Allenamento Roma al Netanya Stadium in vista della sfida col Tottenham: in gruppo Dybala (VIDEO)

20
1121

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – La Roma ha proseguito oggi la sua preparazione in vista della partita amichevole di domani contro il Tottenham, ma soprattutto dell’inizio del campionato.

La squadra giallorossa oggi è scesa in campo al Netanya Stadium, in Israele, dove domani sera affronterà gli inglesi guidati da Antonio Conte nell‘amichevole “clou” di questo precampionato.

In gruppo tutti i giocatori convocati da Mourinho. La squadra ha lavorato sulla rapidità e reattività. Regolarmente in gruppo Dybala, uno dei giocatori più attesi per la sfida di domani.

Articolo precedenteBelotti dice “no” ai soldi del Toronto ed è pronto a sposare la Roma. Ancora una volta decisivo Mou
Articolo successivoCALCIOMERCATO ROMA LIVE – Tutto il mercato giallorosso minuto per minuto

20 Commenti

  1. Non vedrò l’amichevole e spero che la Roma non vada più in certi posti controversi e non mi piace vedere i miei colori accostati a queste iniziative.

    • Ciao KARL, legittimo avere un’opinione diversa. Io ti inviterei però a riflettere, su quanto spesso la ROMA sia piuttosto avvicinata ad iniziative di vario tipo, nel sociale, che ne fanno una squadra direi unica nel nostro panorama, e ci rendono orgogliosi.
      Inoltre rifletti in generale quanto lo sport, da sempre in pratica, tende a sfuggire ogni mescolanza con ragioni politiche anzi, è universalmente considerato come un mezzo di costruzione della pace anche nei teatri più difficili e tra le genti più oatili del pianeta.
      A partire dai giochi olimpici e dalla loro nascita antica, che imponevano la non belligeranza nel Peloponneso…
      Pure, talvolta, ha pagato cara la presenza di manifestazioni in zone calde…
      Infine, e te lo dice uno che dai primi anni di ginnasio e poi liceo ha vissuto marce e occupazioni con la kefia palestinese al collo, sono tanti decenni che la questione palestinese é al centro della diplomazia internazionale, e la sola strada per migliorare le cose viene dal dialogo e dalla mediazione.
      La ROMA (e gli inglesi) e lo.sport fanno bene a metter piede in un simile teatro per portare avanti un certo discorso…

    • Karl (Kareem?),
      Con tali opinioni ignoranti e pregiudiziali, dovrebbe essere facile per te trovare un posto allo curva nord tra i tifosi laziali.

    • Sardegna, ci sono innumerevoli esempi che sono in contrasto con ciò che esprimi nel tuo post riguardo il mondo sportivo. L’ultimo in ordine temporale è di appena qualche mese fa e dura tutt’ora, con l’estromissione di squadre e atleti russi da ogni competizione.

      La questione è sempre la stessa: su ogni questione si fanno figli e figliastri a seconda di convenienze e schieramenti.

    • Fascista e laziale ci sarai tu “Roma tifoso”, andatevi a leggere le risoluzioni dell’Onu per capire quanto la situazione sia degenerata e quanto sta facendo israele e magari studiatevi la storia che non fa mai male. Io non ho pregiudizi, siete voi che non vi informate abbastanza, tra l’altro a me frega solo che la Roma sia fuori da queste questioni controverse . E mi faccio due risate su chi dice che lo sport unisce, andare in Israele è come andare a giocare a Mosca, vorrei vedere in quel caso quanti sarebbero a favore. Ipocriti.

    • Ciao ANACRONISTICO, ho visto ora il tuo messaggio… perdonami.
      Ti dirò, “innumerevoli esempi” io non li ricordo.. Magari qualcuno mi sfugge.
      Ma collegandomi a quello che scrivi, quello che citi in merito ai russi non mi sento di paragonarlo alla questione palestinese.
      Il conflitto scatenato da PUTIN é assimilabile, neanche tanto alla lontana, alla blitz krieg tedesca di Hitler. Un rovesciare improvviso di un’enorme quantità di bombe e mezzi sull’Ucraina da un’ora all’altra, nel tentativo di spezzarne la resistenza in brevissimo tempo, senza di fatto MAI, se non a parole, permettere al resto del mondo, non dico di portarlo avanti, ma solo di avviare un discorso diplomatico, mai preso in considerazione dai russi. Guerra, vera, lampo.
      La questione palestinese é in piedi da un numero di anni tale da aver visto tentare svariati piani, tentativi di diplomazie di un’enormità di Paesi, nel cercare di mettere insieme due popoli in quella zona del mondo.
      E per quanto sia possibole, molti passi sono stati fatti.
      Francamente, se Israele avesse voluto, e potuto, farlo, alla Hitler di allora o alla Putin di oggi, i Palestinesi sarebbero scomparsi dalla facvia della terra da molto tempo. Ma il mondo non lo ha permesso.
      . Questo é il motivo per il quale non sono paragonabili, scusami, la recente esclusione alla quale fai riferimento e il giocare a Maccabi. Quindi non dovrebbero neanche giocare in Qatar, quindi?
      Il fatto é che ci sono situazioni differenti.
      La diplomazia ha permesso ad oggi alla Palestina di soppravvivere in qualche modo, attraverso decenni di lavoro in una situazione cristallizzata, mentre non c’era nulla di diverso possibile da rispondere a PUTIN.
      I russi il tavolo diplomatico non lo hanno proprio calcolato, facendolo subito.saltsre in aria.
      Un esempio dello sport che cerca, quando può, di unire piuttosto che amplificare le tensioni, visto che parliamo di israeliani, è legato alle Olimpiadi estive del 1972, dove l’omicidio di 2 atleti e il.rapimento di altri 8 o 9 non provocò l’interruzione delle stesse…

      No, credo proprio che lo sport si sia “fermato” solo in caso di guerra aperta. Per il resto, ha sempre cercato di gettare ponti dove sembrava difficile farlo.in QATAR, forse, la grande visibilità mondiale del calcio può aprire a determinati cambiamenti in futuro. Portare dentro il mondo democratico certi paesi “talebani” in qualche modo può temperare il colore di determinate politiche opprimenti verso donne e simili questioni. Questo é il senso di certe scelte da sempre dei giochi Olimpici (fin dall’antica Grecia! così nati) e dello sport n generale.
      Ovviamente non possono essere ignorate, però, le situazioni come quella, recente, alla quale fai riferimento.
      Non ci sono figli e figluastri, ci sono conflitti differenti che richiedono differenti soluzioni, secondo me.
      Grazie comunque per la chiacchierata, non fa mai male….

    • va a vedere l’aquila che gioca la finale dei pecorari col gubbio, so QUASI sicuro che vince !

  2. José…. grande qualità dice ai nostri ragazzi…li sta fomentando

    Alla faccia di chi dice ancora che mou nn ha tattica…..
    È la leggenda del calcio…. è il migliore al mondo

    Forza grande Roma ale’

  3. Il Tottenham è almeno due categorie sopra e sopratutto non stanno messi male in difesa.. spero di non prendere più di tre gol.

    • Grazie friedkin per aver portato José Mourinho e Tiago pinto

      Forza grande Roma ale’

  4. Non.vedro’ la partita x coerenza. Israele uccide i calciatori da anni silenzio .la Russia subito sanzioni .boicottaggi ecc. Spero cmq ci siano.ottime indicazioni

  5. Sui commenti che leggo sopra ci sarebbe da scrivere un libro. pro e contro. Ma questo non è il contesto giusto, qui si dovrebbe parlare della Roma. Inoltre, per dire, se sono tifoso di Nadal, sono suo tifoso, ma questo non mi dà diritto di entrare nel merito sull’uso del rovescio classico o a due mani, se deve o non deve partecipare ad un torneo a ad un altro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome