AS Roma: acquistato il 3,874% di azioni residue per permettere il delisting. Raggiunto il 100% del capitale sociale (COMUNICATO)

12
661

AS ROMA NEWS – Arrivano novità sulla situazione riguardante l’uscita dalla Borsa. La Roma, tramite una nota apparsa sul proprio sito, ha comunicato che sono state acquistate ulteriori azioni.

La società giallorossa era arrivata al 96,126% del capitale sociale, ma oggi sono state comprate 24.360.863 azioni, pari al 3,874% del capitale: grazie a questa operazione, è stato raggiunto il 100%.

Il comunicato ufficiale: “L’Offerente comunica che, in data odierna, è stato effettuato il regolamento della Procedura Congiunta, avente ad oggetto le Azioni Residue, ossia n. 24.360.863 Azioni, pari al 3,874% del capitale sociale dell’Emittente. In particolare, l’Offerente rende noto di aver comunicato all’Emittente la disponibilità di una somma corrispondente al corrispettivo complessivo per l’acquisto delle Azioni Residue, pari ad Euro 10.962.388,35, sul conto corrente intestato all’Offerente medesimo ed aperto presso UniCredit S.p.A., per il pagamento del predetto corrispettivo complessivo agli azionisti titolari delle Azioni Residue. Ha avuto, quindi, efficacia il trasferimento delle Azioni Residue a favore dell’Offerente. I titolari delle Azioni Residue potranno ottenere il pagamento del corrispettivo per la Procedura Congiunta – pari al Corrispettivo dell’Offerta, ossia Euro 0,45 per ogni Azione Residua – presso i rispettivi Intermediari Depositari.

L’obbligo di pagamento del Corrispettivo della Procedura Congiunta si intenderà assolto nel momento in cui le relative somme saranno trasferite agli Intermediari Depositari da cui provengono le Azioni Residue oggetto della Procedura Congiunta. Resta ad esclusivo carico degli azionisti il rischio che gli Intermediari Depositari non provvedano a trasferire le somme agli aventi diritto o ne ritardino il trasferimento. Ai sensi dell’articolo 2949 cod. civ., decorso il termine di prescrizione quinquennale dalla data di deposito del corrispettivo complessivo per la Procedura Congiunta, ossia dalla data odierna, il diritto dei titolari delle Azioni Residue di ottenere il pagamento del corrispettivo della Procedura Congiunta si estinguerà per prescrizione e l’Offerente avrà diritto di ottenere la restituzione delle somme depositate e non riscosse dagli aventi diritto, salvo quanto disposto dagli articoli 2941 e ss. cod. civ. Infine si comunica che, con provvedimento n. 8880 del 7 settembre 2022, adottato ai sensi dell’art. 2.5.1, comma 6, del Regolamento di Borsa, Borsa Italiana ha disposto, a decorrere dalla data odierna, la revoca dalle negoziazioni dal Mercato Telematico Azionario delle Azioni dell’Emittente (ISIN: IT0001008876), negoziazioni già sospese per le sedute del 12 e 13 settembre 2022″.

ASSIST CLUB
Si comunica infine che tutte le informazioni ed i dettagli per la registrazione al programma fedeltà speciale ed esclusivo denominato “Assist Club”, ulteriori rispetto a quelli già contenuti nel comunicato stampa dello scorso 6 settembre 2022, a cui si fa rinvio, saranno resi noti mediante apposito ulteriore comunicato stampa. * * * L’Offerta è promossa esclusivamente in Italia, in quanto le azioni dell’Emittente sono quotate su Euronext Milan, ed è rivolta, indistintamente e a parità di condizioni, a tutti gli azionisti dell’Emittente. L’Offerta non sarà promossa né diffusa, direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti d’America, in Australia, Canada, Giappone o in qualsiasi altro Paese nel quale l’Offerta non sia consentita in assenza di autorizzazione da parte delle competenti autorità locali o sia in violazione di norme o regolamenti (gli “Altri Paesi”), né utilizzando strumenti di comunicazione o commercio internazionale (ivi inclusi, a titolo esemplificativo, la rete postale, il fax, il telex, la posta elettronica, il telefono ed Internet) degli Stati Uniti d’America, Australia, Canada, Giappone o degli Altri Paesi né qualsivoglia struttura di alcuno degli intermediari finanziari degli Stati Uniti d’America, Australia, Canada, Giappone o degli Altri Paesi, né in alcun altro modo.

Copia del presente comunicato stampa, o di qualsiasi porzione dello stesso, del Documento di Offerta, così come copia di qualsiasi documento relativo all’Offerta, non sono e non dovranno essere inviati, né in qualsiasi modo trasmessi, o comunque distribuiti, direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti d’America, in Australia, in Canada, in Giappone o negli Altri Paesi. Chiunque riceva i suddetti documenti non dovrà distribuirli, inviarli o spedirli (né a mezzo di posta né attraverso alcun altro mezzo o strumento di comunicazione o commercio internazionale) negli Stati Uniti d’America, in Australia, in Canada, in Giappone o negli Altri Paesi. Il presente comunicato stampa, il Documento di Offerta, così come ogni altro documento relativo all’Offerta, non costituiscono e non potranno essere interpretati quale offerta di strumenti finanziari rivolta a soggetti domiciliati e/o residenti negli Stati Uniti d’America, Canada, Giappone, Australia o negli Altri Paesi. Nessuno strumento può essere offerto o compravenduto negli Stati Uniti d’America, Australia, Canada, Giappone o negli Altri Paesi in assenza di specifica autorizzazione in conformità alle applicabili disposizioni della legge locale di detti stati o degli Altri Paesi ovvero di deroga rispetto alle medesime disposizioni.

L’adesione all’Offerta da parte di soggetti residenti in paesi diversi dall’Italia può essere soggetta a specifici obblighi o restrizioni previsti da disposizioni di legge o regolamentari. È esclusiva responsabilità dei destinatari dell’Offerta conformarsi a tali norme e, pertanto, prima di aderire all’Offerta, verificarne l’esistenza e l’applicabilità, rivolgendosi ai propri consulenti. Non saranno accettate eventuali adesioni all’Offerta conseguenti ad attività di sollecitazione poste in essere in violazione delle limitazioni di cui sopra”.

Fonte: asroma.com

Articolo precedenteZANIOLO: “Ho vissuto questo infortunio come un’ingiustizia. Estate movimentata? Un film che si fa la stampa” (VIDEO)
Articolo successivoRoma, vietato sbagliare. Mou cambia: Cristante in difesa, centrocampo tutto nuovo

12 Commenti

    • Zenò, non tutti hanno la fortuna di essere economisti di Cambridge come te e Keynes, purtroppo alcuni si pongono interrogativi…

    • Vale, per far finire i buffi, dobbiamo arrivare ad avere entrate superiori al costo della Roma. tu se hai affitto e bollette più alte dello stipendio, puoi uscire dai buffi?

    • Sbif il fatto che la Roma sia uscita INTERAMENTE dalla borsa porta anche alla riduzione dei buffi con i soci propio perchè questi soci non ci sono più. Il punto è ci sono altri buffi da coprire con banche e quant’altro?

    • Sbif il fatto che la Roma sia uscita INTERAMENTE dalla borsa porta anche alla riduzione dei buffi con i soci propio perchè questi soci non ci sono più. Il punto è ci sono altri buffi da coprire con banche e quant’altro??

    • i buffi coi soci sono coi Friedkin, ma è un finanziamento mascherato. i buffi con le banche sono l’ultimo anno del mutuo aperto da Pallotta. il problema è che se la società AS Roma spende più di quanto incassa… e lo fa dal 2010

  1. Per la crescita del Club, la notizia è buona. Adesso manca la realizzazione dello Stadio, Sponsor che pagano bene la Società, cambio del primo Logo e giocatori forti da inserire tra i titolari: 2 difensori centrali, 1 terzino destro esterno di centrocampo nel 3-4-2-1, una punta costante nel rendimento.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome