Ave Josè

89
1718

EDITORIALE – Sarebbe fin troppo facile dire ora “ve l’avevo detto”. E poco importa se adesso tutti sono di nuovo sul carro di Josè Mourinho. In fondo su questo carro c’è spazio in abbondanza, e l’importante è stare tutti uniti. 

Dopo anni di anonimato abbiamo di nuovo alla guida della Roma un uomo capace di incarnare perfettamente lo spirito del tifoso romanista. Un po’ sfrontato, a tratti sbruffone, ma con un cuore enorme. Josè Mourinho non è solo un grande allenatore, ma un uomo che sa emozionarsi ed emozionare.

E’ un tecnico che, alla soglia dei 60 anni e con alle spalle una caterva di titoli vinti, è capace di piangere per una finale di Conference League raggiunta davanti a 70 mila cuori in festa. Si sa, la Roma è una piazza speciale proprio come il suo allenatore, ed è capace anche di questi miracoli.

Le lacrime? Mi sono commosso. Ho sentito cosa ha provato questa gente“, l’ammissione dell’allenatore portoghese al termine della partita. “Un romanista pazzo che ho avuto a fianco nella mia carriera mi ha fatto capire bene il significato di questo club per la gente. Un club gigante che non ha avuto grandi successi. Questa è una finale che significa molto per questo popolo, ho sentito quello che hanno provato e queste sono le mie emozioni”. 

Come si fa a non amare un allenatore così? E infatti il popolo romanista è pazzo di quest’uomo. Lo era ancora prima che mettesse piede a Roma, lo è ancora di più oggi che sta imparando a conoscerlo meglio, con i suoi pregi e i suoi difetti.

Mou è stato in grado di plasmare un gruppo che sembrava sul punto di andare in frantumi e portarlo fino alla finale di una competizione europea, facendo già un pezzo della storia romanista. E tutto questo a un anno esatto dal suo annuncio. A lui dobbiamo questo, e molto altro. E’ grazie a lui se a Roma si torna a respirare un aria nuova. Un misto di passione, gioia, fiducia ed eccitazione. Non è ancora conclusa la sua prima stagione in giallorosso, e già la città trasuda mourinhità da tutti i pori.

Dunque forza Mou. Anzi, ave Josè. Il popolo romanista è finalmente compatto al fianco del suo imperatore. Fino alla vittoria. E se anche non dovesse essere il 25 maggio, prima o poi arriverà. Di questo ora ne siamo convinti.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Articolo precedente“ON AIR!” – ROSSI: “Mou ha completamente trasformato la Roma”, CORSI: “Dentro ogni giocatore c’era lui”, MAGNI: “La famiglia si è ritrovata”, CATALANI: “Grazie Friedkin, senza una grande proprietà non esiste un grande club”
Articolo successivoAS ROMA FLASH NEWS – Tutte le notizie in giallorosso minuto per minuto

89 Commenti

  1. A distanza di un anno io ancora non mi capacito che possa aver scelto la Roma. Quando quei pochi tifosi lo contestavano scrissi su questo blog che non capivano di calcio e che andato Mourinho ci sarebbero toccati i mezzi allenatori che avrebbero accettato di buon grado la panchina giallorossa. Adesso confido il lui per acquisti mirati che possano fare crescere ancora la squadra.
    Grazie Mister… dajeeee.

    • Lo ha spiegato ieri sera. Perché in quest’ultima fase della sua carriera, vuole provare a far vincere chi non ha vinto.
      Mourinho è uno sportivo, perché accetta le sfide.

      Vincere con il Real, è facile. Con la Roma è un’impresa.

      Alla faccia di chi dice che Ancelotti sia il miglior allenatore della storia.

      SE dovessimo vincere la Conference, io sosterrò che Mou è il più forte della storia: vincere trofei internazionali con Roma e Porto, è un’impresa.

    • Bravo Fiorini. Hai fatto centro con il tuo pensiero.
      Aggiungo un punto che ho già espresso ma che voglio ribadire.
      Io non credevo, anzi ERO CERTO che la nostra Roma non sarebbe più stata quella del passato. Troppe fazioni, troppi tifosi di radio presidenti e giornalisti.
      Mou ha fatto la cosa più grande che potesse uomo fare.
      Ha costruito mattone dopo mattone una nuova anima alla roma e ha generato una roma che non esisteva più.
      Orgogliosa, unita, vera.
      Può’ anche darsi che non alzi un trofeo perché la palla e’ tonda ed in campo si va sempre in due.
      Ma di avermi ridato la roma gliene sarò riconoscente per sempre. !!!

    • fratello, Roma, non roma… anzi, sarebbe più giusto ROMA. Ricordalo e imprimilo nella mente.

    • In quanto a trofei internazionali il Porto ci dà una pista, non scambiamo lucciole per lanterne. Non è un club che possa essere paragonato al nostro in quell’ambito.

    • @007 “grazie per avermi ridato la Roma” : in poche parole hai espresso i nostri sentimenti. Sono calabrese, mai stato all’Olimpico ma le lacrime di Mourinho sono le mie. Sapete perché a 5 anni ho scelto la Roma? Per il tifo che aveva e che nonostante le sconfitte non conosceva resa. Questo mi ha fatto innamorare della Roma e Mourinho me l’ha ridata dopo tanti anni. Un abbraccio emigrante a tutti voi figli della lupa

    • Concordo con TifosoGiallorosso su Ancelotti, il napoles è la prova, ho 56 anni e ho visto il Porto di MOU, sconosciuti scappati de casa portati sul tetto d’ Europa… Quindi, è lui che crea e modella la sua creatura…

    • Voglio mandare un abbraccio ad Andrea Tolosa.
      Perché mi riesce difficile comprendere che si possa tifare una squadra con la quale non si hanno legami, che ha vinto assai meno di quanto sia arrivata a un passo dal vincere, e avendo la disponibilità di squadre altrettanto prive di legami ma, quelle sì, aduse a successi. Che poi erano le stesse che inducevano tanti miei conterranei, quand’ero piccolo, a tifare soprattutto Inter (ma, in tempi successivi, anche Milan e Juve). Però per me è stato diverso, essendo nato e vissuto sempre nell’Urbe.
      Leggere che hai scelto di parteggiare per la Roma perché ti ha attratto il suo tifo non mi colpisce e affonda perché sono una roccia 🙂, però mi fa vacillare. Perché si tratta di un tifo particolare, fatto di abnegazione, sempre rinnovata ad onta di tante delusioni. Andre ‘, verrebbe da dire, ma chi te lo fa fare? Si vede che provi un senso di appartenenza che trascende tante cose, in primo luogo la “facilità” di scegliere una squadra più titolata, e poi provi questa caparbietà orgogliosa e mai troppo serena che, sì, arriva a commuoverci vedendo Ranieri o Mourinho con i lucciconi, e lo stadio un tripudio di stendardi che volteggiano a cinque minuti dalla fine… Ipotizzo, forse peccando di presunzione, sia un sentimento condiviso da molti degli altri che scrivono qui e lasciano capire la provenienza più variegata, chissà poi se sono Romani trapiantati altrove oppure non Romani, chi in Sardegna, altri ho letto da Venezia, Mantova, Bergamo, Colonia, Albania e Dalmazia, e me ne dimenticherò parecchi altri (Diego ‘Polentone’, p.es., boh, da Bassano del Grappa?).

      (Per alleggerire questo commento un po’ troppo solenne, spariglio le carte e aggiungo che pure Traiano e Adriano erano Spagnoli ma non tifavano Real Madrid, e che Tito veniva dal Reatino ma non avrebbe mai parteggiato per gli ologrammi 🙃).

    • Vespasiano, non Tito.
      Vado nell’angolo ad espiare…
      Ah no, vedo che già c’è un altro col cappello dell’asino.
      Ma io lo conosco! È Paolo Di Canio 😝

    • @hic aunt leones : fratello mio rileggiti e dalle tue parole capirai perché tifo Roma. Io tifo Roma per le persone come te, la tifo da sempre e non posso farne a meno. Ti dirò di più un mio amico della Romania conosciuto a Siena nel 2006 perché era studente erasmus li tifa Roma come e più di me ed ha fatto un viaggio Co nla sua futura, moglie per vedere Roma Bologna. La Roma ci unisce e ci fa sospirare. La bellezza non ha confini ma solo due colori il giallo ed il rosso (pure il rossoblu perché da cosentino piango solo per i lupi della Sila e per la lupa) un abbraccio a tutto il branco. Ps. Hic sunt leones è sempre un piacere leggerti 🙂

  2. Amo mou come amo papa’ ranieri, che spettacolo ieri, si sono commossi tutte e due, e io con loro, come penso tutti i veri tifosi romanisti, questo e’ il calcio🖤🖤🖤

    • A me sono piaciuti anche
      – Tammygol che si mette a pregare, commosso, poi arriva un avversario e lo abbraccia
      – Mkhitaryan, la telecamera lo segue, dall’altra parte arriva uno, si scopre che è Spinazzola, e si abbracciano

    • Non sono 4, sono 25 e ormai te li becchi a prescindere da quello che posti.
      Sai perché?
      Non te lo dico.
      Anzi sì.
      Perchè sei un piagnone.
      Lamentoso, noioso, e fastidioso.

    • Rispondo a julian b, perche’ tu pensi veramente che a me interessa qualcosa dei dislike?
      Il dislike cosa dovrebbe comportare? Nulla, la mia idea quella e’ , e continuero’ sulla mia strada e le mie idee, che fino a prova contraria sono dati di fatto, credi veramente che i dislike e le offese possano in qualche modo scalfirmi?
      P.s
      Co ballotta ne prendevo a milioni di dislike, pero’
      I fatti mi hanno dato ragione, ora spero di sbagliarmi coi ftiedkin, ma e’ solo una speranza, solo la maglia , tifa la maglia, forza ROMA

  3. Reo confesso. Ho criticato l’allenatore, l’ho ampiamente messo in discussione. Capisco ora cosa significa avere un condottiero una persona speciale. Il mio rammarico è adesso, il mio rammarico è pensare già a quando lui andrà via. Chi dopo di lui? Ha coeso, smembrato e plasmato la materia che aveva a disposizione, scindendo, miscelando atomi di energia che vagavano impazziti rendendoli ubbidienti e funzionali. Non con la forza ma con il carisma. Le sue parole mai banali non sono atto di pura forma, perché non puoi dire cose che toccano l’anima se non le senti. Un uomo che mancherà un uomo che manca già adesso nonostante la sua gigantesca presenza. Un grazie da un tifoso che ha capito. Grande José. 💛❤️

    • Io non l’ho mai discusso, anzi, sono sempre stato convinto che fosse l’uomo giusto per noi.
      Allo stesso tempo ora leggo “carro del vincitore” troppe volte.

      Non abbiamo vinto ancora nulla.

      Ci serve più equilibrio anche nel tifo.

      Forza Roma ❤🧡💛👊

    • Quoto Rudy Voller, forse ci vorrebbe più equilibrio nel tifo, ma è anche vero che tifo (der. fumo, febbre) ed equilibrio non vanno poi molto d’accordo.
      Allora direi godiamoci una finale dopo 30 anni, ma non sentiamoci appagati.
      Questo dev’essere solo l’inizio.

    • Hai ragione Rudy, sto carro del vincitore senza ancora un vinto mi porta a cercare freneticamente tutti i miei oggettini apotropaici.
      Ricordo purtroppo fin troppo bene i “carri” di Roma-Liverpool e Roma-Lecce, con vendite impazzite di bandiere e sciarpe con la coppa e il tricolore.
      Non commettiamo sempre i soliti errori, stiamo calmi, c’è tanto tempo dopo per le apologie e le agiografie.
      La testa deve rimanere ancora freddissima e prevalere sul cuore per le partite che restano, in campionato e la finale del 25.

    • Sono perfettamente d’accordo con te Rudy, non abbiamo vinto niente e non esiste alcun carro del vincitore ancora.
      Ci serve più equilibrio anche nel tifo.
      L’immagine di ieri è bellissima non c’è dubbio ed in grado di ammaliare il cuore romantico di noi tifosi giallorossi.
      Però noi vogliamo vincere. Ci siamo stufati di bandiere senza trofei o, per dirla alla Mourinho, con “zeru tituli”…..

    • Qua non si tratta di “carro del vincitore” ma del fatto che Mourinho è stato spernacchiato e fatto passare per cretino anche qui sopra da tanti romanisti. Ora finalmente ci siamo accorti un po’ tutti dell’incredibile lavoro che ha fatto. L’aver portato la Roma a giocare una finale di una coppa europea è già di per sé un risultato storico. Capisco che a molti di voi brucia ammetterlo, perchè tifate le vostre idee e non la Roma. E molti di voi stanno ancora in fremente attesa di perdere a Tirana per tornare a sostenere le vostre tesi farlocche. Come vi conosco, mascherine… FORZA ROMA, e FORZA MOU.

    • Ivo, scrissi in risposta ad un tuo post se non sbaglio che Mourinho era l’ultima speranza per la Roma. Un altro teorico del football lo avremo trovato a mani basse. Con Mourinho forse vedrai molte volte una squadra poco spettacolare, ma di spettacolo ne abbiamo dato anche troppo.
      Che sensazione ieri sera quando capivi che i britannici stavano facendo footing e in due tempi hanno fatto un tiro e mezzo.

    • BRS scusami ma la tua è una mentalità da perdente.
      Saremo ricordati se vinciamo non se arriviamo in finale.
      Contano i tituli e Mou è arrivato per questo, cioè per spazzare via da Roma questa mentalità che spinge la gente ad accontentarsi e a celebrare i giocatori per essere arrivati in finale o in semifinale, senza però aver vinto nulla.
      Giusto gioire per quel che è avvenuto ieri, ma non diamo l’impressione ai giocatori che hanno già fatto la storia, altrimenti arriveranno in finale con la pancia piena e ce ne torneremo a casa come al solito a mani vuote.

  4. a laziali…teneteve sarri con tutto er suo taccuino (e tutte le sue caccole)..il calcio non sono moduli scritti su un foglietto de carta…il calcio E’ SENTIMENTO….devi entrare nella testa degli uomini e fatti seguire.. penso che vi sono davvero rimaste 2 o 3 partite ancora per galleggiare poi il prossimoanno dovete rifondare tutta la squadra, non state in mani BONE…o forse si, per far “pulizia si” ma poi che ve aspetta con lolito?

    • Non mi piace piu’ di tanto rinvangare il passato ma visto che l’hai nominato Chissà in quanti si ricorderanno di tale Titolo: Guido D’Ubaldo ● 01.05.2021 11:00 – “Svolta Roma, iniziata l’era Sarri: ecco cosa vuole: Biennale da 4,5 milioni a stagione. Tiago Pinto incontra Ramadani per avere il sì definitivo del tecnico. Le priorità sono già stabilite”. 💛💖E arrivò Mourinho💛💖Altra figuraccia storica😅😅😅

    • Mmm… a me SARRI piace, ragazzi. Come ho tanta stima di ALLEGRI, del resto.
      Avessimo preso, come, pareva, il mister oggi alla Lazio, non mi sarebbe dispiaciuto (preferivo ALLEGRI, ma pure lui andava bene), avremmo proseguito nel solco di un calcio che dai tempi di ENRIQUE va in una certa direzione.
      Contro SARRI il derby acquista interesse. Se riescono a tenerselo, posson fare cose belle (e pulite, magari).
      Certamente il lavoro di MOU, però, poteva farlo forse solo lui, tutta la vita avanti così, fino al.. Paradiso!
      Può, il nostro attuale Mister, riportare lo scudetto a ROMA.
      Sarebbe una vera impresa, a legger l’albo d’oro della A (soprattutto da quando esistono i diritti TV, non si esce dal “triangolo delle bermude strisciato”…)
      E meno male che qualcuno comincia a rendersi conto che José non si é improvvisamente ritrovato a dicembre “la Roma di Mou”, dopo mesi di vacanze romane, vero mr. FIORINI ?…😉, ma ha lavorato dal primo giorno a ROMA per raggiungere certi obiettivi. O comunque metterci nella giusta direzione.
      Una grande scelta della società, non poteva esser più giusta.

    • @SardegnaGiallorossa (S1967) piu’ che altro il mio commento si riferiva alla notizia in se. Una palese dimostrazione che non sempre tutto ciò che viene detto da un certo “tipo” di stampa corrisponde a verità assoluta 🙂

  5. Mo chi glielo dice a quel fracicone de paoletto ,prima erano pescatori di salmoni ,questi altri lo vendono,e quelli della finale se lo magnano…….rosicate topi

  6. Che questo serva a tutti gli pseudo allenatori che acrivono su questa pagina, avete sputato sentenze su allenatore e giocatori definendolo bollito preistorico e giocatori pippe , questa e la dimostrazione di cosa possa fare uno stimolatore a dei giocatori che tirano fuori delle cose che non pensavano nemmeno di avere,, anche se forse non alzeremo nessun trofeo IO DA TIFOSO HO GIA VINTO vedendo la gente allo stadio giocatori lottare e allenatore in lacrime , questo e il calcio che io amo,! DAJE ROMA DAJEEEEEEEEEEEE

  7. “Mou è stato in grado di plasmare un gruppo che sembrava sul punto di andare in frantumi e portarlo fino alla finale di una competizione europea, facendo già un pezzo della storia romanista!”. Pienamente d’accordo💛💖 Forza Special One💛💖

    • Ma no, l’ho scritto più sopra. Nell’angolo faccia al muro con un copricapo a cono con le orecchie lunghe.

    • Sta nascosto nel tombino sperando di poter uscire fuori al momento giusto….in fin dei conti non abbiamo vinto niente. E anche se vincessimo, direbbe che è una coppetta che non vale niente. Sarebbe bello bello sentirgilelo dire, mentre contorce il viso e dagli occhi si intravedessero le budella che je se contorcono.
      Intanto abbiamo fatto vedere di che pasta è fatta il tifoso della città di Roma, con uno stadio gremito di gente che ama. Mo i nostri devono proseguire coi piedi per terra, compatti e grintosi facendo l’ultimo sforzo, sia in campionato che in finale. Daje regà FORZA FORZA ROMA!!!!

  8. È passato appena un anno da quando è arrivato, ma già si può dire che José Mourinho è già diventato il più grande allenatore che abbia mai avuto la Roma. Si, più di Liedholm, di Capello, di Ranieri, di Schaffer e di Burgess. Perché lui pur non avendo vinto ancora un trofeo, ha già dimostrato di essere quello che gli altri non hanno mai dimostrato . Mourinho ha dimostrato infatti di essere il Condottiero della Roma, capace di unire la squadra coi tifosi e di farne una cosa sola.

    • Va bè, aspettiamo e vediamo.
      Diciamo che per ora percepiamo buone vibrazioni 🙂

    • @pante

      infatti io parlo per me, NON E’ assolutamente il più grande allenatore della storia della Roma. Se lo diventerà saremo tutti contenti.

      Ammetterai che però, pensarlo dopo dieci mesi, zero successi (tituli) e varie scoppole è un tantino eccessivo.

      Anzi, non lo ammetterai. Perchè tu parli per te, giusto?

  9. Ma se pò di una cosa? Ma i laziali ma chi se li incXXla. Ma perchè li dobbiamo nominare per forza? non esistono. L’indifferenza totale è il maggior disprezzo che si possa esprimere verso chi è “anti” di natura. Come ha detto il mio Josè, Roma e ROMANISTA. Punto.

  10. Grazie Jose’.
    Hai risvegliato i Romanisti dal torpore degli ultimi 10 anni. Assopiti dalla finanza e dal marketing.
    Quello che si è visto allo stadio nell’ultimo mese mi riporta ai primi tempi degli Asr Ultras, e in parte alla metà anni 80 che ho visto dal vivo solo di striscio.

    Spero che il santino di Jose mi aiuti a scuxare il biglietto per Tirana.

    • Ciao Kawa che dire… sono strafelice per te, nessun altro se lo merita quanto te.
      Ti auguro di cuore di goderti tutto dall’inizio all fine.

      Vai fratello Romanista, vai !

    • Va beh kawa, a te piace vincere facile…. 🤣 Con la professione che svolgi e le conoscenze che hai, è na passeggiata recuperà er biglietto…. però ma riccomanno… TORNA CO LA 🏆!!!!

  11. ꧁ ℤ𝕖𝕣𝕠 𝕋𝕣𝕠𝕗𝕖𝕚 𝕖 𝕌𝕟 𝕊𝕒𝕔𝕔𝕠 𝕕𝕚 𝕋𝕣𝕠𝕗𝕚𝕖 ꧂

    Di Canioooo chiedi scusa in diretta
    pesci bolliti con birra!

    Jose nuoce chi non ce l ha!

  12. Son andato su youtube per vedere le immagini della Roma -leicedter ,tra i diversi video sulla partita mi hanno sorpreso i commenti di tifosi che amano il calcio in primis i nostri giallotossi ,tra questi diversi tifosi di altri club italiani (sembrano sinceri)inter ,Milan, juventini ,che si congratulano con tutta la squadra,con Mourinho, e con i tifosi della Roma per lo spettacolo e l’amore per la squadra , sperando con un trofeo il rilancio del calcio italiano ,

  13. …allenatore carismatico e vincente che ci ha messo un po’ a trovare la quadra…ma a Roma chi se non lui?…daje Roma!!!

  14. No non e’ un anno sono 10 mesi da pochi giorni, che sta a Roma se vi ricordate durante la conferenza in Campidoglio disse poche parole perche doveva entrare subito a Trigoria per gli allenamenti dicendo c’e’ tanto da fare, ecco come e’ cambiata la Roma in 10 mesi. A me piaceva pure all’ Inter mi scontravo con i miei amici tifosi romanisti perche’ c’era la Roma che era 2 che dire l’ho sempre apprezzato, a me faceva ridere le manette di Orsato chi se le scorda…. e quanto aveva ragione un istrione ora a 60 anni, io un po’ di piu’ di lui, da nonno a nonno si senza vergogna mi metto a piangere pure io poi per la Roma e Roma che la vivo lontano mi sale la malinconia la curva anni 70 e 60 pure ma vedere uno spettacolo come ieri pure gli inglesi hanno rispettato la vittoria dell’ Olimpico….Daje Roma Daje

  15. Andrebbe fatta una lista di tutti questi commenti (e di tutti quelli che si leggono su questo sito) per capire quanti degli scriventi saranno ancora con Mourinho se la Roma non vincesse la CL e arrivasse settima in campionato. Quanti di loro saranno ancora sul carro del vincitore e quanti invece lo criticheranno lo scaricheranno per non avere vinto nulla? Vediamo, vediamo. Io ho sempre detto e pensato “Con Mourinho fino all’Inferno” e continuerò a pensarlo anche se non dovessimo vincere la CL e arrivassimo settimi. Quanti di voi?

    • Sacrosanto

      Io ci sarò nel bene e soprattutto nel male…. come ho sempre fatto

      Onore a te
      Forza grande Roma ale’

    • Io già lo ringrazio per averci portato in finale.
      Ok, non è un trofeo, eccetera. Però, rileggetevi l’articolo di Mastro Fiorini.

  16. Sta facendo un ottimo lavoro, ma deve gestire gruppo e tifosi in questi giorni, siamo vicini all’obbiettivo e tocca giocarsela contro una squadra che darà il massimo. Godiamoci il momento, ma non abbiamo ancora vinto. Mou pensaci tu. Forza Roma sempre, daje!!!

  17. Perdonate l intromissione…
    Avete tutti scritto cose bellissime…
    Giusto , se permettono, vorrei aggiungere un mio modesto contributo…
    ….e quindi consentitemi di appostillare il tutto con un “LAZIALE, SENTETE MALE!”

    • Poveri laziali che vengono qui a spolliciare… Come stanno a pezzi…
      Fino al 25.… Che maggio terribile… Noi a magna’ fave e pecorino a nastro e loro a soffrì…

  18. Ora la sacra famiglia romanista ha l’imperatore imperiale

    Ora conquistiamo il trofeo 🏆 in terra straniera e portiamolo nella città eterna

    Dedichiamolo ad Agostino di Bartolomei e a tutti i nostri padri romanisti… che come il mio sono in cielo a sostenere il nostro amore immenso

    Forza grande Roma ale’

  19. La differenza con gli ultimi anni la stanno facendo i Friedkin, grandi silenzi ma estrema concretezza e tanti soldi di tasca per ricostruire dalle macerie lasciate dal plusvalenzaro bostoniano. Mourinho, non uno dei tanti medioicri, lo hanno voluto e pagato loro, intanto acquistando 3 tasselli fondamentali intorno ai quali assemblare la rosa dei prossimi anni: un ottimo portiere, Rui Patricio, un grande difensore Smalling (RISCATTATO definitiìvamente), un futuro (molto prossimo) campione ABRAHAM., ovviamente senza andare a plusvalenzarsi nessuno fermo restando che ormai era rimasto ben poco, forse i pali delle porte di Trigoria e almeno Zaniolo che il broccolaro a caccia di denaro non si era potuto vendere perchè infortunato.
    Ciò doverosamente premesso ora godiamoci questa Società , questo grande allenatore che alcuni si sono permessi di contestare (saranno i soliti nostalgici ballottari sotto altre vesti?) senza dimenticare un altro spesso oggetto di critiche ma per me ottimo giocatore e capitano, Lorenzo Pellegrini. Ora degna chiusura del campionato……e poi???? ?mah per ora silenzio.

    • Sono entusiasta di quelli di oggi come ero entusiasta di Pallotta. Mi ha regalato belle soddisfazioni come i secondi posti (in realtà scudetti rubati) e la semifinale di champion e di Europa legue che onestamente è merito nel bene e nel male di Pallotta stesso e non altri poichè sua fu la campagna acquisti. Ad oggi i risultati di Pallotta sono superiori, per onestamente devo riconoscere che c’è la possibilità che si migliori. Lo spero ma non è una certezza. E chi vive di speranze disperato muore. Mi godo il momento e basta. Pochi giorni fa mi sono rivisto alcune immagini di Totti quando era Totti, cioè prima dell’infortunio e ho rivisto Zaniolo. Falli su falli cattivissimi, al limite del criminale, mai fischiati. Rigori negati truffe. Totti che giustamente si altera e protesta vigorosamente e viene umiliato e maltrattato. Almeno fino a quando era fortissimo ed era inarrestabile. Dopo hanno iniziato a rispettarlo un po’ di più, dopo il mondiale, ma nenanche tanto. Alla fine il film in italia è sempre lo stesso. Essere romanisti è dura. Detto questo, attenti a Zaniolo che è un patrimonio che tutti ci invidiano di nascosto, e che cercano di screditare ritenendolo uno spreco per la Roma. In fondo Totti era romano e l’operazione risutava più difficile, Zaniolo non lo è. Ancelotti Pjanic samuel e tanti altri ce li hanno sottratti con due spicci e l’abbiamo pagata cara.

    • Su Zaniolo, c’erano vari commenti durante la partita che lo criticavano e ne auspicavano la sostituzione.
      Senza voler sollevare polemiche, mi chiedo quanti fossero subconsciamente condizionati da un giudizio già preso.
      È vero che il nostro 22 non è particolarmente disciplinato in senso tattico, e a volte esaspera il suo egoismo; ma è anche vero che possiede un talento purissimo, mostrato p.es. nella tripletta al Bodo Glimt (e per favore non ditemi che era una squadra scarsa ché è l’argomento di Cane Di Canio).
      Chi meglio di Mourinho potrebbe ‘educarlo’ a integrarsi nel gioco di squadra?
      Oltretutto, i suoi trascorsi clinici dovrebbero indurci ad una maggiore indulgenza: probabilmente il ragazzo vuol strafare per dimostrare a se stesso e al mondo che è guarito perfettamente.
      Come ha scritto benissimo Apollo, non vi pare che sarebbe un grave errore privarsi di queste sue grandi potenzialità a favore di una diretta avversaria? Non stiamo parlando di un giocatore mentalmente irrecuperabile come fu Cassano.
      E non vi sorge il sospetto che i media non abbiano interesse a montare la polemica (anche a fine partita hanno dovuto sollevare il dubbio se resterà con noi o no…!) e magari anche a reggere il gioco di qualche altra squadra, interessata a indebolirci se non addirittura a rafforzarsi a nostre spese?
      Per dire, a chi appartiene Repubblica?
      Infine, a me sembra che Zaniolo, proprio per le sue caratteristiche, riceve costantemente dai difensori avversari’ attenzioni’ particolari. Anche nell’ultima partita, spesso e volentieri le Foxes intervenivano duramente da dietro. La sua prestazione, che non m’è dispiaciuta, è apparsa spezzettata e poco incisiva anche per questo.
      E nessuna sanzione. In Italia, accade più spesso che finisca ammonito il nostro giocatore per proteste che l’avversario per gioco falloso.
      Poi magari davvero i Friedkins a fine stagione lo sacrificheranno per esigenze di bilancio, e va bè, nel qual caso spererò d’essermi ingannato sul suo conto.

  20. Mou e’ magico come la Roma.
    Magico non e’ sempre positivo, vuol dire imprevedibile, ricco di dolori e gioie (poche),
    ma le poche gioie ti scaldano il cuore. Tifo Roma fin da bambino, dalla Roma di Taccola e Agostino…Spinosi, Cappelli, Cappellini, Scaratti, Ginulfi, Bet e Santarini, Peiro’…fino a quella di Tammy e Chris…
    Insieme ne abbiamo passate tante, soffrendo tanto, soprattutto pensando alla L, come Lecce e Liverpool.
    Per questo temevo quest’altra L.
    Ma il mago Mou ha sfatato inglesi e lettere malefiche, con intelligenza, ironia (non crederete si prenda sempre sul serio…) e tanta passione.
    Forza Roma forza lupi…

  21. Mourinho, insieme ai calciatori e ai tifosi in massa con lo stadio stracolmo, hanno riportato il concetto di vero calcio nella capitale.
    Un autentico calcio non solo giocato, ma anche un sonante calcio a tutte quelle alchimie fondate su algoritmi, banche date giocatori e altre sofisticazioni che nulla avevano a che vedere con i sentimenti e le umane lacrime viste ieri.
    Dajeeeeee

  22. Ora tutti convinti del lavoro di JM ahaah che fenomeni ahah ma c’è ancora qualche irriducibile ahah che dice attenti a festeggiare troppo ahaah io mi gratto ahaha.
    Forza Roma

  23. Se penso che il giorno prima della ANNUNCIAZIONE DELLO SPECIAL ONE davano sarri alla Roma tutti mi sento ancora male…….
    FRIEDKIN GENIALI, hanno visto lungo, hanno visto prima calcolando tutto, rischi e benefici.
    Forse il sogno vissuto ieri sera non lo avranno previsto. È iniziato qualcosa e nessuno sa ancora dove ci porterà. Speriamo tutti il più in alto possibile.
    Mourinho è il NUOVO CESARE.
    AVE JOSÈ! ROMANISTI TE SALUTANT!!!!
    NON MI STANCO MAI DI TE!!!💛❤🤞🏆

  24. Mai avuto un dubbio su Mourinho, mai!
    Ieri mi sono commosso pure io appresso a lui a fine partita.
    Che ve lo dico a fa.

  25. Quanti hanno scritto cose incomprensibili su Mourinho? Na marea…… Nun li cito ma me li ricordo tutti. C’è ne so tanti che so spariti

  26. Fatti i debiti scongiuri visto che manca ancora la partita più importante spero che questo sia un punto di partenza e non di arrivo. La storia di mou a Roma è ancora tutta da scrivere ma visto le vibrazioni positive se tra un paio d’anni ci porta sul tetto d’Italia secondo me arriviamo ai livelli di Lindholm, diventa leggenda e spero che possa così gettare le basi per una Roma di successo a lungo termine.

  27. L’impresa è in realtà già compiuta, unica squadra a livello professionistico ad arrivare ad una finale europea senza centrocampisti di ruolo e difensori bassi…. Unica società italiana e forse anche in Europa che in una semifinale europea ha raccolto più di trecentomila richieste di biglietti per essere all’Olimpico di Roma….. E questo è solo l’inizio….

  28. Scusate vole dire che sta ad un pretta di macchina da vasto..forza Roma 💛❤💛❤💛❤💯💯💯💯

    Buongiorno a tutti popolo giallorosso..giovedi ero all’olimpico..abbiamo fatto con parenti ed amici più di 500km visto che siamo abruzzesi e veniamo da vasto..devo dire grazie a tutti voi..mi avete regalato una serata indimenticabile al di la di cosa succederà in finale…quelle bandiere quei cori quell’essere tutt’uno squadra e tifosi io in tutte le partite che sono riuscito a vedere sinceramente non la ricordo…grazie davvero a tutti voi ho 55 anni..anni di battaglie sportive con chi a vinto sempre tutto ma non ha mai capito che significa l’attaccamento ai propri colori..vorrei dedicare questo traguardo ad un mio carissimo amico di termoli Michele scomparso quasi un anno fa ha solo 40 anni..era un romanista vero come me fino al midollo …grazie ragazzi davvero ve lo dico con il cuore e grazie anche a mourinho..un allenatore che odiavo ai tempi dell inter ma che ora capisco perché si e fatto volere così bene..il suo pianto liberatorio a dimostrato un lato umano forse sconosciuto di lui ..e per me si di la degli obbiettivi che spero riusciremo nei prossimi anni con lui di quanto roma gli sia entrata nel cuore e credo che l’amore che tutti noi gli stiamo dando sia la sua più grande vittoria..grazie mourinho ..grazie a voi per l’incredibile emozione che mi a avete regalato…un giorno spero di poter portare li allo stadio il mio ragazzo speciale in carrozzina alessio..sono sicuro che io vostro amore sarà anche il suo..grazie davvero💛❤💛❤💯💯💯

    • Grazie a te amico di Vasto. Visto che spettacolo? Dai, ti aspettiamo insieme al tuo ragazzo!
      Un abbraccio e sempre FORZA ROMA!

  29. non era facile, era facilissimo. migliaia di volte ho scritto qui e su altri siti di lasciare lavorare Mou, scrivevo che intanto questa volta c’era l’allenatore, cosa mai avuto in questa società negli ultimi anni (ultimo capello), tipo brocchi come il pelato, di francesco, fonseca, garcia, montella, andreazzoli etc etc. solo ranieri vero signore si salva in questa marmaglia.
    ora vinciamo la coppa che ce la meritiamo tutti i romanisti, e poi pensiamo a dare allo special one quei 2/3 campioni che possono fare la differenza così da puntare a grandi obbiettivi.

  30. Mai avuto dubbi sul mister, quest’anno era la prima volta dopo Capello che partivamo con un grande allenatore alla guida della nostra squadra, ed è subito finale, anche se è na coppetta è comunque qualcosa, tenemoselo stretto e speriamo in una bella campagna acquisti.
    Per TIFOSO GIALLOROSSO, Ancelotti per quello che ha vinto non se po discute, non fa come Cassano o Adani che dicono che ha avuto solo fortuna

  31. Nessun nostro allenatore ha mai usato parole simili nei nostri confronti.Ha capito cosa significhi per noi questa squadra,il nostro amore che non conosce confini o sconfitte.E rendendosi conto di quanta gioia ci abbia regalato si e’ emozionato.Uno dei tecnici più vincenti nella storia del calcio ci ha dimostrato di essere anche un grande uomo.Te vojo bene Mister

  32. Io saro’ con mou, sempre stato con mou, ma tifo solo la maglia, ne ds ne allenatore ne presidente.
    La maglia siamo noi tifosi romanisti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome