Belotti in bilico: zero gol e un contratto in scadenza. Ma il Gallo è pronto a ridursi lo stipendio pur di restare

69
3348

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Andrea Belotti sembra aver conquistato il cuore dei tifosi della Roma. E non a suon di gol, visto che il suo score in campionato recita “zero” alla voce reti realizzate.

La sua smania di vestire questa maglia, per la quale ha sempre lottato con grande generosità anche quando le sue condizioni fisiche erano a dir poco precarie, ha fatto breccia nella tifoseria giallorossa. Ma la Roma ora deve decidere sul suo futuro.

Il contratto di un solo anno del Gallo scadrà dunque in estate: il rinnovo automatico fino al 2025 potrebbe scattare solo nel caso in cui dovesse raggiungere un certo numero di presenze, minutaggio e gol. Altrimenti la Roma e il calciatore dovrebbero mettersi seduti a un tavolo e decidere se continuare insieme, e a che condizioni. 

Ovviamente lo score realizzato da Belotti non aiuta il classe ’93, che però sarebbe disposto a ridursi l’ingaggio pur di rimanere nella Capitale. Altro gesto di un giocatore che sembra essersi davvero innamorato di questa maglia.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteRoma al bivio, Mou affila le armi
Articolo successivoMontella: “Roma è la mia seconda casa. Un rammarico non aver vinto un altro scudetto, eravamo ancora più forti”

69 Commenti

    • Non so quanto guadagna ma anche domenica ha sbagliato un gol incredibile dopo una azione devastante di Solbaken che dovrebbe giocare molto di più a mio parere. Fra lui e Abraham non ne fanno mezzo decente

    • Un gesto d’ amore per sta maglia, vale più di ogni gol, GALLOTTI NEL CUOR! 💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

    • Marchetta della Gazzetta. Er giocatore ha mercato ma scende de livello se cambia squadra, ergo riduzione dell’ingaggio. Pe la panca lo puoi tenere, ma serve er bomber titolare.

    • Anche noi amiamo sta maglia ma mica ci pagano, non essendo in grado di segnare, facciamo altro nella vita… mica facciamo i centravanti nella Roma per sbagliare gol

    • A fa che? Quando ha sbagliato l’ennesimo goal contro il Bologna ho rosicato a mille!! Domenica dovevamo tornare a Roma con i 3 punti!! E’ un peso enorme, non segna nemmeno con le mani!! E’ un lottatore? Chissene…dovrebbe fare l’attaccante non il lottatore!! Dovrebbe scaraventare la palla in rete e non tra le braccia del portiere !! Stanno salendo le neo promosse…che si levasse dal ca77o !!

    • Giocatore che incarna pienamente il gioco di mourinho. Avrebbe fatto più gol se fosse stato davanti alla porta o se la ROMA avesse messo in mezzo 20 palloni a partita. Giocatore che in campo mette tutto, avete finito con cristante e mancini, siete passati per pellegrini ed adesso siete ad abraham, belotti ed ibanez. Serve questo, serve quello, un attaccante da 20 gol…. abraham ne ha fatti 27 la stagione scorsa, sarà che va dato tempo ad una squadra che mette tutto in campo? Sarà meglio mantenenre i giocatori integrandoli con pochi innesti forti? Parlate tanto di fare restare mourinho, avete capito come gioca?

    • Spero in un profilo di attaccante che segni di più.
      Non ricordo quante partite giocate in campionato 0 goal.
      Per me basta per augurarmi un centravanti diverso!

    • Perche’ deve rimanere ? Io non capisco , zero gol ,30 anni , tecnicamente inguardabile. Per carita’ ,un bravo ragazzo, ma questo non basta . Giocatore che sono due anni che non supera i 3-4 gol a stagione . Non siamo piu’ la vigna dei co…ni.

  1. sarò controcorrente ma io se si riduce l’ingaggio lo terrei..abbiamo dato tempo a giocatori più seghe di lui.magari facendo la preparazione dall’inizio può servire a farlo tornare un buon giocatore..non vorrei che poi ci mangiamo le mani..che tanto con la Roma è sempre così.poi lo hai preso a gratis se si riduce l’ingaggio IP un’altra anno ci proverei

    • Il tempo si concede ai giovani che possono maturare, non ad un quasi 30enne in fase calante.
      Cerchiamo di prendere qualcosa di più efficace.

    • Non mi fa impazzire ma ha giocato tutto l’anno sempre rotto, oltretutto in una squadra che fa poche azioni offensive. Tutto sommato lo terrei, non mi sembra che negli ultimi anni abbiamo avuto riserve così forti in attacco. Si vede che ha smania di far gol…

    • si però la dobbiamo smettere di dire che la squadra fa poche azioni offensive… abbiamo il record europeo di pali e traverse, le azioni offensive ci sono, solo che non segniamo mai, a meno che non tira Dybala….

  2. si va bene l affetto ma ragazzi miei è inguardabile come gioca,.. ha avuto quei 12 mesi e oro anni fa ma tecnicamente non ditemi che è da serie A…

  3. Deve restare. Quest’anno è stata l’anomalia. La carriera parla per lui. Stavamo per mandate via Delvecchio dopo il primo anno. Poi è esploso.

  4. continuo a pensare che non sia cosi scarso,110.goal in seriie a non vengono dal nulla!! qualcosa c e’ ,ed ho.la sensazione che se rimane fara’ molto meglio!!

  5. il problema è che per il suo modo di giocare (non di classe ma di forza) non ha più l’età (è più esposto ad infortuni) e, cosa peggiore, occuperebbe una casella degli attaccanti precludendoci la possibilità di averne in altro più giovane e più efficace. Lo ha dimostrato: 0 gol in campionato e tanti infortuni sono più che eloquenti.

  6. Belotti è generoso, vero…ma non segna. Non lo hai mai fatto.
    In serie A ha fatto 100 goal, credo , dei quali una trentina di rigore .
    Quindi, In carriera, a parte un anno, ha segnato 8 goal a partita, giocando prima punta ( ovviamente non contando i i rigori).
    Ha sempre giocato titolare in una squadra praticamente mai entrata nelle coppe.
    Che resta a fare?

    Si vede che si sbatte tantissimo, ma non è un calciatore per una squadra ambiziosa. Corre, salta, cade…fa qualche apertura …ma fa tenerezza . La punta centrale deve fare paura, deve dare la sensazione , a noi ed ai difensori , che se gli arriva la palla, farà goal.

    Belotti ti da la sensazione che sparerà a salve.

    Per quello che ne capisco io, ovviamente ( che non è poi tanto !).L.

    • Ottimo commento, grazie per i dati, condivido, anche per me può andare, eppure attenzione, potrebbe guadagnarsi ancora la conferma e a furor di popolo se…
      Daje, forza Roma, sempre!

    • Belotti comunque non è un 9 è un 11 , è differente da essere una punta centrale…… vero che quest’anno non ha fatto gol, ma anche se gli si da un’altra possibilità e si riduce l’ingaggio, questo non preclude all’arrivo di un’altra punta, invece di andare a cercare punte… io andrei alla ricerca di quei giocatori essenziali per completare la squadra che servono oggettivamente , 2 terzini forti nelle 2 fasi e che sappiano crossare come si deve. il centrale di difesa di piede mancino capace ad impostare e un altro centrocampista che abbia quelle caratteristiche che mancano nell’attuale centrocampo, cioè velocità di pensiero e di giocata con piede educato capace di mettere le punte in porta…. poi vedrete che si Tammy e che il gallo ritorneranno a fare i gol che devono fare

    • Fred
      di nulla…
      Micione (grande nick!)
      Belotti NON li ha mai fatti i goal. di Abrham non so lo storico e non posso giudicare, ma Belotti non ha mai segnato piu di 8 goal, giocando centravanti, non seconda punta, anzi, spesso era seconda punta. e nel palermo era affianco di Dybala…se non ricordo male, che non è una prima punta.

      forza Roma…

      e, come sempre, W la gnocca!

  7. Se dovessimo garantire un contratto a tutti quelli a cui piace la Roma…saremmo falliti da un pezzo. Secondo me, soprattutto in un periodo in cui bisogna stare attenti al centesimo, occorre trattenere esclusivamente calciatori validi. Belotti è un ex calciatore, piuttosto meglio lanciare Cassano dalla primavera

  8. io lo terrei tutta la vita Belotti.
    serve gente che è pronta a dare tutto per questa maglia, e già che praticamente ci ha aspettato 3 mesi lo scorso anno merita “almeno” un altra possibilità. poi i costi sarebbero davvero minimi.
    al gallo gli si vuole bene, lui vuole bene a noi…non c’è neanche da pensarci.
    stessa identica cosa per il faraone

    • Visione romantica ed estremamente anacronistica.
      Fin troppa gente nel passato ha avuto queste caratteristiche di presunta dedizione alla maglia e spirito di sacrificio, ma sempre mediocri restavano.

  9. Ho la sensazione ( magari sbagliata,per carità) che se rimanesse,sarebbe più un regalo per il suo attaccamento alla maglia che per altro. Però la domanda è lecita…..Se lo lasciano andare e poi riprende a segnare? Chi può dirlo? In questi casi rischi che come fai sbagli….Sono sincero,non saprei se tenerlo o cercare un’altra punta di rincalzo.

  10. La scelta dei due centravanti, che due ce ne servono, non può prescindere dal tipo di gioco che la squadra fa o è in grado di fare. Se l’unico schema, anche l’anno prossimo, sarà il lancione del difensore, Belotti non credo abbia le caratteristiche giuste. Dzeko è perfetto per quel tipo di gioco… Servono attaccanti in grado di fare efficacemente quel lavoro di sponda per gli inserimenti dei compagni. Belotti da tutto e corre come un pazzo, ma poi è talmente spompato che la porta non la vede proprio…

  11. Sono veramente combattuto.
    Di lavoro sporco ne fa tanto e visti i nostri limiti di spesa, anche a causa dell’accordo con la UEFA, se veramente è disposto a ridursi sensibilmente lo stipendio un pensiero ce lo farei, non si sa mai che dopo un anno di ambientamento e facendo la preparazione con la squadra torni a buttarla dentro, visto che in fondo deve ancora compiere 30 anni e fisicamente è integro.
    D’altro canto sono ormai 3 anni che non la butta dentro manco con le mani se non su rigore, con una media di realizzazione intorno al 50%.
    L’impressione, come in occasione dell’ultimo gol divorato contro il Bologna, è che sia entrato in un vortice di rassegnazione forse irreversibile.
    Temo che confermare lui vorrebbe dire dover rinunciare ad un altro parametro zero, tipo Zaha o Firmino x esempio, in grado di fare la differenza in serie A.
    In tal caso preferirei voltare pagina perché con un minimo di rendimento sotto porta di Belotti quest’anno saremmo tranquillamente tra le prime quattro e si sa che errare è umano, ma perseverare ….

  12. Io lo terrei! Non può’ aver di e ti sto cone si segna! Oltretutto è’ arrivato caro senza preparazione e e alla lunga ka paghi! È’ una persona seria sulla quale vi puoi sempre contare! Da tutto e non fa nai polemica, c’è ne fossero! Lui è il Faraobe sono da confermare !

  13. È un’ atleta ammirevole con impegno indiscutibile soprattutto un ragazzo serio. Da sempre. È un ottimo giocatore e credo che se la società e lui decideranno di proseguire insieme tornerà ai suoi buoni livelli. Spero resti.

  14. Io ricordo dei Torino inguardabili dove lui quasi da solo li trascinava alla vittoria e si portava dietro tutto lo stadio, è un giocatore che in passato ha fatto il suo eccome, se però possa tornare su quei livelli non ho idea.

  15. Come si fa a non volere bene al Gallo? E’ un bravissimo ragazzo, degno di far parte di un gruppo sano, non si risparmia mai, corre, sbuffa, lotta, sgomita, fa a sportellate, anche con una gamba e due costole in meno.
    Però non segna, manco dal fornaio, come si dice da queste parti. E’ un giocatore che non ha mai fatto della tecnica il suo punto di forza, e adesso è in chiarissima difficoltà dal punto di vista fisico. Ma attenzione, non da quest’anno, che uno pensa può essere un unicum, ma da almeno due stagioni. E questo non depone statisticamente a favore della probabilità che l’anno prossimo possa fare meglio.
    Qui “c’avemo er core grosso”, si sa, abbiamo voluto bene anche a Musiello che era un po’ un Belotti ante litteram che si sbatteva come un matto e non la buttava mai dentro.
    Con tutto il bene che gli abbiamo voluto, abbiamo dovuto prendere Pruzzo per vincere qualcosa.
    Cor core grosso non si fa gol, non si vincono titoli, non si aggiusta un bilancio ancora disastrato. Per quanto ha dato in termini di attaccamento, sarebbe una bella favola se riuscisse a legare il suo nome all’impresa che tutti sappiamo.
    Per poi dirsi ciao con un dolce ricordo…

    • I giocatori “simpatici” non servono, servono quelli che spaccano il xulo ai passeri!

    • Quello ho detto fondamentalmente, magari indorando un po’ la pillola rispetto a te ma la sostanza non cambia…

  16. Io farei decidere a Mou che ha dimostrato di capire il valore futuro dei giocatori che allena ed è capace di migliorarli. Mancini era inguardabile, falloso e disastroso in marcatura, oggi è il più forte difensore italiano. Mou capisce i margini di miglioramento che hanno i suoi calciatori e, pertanto, è in grado di dire se Belotti il prossimo anno potrà tornare utile o meno. Sicuramente la forza di volontà è il carattere non mancano al Gallo. Poi se arriva uno più forte ne facciamo a meno. Però lui come Abraham soffre la mancanza di una squadra funzionale alle sue caratteristiche.

  17. All’inizio dell’anno non adesso che i giochi sono fatti, l’ho soprannominato Ronzino spompato, tra la scontata disapprovazione abbocconica.
    I fatti come sempre mi hanno dato ragione.

  18. Sinceramente io mi terrei shomu al posto del Gallo. È più giovane e segna di più. Shomu come 3 attaccante va più che bene . Poi c’è ne serve un secondo che possa essere pure primo, a me piacerebbe thuram per qualità prezzo ( ovvero a zero) .

  19. Nessuno discute la persona, sicuramente è un bravo ragazzo ma stiamo cercando un centravanti vero, anzi due….sempre che si voglia sistemare il reparto di attacco.

    E comunque pure Iturbe e Bianda sono due brave persone 📌 arrivati a questo punto bisogna fare chiarezza….volemo vince o fa beneficenza?????

  20. Fate mente locale e guardate cosa succede quando viene sostituito il gallo. Nessuno tiene su la palla, gli attaccanti non coprono e noi rischiamo sempre di beccare un goal nel finale.
    Magari quest’anno non ha segnato ma di testa le prende tutte e sfianca gli avversari.
    Se poi ogni tanto arrivasse una palla decente in area…

  21. ricordiamoci di Delvecchio,di Dzeko e ci metto anche quel caciottaro di immobile .il primo anno tutti hanno fallito . Dzeko faceva panchina, del vecchio volevano mandarlo via a calci e il caciottaro addirittura mandato in esilio in tedeschia.
    bisogna dare tempo ad un calciatore , secondo me se mandiamo via il gallo facciamo una caxxata .
    FORZA ROMA!!

    • Si ma Del Vecchio quando è venuto a Roma aveva 22 anni, hai voglia a crescere; riguardo a Dzeko è giocatore di ben altro livello e prima di venire a Roma aveva fatto benissimo nel Wolfsburg (26 gol e campionato vinto) e nel Manchester City, esperienze non certo paragonabili al Palermo ed al Torino.

  22. Il Gallo è stata per me una delle più grandi delusioni di quest’anno, purtroppo. La generosità (alla Graziani nell’ultima fase della carriera) non produce gol, ahimè.

  23. “Altro gesto di un giocatore che sembra essersi davvero innamorato di questa maglia.” o forse perchè dopo questa stagione è una fortuna se trova un ingaggio per una squadra del livello del torino…ma sicuramente sono io a vedere il male ovunque

  24. Cari ragazzi, le squadre forti hanno almeno 4 punte vere avanti che si alternano, soprattutto se si compete anche in Europa, di squadre ce ne sono molte ma molto da vicino basterebbe vedere ad esempio il Napoli e l’Inter. Quindi dal mio punto di vista terrei sia Belotti che Tammy, cercando di trovare sul mercato due punte più forti e ce ne sono (anche che si svincoleranno a costo zero). Se vogliamo migliorare la rosa, vendiamo i vari prestiti che abbiamo piazzato in giro più Vina, Shomu, Reynold e giocatori che Mou non ritiene più adatti alla nostra squadra e rinforziamo una volta per tutte questa A.S.Roma. Daje sempre e Forza Roma !!!

  25. si deve restare a patto che però di nn prendere lo stipendio per un anno….. mi spiace ma dopo qsta annata cercare di trattenere belotti è folle. ex giocatore, si impegnerà pure ma nn riesce a fare niente

  26. A mio avviso l’investimento su Belotti dipende dal costo. Se ragionevole e, magari, con una consistente parte variabile legata ai goal si può rinnovare. Se una rondine non fa primavera un anno andato storto non può etichettarli a pippa assoluta quando nemmeno 3/4 anni fa il suo cartellino valeva decine di milioni di euro che il Milan ritenne – a ragione – troppi.

  27. Non sono un fan dell’idea che un giocatore possa nel giro di un paio d’anni dimenticarsi come giocare a calcio. E’ una fase, probabilmente dovuta al modulo attuale che senza esterni forti ma con la F maiuscola, rischia di portare sterilità all’attacco. Se poi ci mettiamo pure dei trequartisti che non fanno assist e centrocampisti che fanno lanci lunghi ed alti piuttosto incompatibili con le caratteristiche di Tammy e del Gallo, nessuno dei due è Dzeko, che si magnava i gol a porta vuota ma nel controllo e nella gestione del pallone era veramente un campione.
    Secondo me cambiare gli esterni è la via più breve/facile per ravvivare l’attacco. Sempre che si mantenga questo modulo… E serve sto benedetto regista che ci manca da non so nemmeno più quanto. Se penso che, dopo Pjanic, negli ultimi anni quello (sulla carta) maggiormente più propenso a quel ruolo è stato Grenier… mi vengono i brividi.
    Pinto… sai cosa fare. O agisci, o ti dimetti. Parametri zero, prestiti, quello che ti pare, ma abbiamo bisogno di gente che tappi almeno parte delle falle enormi che abbiamo.

  28. “Secondo me cambiare gli esterni è la via più breve/facile per ravvivare l’attacco”

    Ho rosicato spesso anch’io sul fatto che la Roma non pare avere esterni con lo spunto veloce che arrivano sul fondo tirandosi via il difensore e poi mettono la palla al centro dell’area, sguarnita, dove c’e’ l’attaccante a rimorchio che mette dentro un rigore in movimento.
    Insomma quelle azioni lineari che sembrano fare tutte le squadre tranne noi.

    Ma in realta’, quando guardo meglio, mi accorgo che nel corso della partita ne facciamo e anche tante di queste. Non sembra perche’ non sono praticamente mai sfruttate a dovere.
    Per esempio contro il Bologna, Solbakken fa due spunti della madonna: Su uno, Belotti “passa” a Skorupski, sull’altro dall’altra parte del campo (quando va via con un tunnel al difensore del Bologna che ancora adesso cerca la palla e mette dentro) non c’e’ assolutamente nessuno che abbia seguito l’azione.

    Ma quello piu’ sanguinoso che ricordo di recente e’ Matic che si incunea nella difesa dell’Inter e mette un cioccolatino per Camara che fa una cosa che ho preferito dimenticare.

    E anche il tanto vituperato Spina qualche strappo lo fa, ma ha ormai la fama di “sbagliare l’ultimo passaggio”, un po’ in effetti e’ colpa sua, ma e’ anche di quelli in area che non si mettono bene per ricevere il tocco in mezzo dal fondo. In realta’ sia Abraham che Belotti mi sembrano sempre posizionati male su questo tipo di azione e li non credo c’entri niente il “modulo”, ma piuttosto l’insitinto (la concentrazione, la lucidita’…chiamala come vuoi) dell’attaccante.

    • Analisi che ci può stare, ma vedi come ti ribalto la frittata…
      Metti Theo Hernandez sulla fascia sinistra e vedi come anche gli altri si invogliano a galoppare. Ne sono sicuro.
      Invece abbiamo Spina, Zalewski e Celik che sulle fasce fanno strappi una volta ogni 5 partite. E quando la buttano in mezzo magari manco è precisa. Per quanto sia sbagliato, è logico che un compagno di squadra sia meno preparato a fare i giusti movimenti senza palla (tipo occupare bene l’area) quando vedere i nostri esterni o delle nostre ali (Solbakken) saltare un avversario è più improbabile di vedere una mosca bianca.
      Per me non bastano i campetti, certi movimenti vanno allenati nelle partite del corso della stagione. E noi non l’abbiamo quasi mai fatto proprio perché sulle fasce abbiamo quel che abbiamo. E’ (quasi) tutta una questione di testa. Secondo me.

  29. Io ero tra quelli che hanno accolto con entusiasmo il suo arrivo, beh che dire…la fiducia gli è stata data, le occasioni pure, ma purtroppo non è stato all’altezza. Certo si è impegnato, ci ha messo il cuore, la grinta, ma non ne prende una, poco da fare.
    Con la mozzarella a Skorupski di domenica pomeriggio mi è venuta voglia di tirargli qualcosa in testa, certi errori sono imperdonabili per uno che come lui spaccava la porta.
    Per cui a giugno, caro ex gallo, grazie di tutto e tanti saluti, la Roma ha bisogno di ben altro e io ho già il fegato ingrossato di mio

  30. Belotti visto l’impegno merita comunque di avere una seconda possibilità, ovviamente con una riduzione dell’ingaggio.
    Qualche attenuante dalla sua parte c’è, è stato preso quando il campionato era iniziato da 4 partite e lui era senza squadra, quindi ha saltato tutta la preparazione estiva con la Roma e si era allenato solo a Palermo, poi durante la sosta per via del Mondiale, mentre i giocatori non convocati dalle nazionali facevano una nuova preparazione con i vari club, Belotti si era infortunato.
    Quindi il rendimento è stato condizionato anche da questi fattori non da trascurare, comunque in EL ha segnato un paio di gol importanti, in rosa fa in ogni caso comodo e magari nella prossima stagione, con la preparazione dall’inizio potrà anche tornare a segnare un numero importante di gol, oltretutto Belotti non è proprio a fine carriera, compirà 30 anni a dicembre.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome