e DeRossi SONO STATI GIOCATORI ECCEZIONALI, ma per ciò che concerne il comportamento degli uomini “da vecchi” direi che è stato moooolto discutibile.
      Non aggiungo altro dal momento che hai descritto benissimo il tutto.
      Esatto… FORZA ROMA !!!! perché in effetti solo Lei ha valore e conta infinitamente… e non chi vi è di passaggio con la pretesa (e l’immaturità) di esserne il padrone assoluto.

  4. Grandissimo, Pluto Aldair!
    Domandina: a parte Edin Dzeko, secondo voi quali calciatori della Roma americana potranno ambire ad entrare nella Hall of fame?
    DDR, ovviamente, non conta; lui c’era già prima.

  5. anche noi ragazzi sappiamo se ci confermano gli stage solo il giorno prima della scadenza ma non facciamo conferenze stampa per lamentarci.

  6. Ma che considerazioni sono?
    Ma che dovrebbero farvi?

    Avete guadagnato come noi in 100 vite.
    Avete avuto tutto.
    Appena un altra Società vi fa l’occhiolino vi calate le braghe.

    E poi appena vi sentite alla fine della carriera e soli andate cercando amici e comprensione.

    Il mondo voi non lo conoscete.
    Non sapete cosa sia il mondo. Siete vissuti viziati e pieni di privilegi.
    Questa la realtà.
    Lo accetto. Fa parte del circo. Ma poi però non c’è venite a rompere li coj

  7. Ciao a tutti cari amici giallorossi. Allora ci tengo a precisare che rispetto il pensiero di tutti. A questo punto vorrei rispondere al caro amico Kawa62 e spiegare il mio pensiero; devo dire in tutta sincerità che questi ex/giocatori hanno veramente stancato con queste loro uscite, sempre sputando nel piatto dove hanno mangiato oro per anni. Caro Kawa62, io credo che l’unica Hall Of FAME che ci serve è la FAME DI VINCERE. A me di quello che poi hanno a livello personale i giocatori della Nostra amata Roma non mi interessa un bel niente. Loro devono pensare a vincere per la squadra e non solo egoisticamente per sé stessi. E basta una volta per tutte di difendere questi (non tutti ovvio) viziati che per anni hanno sempre e solo guardato ai soldi. Infatti spero che Aldair al quale io…

    • Bravo Konsel, per esempio,
      che ha giocato poco nella Roma,
      ma ogni volta che può dimostra il suo amore per la nostra squadra.
      Senza chiedere nulla.

  8. aaahhh annamo bene… ma Cafù è andato a vincere uno scudetto, una supercoppa, una champions e un mondiale per club al MILAN!!!
    166 presenze!

    Pluto hai iniziato a bere?

  9. Vorrei ricordare che Aldair è stato per tredici stagioni alla As Roma, e che a luglio 2003 quando andò via dalla Roma per andare al Genoa aveva quasi 38 anni essendo nato il 30 ottobre 1965. Non mi pare sia stato trattato male, anzi! Certo se alcuni giocatori pensano di poter giocare a certi livelli pur avendo quasi 40 anni alzo le mani.

  10. Vabbè che ora la Roma americana ha piu impiegati che calciatori, ma non è mica obbligatorio trovare un posto in società a tutti gli ex calciatori.
    A ‘na certa i posti finiscono e a volte non siete manco capaci a fare qualcosa di diverso.
    Daje su, un bel gruzzolo l’avete fatto tutti.
    Grazie dei bei ricordi, ma anche tu stai bene così.
    P.S.: Cafù è quello che è andato al Milan perché doveva dar da mangiare ai figli.
    Poracci, a Roma facevano la fame.

  11. Totti ha dovuto fare la sua solita scenata con la conferenza stampa dicendo che lui era la vittima che non prendeva le decisioni perché le prendevano gli altri e nel mentre era dirigente si andava a fa le partite in giro per il mondo….. De rossi lo sapeva bene che sarebbe stato il suo ultimo anno e con totti si sono anche fatti la guerra nel periodo di di Francesco…. se la società non ti dice niente chiedi spiegazioni prima per il rinnovo e chissà perché ora che gioca al boca anche i tifosi del boca di sono lamentati del suo rendimento….. E totti doveva essere il nuovo DT di mezza serie A e dove ora? A fare calcio a 8…… Ma de che stiamo a parla su

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome