ANDREAZZOLI: “La Roma fa impressione. Quando la palla finisce a quei quattro lì davanti le cose si complicano…”

6
869

NOTIZIE ROMA CALCIO – Aurelio Andreazzoli, allenatore dell’Empoli, commenta a fine gara la prova dei suoi ragazzi nel match di campionato che si è appena giocato allo stadio Olimpico contro la Roma. Di seguito tutte le dichiarazioni del tecnico dei toscani ai microfoni di DAZN:

La partita è cambiata dopo l’infortunio di Pinamonti?
“Si, è stata una sorpresa in negativo. La squadra si stava esprimendo bene, avevamo creato le prime palle gol e la partita andava come doveva andare. Con l’uscita di Pinamonti abbiamo perso il filo del gioco, cosa che non deve succede, ma è comprensibile che succeda. Abbiamo iniziato a verticalizzare quando non dovevamo, a fare scelte sbagliate. Il primo tempo non mi è piaciuto molto, il secondo un po’ di più. Comunque contro avevamo una squadra molto forte. La Roma fa impressione, quando la palla finisce a quei quattro davanti le cose si complicano. La squadra ha fatto un passo in avanti a livello di equilibrio, lo abbiamo perso solo una volta e lo abbiamo pagato. Siamo una squadra in costruzione e abbiamo bisogno di fare queste esperienze”.

L’abbraccio con Pellegrini?
“Gli ho detto che è troppo forte e di continuare così. Sono contento per il rinnovo, è una persona seria e come calciatore migliora di volta in volta. Lui è il calciatore ideale, ne vorrei 4 o 5 come lui”.

Avete tirato meno del solito.
“Bisogna fare i conti con gli avversari, la Roma ha grandi meriti. Poi noi siamo abituati a giocare in un certo modo, facendo partecipare tanti giocatori. Stasera abbiamo un po’ smarrito il gioco e la logica conseguenza è che è venuta a mancare qualche occasione”.

Andreazzoli in conferenza stampa 

Il match?
“Credo che l’uscita di Pinamonti possa averci creato qualche scompenso, da lì poi ci siamo abbandonati a perseguire una squadra che non è congeniale, allungando la traiettoria del pallone. A cavallo dell’intervallo potevamo fare di più, sul primo gol siamo mancati, all’inizio del secondo abbiamo regalato il pallone in modo inopportuno, poi la qualità della Roma ha fatto la differenza”.

Mourinho ti ha detto qualcosa di particolare?
“Mi ha fatto piacere, è la prima volta che lo avvicino. È stato molto carino per i complimenti e l’affetto, anche se non erano dovuti, né meritati, forse. La cosa è reciproca, mi ha fatto piacere”.

Articolo precedenteROMA-EMPOLI 2-0: le pagelle
Articolo successivoMKHITARYAN: “Era importante vincere prima della sosta. Il gol? Non ero preoccupato, sapevo che sarebbe arrivato”

6 Commenti

  1. Alla fine un giallorosso di vecchia data.Con lui in panca ricordo una inutile ma bellissima vittoria contro la Juventus impreziosita da un siluro del capitano nel sette di Buffon

    • Con lui mi ricordo una sega come Destro in campo (per altro pure infortunato) e Osvaldo in panca e una coppa persa. Che sia un buon conoscitore di calcio è fuori discussione, ma era il match analist, forse la società avrebbe dovuto riflettere meglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome