AOUAR: “Ho giocato male ultimamente, devo dimostrare al mister che posso fare di più. Il mio futuro è a Roma”

21
817

NOTIZIE AS ROMA – Dopo Josè Mourinho, è il turno di Houssem Aouar per parlare in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Sheriff.

Queste le dichiarazioni del centrocampista algerino rilasciate ai giornalisti sulla partita di Europa League e sulla sua avventura in giallorosso:

Mourinho ha detto tanto prima, ma non ti ha mai nominati. Sei pronto, giochi domani? 
“Sì, sono pronto per domani. Spero di giocare perché non ho giocato tanto nelle scorse partite. So che devo fare meglio per aiutare la squadra e spero di farcela”.

Partita di domani?
“Vogliamo vincere sempre perché quando giochiamo per la Roma è l’obiettivo. Sappiamo che sarà difficile finire primi, ma non è impossibile. Domani andiamo con una mentalità vincente e speriamo di essere primi a fine partita”.

Bilancio con questi primi mesi a Roma? Mourinho dice che devi arrivare a livello della squadra, quanto manca per vedere il vero Aouar?
“È la prima volta che sono lontano da Lione. So che devo imparare. Adesso è difficile per me, ho fatto due partite male a Praga e a Ginevra. Lo so. Con umiltà so che devo dimostrare al mister che posso fare di più. Sono fiducioso, a partire da domani”.

Il livello del campionato è superiore a quello francese. Il tuo futuro alla Roma dipenderò da quanto giocherai?
“Il calcio italiano è migliore di quello francese. In Francia c’è più fisicità, qui più tattica e tecnicamente sono più bravi in Italia. Spero che in futuro diventerò un buon giocatore in Italia. Il mio futuro è a Roma”

Il tuo rapporto con Mourinho?
“Il mister è una persona vera. Lui mi aiuta molto per imparare a giocare con la squadra un calcio differente. A me piace anche questo, la sua mentalità vincente è importante per vincere partite. Per me è più difficile ma adesso voglio fare grandi partite per la squadra e per i tifosi”.

Come ti trovi a giocare nei tre di centrocampo? Ti stai abituando o fai fatica?
“Come ho detto spesso sono un giocatore di squadra. Non è importante dove gioco. Con il Lione ho fatto anche il regista. La cosa fondamentale per me è giocare sempre, non importa il ruolo. Posso fare bene le cose per i miei compagni e per il mister”.

Articolo precedenteBOLOGNA-ROMA: arbitra Guida con Chiffi al VAR
Articolo successivoMOURINHO: “Sanches domani gioca, sarà una partita importante per lui. Dybala ci mancherà, ma sono felice di averlo. Mercato? Prenderemo solo un difensore” (VIDEO)

21 Commenti

    • Il fatto che lo ammetta già è una buona cosa. E allora giovanotto umiltà e lavoro e cerca di fare meglio…molto meglio.

    • Potrebbe uscire alla distanza….come ha fatto dopo un anno e mezzo Louis Alberto…… l’ambientamento a Roma non è facile….ma se sembrava un ottimo giocatore non può averlo dimenticato….e poi è nostro….uno dei pochi di proprietà…..e ogni tanto facciamo ” l’oste col vino suo “……e non i fessi.

  1. Giocatorino da campionati di 3a-4a fascia, contrabbandato da Pinto come talento puro su cui scommetteva la sua reputazione professionale.
    Stop.

    • JulianB….🤣🤣🤣🤣👍👍👍👍.
      e se lo si provasse come sostituto di Paredes?
      comunque bene per l’umiltà.
      FRS

    • Io ci credo ancora… In fondo deve abituarsi a un campionato diverso e. Un lavoro di copertura che nn faceva.. Le qualità ci sono ampiamente. Che sia la carta per sopperire alle assenze di dybala insieme a Pellegrini? Il campionato della Roma passa anche attraverso questi acquisti

    • non escludo invece che Aouar sia uno di quei giocatori che messi nel posto giusto (in campo ) e in un buon (buono per lui )meccanismo di gioco, allora diventi un irrinunciabile…magari dietro le punte ( spetta a Moitimho capirlo )

      di sicuro è uno che trova e perde velocemente la forma migliore sia fisica che mentale

      vedremo… ma con lui non metterei affatto la spugna… non prima.di giugno

  2. Fino a adesso è stato deludente. All’inizio, nel calcio d’agosto, aveva fatto vedere buone cose. Poi quando hanno tutti iniziato a fare sul serio si sono visti i limiti.

    Può migliorare?
    tecnicamente è bravo, ma credo abbia bisogno di buone iniezioni di fiducia, e comunque anche lui è uno che deve giocare con qualcuno che lo copre fisicamente, ma come trequartista è difficile, dovresti andare a giocare dietro, davanti alla difesa
    ma con paredes e cristante non accadrà mai.

  3. 4 anni fa sei stato scelto dal Barcellona per il dopo Rakitic, salvo ricevere un No dal Lione che aveva messo una clausola di 100 milioni. da lì, lo strappo con i francesi che ti hanno messo fuori rosa.

    non avevi niente in meno di un Luis Alberto nelle sue giornate buone.
    invece qui sembra ti sia scordato come si giochi a pallone e questo dipende solo da te, ragazzo.
    perché tu, ancora più di Sanches essendo lui fisicamente inesistente, potevi e potresti ancora prenderti in mano il centrocampo della Roma. vedi un po’ di svegliarti, ragazzo.

    perché a differenza dei tanti pompati dalla stampa, tu sei forte sul serio. e questo è ancora peggio.

    • Concordo che sia un gran talento, un simil Pellegrini ma più giovane, speriamo che l’aria di Roma non faccia male pure a lui come a Lollo che oramai è l’ ombra del giocatore che sarebbe dovuto diventare e che per qualche sprazzo nella stagione prima del rinnovo avevamo ammirato.

  4. Centrocampo a quattro con un trequartista dietro due punte. Allora Pellegrini e Aouar potrebbero giocare nel loro ruolo, dando una mano a centrocampo senza doversi fare il mazzo per correre dietro agli avversari. Nè uno nè l’altro hanno i polmoni di Bove o Cristante.

  5. Auar ero contento del suo arrivo come per ndika . Certo il campionato italiano è un altra cosa ma se sei forte non hai problemi . Per me sei più forte di pellegrini è ora che ti svegli e ritorni quel giocatore del Lione.

  6. troppo brutto per essere vero.

    gli serve continuità, tranne l’ultimo anno a Lione è stato un signor giocatore.

    Se poi non regge un minimo di competizione lo dimostrerà il tempo …

    ❤️🧡💛

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome